10 maggio 2023 – Notiziario Mondo

Scritto da in data Maggio 10, 2023

Ascolta il podcast

  • Nuovi attacchi a Gaza, l’esercito israeliano uccide 15 palestinesi, tra cui 4 minori
  • Tunisia: attentato alla sinagoga, 4 morti.
  • Afghanistan: molestie e detenzione per le donne che lavorano all’ONU.
  • Ucraina: giornalista francese dell’Afp ucciso.
  • Dopo 36 anni di giornalismo, chiude MTVnews.
  • La Corte Suprema dello Sri Lanka apre la strada alla depenalizzazione dell’omosessualità.

Questo e molto altro nel notiziario di Radio Bullets, a cura di Barbara Schiavulli e Ambra Visentin

Afghanistan

Le donne afghane impiegate dalle Nazioni Unite sono state detenute, molestate e hanno subito restrizioni ai loro movimenti da quando i talebani le hanno vietato di lavorare per l’organizzazione, ha detto l’ONU. I governanti talebani dell’Afghanistan hanno detto il mese scorso che le donne impiegate con la missione delle Nazioni Unite nel paese non dovrebbero più presentarsi al lavoro. “Questa è la più recente di una serie di misure discriminatorie e illegali attuate dalle autorità de facto con l’obiettivo di limitare severamente la partecipazione di donne e ragazze nella maggior parte delle aree della vita pubblica e quotidiana in Afghanistan”, ha affermato l’ONU in un rapporto su diritti umani nel paese.

Il rapporto afferma che le autorità talebane hanno continuato quest’anno a reprimere chiunque parli di questioni relative ai diritti delle donne e delle ragazze. Il rapporto dell’ente mondiale cita anche l’arresto a marzo di quattro donne durante una protesta che chiedeva l’accesso all’istruzione e al lavoro nella capitale Kabul e l’arresto di Matiullah Wesa, capo di PenPath, un’organizzazione della società civile che si batte per la riapertura della scuola per le ragazze.

Arabia Saudita e Siria

L’Arabia Saudita ha annunciato la “ripresa dell’attività della sua missione diplomatica in Siria”, per la prima volta in undici anni di rottura con il regime di Damasco, isolato a causa della guerra civile. Altrettanto ha fatto la Siria, che poco dopo ha annunciato la decisione di riattivare la sua missione diplomatica in Arabia Saudita. Questo riavvicinamento arriva in un momento in cui la Siria ha un disperato bisogno di investitori per l’enorme progetto di ricostruzione del Paese, devastato da 12 anni di guerra civile. L’opposizione siriana e gli Stati Uniti hanno denunciato la normalizzazione in corso dei Paesi arabi, ad eccezione del Qatar, con il regime di Bashar al-Assad. Oltre ad aver coinvolto attori regionali e internazionali, la guerra ha causato circa mezzo milione di vittime. Quasi la metà dei siriani sono ora rifugiati o sfollati interni e parti del territorio sfugge ancora al controllo del governo.

Turchia

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha annunciato che il salario minimo per i lavoratori impiegati nel settore pubblico verrà aumentato del 45% arrivando a 15mila lire turche, poco meno di 700 euro, come riporta Anadolu. Secondo la stampa locale, il provvedimento riguarda 700mila lavoratori ed è stato annunciato a cinque giorni dalle elezioni in programma domenica prossima in Turchia.

Israele e Palestina

La Casa Bianca ha invitato tutte le parti a “ridurre la tensione” dopo che gli attacchi aerei israeliani sulla Striscia di Gaza hanno sollevato timori di una nuova spirale di violenza. L’ esercito  israeliano ha ucciso 15 palestinesi , tra cui tre comandanti della Jihad islamica palestinese (PIJ) insieme alle loro mogli e figli, in un nuovo attacco alla Striscia di Gaza. Un totale di 40 aerei da combattimento hanno partecipato al bombardamento di diverse località dell’enclave assediata poco dopo le 2:00 ora locale di martedì, secondo l’esercito israeliano. Un altro attacco aereo nel pomeriggio ha preso di mira un veicolo nella città di Qarara a Khan Yunis.

Il ministero della salute palestinese ha affermato che almeno quattro minori, cinque donne, un noto dentista e la sua famiglia sono stati uccisi. Altre 22 persone sono rimaste ferite, tra cui tre bambini e sette donne, alcune delle quali versano in condizioni gravi e critiche.

