1 maggio 2024 – Notiziario Mondo

Scritto da in data Maggio 1, 2024

Ascolta il podcast

  • Israele invaderà Rafah con o senza accordo.
  • Libano: Elena Pasquini in collegamento.
  • India: Sette ribelli maoisti uccisi dalle forze di sicurezza.
  • Haiti: nominati il nuovo premier e presidente, mentre le bande chiedono l’amnistia.

Questo e molto altro nel notiziario di Radio Bullets a cura di Barbara Schiavulli

Israele e Palestina

■ OPERAZIONE RAFAH: Il Primo Ministro Benjamin Netanyahu ha dichiarato durante un incontro con i rappresentanti delle famiglie degli ostaggi e delle famiglie delle vittime “Entreremo a Rafah e annienteremo tutti i battaglioni di Hamas, con o senza un accordo“.

Rafah ospita oltre 1 milione di civili palestinesi e qualsiasi invasione israeliana comporterebbe enormi perdite civili e interromperebbe ulteriormente le spedizioni di aiuti nella Striscia.

Gli Stati Uniti si sono detti contrari al fatto che Israele lanci l’attacco senza un piano per i civili.

 Ma un’evacuazione non è fattibile poiché non c’è posto dove i civili possano andare, e gli Stati Uniti non sembrano esercitare alcuna reale pressione poiché gli aiuti militari incondizionati continuano ad arrivare.

La minaccia di Netanyahu arriva mentre Hamas sta preparando una risposta scritta all’ultima proposta di Israele nei colloqui per il cessate il fuoco mediati da Egitto e Qatar.

Axios ha riferito che l’accordo messo sul tavolo da Israele include la volontà di discutere un “ripristino di una calma sostenibile” dopo il rilascio iniziale di ostaggi e prigionieri, che si dice sia una concessione alla richiesta di Hamas per un cessate il fuoco permanente.

Ma i commenti di Netanyahu chiariscono che non accetterà una tregua permanente. Durante i precedenti cicli di negoziati, i funzionari israeliani coinvolti nei colloqui avevano detto ad Haaretz che sembrava che Netanyahu stesse intenzionalmente sabotando le possibilità di un accordo.

Il ministro degli Esteri francese Stephane Sejourne ha detto a Netanyahu che un’invasione di Rafah è una ” cattiva idea ” e che “ci sono troppe incertezze sulle questioni umanitarie”.

Un’operazione di terra a Rarah sarebbe una “tragedia senza nome”.

Lo ha detto il responsabile degli affari umanitari dell’Onu Martin Griffiths.

■ GAZA : L’esercito israeliano ha dichiarato di aver distrutto due tunnel – uno appartenente ad Hamas e l’altro alla Jihad islamica – nell’area di Beit Hanoun, nel nord di Gaza.

Il ministro dell’Interno israeliano Moshe Arbel ha respinto una richiesta di ingresso a Gaza al direttore generale dell’Unwra Philippe Lazzarini. Ha riferito Kan tv.

Secondo il Ministero della Sanità di Gaza, controllato da Hamas, dall’inizio della guerra almeno 34.535 palestinesi sono stati uccisi e 77.704 feriti.

Il segretario alla Difesa Lloyd Austin ha riconosciuto martedì che esiste la possibilità che i 1.000 soldati americani schierati al largo della costa di Gaza come parte di un progetto per costruire un molo possano finire sotto il fuoco e hanno detto che saranno in grado di rispondere al fuoco.

Austin ha fatto i commenti in uno scambio con il rappresentante Matt Gaetz (R-FL) durante un’audizione del Comitato delle forze armate della Camera. “Hanno il diritto di rispondere al fuoco per proteggersi”, ha detto Austin.

Quando gli è stato chiesto se fosse probabile che le truppe americane venissero attaccate da qualcuno a Gaza, Austin ha risposto: “È possibile, sì”.

L’area di sosta del molo è già stata attaccata dai mortai . Nessuno è rimasto ferito nell’incidente e sono stati segnalati solo lievi danni, ma ciò evidenzia il rischio per le truppe americane appena al largo della costa di Gaza.

