10 gennaio 2024 – Notiziario Mondo

Scritto da in data Gennaio 10, 2024

Ascolta il podcast

  • Israele e Palestina: Secondo gli USA l’accusa di genocidio è priva di sostanza.
  • Afghanistan: 800 donne in prigione. Ecuador: uomini armati irrompono in uno studio televisivo. Francia: Gabriel Attal, il premier più giovane e apertamente gay.
  • Papua Nuova Guinea: personale della sicurezza fa irruzione in parlamento

Questo e molto altro nel notiziario di Radio Bullets, a cura di Barbara Schiavulli

Afghanistan

Mentre le atrocità dei talebani sulle donne in Afghanistan continuano in varie forme, inclusa la soppressione dei loro diritti fondamentali, un articolo di Tolo News ha evidenziato come su circa 19 mila persone detenute oggi in prigione in Afghanistan, almeno 800 sono donne.

In un’intervista con RTA, il canale televisivo nazionale, Habibullah Badar, vice capo dell’Ufficio dell’amministrazione penitenziaria ha affermato che nel paese non esistono prigioni private e non ufficiali. Ha anche negato le notizie secondo cui i detenuti subiscono “torture” nella prigione, affermando che non esistono torture e maltrattamenti sui prigionieri.

Badar ha inoltre affermato che nelle carceri del Paese non vi sono detenuti politici. Tuttavia, ha affermato che alcuni cittadini stranieri sono stati arrestati con varie accuse.

Israele e Palestina

Il bilancio della guerra di Gaza sui civili, in particolare sui bambini, è “troppo alto”. Lo ha detto, citato dai media, il segretario di stato Usa Antony Blinken in conferenza stampa in Israele. “Riteniamo che la presentazione di un ricorso contro Israele al Tribunale dell’Aja distragga il mondo da importanti sforzi. Inoltre, l’accusa di genocidio è infondata – ha poi spiegato Blinken.

Israele, in risposta ad una richiesta del segretario di stato Usa Antony Blinken, consentirà ad una delegazione dell’Onu di visitare il nord della Striscia di Gaza in modo che possa vedere da vicino lo stato delle infrastrutture e stabilire i bisogni nell’area. Lo ha deciso, citato dai media, il gabinetto di guerra israeliano al quale ha partecipato lo stesso Blinken.

Il portavoce per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, John Kirby, ha chiarito le osservazioni di lunedì di Biden, in cui ha detto che “sta lavorando per convincere Israele a lasciare Gaza in modo significativo, e ha dichiarato: “Non è cambiato nulla riguardo alla nostra visione di non sostenere un cessate il fuoco questa volta. Non c’è alcun cambiamento in questo perché crediamo che questo non avvantaggi nessuno tranne Hamas. Continuiamo a sostenere le pause umanitarie. Il presidente non ha segnalato alcun cambiamento”.

Il ministro delle Finanze israeliano di estrema destra Bezalel Smotrich ha pubblicato su X una dichiarazione rivolta al segretario di Stato americano Antony Blinken, affermando che, nonostante apprezziamo molto il sostegno degli Stati Uniti a Israele, “per quanto riguarda la nostra esistenza nella nostra terra, agiamo sempre nell’interesse di Israele”.

Di conseguenza, ha detto, Israele “non trasferirà all’Autorità Palestinese uno shekel che andrebbe a finire nelle famiglie naziste di Gaza”.

In mezzo al “rifiuto inequivocabile” di Blinken delle richieste israeliane di trasferire i palestinesi fuori dalla Striscia di Gaza, Smotrich ha affermato che “Agiremo per consentire l’apertura delle porte di Gaza per la migrazione volontaria dei rifugiati, come ha fatto la comunità internazionale per i rifugiati provenienti dalla Siria e dall’Ucraina”.

E ancora Israele si è scagliato contro l’Onu, ‘non ha ragione di esistere’. Secondo l’ambasciatore Gilad Erdan: ‘Continua a concentrarsi su tregua e non ostaggi’.

Il leader del movimento islamista palestinese Hamas, Ismail Haniyeh, ha invitato i Paesi musulmani a “sostenerlo” nella sua guerra contro Israele nella Striscia di Gaza fornendogli “armi”.

