16 maggio 2023 – Notiziario in genere

Scritto da in data Maggio 16, 2023

“Sposati e figlia”: in Cina progetti pilota per incentivare matrimonio e gravidanza. La realtà della gravidanza adolescenziale nella Repubblica Dominicana: “Non ho finito il liceo. Ora ne pago il prezzo”. In Usa ok al farmaco non ormonale contro i sintomi da menopausa. Cuba: la comunità LGBTQI+ marcia per celebrare l’adozione del matrimonio tra persone dello stesso sesso.

Ascolta il podcast

Domani, 17 maggio, è la Giornata internazionale contro l’omolesbofobia, la bifobia e la transfobia. La data ricorda il giorno del 1990 in cui la World Health Organisation ha deciso di eliminare definitivamente l’omosessualità dalla lista delle malattie mentali.

Cina

Aaron Reiss/Freedom House | Guangzhou, China, 25 settembre 2010

La Cina mira a introdurre cambiamenti nella sua cultura del matrimonio e della gravidanza e prevede di lanciare progetti pilota correlati in più di 20 città. L’Associazione cinese per la pianificazione familiare intende, secondo quanto riporta Business Today, promuovere il matrimonio, avere figli in età appropriata, incoraggiare i genitori a condividere le responsabilità dei figli e frenare gli alti “prezzi della sposa”.

Secondo il Global Times, quotidiano cinese in lingua inglese sotto il People’s Daily, l’associazione responsabile delle misure governative sulla popolazione e sulla fertilità vuole incoraggiare le donne a sposarsi e ad avere figli per aumentare il calo del tasso di natalità del paese. Secondo il rapporto, l’associazione ha lanciato lo scorso anno progetti in 20 città, tra cui Pechino, il polo produttivo di Guangzhou e Handan. Questi progetti vengono dopo le misure che le province cinesi stanno adottando per incoraggiare le persone ad avere figli. Includono incentivi fiscali, sussidi per l’alloggio e istruzione gratuita o sovvenzionata per avere un terzo figlio.

La Cina, che ha avuto una politica del figlio unico dal 1980 al 2015, da allora ha alzato il limite a tre figli. La popolazione cinese è diminuita per la prima volta in sei decenni. E questo, insieme al rapido invecchiamento, ha portato chi è in politica e al governo a proporre l’accessibilità al congelamento degli ovuli e al trattamento della fecondazione in vitro, nonché ad altri servizi, alle donne single e non sposate della Cina. Molte donne nel paese hanno rimandato una gravidanza a causa dell’aumento delle spese per l’assistenza all’infanzia, nonché dell’impatto dell’avere figli sulla loro carriera.

India vs Cina

La situazione della Cina è in netto contrasto con quella dell’India. Ad aprile, le Nazioni Unite hanno affermato che l’India ha superato la Cina come nazione più popolosa. Ha anche affermato che mentre la popolazione indiana è destinata a crescere nei prossimi decenni, la popolazione cinese ha raggiunto il suo apice e ha subito un declino a partire dal 2022. Prima della fine del secolo, la popolazione cinese dovrebbe scendere al di sotto di 1 miliardo.

Le Nazioni Unite hanno affermato che la Cina e l’India avevano livelli di fertilità quasi identici nel 1971. Ma il tasso di fertilità della Cina è sceso drasticamente a meno di 3 nascite per donna alla fine degli anni ’70, mentre la caduta dell’India è stata molto più graduale. L’India ha impiegato tre decenni e mezzo per sperimentare lo stesso rallentamento della fertilità che si è verificato in Cina negli anni ’70. Nel 2022, la Cina aveva uno dei tassi di fertilità più bassi al mondo con 1,2 nascite per donna, mentre l’India era di 2 nascite per donna. La popolazione indiana dovrebbe raggiungere il picco intorno al 2064 e poi diminuire gradualmente.

Repubblica Dominicana

Il Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione (UNFPA) riferisce che le donne soffrono di “ansia demografica”. Nel sud del mondo, densamente popolato, le donne sono costrette ad avere meno figli, mentre nei paesi più ricchi, che hanno tassi di natalità in calo, le donne sono incoraggiate ad averne di più.

