14 aprile 2021 – Notiziario

Scritto da in data Aprile 14, 2021

Ascolta il podcast

  • Afghanistan: Biden, via le truppe americane entro l’11 settembre e i talebani decidono di non partecipare più ai negoziati fino a che non se ne vanno (copertina).
  • Libano: Il 42 per cento delle famiglie non può permettersi il Ramadan Iftar (il pasto serale).
  • ONU: 52 eserciti e gruppi sospettati di violenza sessuale.
  • Stati Uniti: omicidi 2020, per l’FBI il tasso più alto dal 1998.
  • Il Giappone decide di scaricare le acque di Fukushima in mare scatenando l’opposizione interna e internazionale.
  • Egitto: rilasciato il giornalista Khaled Dawoud.

Questo e molto altro nel notiziario di Radio Bullets, a cura di Barbara Schiavulli. Musiche di Walter Sguazzin

Arabia Saudita: La Corte Suprema saudita ha annunciato lunedì che ieri è stato il primo giorno del Ramadan dopo aver avvistato la falce di luna che segna l’avvento del santo mese di digiuno.

Iran

L’Iran in ritorsione per il sabotaggio della sua centrale, ha avviato l’arricchimento dell’uranio al 60% nell’impianto nucleare di Natanz: lo ha annunciato il vice ministro degli Esteri Abbas Araghchi.
Araghchi ha detto di avere comunicato la decisione iraniana in una lettera inviata all’Agenzia internazionale per l’energia atomica (Aiea). Il vice ministro è arrivato ieri a Vienna per partecipare ad una nuova riunione del comitato congiunto dell’accordo sul nucleare del 2015, che comprende Gran Bretagna, Francia, Germania, Russia e Cina e che sta discutendo sulla possibilità di un rientro degli Usa nell’intesa, da cui l’amministrazione dell’allora presidente Donald Trump è uscita nel 2018.

Libano

Il semplice confronto dei prezzi di alcuni prodotti alimentari di base in Libano mostra che i banchetti Iftar (il pasto serale quando si spezza il digiuno) di questo Ramadan mancheranno elementi che erano dati per scontati l’anno scorso. Il prezzo di un chilo di riso, che non superava i 3.000 LBP (due dollari) ora supera gli 8.000 LBP, mentre un chilo di lenticchie – definito il cibo dei poveri – ha raggiunto LBP 15.000. Il prezzo di 5 litri di olio da cucina era di circa 18.000 LBP per aumentare di 7 volte, raggiungendo 90.000 LBP, poiché i commercianti applicano il tasso di cambio del mercato nero di 13.000 LBP per dollaro.

Un indice pubblicato lunedì dall’American University Crisis Observatory ha mostrato che il costo di un Iftar composto da ingredienti essenziali (un seme di dattero, zuppa di lenticchie, insalata fattoush e mezza tazza di latte) e un pasto base a persona costerebbe tra i LBP 12.050 (8 USD) o 60.250 LBP (40 USD) al giorno per una famiglia di cinque persone.

Significa che il costo dell’Iftar è più di due volte e mezzo (2.6) del salario minimo mensile, tenendo presente che il prezzo calcolato non include acqua, succhi, dolci, gas, elettricità e materiali per le pulizie.

L’Osservatorio ha osservato che il 42,5 per cento delle famiglie in Libano, il cui reddito non supera 1,2 milioni di sterline al mese (ora equivalenti a circa 100 dollari), troverebbe difficile permettersi il pasto minimo del Ramadan.

Israele e Palestina

“Non ci saranno elezioni palestinesi senza Gerusalemme, e Israele non ha alcun diritto di veto”, hanno detto le fazioni palestinesi in una dichiarazione congiunta al termine di una riunione per discutere l’argomento. I palestinesi dovrebbero partecipare alle elezioni legislative nazionali a maggio, le prime in oltre 15 anni. Ma i funzionari di Ramallah hanno detto che il voto non avrà luogo senza la partecipazione dei palestinesi di Gerusalemme Est. Israele reprime l’attività dell’Autorità Palestinese all’interno di Gerusalemme, considerandola una violazione della sovranità israeliana nella sua capitale.