Tre comandanti delle Brigate al-Quds (Saraya al-Quds), il ramo militare della Jihad islamica, sono stati uccisi insieme alle loro famiglie nei raid iniziali.  Sono stati identificati dal PIJ come Jihad Ghannam, segretario generale delle Brigate al-Quds, Khalil al-Bahtini, un comandante del nord di Gaza, e Tareq Izzeldeen, un comandante militare. In un attacco aereo separato più di 15 ore dopo, due persone sono state uccise in un bombardamento che ha preso di mira un veicolo a Qarara vicino alla recinzione orientale che divide Gaza e Israele, secondo il ministero della salute palestinese. Le loro identità non sono note.

La Jihad islamica è considerata il secondo più grande gruppo armato nella Striscia di Gaza dopo Hamas, che governa l’enclave di due virgola 3 milioni di abitanti. Il gruppo ha affermato in un comunicato che una risposta all’aggressione israeliana “non richiederà molto tempo”. “Il bombardamento sarà accolto da bombardamenti e l’attacco sarà accolto da un attacco”, ha detto Tareq Selmi, portavoce della Jihad islamica. “Questo crimine non passerà impunito”.

Tunisia

Due visitatori, una guardia di sicurezza e il loro aggressore sono stati uccisi vicino a una sinagoga sull’isola tunisina di Djerba che attira ogni anno centinaia di ebrei dall’Europa e da Israele durante un pellegrinaggio annuale. Djerba – una destinazione turistica al largo della costa meridionale della Tunisia, a 500 km (300 miglia) dalla capitale Tunisi – ospita la sinagoga più antica dell’Africa e il pellegrinaggio annuale gode di una stretta sicurezza da quando al-Qaeda ha attaccato il sito religioso nel 2002 con un camion bomba che ha ucciso 21 turisti occidentali. L’attacco di martedì è stato organizzato da una guardia affiliata al centro navale della Guardia nazionale tunisina nella città di Aghir a Djerba, che ha usato la sua arma per sparare a un collega e sequestrare le sue munizioni prima di dirigersi verso la sinagoga di Ghriba, ha detto il ministero dell’Interno in una nota .

L’aggressore ha sparato indiscriminatamente contro unità di sicurezza situate vicino alla sinagoga, uccidendo due visitatori e un agente di sicurezza, oltre a ferire cinque guardie di sicurezza e quattro visitatori. Le forze di sicurezza hanno poi ucciso l’aggressore, ha detto il ministero dell’Interno. I feriti includono sei membri delle forze di sicurezza e quattro civili, ha detto il ministero.

Il ministero degli Esteri tunisino ha detto che uno dei visitatori uccisi era francese e uno era tunisino. Il suono degli spari alla sinagoga aveva scatenato il panico tra le centinaia di pellegrini, secondo i media locali. Secondo gli organizzatori, più di 5.000 fedeli ebrei, per lo più provenienti dall’estero, hanno partecipato quest’anno al pellegrinaggio a Ghriba, ripreso nel 2022 dopo due anni di sospensione a causa della pandemia. La Tunisia non ha legami diplomatici con Israele, ma agli israeliani è consentito l’ingresso nel paese come parte di tour organizzati sull’isola per il pellegrinaggio.

Kenya

La polizia in Kenya ha portato alla luce altri 21 corpi martedì dalla proprietà appartenente al leader del culto Paul Mackenzie, portando il bilancio delle vittime a 133. Si ritiene che centinaia di persone morte a causa del culto della fame nella città costiera di Malindi nella contea di Kilifi siano state sepolte nel Foresta di Shakahola.
Il commissario regionale della costa Rhoda Onyancha, che martedì ha annunciato ai media l’ultimo bilancio delle vittime, ha anche rivelato che 566 persone sono scomparse nell’area e si sospetta che alcuni membri della chiesa siano stati sepolti nel sito.

Sudan

Oltre 700.000 persone sono state costrette a lasciare le proprie case in Sudan a causa della guerra, il doppio rispetto a una settimana fa: lo ha detto l’ONU, mentre non si intravede la fine delle ostilità dopo più di tre settimane di combattimenti tra esercito e paramilitari. Saccheggi e combattimenti sono continuati per il 25/o giorno consecutivo a Khartoum, mentre centinaia di membri della tribù Beja hanno manifestato a Port Sudan, una città costiera a 850 chilometri a est della capitale, chiedendo armi per combattere a fianco dell’esercito. Il conflitto ha già causato più di 750 morti e 5.000 feriti.

Testimoni hanno detto che l’esercito ha scatenato intensi bombardamenti aerei nel centro di Khartoum e intorno al palazzo presidenziale. Il paramilitare rivale delle Forze di supporto rapido (Rsf) ha affermato che il palazzo, che afferma di controllare, è stato colpito da un attacco aereo e distrutto, ma una fonte dell’esercito ha negato l’affermazione.