Sono 5.755 i palestinesi arrestati dalle forze israeliane in Cisgiordania dal 7 ottobre, tra cui 190 donne e 335 minori. A sostenerlo è l’ong palestinese Palestinian Prisoners Society citata da Al Jazeera, secondo cui 50 giornalisti sono stati catturati, di cui “20 in detenzione amministrativa, ovvero senza alcuna accusa o processo”.

Fonti palestinesi a Jenin affermano che una grande forza dell’IDF, accompagnata da bulldozer, è entrata nella città della Cisgiordania ieri  sera. Radio Bullets si trovava lì nel pomeriggio. Secondo le informazioni, colpi di arma da fuoco sarebbero stati uditi in diversi punti della città.

Palestina: Le leonesse di Jenin

Libano

Un alto comandante di Hezbollah, responsabile di decine di attacchi con i droni contro il nord di Israele negli ultimi mesi, compreso l’attacco di  al quartier generale del Comando Nord dell’Idf a Safed, è stato ucciso in un attacco aereo israeliano nel sud del Libano. Lo riporta il Times of Israel.

Ali Hussein Barji, il comandante delle forze aeree di Hezbollah nel sud del Libano, è stato colpito in un’auto nella città di Khirbet Selm, poco prima del funerale dell’alto comandante di Hezbollah Wissam al-Tawil, ucciso due giorni fa.

Mar Rosso

Martedì le forze statunitensi e britanniche hanno abbattuto 21 droni e missili lanciati dagli Houthi yemeniti nel Mar Rosso meridionale verso rotte marittime internazionali, ha detto il comando centrale dell’esercito americano.

Il Comando Centrale degli Stati Uniti ha affermato che non sono stati segnalati feriti o danni, aggiungendo che questo è stato il 26esimo attacco degli Houthi alle rotte commerciali del Mar Rosso dal 19 novembre.

Francia

Il presidente francese, Emmanuel Macron, ha nominato Gabriel Attal, finora ministro dell’Educazione, nuovo primo ministro al posto di Elisabeth Borne.

E’ la prima mossa dell’annunciato rimpasto con il quale il presidente intende rilanciare il suo mandato.

Attal, 34 anni, ha cominciato il suo cammino in politica nella gauche, con il Partito socialista, poi è diventato uno dei fedelissimi di Macron ed ha ottenuto ottimi risultati, anche di popolarità, prima come portavoce del governo, poi come ministro.

La Borne, 62 anni, si era dimessa ieri dopo un colloquio di un’ora all’Eliseo con Macron.

Stati Uniti

Oltre di mille voli nazionali e internazionali negli Stati Uniti sono stati cancellati a causa del maltempo che ha colpito il paese da una costa all’altra, con neve, vento e pioggia dal nordovest al nordest e Midwest, e alcuni tornado nel sud.

L’aeroporto internazionale di Chicago O’Hare ha registrato il maggior numero di cancellazioni: 70, secondo FlightAware, un sito web di monitoraggio dei voli.

Il capo del Pentagono Lloyd Austin è stato operato il 22 dicembre per un cancro alla prostata. Lo comunica l’ospedale Walter Reed dove è stato sottoposto all’intervento chirurgico solo “minimamente invasivo”.

Ecuador

Il ministero della Salute dell’Ecuador ha disposto la sospensione a data da destinarsi di tutti i servizi ambulatoriali, ricoveri e interventi chirurgici programmati, sottolineando che nel Paese saranno garantiti solo i servizi di emergenza negli ospedali.

La misura segue la decisione del presidente Daniel Noboa di dichiarare lo stato di “conflitto armato interno” a seguito delle violenze generalizzata messe in atto da parte di organizzazioni criminali di narcotrafficanti.

Uomini mascherati hanno fatto irruzione sul set di un canale televisivo pubblico in Ecuador brandendo armi ed esplosivi durante una trasmissione in diretta e il presidente ha emesso un decreto in cui dichiara che il paese è entrato in un “conflitto armato interno”.

Gli uomini armati di pistole e di quelli che sembravano candelotti di dinamite sono entrati sul set della rete televisiva TC nella città portuale di Guayaquil durante un telegiornale trasmesso in diretta in migliaia di case in tutta la nazione e hanno gridato che avevano delle bombe.