■ OSTAGGI/CESSATE-FUOCO: un funzionario israeliano ha dichiarato martedì che nessuna delegazione israeliana partirà per i negoziati con Hamas al Cairo, poiché Israele attende la risposta di Hamas alla proposta egiziana, prevista stasera, dopo di che verrà presa una decisione in merito la partenza della delegazione.

Secondo Mohammed al-Hindi, vice segretario generale della Jihad islamica palestinese, negli ultimi giorni nei negoziati c’è stata flessibilità ed è stato raggiunto un accordo sul principio di un ritiro graduale da Gaza .

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha detto al presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi e all’emiro del Qatar Sheikh Tamim bin Hamad Al Thani di “esercitare tutti gli sforzi per garantire il rilascio degli ostaggi detenuti da Hamas, poiché questo è ora l’unico ostacolo a un cessate il fuoco immediato” e agli aiuti per i civili a Gaza”.

Il ministro delle Finanze di estrema destra Bezalel Smotrich ha affermato che Israele “sta conducendo negoziati con coloro che non dovrebbero più esistere ” e che “la proposta egiziana è una terribile sconfitta”.

■ ISRAELE: Un poliziotto di 30 anni è stato ferito moderatamente da un attacco a coltellate vicino alla Porta di Erode nella Città Vecchia di Gerusalemme.

L’aggressore, un cittadino turco arrivato in Israele come turista nelle ultime 72 ore, è stato colpito da colpi di arma da fuoco.

Un diplomatico straniero ha detto ad Haaretz che l’Arabia Saudita ha deciso di normalizzare i legami con Israele , ma sta discutendo se attuare la decisione nelle prossime settimane o dopo le elezioni presidenziali americane di novembre.

Lunedì migliaia di israeliani si sono radunati a Tel Aviv per un accordo sulla liberazione degli ostaggi.

Sono scoppiati scontri tra polizia e manifestanti e almeno tre sono stati arrestati.

■ USA-ISRAELE: Politico ha riferito che un gruppo di avvocati, tra cui almeno 20 che lavorano nell’amministrazione Biden, chiedono al presidente di sospendere gli aiuti militari a Israele, sostenendo che le sue azioni a Gaza non sono conformi alle norme umanitarie statunitensi e internazionali.

Dopo aver giudicato cinque unità dell’IDF colpevoli “di gravi violazioni dei diritti umani”, il Dipartimento di Stato americano ha deciso che non bloccherà gli aiuti a Israele visto che “quattro di queste unità hanno effettivamente posto rimedio a queste violazioni “, con una decisione sulla quinta pendente in seguito alla deposizione di nuove informazioni da parte di Israele.

Intervenendo sulla notizia che la Corte penale internazionale potrebbe emettere mandati di arresto contro alti funzionari israeliani, la Casa Bianca ha dichiarato: “Siamo stati molto chiari riguardo all’indagine della Corte penale internazionale: non la sosteniamo e non crediamo che abbiano la giurisdizione”.

■ Cisgiordania: il veicolo dell’ambasciatore tedesco presso l’Autorità palestinese, Oliver Owcza, è stato colpito da pietre lanciate dai palestinesi durante la sua visita all’Università di Birzeit, a nord della città di Ramallah in Cisgiordania.

L’ambasciatore stava partecipando ad una visita dei capimissione dell’UE da Gerusalemme/Ramallah al Museo della Palestina a Birzeit.

■ LIBANO: L’esercito israeliano ha dichiarato di aver attaccato una serie di obiettivi di Hezbollah nel sud del Libano. E secondo il Fondo Onu per l’infanzia (Unicef), il conflitto nel sud del Libano tra Hezbollah e Israele ha costretto circa 30mila tra bambini e ragazzi ad abbandonare le loro case assieme alle loro famiglie.

In tutto, secondo Unicef, i civili sfollati in Libano sono 90mila dopo più di sei mesi di conflitto armato.