Sudan: perché militari e paramilitari si scontrano

Nigeria

Almeno 17 minori sono morti quando la barca su cui viaggiavano si è capovolta martedì nel fiume Dandeji nell’area del governo locale di Shagari, nello stato di Sokoto, nella Nigeria nordoccidentale.  Un funzionario del governo statale, Aluyu Dantani, ha detto ad Anadolu che i loro corpi sono stati recuperati da sommozzatori locali. Ha detto che sono stati sepolti secondo i riti islamici. Circa 40 ragazze e ragazzi stavano andando a prendere legna da ardere vicino quando la barca si è capovolta.  Ha detto che alcuni dei passeggeri hanno nuotato per mettersi in salvo mentre la ricerca di altri era in corso.

La commissione PEGA del Parlamento europeo, che sta indagando sull’uso di spyware nei Paesi membri, ha dichiarato martedì che il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis è responsabile dello scandalo della sorveglianza che ha scosso la scena politica del Paese la scorsa estate.
Alla domanda se vede un collegamento con l’uso del software spia Predator per sorvegliare politici di spicco, giornalisti e altre figure pubbliche del Paese, la relatrice della commissione, Sophie In’t Veldt, ha risposto: “Quello che sappiamo con certezza è che non appena il suo governo è salito al potere, la legge è stata cambiata e l’EYP (il servizio di intelligence nazionale greco) è passato sotto la diretta responsabilità del primo ministro”.
“O lo sapeva, e allora abbiamo un problema molto serio, o non lo sapeva quando avrebbe dovuto saperlo, e anche questo è un problema serio”, ha aggiunto.
Veldt ha detto che alcune prove indicano che il software spia Predator, prodotto da Israele, è stato esportato dall’amministrazione greco-cipriota in Sudan, dove due parti sono in guerra, attraverso una licenza rilasciata dalla Grecia.
La Commissione europea ha l’obbligo di indagare e di continuare a ottenere tutte le informazioni, ha aggiunto.

Europa e Qatargate

L’eurodeputato Marc Tarabella e l’assistente parlamentare Francesco Giorgi, entrambi agli arresti domiciliari dopo alcuni mesi passati in carcere nell’ambito dell’inchiesta sul cosiddetto Qatargate, sono stati rilasciati sotto condizioni. Lo riferisce la procura federale del Belgio, evidenziando che “la loro carcerazione preventiva non era più giustificata” ma senza specificare le condizioni.

Ucraina e Russia

Il giornalista francese Arman Soldin, che lavorava per l’agenzia di stampa AFP, è stato ucciso in un attacco missilistico a Chasiv Yar, vicino alla città ucraina orientale di Bakhmut, il sedicesimo giornalista ad essere ucciso da quando la Russia ha lanciato la sua invasione su vasta scala dell’Ucraina a febbraio 2022. Soldin era con una squadra di giornalisti dell’AFP che viaggiava con i soldati ucraini quando il gruppo è finito sotto il fuoco dei razzi Grad verso le 16:30 (13:30 GMT) di martedì, ha detto l’AFP. La squadra si è messa al riparo, ma Soldin, 32 anni, è rimasto ucciso quando un razzo ha colpito vicino, ha detto AFP. “L’intera agenzia è devastata dalla perdita di Arman”, ha detto il presidente dell’AFP Fabrice Fries. “La sua morte è un terribile promemoria dei rischi e dei pericoli affrontati ogni giorno dai giornalisti che coprono il conflitto in Ucraina”.

Illeso il resto della squadra dell’agenzia. Chasiv Yar si trova vicino a Bakhmut , che le forze russe hanno cercato di catturare per nove mesi, vedendolo come un trampolino di lancio verso altre parti dell’Ucraina orientale. Soldin è nato a Sarajevo, ora capitale della Bosnia, ed è cittadino francese, ha detto AFP. Entra in agenzia come stagista a Roma nel 2015 prima di essere assunto a Londra. È arrivato in Ucraina per coprire la guerra il giorno dopo che la Russia ha iniziato la sua invasione su vasta scala .

Soldin, che ha guidato i reportage video dell’agenzia in Ucraina, ha viaggiato regolarmente in prima linea negli ultimi mesi. Soldin è il quindicesimo giornalista e operatore dei media ad essere ucciso mentre lavorava in Ucraina dall’inizio dell’invasione del febbraio 2022, secondo i dati del Comitato per la protezione dei giornalisti. Altri due giornalisti sono morti in circostanze che rimangono poco chiare.