Un giornalista palestinese che vive in Spagna ha affermato di essere stato interrogato dai servizi segreti israeliani del Mossad al quartier generale della Guardia civile spagnola all’inizio di quest’anno.
Muath Hamed, reporter di Al Araby TV e collaboratore freelance per The New Arab sorella in lingua araba ‘s, Al-Araby Al-Jadeed , ha detto di essere stato preso di mira a causa di  un’inchiesta  che ha scritto relativo agli sforzi per reclutare palestinesi che vivono in Turchia,  come spie per Israele.

Egitto

Le autorità egiziane hanno costruito 35 nuove prigioni in soli 10 anni, nonostante le crescenti richieste da parte delle organizzazioni per i diritti umani di rilasciare i detenuti politici e migliorare le condizioni dei diritti umani, secondo un rapporto di un gruppo egiziano per i diritti umani. La Rete araba per l’informazione sui diritti umani (ANHRI) ha affermato martedì che la massiccia espansione delle infrastrutture carcerarie in Egitto dallo scoppio della rivoluzione del gennaio 2011 “non ha contribuito al miglioramento delle condizioni dei detenuti, poiché i detenuti sono soggetti a gravi violazioni e condizioni estremamente difficili “, riporta il quotidiano Al-Quds Al-Arabi.

Attualmente ci sono 78 carceri in Egitto, comprese le 35 nuove strutture, 17 delle quali sono state istituite da settembre 2016 a marzo 2021, ha affermato il gruppo.

Secondo l’ANHRI, all’interno delle strutture di detenzione egiziane si stanno verificando numerose violazioni contro i prigionieri, in particolare contro i detenuti politici e gli attivisti della rivoluzione di gennaio. Inoltre, ha detto il gruppo, ci sono state violazioni legali come la punizione con la custodia cautelare, l’impedimento alle famiglie di fornire pasti fatti in casa, l’isolamento, la privazione del diritto dei detenuti alle telefonate e il guadagno di profitti finanziari a spese dei prigionieri. Il numero di prigionieri e detenuti in Egitto è stimato a 120.000.

Il giornalista e attivista egiziano Khaled Dawoud è stato rilasciato lunedì, in attesa di indagini sulle accuse di aiuto a un’organizzazione terroristica e diffusione di notizie false. Dawoud, un leader dell’opposizione ed ex presidente del partito liberale Dostour (Costituzione), è noto per le sue critiche al governo. Era l’assistente redattore capo di Al-Ahram Weekly e si è espresso regolarmente contro le violazioni dei diritti umani nell’era post-Mubarak.

Dawoud è stato arrestato nel settembre 2019 mentre era in viaggio per andare a trovare il suo anziano padre al Cairo.

All’epoca, nel paese erano scoppiate sacche di proteste, che chiedevano la fine della corruzione del governo.

È stato accusato di “collaborazione con un’organizzazione terroristica”, “diffusione di informazioni false” e “cattivo uso dei siti di social networking”, accuse che secondo i critici sono spesso usate dal governo per mettere a tacere il dissenso.

Dopo il suo arresto, una campagna online, “ Free Khaled Dawoud ”, ha chiesto il suo rilascio. Hisham Younes, membro del sindacato dei giornalisti egiziani, ha detto che Dawoud è stato rilasciato lunedì intorno alla mezzanotte.

“Nessuna accusa è stata mossa contro di lui dopo un anno e otto mesi di detenzione”, ha detto.

Niger

Almeno 20 giovani studenti sono morti carbonizzati nell’incendio di diverse aule realizzate con capanne di paglia a Niamey, hanno reso noto ieri sera i vigili del fuoco del Niger. “Ventuno capanne adibite ad aule hanno preso fuoco e i bambini sono rimasti intrappolati tra le fiamme”, ha detto il comandante dei pompieri Sidi Mohamed. L’incendio sarebbe scoppiato intorno alle 16, quando le vittime erano nelle classi. L’origine delle fiamme è ancora sconosciuta. Il primo ministro nigerino Ouhoumoudou Mahamadou ha visitato il luogo della tragedia alla periferia della capitale e ha offerto le sue condoglianze ai genitori delle vittime. In Niger, uno dei paesi più poveri del mondo, per rimediare alla carenza di classi le autorità stanno costruendo migliaia di capanne di paglia dove i bambini prendono lezioni, a volte a terra. Gli incendi in tali strutture sono frequenti, ma raramente causano morti.