Nel caso della Repubblica Dominicana, leggiamo su El Paìs in inglese – che ha il tasso di fecondità di un paese ricco, pari a 2,2 figli e figlie per donna – c’è grande preoccupazione per l’elevata percentuale di gravidanze in età adolescenziale, così come per la mortalità materna, che è strettamente correlata al parto in giovane età. Gli ultimi dati dell’Ufficio Nazionale di Statistica della Repubblica Dominicana rivelano che il 20,4% delle ragazze tra i 15 e i 19 anni sono madri nel Paese caraibico. Un dato superiore alla media del 18% in America Latina e nei Caraibi.

Yésica Prensa – una cittadina dominicana di 26 anni – ha sofferto molte ansie legate alla maternità nell’ultimo decennio. La sua vita esemplifica quasi tutte le forme di sofferenza delle donne che il Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione ha denunciato nel suo ultimo rapporto annuale. Diventata moglie e madre da adolescente, incapace di decidere quando avere figli e quanti averne. Non le sono mai state fornite informazioni corrette sui contraccettivi in un paese che proibisce l’aborto.

Prensa ha perso il suo primo figlio solo due mesi dopo il parto. Alla fine ne va avuti altri tre; ha abbandonato la scuola e il suo compagno ha abbandonato lei. Oggi, in mancanza di cure e sostegno adeguati, non riesce a guadagnarsi un reddito.

È nata a Mata los Indios – una comunità rurale piena di piantagioni di zucchero, dove i residenti sono di origine haitiana – e dove vivono circa 200 persone. È a 90 minuti di auto a nord della capitale Santo Domingo, lontano dai paradisi sulla spiaggia che hanno attirato più di sette milioni di turisti solo nel 2022. In questo paese – da cui Prensa non è mai partita – le case sono fatte di assi di legno e tetti di lamiera. Ci sono strade sterrate e poche opportunità economiche. L’ultima violazione dei suoi diritti umani è stata un tentativo di stupro nella sua stessa casa, che ha denunciato alla polizia. “È successo ieri sera”, racconta a EL PAÍS.

“Mi sono sposata quando avevo 16 anni e mio marito voleva avere dei figli”, spiega. Un anno dopo è nato il suo primo figlio. Dice che sapeva dell’esistenza di metodi contraccettivi, ma alza le spalle quando le viene chiesto perché è diventata madre prima di quanto avrebbe voluto. Per troppe donne dominicane scegliere non è un’opzione: il 23% non è libero di prendere decisioni sul proprio corpo in relazione ai rapporti sessuali o all’uso di contraccettivi, a cui il 46% non ha accesso.

La sterilizzazione è stata un metodo ampiamente utilizzato nella Repubblica Dominicana, con il 30,5% delle donne in età riproduttiva sposate o conviventi, secondo un sondaggio nazionale. Ma non sempre si tratta di una scelta informata: il 25% delle donne dominicane che hanno intrapreso la procedura lo ha fatto senza sapere che si trattava di un intervento irreversibile.

“Gli uomini dicono [alle loro partner] che se non fanno sesso con loro, se ne andranno con altre donne. E alla fine, di fronte a quella pressione psicologica, le donne sono d’accordo”, spiega Yaquelín Félix, coordinatrice del progetto per la Nursing Development Foundation (Fuden), che lavora nelle comunità rurali. “In primo luogo, le ragazze devono sapere che possono dire di no e che i loro partner dovranno accettarlo”.

Il rapporto UNFPA

A novembre la popolazione mondiale ha superato gli 8 miliardi. L’ultimo rapporto del Fondo delle Nazioni Unite, scrive Marina Turi su ingenere, ci invita a capovolgere le domande: invece di chiederci se le donne fanno troppi o pochi figli, per cambiare le cose dovremmo concentrarci sullo stato della libertà di scelta.

Stati Uniti

La Food and Drug Administration statunitense, dice la CNN, ha approvato venerdì un nuovo tipo di farmaco per il trattamento delle vampate di calore e della sudorazione notturna durante la menopausa. Veozah, o fezolinetant, prodotto da Astellas Pharma, è il primo agonista della neurochinina 3 (NK3) approvato. Blocca i recettori nel cervello che svolgono un ruolo nella regolazione della temperatura corporea. È un’alternativa alle tradizionali terapie ormonali sostitutive per gestire le vampate di calore, che sono un sintomo comune della menopausa che può essere dirompente se diventano gravi.