Nell’ultima relazione di Unicef si afferma che dall’inizio dell’escalation a ottobre scorso, 8 bambini sono morti e 75 sono stati feriti, come parte di un totale di 1.359 vittime.

■ HOUTHI: Un portavoce degli Houthi ha detto che il gruppo ha preso di mira due cacciatorpediniere statunitensi e la nave Cyclades nel Mar Rosso, nonché la MSC Orion nell’Oceano Indiano. Il Comando Centrale degli Stati Uniti ha dichiarato di aver distrutto un drone Houthi che si stava dirigendo verso le sue navi.

■ GUERRE NEI CAMPUS: La Columbia University sta mantenendo la sua minaccia e sta sospendendo gli studenti che manifestavano al “Gaza Solidarity Encampment” nel campus, ha detto lunedì un portavoce dell’università. I manifestanti si sono barricati a Hamilton Hall, sventolando bandiere palestinesi e uno striscione con la scritta “Intifada”.

Poi ieri sera la polizia di New York è entrata nella Hamilton Hall, nel campus della Columbia University.

Fuori dal palazzo occupato dai manifestanti pro-Gaza, gli agenti hanno allontanato molti studenti che erano assembrati nelle vicinanze e hanno effettuato decine di arresti.

La presidente della Columbia University, Minouche Shafik, ha chiesto alla polizia di presidiare il campus fino al 17 maggio, due giorni dopo la cerimonia delle lauree.

La richiesta è contenuta nella lettera inviata dall’università alla polizia. Il 15 maggio dovrebbero laurearsi circa 15mila studenti dell’ateneo.

La Brandeis University ha prorogato la scadenza per la domanda di trasferimento nel tentativo di fare appello agli studenti che non sono soddisfatti delle risposte delle loro scuole alle proteste anti-israeliane nei campus.

A novembre, Brandeis è stato il primo a vietare la sua sezione di Studenti per la Giustizia in Palestina, affermando che il gruppo “sostiene apertamente Hamas”.

Altrove, ci sono segnali che le interruzioni stanno  diminuendo. Gli agenti di polizia hanno posto fine all’occupazione di otto giorni di un edificio amministrativo presso la California State Polytechnic University, Humboldt.

Alla Brown University, i manifestanti hanno accettato di smantellare il loro accampamento dopo che gli amministratori hanno detto che avrebbero votato sul disinvestimento dei fondi dalle società collegate alla campagna militare israeliana a Gaza.

Per il presidente Biden, disordini ricordano le proteste giovanili degli anni ’60 , tranne che ora lui è un attore chiave.

Sudafrica

Il nuovo partito dell’ex presidente sudafricano Jacob Zuma, uMkhonto weSizwe (Mk), ha negato di aver falsificato le firme necessarie per potere partecipare alle elezioni generali del 29 maggio prossimo.

Un membro di Mk, che è stato estromesso nei giorni scorsi, avrebbe confessato alla polizia di aver passato quasi due settimane a falsificare le firme utilizzando nomi presi da un database di persone in cerca di lavoro.

La Independent Electoral Commission (Iec) ha chiesto che venga svolta immediatamente una indagine.

Le prossime elezioni generali e provinciali saranno le più aspramente contestate dall’avvento della democrazia in Sudafrica, e per potere partecipare ogni partito doveva presentare almeno 15000 firme di supporto entro l’inizio di marzo.

Regno Unito

È morto uno dei 5 feriti nell’attacco all’arma bianca compiuto ieri mattina con una katana in una stazione della metropolitana alla periferia di Londra.

Si tratta di un ragazzo di appena 13 anni, come reso noto dalla polizia britannica in un aggiornamento.

Il 36enne arrestato per l’aggressione, forse uno squilibrato, è ora accusato di omicidio, oltre che di tentato omicidio plurimo.

Georgia

Manifestanti pro-UE in Georgia hanno costruito barricate davanti al parlamento dopo che la polizia ha usato gas lacrimogeni e proiettili di gomma contro migliaia di manifestanti che manifestavano per la terza settimana contro un controverso disegno di legge sull'”influenza straniera”, ha visto un giornalista dell’AFP.