Benin

Il presidente in carica Patrice Talon ha vinto la rielezione nella nazione dell’Africa occidentale del Benin con l’86,4% dei voti, secondo i risultati provvisori annunciati martedì sera dalla commissione elettorale. È stato seguito rispettivamente dai rivali Alassane Soumanou delle Cowry Forces for an Emerging Benin (FCBE) con l’11,3% e dal leader del Partito Democratico recentemente formato Corentin Kohoue con il 2,4% dei voti. Talon, un ex uomo d’affari di cotone, è al potere dal 2016. In quel periodo è stato accusato di repressione dell’opposizione. Almeno cinque personalità dell’opposizione sono state arrestate sotto il suo governo, secondo l’Istituto di studi sulla sicurezza (ISS). L’ex colonia francese ha una popolazione di circa 12 milioni di abitanti. Secondo la commissione elettorale, circa il 50% dei 5,5 milioni di elettori aventi diritto ha preso parte al voto presidenziale di domenica. Il voto era stato interrotto da diverse violente dimostrazioni sugli sforzi di Talon per cercare la rielezione. La città centrale di Save, 150 miglia a nord della capitale Cotonou, ha visto proteste che hanno impedito agli elettori di votare. La Corte costituzionale deve confermare i risultati entro 10 giorni.

Gibuti

Il bilancio delle vittime di un recente ribaltamento di un’imbarcazione al largo delle coste di Gibuti è salito a 42, ha detto martedì l’Organizzazione internazionale per le migrazioni (IOM).

“Almeno 42 persone sono morte dopo che una barca gestita da trafficanti di persone, che trasportava circa 60 migranti in fuga dal conflitto nello Yemen, si è capovolta mentre si recava a Gibuti nelle prime ore di lunedì mattina”, ha detto in un comunicato l’agenzia delle Nazioni Unite per l’immigrazione. Si dice che almeno 16 bambini fossero tra i morti, ha detto l’OIM.

“Nonostante i pericoli, il numero di migranti in arrivo a Gibuti continua ad aumentare. A marzo, oltre 2.343 migranti sono arrivati ​​dallo Yemen, rispetto ai 1.900 di febbraio”, ha detto l’agenzia delle Nazioni Unite.

L’ultimo incidente in barca è una delle tante calamità mortali simili che si sono verificate nella zona della costa del Mar Rosso di Gibuti. Nella maggior parte di questi incidenti, i migranti dell’Africa orientale disperati hanno tentato di attraversare la rotta pericolosa sperando di raggiungere il Medio Oriente attraverso lo Yemen dilaniato dalla guerra. Cercano principalmente di raggiungere l’Arabia Saudita, vicina del nord dello Yemen.

Notando che le condizioni dei migranti bloccati nello Yemen sono diventate così tragiche che non hanno lasciato ai migranti altra scelta che fare affidamento sui trafficanti per tornare a casa, l’OIM ha invitato tutti i governi lungo il percorso a unirsi e sostenere i suoi sforzi per consentire ai migranti di tornare a casa in modo sicuro.

Francia

Allerta in Francia per il rapimento di una bimba di otto anni, prelevata da tre uomini mentre era dalla nonna a Les Poulières (Vosgi). Il dispositivo di allerta per i rapimenti, con la diramazione di tutti i dati riguardanti la bimba, è stato attivato per “Mia Montemaggi, occhi castani, capelli castani lunghi con frangia”, rapita da tre uomini che il dispositivo descrive come “di tipo europeo, due di età compresa tra 25 e 35 anni e un terzo di età compresa tra 45 e 50 “. IL pubblico ministero di Epinal, Nicolas Heitz, ha spiegato che la bimba era stata affidata alla nonna materna dal giudice dei minori

Regno Unito

Una donna a guidare l’agenzia di stampa inglese Reuters. E’ la prima volta in 170 anni di storia della prestigiosa testata giornalistica. Alessandra Galloni, 47 anni, nata a Roma, sostituirà Stephen J. Adler, che andrà in pensione questo mese dopo aver guidato la redazione negli ultimi dieci anni.

Armenia vs Azerbaijan

Martedì l’Armenia ha accusato il suo storico rivale Azerbaigian di fomentare l’odio etnico mostrando gli elmi dei soldati armeni uccisi durante la guerra tra i paesi vicini lo scorso anno.