In sottofondo si sentivano rumori simili a spari. Non è chiaro se qualche membro del personale della stazione sia rimasto ferito.

Le autorità non hanno detto chi si nasconde dietro l’occupazione della stazione televisiva, o una serie di altri attacchi che hanno scosso recentemente il paese sudamericano, ma seguono l’apparente fuga dal carcere di due dei più potenti leader delle bande di narcotrafficanti dell’Ecuador.

Guatemala

Il presidente eletto del Guatemala, Bernardo Arévalo, ha presentato il suo governo, composto da sette uomini e sette donne, che si insedierà il 14 gennaio.

Perù

Il governo del Perù ha disposto l’invio immediato di un contingente della Direzione delle Operazioni Speciali (Diroes) della Polizia a confine con l’Ecuador “per rafforzare la sicurezza alla frontiera” con il Paese vicino, attraversato da un’ondata di violenza criminale generalizzata.

India

L’amministratrice delegata di una startup indiana di intelligenza artificiale è stata arrestata con l’accusa di aver ucciso il figlio di quattro anni dopo che il suo corpo è stato trovato nel suo bagaglio, ha detto la polizia martedì (9 gennaio).

Suchana Seth, che dirige The Mindful AI Lab nel centro tecnologico indiano di Bangalore, è stata detenuta nel distretto di Chitradurga nello stato di Karnataka mentre stava tornando in taxi dal vicino stato di Goa e arrestata dopo che il corpo è stato trovato nel suo bagaglio, hanno detto .

La polizia di Goa ha riportato Seth nello stato, ha detto Valsan, aggiungendo che suo marito era in Indonesia e gli era stato chiesto di venire in India.

Corea del Sud

La Corea del Sud mette al bando la carne di cane: il parlamento ha approvato una legge che vieta allevamento, macellazione e vendita di cani per la loro carne, una pratica tradizionale che gli attivisti hanno da tempo preso di mira e definito un motivo di imbarazzo per il Paese.

L’Assemblea nazionale ha dato il via alla legge con voto di 208-0, sposando quella che è stata definita “una rivoluzione culturale” che entrerà in vigore dopo un periodo di transizione di tre anni.

Allevamento, vendita e macellazione dei cani saranno punibili fino a tre anni di carcere o sanzionati con una multa di 30 milioni di won (circa 21.000 euro).

Cina e Taiwan

La Cina “non scenderà mai a compromessi o non farà mai marcia indietro sulla questione di Taiwan”: è quanto ha detto la delegazione militare di Pechino alla controparte americana nei colloqui avuti al Pentagono lunedì e martedì, durante la prima visita a Washington del suo genere in quattro anni.

La delegazione, si legge in una nota diffusa oggi dal ministero della Difesa cinese, ha “esortato gli Stati Uniti a smettere di armare Taiwan”.

Papua Nuova Guinea

Oggi intorno alle 10 del mattino ora locale, 200 poliziotti, penitenziari e ufficiali dell’esercito scontenti si sono riuniti all’Unagi Oval per protestare contro le detrazioni salariali, e subito dopo sono arrivati ​​altri soldati da due caserme per unirsi a loro.

Le detrazioni nelle ultime due settimane variano tra 26 e 80 dollari USA (K100 e K300).

Il vice commissario di polizia Anthony Wagambie si è rivolto ai manifestanti.

“La frustrazione è esplosa, così sono saliti sui loro veicoli e hanno preso d’assalto il parlamento… hanno aperto i cancelli e sono entrati in parlamento”, ha detto Scott Waide, corrispondente di RNZ Pacific dalla Papua Nuova Guinea.

“Non c’era alcuna reale resistenza per fermarli… c’era una folla chiassosa, il ministro della Difesa aveva tentato di parlare con loro fuori dal parlamento prima che entrassero”, ha detto.

Ha detto che gli è stato detto dal governo che le detrazioni sono il risultato di errori fiscali.

Ti potrebbe interessare anche:

E se credi in un giornalismo indipendente, serio e che racconta il mondo recandosi sul posto, puoi darci una mano cliccando su Sostienici


[There are no radio stations in the database]