La nazione caucasica del Mar Nero è in preda a proteste antigovernative di massa dal 9 aprile, dopo che il partito al governo Sogno Georgiano ha reintrodotto il progetto di approvare una legge, che Bruxelles ha denunciato come minacciosa per le aspirazioni europee di Tbilisi.

Ucraina

Funzionari ucraini hanno affermato che un attacco aereo russo ha ucciso cinque persone e ne ha ferite circa altre 30 a Odessa.

Stati Uniti

Il giudice che supervisiona il processo di Donald Trump ha multato l’ex presidente di 9.000 dollari (12.300 dollari di Singapore) il 30 aprile per post online che secondo lui viola un’ordinanza di riservatezza sul caso.

L’ordine del giudice Juan Merchan è arrivato mentre il processo a New York riprendeva con la testimonianza di un banchiere che aveva familiarità con i conti coinvolti nel presunto piano di Trump di influenzare le elezioni del 2016 coprendo uno scandalo sessuale.

La multa è stata appena inferiore alla sanzione di 10.000 dollari USA richiesta dai pubblici ministeri per 10 post che insultavano probabili testimoni e mettevano in dubbio l’imparzialità della giuria.

Haiti

I leader delle bande armate che hanno gettato Haiti nel caos hanno chiesto amnistie nei loro confronti al Consiglio di transizione, insediatosi formalmente la scorsa settimana per eleggere un nuovo presidente e formare un nuovo governo.

I boss chiedono inoltre di partecipare attivamente alla transizione di potere e minacciano nuove violenze se le loro richieste non verranno soddisfatte.

Intanto Nel tentativo di reprimere la violenza delle bande, il consiglio di transizione di Haiti ha nominato ieri l’ex ministro della gioventù e dello sport Fritz Belizaire nuovo primo ministro della nazione caraibica e Edward Leblanc Fils presidente.

Il consiglio composto da sette membri, che ha prestato giuramento la scorsa settimana per ripristinare la sicurezza e aprire la strada alle elezioni, ha scelto Belizaire martedì durante una cerimonia nella capitale haitiana Port-au- Prince .

Venezuela

Secondo un sondaggio condotto dall’Istituto venezuelano Meganalisis il principale rappresentante dell’opposizione in Venezuela, Edmundo González Urrutia, ha uno schiacciante vantaggio su Nicolás Maduro, in vista delle elezioni presidenziali del 28 luglio che vi ricordo Radio Bullets andrà a raccontare.

Argentina

È stata una vittoria completa quella del governo ultraliberista di Javier Milei alla Camera dei Deputati.

Dopo la sonora sconfitta a febbraio della legge omnibus, la sua versione corretta e snellita da 600 a 300 articoli è stata approvata in toto in prima lettura anche nelle singole votazioni dei 30 capitoli in cui era suddivisa, dopo un primo ok nella votazione generale del testo.

La legge che passerà adesso all’esame del Senato – include ‘superpoteri’ all’esecutivo in materia amministrativa, economica e finanziaria, la riforma del lavoro, la riforma del sistema pensionistico, con l’eliminazione della moratoria che concedeva la possibilità di accedere al regime anche a persone che non avevano versato tutti i contributi.

E ancora, le privatizzazioni (tra le quali quella della compagnia di bandiera Aerolineas Argentinas); il regime speciale per i grandi investimenti e un mega condono fiscale per i patrimoni non dichiarati all’estero.

Afghanistan

Un uomo armato ha fatto irruzione in una moschea nell’Afghanistan occidentale, aprendo il fuoco e uccidendo sei persone mentre pregavano, ha detto ieri un funzionario talebano.

I media locali e un ex presidente dell’Afghanistan hanno riferito che la moschea è stata presa di mira perché era un luogo di culto per la minoranza musulmana sciita del paese.

India

Almeno 7 ribelli maoisti sono stati uccisi martedì dalle forze di sicurezza indiane, ha detto la polizia all’AFP , nell’ultimo scontro in un conflitto decennale combattuto nelle selvagge foreste centrali del paese.