Un conflitto decennale nella regione contesa del Nagorno-Karabakh è sfociato in una guerra totale a settembre, uccidendo più di 6.000 persone.

Sei settimane di combattimenti si sono conclusi a novembre con la sconfitta dell’Armenia. Erevan ha ceduto parti di territori a Baku con un cessate il fuoco appoggiato dalla Russia, che in Armenia è stato visto come un’umiliazione nazionale.

Lunedì, il presidente azero Ilham Aliyev ha visitato un “parco di trofei” che mostrava l’equipaggiamento militare sequestrato alle truppe armene durante la guerra.

“Tutti coloro che visitano il parco dei trofei militari vedranno la forza del nostro esercito, vedranno la nostra forza di volontà e quanto sia stato difficile ottenere la vittoria”, ha detto Aliyev in un indirizzo video pubblicato sul suo sito web.

Centinaia di elmi di soldati armeni uccisi nella guerra sono stati esposti nel parco nel centro di Baku, così come i manichini di cera delle truppe armene.
Il parco, che dovrebbe essere aperto al pubblico a breve, ha suscitato clamore in Armenia, con il ministero degli esteri del paese che accusa l’Azerbaigian di “degradare pubblicamente la memoria delle vittime della guerra, delle persone scomparse e dei prigionieri di guerra, e di violare i diritti e la dignità delle loro famiglie”.

Ucraina

In una telefonata con Vlaidmir Putin, Joe Biden “ha ribadito l’incrollabile impegno degli Stati Uniti verso la sovranità e l’integrità territoriale dell’Ucraina” esprimendo “le preoccupazioni per l’improvviso rafforzamento russo nella Crimea occupata e ai confini con l’Ucraina”, e ha chiesto a Mosca di “allentare le tensioni”. Joe Biden, riferisce la Casa Bianca, “ha proposto un incontro nei prossimi mesi in un Paese terzo per discutere l’intera gamma dei problemi che devono affrontare Stati Uniti e Russia.

Russia

Iulia Navalnaya, la moglie dell’oppositore russo in carcere Alexei Navalny, ha scritto su Instagram di aver fatto visita al marito nella colonia penale in cui è rinchiuso e ha dichiarato che “fa fatica a parlare e a volte abbassa la cornetta e poggia la testa sul tavolo per riposare”: lo riporta il giornale Meduza, secondo cui Navalnaya ha anche sottolineato che il marito, che ha annunciato uno sciopero della fame chiedendo cure adeguate per i dolori alla schiena e alle gambe, è molto dimagrito. Il servizio penitenziario sostiene invece che il 6 aprile dei medici hanno visitato Navalny e hanno valutato la sua salute “soddisfacente”.

Afghanistan

Joe Biden intende annunciare il ritiro delle truppe americane, 2500 soldati dall’Afghanistan entro il prossimo 11 settembre, si legge sul Washington Post, data simbolo legata all’attacco alle Torri gemelle che trascinò gli Stati Uniti nella loro guerra più lunga
La divulgazione del piano è avvenuta lo stesso giorno in cui la comunità dell’intelligence statunitense ha rilasciato una cupa prospettiva per l’Afghanistan, prevedendo “basse” possibilità di un accordo di pace quest’anno e avvertendo che il governo avrebbe lottato per tenere a bada l’insurrezione talebana se gli Stati Uniti -La coalizione ritirassero il loro sostegno.
La decisione di Biden mancherebbe la scadenza del 1 ° maggio per il ritiro concordata con i talebani dal suo predecessore Donald Trump. Gli insorti hanno minacciato di riprendere le ostilità contro le truppe straniere se quella scadenza non fosse stata rispettata.

Lo sforzo americano per vendere a tutti in questo ritardo di ritiro è che il processo di pace è in ritardo. La conferenza di Istanbul che comincia il 24 aprile prossimo avrebbe lo scopo di dare il via a quel processo, ma potrebbe non accadere, perché i talebani hanno deciso boicottare tutte le conferenze fino a quando gli Stati Uniti non si ritireranno. E così finisce nel dubbio l’intero processo, poiché non è chiaro come si possa raggiungere un accordo di pace afgano senza coinvolgere i talebani.