Stati Uniti

Donald Trump non ha stuprato ma ha aggredito sessualmente la scrittrice Jean Carroll nei camerini di un grande magazzino nel 1996 e l’ha poi diffamata: è il verdetto raggiunto dalla giuria nel processo civile a New York contro il tycoon, condannato a pagare un indennizzo di oltre 5 milioni di dollari. “Oggi il mondo conosce finalmente la verità”, ha dichiarato Carroll in una nota. “Questa vittoria non è solo per me ma per ogni donna che ha sofferto perché non è stata creduta”. L’ex presidente degli Stati Uniti, impegnato in una campagna per riconquistare la Casa Bianca nel 2024, farà appello, ha detto il suo avvocato Joseph Tacopina ai giornalisti. Poiché si trattava di una causa civile, Trump non deve affrontare conseguenze penali e, come tale, non c’è mai stata una minaccia di prigione. La giuria, chiamata a pronunciarsi all’unanimità, ha deliberato per poco meno di tre ore. I suoi sei uomini e tre donne hanno assegnato a Carroll 5 milioni di dollari in danni compensativi e punitivi, ma Trump non dovrà pagare finché il caso sarà in appello.

Il Presidente Joe Biden ha chiesto un “accordo equo” per gli sceneggiatori di Hollywood in sciopero lunedì, mentre ospitava alla Casa Bianca la proiezione della serie in streaming “American Born Chinese”, in occasione del Mese della Memoria degli Asiatici, dei Nativi Hawaiani e delle Isole del Pacifico.
Biden ha fatto i suoi primi commenti pubblici sullo sciopero, che martedì ha raggiunto il traguardo di una settimana, durante le osservazioni prima della proiezione dell’episodio pilota. A lui si è unita una folla straripante di centinaia di leader della comunità, funzionari eletti, membri del cast e produttori dello show nella East Room e nella State Dining Room. “Notti come queste ci ricordano le storie e l’importanza di trattare gli scrittori con la dignità, il rispetto e il valore che meritano – ha dichiarato il presidente statunitense – spero sinceramente che lo sciopero degli sceneggiatori a Hollywood si risolva e che gli sceneggiatori ricevano al più presto un accordo equo che meritano”.

MTV News, noto per il suo giornalismo di cultura pop, sta chiudendo dopo 36 anni a causa di licenziamenti di massa presso la società madre Paramount Global. Era nota per le sue interviste di alto profilo. Mtvnews venne lanciata nel 1987 come alternativa alle tradizionali reti di notizie, fornendo un focus principale su musica, cultura pop, notizie e politica per la generazione z e i millennial più anziani.

Bahamas

Grand Bahama Island, l’isola più settentrionale delle Bahamas, ha ricevuto lunedì una donazione di materiale medico dal governo cinese. La consegna comprende siringhe, aghi e materiale ospedaliero che contribuirà a proteggere la salute della popolazione dell’isola.
Intervenendo alla cerimonia di consegna, l’ambasciatore cinese alle Bahamas Dai Qingli ha dichiarato che la Cina e le Bahamas sono state solidali durante la pandemia COVID-19 e che la Cina si augura che questo rapporto si rafforzi ulteriormente negli anni a venire con una collaborazione più stretta in settori come la sanità, l’agricoltura, l’industria e l’intrattenimento.
Ginger Moxey, ministro di Grand Bahama, presente sul posto per assistere alla consegna, ha ringraziato il governo cinese per la donazione.
Questo è il 13° lotto di forniture mediche che la Cina ha fornito alle Bahamas dall’inizio della pandemia di COVID-19.
I due Paesi hanno stabilito relazioni diplomatiche nel 1997.

Pakistan

L’ex premier pachistano Imran Khan, al centro di forti tensioni politiche e da oltre un anno coinvolto in decine di provvedimenti giudiziari, è stato arrestato ieri in un tribunale di Islamabad. Poco dopo, in diverse città del Paese migliaia di suoi sostenitori sono scesi in strada e le forze di sicurezza sono intervenute facendo ampio uso di gas lacrimogeni e cannoni ad acqua per disperderli. Khan, leader del partito Pakistan Tehreek-e-Insaf (Pti), era arrivato davanti al giudice per rispondere alle accuse di “istigazione all’ammutinamento e alla violenza” nei confronti del leader del partito politico avversario. Tuttavia, l’arresto è stato eseguito nell’ambito di un altro caso, di corruzione, relativo ad un accordo tra l’allora governo Pti e il magnate immobiliare pachistano Malik Riaz, in cui sono coinvolti l’ex premier e sua moglie Bushra Bibi, accusati anche di aver ottenuto indebitamente i terreni per fondare l’università Al-Quadir.