I guerriglieri sono stati uccisi in una zona remota dello stato centrale del Chhattisgarh, che quest’anno è stata teatro di numerosi attacchi mortali contro gli accampamenti ribelli.

Le misure di sicurezza nello stato sono state rafforzate nell’ultimo mese con l’India attualmente nel bel mezzo di elezioni generali di sei settimane.

Due dei quadri uccisi erano donne, ha detto, aggiungendo che è stata recuperata una grande quantità di armi, comprese armi da fuoco automatiche.

Lo scontro di martedì è stato il terzo del genere questo mese nello Stato, dopo l’ uccisione di 29 guerriglieri maoisti il ​​16 aprile e di altri 13 il 2 aprile.

Secondo i dati della polizia, quest’anno in India sono stati uccisi circa 90 maoisti, la stragrande maggioranza nel Chhattisgarh.

Gli insorti, conosciuti come Naxaliti e che dicono di combattere per i poveri delle zone rurali, hanno effettuato attacchi di guerriglia dal 1967.

L’India ha schierato decine di migliaia di personale di sicurezza per combattere i ribelli maoisti attraverso il “corridoio rosso” dominato dai ribelli, che si estende attraverso gli stati centrali, meridionali e orientali ma si è notevolmente ridotto di dimensioni negli ultimi dieci anni.

L’India ha investito milioni di dollari nello sviluppo delle infrastrutture in aree remote e ha affermato di aver limitato l’insurrezione a 45 distretti nel 2023, rispetto ai 96 del 2010.

Nel corso degli anni il conflitto ha visto una serie di attacchi mortali contro le forze governative.

Ventidue poliziotti e paramilitari sono stati uccisi in uno scontro a fuoco con i guerriglieri di estrema sinistra nel 2021.

Nel marzo 2020, 17 poliziotti di una pattuglia di commando sono stati uccisi in un attacco da parte di oltre 300 ribelli armati nel Chhattisgarh.

Sedici commando sono stati uccisi anche nello stato occidentale del Maharashtra in un attentato dinamitardo attribuito ai maoisti nel periodo precedente alle elezioni indiane del 2019.

Indonesia

In Indonesia sta eruttando il vulcano Ruang e le autorità emettono il più alto livello di allerta e ordinano a migliaia di persone di evacuare a causa della minaccia di uno tsunami causato dai detriti che scivolano in mare.

L’agenzia vulcanologica del Paese aveva avvertito che la minaccia del vulcano non era finita dopo che questo mese aveva eruttato più di una mezza dozzina di volte.

L’agenzia nazionale per i disastri Bnpb ha stimato che circa 12.000 persone hanno dovuto essere trasferite dai pressi del cratere di Ruang, ha dichiarato il portavoce Abdul Muhari in una conferenza stampa

Cina

Il primo scienziato cinese che ha pubblicato la sequenza genomica del virus Covid-19, ha affermato che gli è stato permesso di rientrare nel suo laboratorio dopo aver trascorso giorni chiusi fuori, seduto in segno di protesta.

Zhang Yongzhen ha scritto in un post online oggi che le autorità avevano “accettato provvisoriamente” di consentire a lui e al suo team di tornare al suo laboratorio e continuare le loro ricerche per il momento.

Lunedì in un post il virologo Zhang Yongzhen aveva dichiarato di aver ricevuto, insieme al suo team, un improvviso avviso di sfratto e che le guardie gli hanno impedito di entrare.

Il post, pubblicato su Weibo, è stato poi cancellato, riporta l’Ap.

 Zhang è rimasto fuori dal laboratorio da domenica, le foto pubblicate online mostrano un uomo che dorme per terra.

Sopravvissuto ebreo: “protestate”

Ti potrebbe interessare anche:

E se credi in un giornalismo indipendente, serio e che racconta il mondo recandosi sul posto, puoi darci una mano cliccando su Sostienici


Opinioni dei Lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi con * sono obbligatori



Continua a leggere

[There are no radio stations in the database]