Stati Uniti

 Kim Potter, la poliziotta che ha esploso il colpo fatale che ha ucciso il ventenne afroamericano di Minneapolis Daunte Wright, si è dimessa, e altrettanto ha fatto il capo della polizia del dipartimento di Brooklyn Center, il sobborgo dove è avvenuto il fatto. Potter, 48 anni, era una veterana in servizio nel dipartimento da ben 26 anni. Secondo la tesi sostenuta dalla polizia avrebbe scambiato per errore la pistola con il taser.
Un nuovo sistema di segnalazione dei crimini rilasciato dall’FBI mostra che il tasso di omicidi in quasi tutte le città degli Stati Uniti è ai massimi livelli in più di due decenni. Nel 2020, il paese ha registrato più omicidi che in qualsiasi anno dal 1998. Gli esperti sono giunti a questa conclusione dopo aver esaminato i dati trimestrali riportati da circa 12.000 agenzie in varie città e stati. Il picco, per un totale di oltre 20.000 omicidi registrati, è stato il più grande aumento di un anno nella storia degli Stati Uniti. Ogni città che ha riportato i dati ha visto almeno un aumento del 20% -25% degli omicidi. Il 22% delle città con una popolazione di oltre 250.000 persone che hanno riportato dati ha visto il maggior numero di omicidi mai registrato da quando il governo federale ha iniziato a tenere i registri nel 1960. A New York , gli omicidi sono aumentati del 41% nel 2020 rispetto all’anno precedente. Chicago ha visto un aumento di oltre il 50% con 774 omicidi registrati e Los Angeles ha visto un aumento di circa il 20%.

Stupri di guerra

La pandemia COVID-19 ha portato a un picco nella violenza di genere lo scorso anno e i combattenti hanno continuato a usare la violenza sessuale “come una tattica di guerra crudele” e repressione politica in un certo numero di paesi, ha detto il capo delle Nazioni Unite in un rapporto diffuso lunedì. Il rapporto si è concentrato su 18 paesi in cui le Nazioni Unite hanno dichiarato di aver ottenuto informazioni verificate. Elenca 52 parti “credibilmente sospettate” di responsabilità “per modelli di stupro o altre forme di violenza sessuale” nei conflitti all’ordine del giorno del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Oltre il 70% delle parti quotate “sono autori persistenti”, ha detto.

La maggior parte di quelli sulla lista nera delle Nazioni Unite sono “attori non statali” – gruppi di opposizione, ribelli o militanti legati allo Stato islamico o gruppi estremisti di al-Qaeda. Le forze militari o di polizia nazionali nell’elenco, comprese le forze armate e la guardia di frontiera del Myanmar, non possono partecipare alle operazioni di pace delle Nazioni Unite finché non adottano impegni a tempo determinato per porre fine alle violazioni.

La “lista nera” include anche il governo e le forze di polizia in Congo e Sud Sudan; forze governative e servizi di intelligence in Siria; forze armate e forze di supporto rapido in Sudan; e l’esercito e la polizia in Somalia e le forze nella regione del Puntland.

I paesi con attori non statali nell’elenco includono il Congo con 20 gruppi; Repubblica Centrafricana con 6; Mali con 5; Sud Sudan e Siria con 4 ciascuno; Sudan con 2; e Iraq e Somalia con 1 ciascuno.

“La violenza sessuale è stata impiegata come tattica di guerra, tortura e terrorismo in contesti in cui le crisi umanitarie e di sicurezza sovrapposte, legate alla militarizzazione e alla proliferazione delle armi, sono continuate senza sosta”, ha detto il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres.

Nella regione del Tigray, in Etiopia, dove a novembre è scoppiato il conflitto tra il governo e il Fronte di liberazione popolare del Tigray, Guterres ha affermato che sono stati denunciati più di 100 stupri.

Perù

Almeno 20 persone sono morte e altre 14 sono rimaste ferite in un grave incidente avvenuto due giorni fa nella provincia peruviana di Sihuas della regione di Ancash, quando un autobus per il trasporto di passeggeri è uscito di strada all’altezza di Parobamba e si è capovolto più volte in un terreno incolto. Lo ha reso noto la radio Rpp di Lima. La polizia ha reso noto che l’autobus della compagnia Fama Tours stava dirigendosi verso Chimbote e successivamente verso la capitale dalle zone di Huanchayllo e Parobamba, con a bordo decine di passeggeri che erano andati a votare per le elezioni generali nei luoghi di origine.

