Alla Nero Gallery di Roma, fino al 4 novembre, c’è la prima personale di Tony Cheung, un giovane artista cantonese che racconta le contraddizioni della Cina facendo ricorso ai manga giapponese, alla pornografia e alla pop art americana. Serena Console lo ha intervistato per i microfoni di Radio Bullets.