12 giugno 2023 – Notiziario Mondo

Scritto da in data Giugno 12, 2023

Ascolta il podcast

  • Cina: arsenale nucleare in forte crescita mentre aumentano le tensioni globali
  • Corea del Nord: Kim Jong Un ha offerto “pieno sostegno e solidarietà” a Mosca
  • Tunisia: La Commissione europea annuncia un pacchetto di cooperazione globale
  • Montenegro: Il Movimento pro-UE “Europa Ora” vince nel voto a sorpresa
  • Ucraina: primi risultati nella controoffensiva

Questo e molto altro nel notiziario di Radio Bullets, a cura di Ambra Visentin

Cina

Secondo un rapporto pubblicato dall’istituto di ricerca sulla pace Sipri, con sede a Stoccolma, l’anno scorso sono cresciuti gli arsenali nucleari di diversi Paesi, in particolare quello della Cina, mentre altre potenze hanno continuato a modernizzare i propri con l’aumento delle tensioni geopolitiche.
Il numero totale di testate nucleari in possesso delle potenze nucleari Gran Bretagna, Cina, Francia, India, Israele, Corea del Nord, Pakistan, Stati Uniti e Russia è diminuito lo scorso anno da 12.710 a 12.512 testate. Tuttavia, 9576 di queste erano in “scorte militari per uso potenziale” – 86 in più rispetto all’anno precedente.
Tra i Paesi che hanno aumentato le scorte ci sono l’India, il Pakistan e la Corea del Nord. La Russia è cresciuta in misura minore, da 4.477 a 4.489, mentre le altre potenze nucleari hanno mantenuto le dimensioni dei loro arsenali.
L’aumento maggiore è stato registrato dalla Cina, che ha incrementato le sue scorte da 350 a 410 testate.

La casa automobilistica Nio, con sede a Shanghai, ha dichiarato che abbasserà i prezzi di tutti i modelli e metterà fine ai servizi di sostituzione gratuita delle batterie per i nuovi acquirenti. Il produttore cinese di veicoli elettrici si trova ad affrontare una crescente pressione sulla redditività a causa delle vendite rallentate.
Secondo un comunicato, Nio ridurrà i prezzi di 30.000 yuan (4.199 dollari) per tutti i modelli, compresi i rinnovati sport utility vehicle ES6 ed ES8, a partire dal 12 giugno.
Inoltre,l’azienda non fornirà più servizi gratuiti di sostituzione della batteria agli acquirenti che effettuano depositi. Nio ha offerto il servizio gratuitamente per almeno quattro volte al mese ai proprietari esistenti. L’azienda è tra i pochi produttori di veicoli elettrici a puntare sulla sostituzione delle batterie come opzione principale per l’alimentazione delle auto elettriche, mentre la rivale Tesla ha liquidato la sostituzione delle batterie come “problematica e non adatta a un uso su larga scala”.

Corea del Nord

Il leader nordcoreano Kim Jong Un ha offerto “pieno sostegno e solidarietà” a Mosca in un messaggio al presidente russo Vladimir Putin, come hanno riferito i media statali.
Kim ha inviato il messaggio di congratulazioni nel giorno della festa nazionale della Russia, una delle poche nazioni che mantengono relazioni amichevoli con Pyongyang.
Il messaggio, pubblicato dall’agenzia ufficiale Korean Central News Agency (KCNA), non menzionava direttamente l’invasione dell’Ucraina o il coinvolgimento di Mosca in un conflitto armato, ma elogiava la “corretta decisione e guida di Putin… per sventare l’escalation di minacce delle forze ostili”. La Corea del Nord ha descritto il conflitto come una “guerra per procura” degli Stati Uniti per distruggere la Russia e ha condannato gli aiuti militari occidentali a Kiev.
In qualità di membro permanente del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, la Russia ha a lungo mantenuto la linea contro l’aumento delle pressioni sulla Corea del Nord, che è sottoposta a molteplici sanzioni da parte delle Nazioni Unite e dell’Occidente per i suoi programmi di armi nucleari e missili.

Tunisia

La Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha annunciato domenica un pacchetto di cooperazione globale con la Tunisia.
In una dichiarazione rilasciata al palazzo presidenziale di Cartagine, dopo i colloqui con il presidente tunisino Kais Saied, il primo ministro italiano Giorgia Meloni e il primo ministro olandese Mark Rutte, von der Leyen ha parlato di una “tappa importante” nelle relazioni della Tunisia con l’Unione europea. Ha presentato un piano in cinque punti che prevede la possibilità di ottenere molti fondi per il Paese, investimenti e sostegno diretto al bilancio, in cambio di una più stretta cooperazione in materia di migrazione.
Quest’anno l’UE verserà al Paese 100 milioni di euro “per la sicurezza delle frontiere, ma anche per il salvataggio in mare, le misure contro il contrabbando e il rimpatrio”. Si tratta di armare la guardia costiera tunisina in modo che possa salvare le persone in difficoltà in mare o fermare la partenza di imbarcazioni – come l’UE ha già fatto con la Libia. Ma si tratta anche di rimandare indietro le persone, come nel caso della cooperazione con la Turchia. Ufficialmente, non si è parlato di dettagli, come i centri suggeriti dall’Italia, dove le domande di asilo potrebbero essere esaminate prima di essere inviate in Europa.
Secondo l’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR), dall’inizio dell’anno sono arrivati irregolarmente in Italia circa 51.000 migranti dalla Libia e dalla Tunisia.
Von der Layen non ha menzionato le riforme che i donatori internazionali richiedono da tempo in cambio di maggiori aiuti economici. Un nuovo accordo di prestito del valore di 1,9 miliardi di dollari è stato negoziato con il Fondo Monetario Internazionale (FMI) dalla fine del 2022. Ma il capo di Stato al potere ha esitato per mesi a mettere in atto l’accordo perché richiede tagli e riforme impopolari alla Tunisia. Saïed parla di una “dittatura”.