Myanmar

Gli oppositori del governo militare in Myanmar hanno cancellato i tradizionali festeggiamenti del capodanno e hanno mostrato la loro rabbia nei confronti dei generali che hanno preso il potere attraverso piccole proteste in tutto il paese. L’Ufficio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha affermato di temere che la repressione militare delle proteste dal colpo di stato del 1 febbraio rischia di degenerare in un conflitto civile come quello visto in Siria e ha chiesto di porre fine al “massacro”.

Un gruppo di attivisti del Myanmar, l’Associazione di assistenza per i prigionieri politici, afferma che le forze di sicurezza hanno ucciso 710 manifestanti dalla cacciata del governo eletto guidato dal premio Nobel Aung San Suu Kyi.

I manifestanti erano di nuovo fuori il primo giorno della festa di Capodanno di cinque giorni, nota come Thingyan, che di solito viene celebrata con preghiere, pulizia rituale delle immagini del Buddha nei templi e bagnatura vivace per le strade.

“Non festeggiamo il Myanmar Thingyan quest’anno poiché oltre 700 delle nostre anime coraggiose innocenti sono state uccise”, ha detto un utente di Twitter di nome Shwe Ei.

Hong Kong

Joshua Wong è stato condannato a 4 mesi di carcere per una manifestazione non autorizzata tenuta a Hong Kong a ottobre 2019 e per la violazione della legge contro l’uso della maschera nelle proteste. Wong, 24 anni e volto noto degli attivisti pro-democrazia dell’ex colonia, è tra le 47 persone accusate della violazione della legge sulla sicurezza nazionale imposta da Pechino sulla città. L’attivista, dichiaratosi colpevole di entrambi i capi d’accusa, sta scontando una condanna a 13 mesi e mezzo di carcere, sempre a causa di una manifestazione illegale di giugno 2019, nell’ambito delle proteste anti-governtative e pro-riforme.

Giappone

Il primo ministro giapponese Yoshihide Suga ha dichiarato martedì che il suo governo ha deciso di scaricare in mare le acque reflue radioattive contaminate nella prefettura di Fukushima nonostante l’opposizione nazionale e internazionale.

Suga ha fatto l’annuncio dopo aver convocato una riunione dei ministri competenti per formalizzare i piani per rilasciare l’acqua radioattiva accumulata nell’impianto nell’Oceano Pacifico. Colpiti da un terremoto di magnitudo 9,0 e dal conseguente tsunami che ha colpito il nord-est del Giappone l’11 marzo 2011, i reattori n. 1-3 della centrale nucleare di Fukushima Daiichi avevano subito crolli.

L’impianto generò un’enorme quantità di acqua contaminata dalle radiazioni dall’incidente che aveva bisogno di acqua per raffreddare i reattori. L’operatore dello stabilimento Tokyo Electric Power Company Holdings Inc. ha dichiarato che ci vorranno circa due anni prima che il rilascio inizi.

L’acqua è stata trattata utilizzando un avanzato sistema di trattamento dei liquidi per rimuovere la maggior parte dei contaminanti. Tuttavia, cose come il trizio, un sottoprodotto radioattivo dei reattori nucleari, sono difficili da filtrare.

Secondo alcuni esperti marini, anche tracce di isotopi di rutenio, cobalto, stronzio e plutonio nelle acque reflue destano preoccupazione.

“Siamo al corrente della decisione presa dal governo del Giappone” di riversare le acque radioattive della centrale nucleare di Fukushima nell’Oceano Pacifico. Lo ha detto un portavoce della Commissione europea rispondendo ad una domanda di un giornalista. “La Commissione si aspetta che le autorità nipponiche garantiscano la piena sicurezza nell’operazione di sversamento in piena conformità con i suoi obblighi nazionali e internazionali – ha aggiunto il portavoce -. E’ importante la piena trasparenza in questo tipo di operazioni. Noi continueremo a monitorare la situazione e a restare in contatto con i nostri omologhi giapponesi” .

Ti potrebbe interessare anche:

E se credete in un giornalismo indipendente, serio e che racconta recandosi sul posto, potete supportarci andando su Sostienici


[There are no radio stations in the database]