Alle donne a più alto rischio di ictus, infarto o alcuni tipi di cancro a volte viene sconsigliato l’uso di terapie ormonali sostitutive perché aumentano il rischio di coaguli di sangue e tumori. “Le vampate di calore dovute alla menopausa possono rappresentare un grave onere fisico per le donne e influire sulla loro qualità di vita”, dice Janet Maynard, direttrice dell’Ufficio per le malattie rare, la pediatria, l’urologia e la medicina della valutazione e ricerca. “L’introduzione di una nuova molecola per il trattamento delle vampate di calore della menopausa da moderate a gravi fornirà un’ulteriore opzione terapeutica sicura ed efficace per le donne”.

La menopausa

La menopausa è un periodo normale nella vita di una donna che di solito inizia tra la metà e la fine dei 40 anni. Durante la menopausa, il corpo produce meno estrogeni e progesterone. La diminuzione di questi ormoni può innescare interruzioni del sonno, sbalzi d’umore e vampate di calore, periodi di sudorazione, vampate di calore e brividi che possono durare diversi minuti.

Negli studi clinici che hanno coinvolto più di 3mila donne negli Stati Uniti e in Canada, Veozah ha ridotto il numero di vampate di calore che le donne hanno sperimentato ogni settimana in modo significativamente maggiore rispetto a un placebo. Gli studi hanno seguito le donne che hanno assunto il farmaco per un anno.

Veozah viene fornito con un avvertimento sul rischio di lesioni al fegato. La FDA afferma che le donne che stanno prendendo in considerazione l’assunzione dovrebbero sottoporsi a esami del sangue per assicurarsi di non avere danni o infezioni al fegato prima di iniziare il trattamento e dovrebbero essere monitorate con esami del sangue ogni tre mesi per assicurarsi che non mostrino segni di danno epatico durante l’assunzione del farmaco. Gli effetti indesiderati più comuni riportati negli studi sono stati dolore addominale, diarrea, insonnia, mal di schiena, vampate di calore ed enzimi epatici elevati.

Cuba

Globovisión

Circa 200 persone hanno marciato sabato all’Avana contro l’omofobia e la transfobia, celebrando al ritmo della tradizionale musica conga la legalizzazione del matrimonio tra persone dello stesso sesso adottata sull’isola a settembre. Cantando “Socialismo sì, omofobia no”, i e le manifestanti hanno celebrato l’approvazione nel settembre 2022 del nuovo Codice della famiglia che legalizza il matrimonio tra persone dello stesso sesso, l’estensione della parentela e la maternità surrogata, rendendo Cuba la più progressista in questo campo in America Latina.

Secondo le statistiche ufficiali, 745 coppie dello stesso sesso hanno celebrato la loro unione dall’adozione del nuovo codice. “Era un debito del processo rivoluzionario” nei confronti della comunità LGBTQIA+, ha detto ad AFP la studentessa di sociologia di 21 anni Ana Clara León, con uno striscione arcobaleno legato intorno alla vita. Molti dei temi inclusi nel nuovo codice rimangono sensibili a Cuba, dove la società è ancora intrisa di maschilismo e dove il governo comunista ha ostracizzato gli omosessuali negli anni ’60 e ’70, prima di fare ammenda. Anche i vescovi cattolici hanno respinto il testo. “Sono gay e Dio mi ama”, si leggeva su un cartello alla manifestazione.

La figlia dell’ex presidente cubano Raul Castro, Mariela Castro, che da più di tre decenni promuove la lotta per i diritti della comunità LGBT+, ha guidato il corteo. “È qualcosa che tutte le persone omosessuali stavano aspettando, per poter vivere pienamente la loro relazione di coppia”, spiega Yoilan Balon, del coordinamento nazionale della rete Transcuba. “È la conga dell’orgoglio: noi cubani amiamo le feste, la conga, il divertimento e così possiamo esprimere la nostra diversità”, spiega Diana Peña, 31 anni, responsabile della mobilitazione giovanile per Transcuba.

Ti potrebbe interessare anche:

E se credi in un giornalismo indipendente, serio e che racconta il mondo recandosi sul posto, puoi darci una mano cliccando su Sostienici


Continua a leggere

[There are no radio stations in the database]