Montenegro

Il Movimento Europa Ora (PES) del Montenegro ha ottenuto il 25,6% dei voti nelle elezioni lampo di domenica, ha dichiarato il Centro per il Monitoraggio e la Ricerca (CEMI) sulla base di una proiezione dei risultati di un campione di seggi elettorali.
Il PES, che ha politiche pro-UE e vuole anche legami più stretti con la vicina Serbia, non ha ottenuto abbastanza voti per governare da solo e dovrà cercare partner nel parlamento di 81 seggi per formare il governo.

Scozia

L’ex primo ministro scozzese Nicola Sturgeon, che ha dominato la politica per quasi un decennio, è stata arrestata e interrogata per diverse ore domenica dalla polizia che sta indagando sulle finanze del partito nazionale scozzese, favorevole all’indipendenza.

Nicola Sturgeon

La polizia scozzese ha aperto un’indagine nel 2021 su come sono state spese oltre 600.000 sterline (oltre 700.000 euro) destinate alla campagna per l’indipendenza della Scozia. Sturgeon è stata arrestata domenica mattina “come sospetto in relazione all’indagine in corso sul finanziamento e le finanze del Partito Nazionale Scozzese”.
Circa sei ore dopo è stata “rilasciata senza accuse in attesa di ulteriori indagini”.

Ucraina

L’Ucraina ha dichiarato che le sue truppe hanno riconquistato tre villaggi occupati dalle forze russe nel sud-est del Paese, i primi insediamenti liberati da quando ha lanciato la controffensiva. I soldati hanno issato la bandiera ucraina su un edificio bombardato in un video non verificato pubblicato domenica dalla 68a Brigata Jaeger dell’Ucraina, che ha identificato l’insediamento come Blahodatne, nella regione di Donetsk. Le forze ucraine hanno anche ripreso Makarivka, il vicino villaggio a sud, avanzando tra i 300 e i 1.500 metri lungo due direzioni del fronte meridionale, secondo una dichiarazione del vice ministro della Difesa Hanna Maliar. Un’unità di difesa territoriale ucraina ha anche pubblicato su Telegram un filmato non verificato dei suoi soldati che tengono alta la bandiera a Neskuchne, il villaggio più vicino alle posizioni ucraine nella zona.
Nel suo discorso video notturno, il presidente ucraino, Volodymyr Zelenskyy, ha elogiato le sue truppe, ma non ha fatto riferimento alle aree specifiche in cui sono stati segnalati i combattimenti.

Iraq

Il parlamento iracheno ha approvato un bilancio record di 152 miliardi di dollari per il 2023, dopo mesi di dispute sulla spartizione dei proventi del petrolio tra il governo centrale di Baghdad e la regione curda irachena semi-autonoma del nord. Il processo è stato ostacolato anche dalle lotte intestine tra i diversi partiti curdi iracheni. Il bilancio – approvato a sei mesi dall’inizio dell’anno fiscale e dopo quattro caotiche sessioni di voto notturne – assegna il 12,6% delle entrate alla regione curda ed è visto come un rafforzamento del controllo di Baghdad sui proventi del petrolio. Il governo centrale di Baghdad e il governo regionale curdo della città di Erbil sono da anni impegnati in una disputa sui proventi del petrolio, mentre i partiti curdi concorrenti sono anch’essi ai ferri corti per le loro quote.
Secondo il nuovo bilancio, la regione curda può commercializzare il proprio petrolio, ma deve depositare le entrate in un conto bancario che i funzionari del governo centrale possono controllare. Baghdad dedurrà poi l’importo dalla sua assegnazione mensile al governo regionale curdo e trasferirà l’eventuale eccedenza di denaro a Erbil.

Filippine

Il vulcano più attivo delle Filippine ha eruttato lava lungo le sue pendici allertando decine di migliaia di persone che potrebbero dover fuggire rapidamente da un’esplosione violenta e pericolosa. Più di 12.600 persone hanno lasciato le comunità agricole, per lo più povere, nel raggio di 6 chilometri dal cratere del vulcano Mayon, in seguito all’aumento dell’attività vulcanica della scorsa settimana. Ma altre migliaia di persone rimangono nella zona di pericolo.

Australia

La polizia dello stato australiano del Nuovo Galles del Sud (NSW) ha dichiarato che almeno 10 persone sono morte e altre 25 sono state trasportate in ospedale, dopo che un autobus per matrimoni si è schiantato e si è ribaltato nella regione di Hunter nella tarda serata di domenica.
Durante una conferenza stampa, l’assistente commissario ad interim della polizia Tracy Chapman ha dichiarato ai giornalisti che è stato confermato il decesso di 10 persone, mentre altre 25 sono state trasportate in ospedale e hanno riportato diverse ferite.
Secondo il briefing l’autobus è ancora disteso su un fianco e potrebbero esserci altre persone intrappolate sotto il veicolo.

Potrebbe interessarti anche:

E se credi in un giornalismo indipendente, serio e che racconta il mondo recandosi sul posto, puoi darci una mano cliccando su Sostienici


Continua a leggere

[There are no radio stations in the database]