Sri Lanka

La Corte Suprema dello Sri Lanka ha dato il via libera a un disegno di legge volto a depenalizzare l’omosessualità, ha detto martedì il presidente del parlamento, con una mossa salutata come uno “sviluppo storico” dagli attivisti. Gli attivisti per i diritti LGBTQ+ in Sri Lanka si battono da anni per cambiare la legge in un paese in cui l’omosessualità è ancora punibile con una pena detentiva e una multa, che ha portato al disegno di legge presentato in parlamento il mese scorso. La Corte Suprema, dopo aver ascoltato più di una dozzina di petizioni su entrambi i lati della discussione, ha stabilito che non era incostituzionale, ha detto il presidente del parlamento Mahinda Yapa Abeywardena. La decisione è vista come uno “sviluppo storico che ha creato speranza verso un vero cambiamento”, ha affermato Kaveesha Coswatte, avvocato e advocacy officer per iProbono in Sri Lanka, che ha sostenuto molte delle petizioni a sostegno del disegno di legge. Gli attivisti dovranno ancora fare pressioni per ottenere il sostegno dei 225 parlamentari per portare avanti la legislazione proposta attraverso il parlamento.

Nepal

La polizia ha arrestato mercoledì l’ex ministro dell’Interno e leader del Congresso nepalese Bal Krishna Khand in relazione alla truffa dei falsi rifugiati bhutanesi.
La squadra del Circolo di Polizia di Kathmandu ha arrestato Khand nella sua residenza a Mainjubahal per il suo presunto coinvolgimento nella truffa in cui molti nepalesi sono stati truffati per milioni di rupie in cambio dell’invio negli Stati Uniti come rifugiati bhutanesi.
Khand è detenuto presso la stazione di polizia di Teku.
Finora la polizia ha arrestato 11 persone, tra cui l’allora segretario agli Interni Tek Narayan Pandey, nominato da Khand quando era a capo del Ministero degli Interni.

Myanmar

Le nazioni del sud-est asiatico hanno dichiarato mercoledì di essere “profondamente preoccupate” per la violenza che sta devastando il Myanmar e hanno condannato un recente attacco a un convoglio di diplomatici che consegnavano aiuti umanitari nel Paese. I disordini nel Myanmar governato dalla giunta hanno dominato i colloqui al vertice dell’Associazione delle nazioni del sud-est asiatico (ASEAN) di questa settimana in Indonesia, mentre il blocco regionale deve affrontare critiche per la sua percepita inerzia. L’ASEAN ha condotto tentativi diplomatici per risolvere la crisi, ma i suoi sforzi finora non sono riusciti ad arginare lo spargimento di sangue scatenato da un colpo di stato militare nel 2021. La giunta ha evitato le critiche internazionali e ha rifiutato di impegnarsi con i suoi oppositori, che includono legislatori estromessi, “Forze di difesa del popolo” anti-golpe e gruppi di minoranze etniche armate.

Un attacco aereo su un villaggio in una roccaforte ribelle il mese scorso che, secondo quanto riferito, ha ucciso circa 170 persone ha scatenato la condanna globale e peggiorato l’isolamento della giunta. La pressione sul blocco regionale è aumentata domenica dopo che un convoglio di veicoli che trasportava diplomatici e funzionari che coordinavano gli aiuti umanitari dell’ASEAN in Myanmar è stato preso di mira. I ministri degli Esteri e i leader nazionali riuniti sull’isola indonesiana di Flores stanno cercando di dare il via a un piano in cinque punti concordato con il Myanmar due anni fa dopo che i tentativi di mediazione per porre fine alle violenze sono falliti.

Il Myanmar rimane un membro dell’ASEAN ma è stato escluso dai vertici di alto livello a causa della mancata attuazione del piano di pace da parte della giunta.

Australia

Un gruppo interpartitico di parlamentari australiani ha incontrato martedì l’ambasciatore degli Stati Uniti in Australia e ha chiesto a Washington di ritirare le accuse contro il fondatore di WikiLeaks Julian Assange, un cittadino australiano. La delegazione di parlamentari, nota come gruppo parlamentare Bring Julian Assange Home, ha detto all’ambasciatrice americana Caroline Kennedy che c’è un ampio sostegno per Assange nel parlamento australiano.

La scorsa settimana il primo ministro australiano Anthony Albanese ha dichiarato di essere “frustrato” dai continui sforzi dell’amministrazione Biden per estradare Assange. Se viene condannato negli Stati Uniti, Assange rischia fino a 175 anni di carcere per aver pubblicato informazioni relative alle guerre statunitensi in Iraq e Afghanistan.


Continua a leggere

[There are no radio stations in the database]