17 aprile 2020 – Notiziario

Scritto da in data Aprile 17, 2020

  • Rapporto Onu, la pandemia si sta trasformando in una crisi dei diritti dei minori.
  • HRW accusa l’Azerbaijan di usare le misure contro il coronavirus per reprimere gli oppositori.
  • Sospesa la preghiera alla spianata delle moschee di Gerusalemme per tutto il mese di Ramadan.
  • Brasile, Bolsonaro licenzia il ministro della Sanità che diceva alla gente di stare a casa.
  • Messico, i coccodrilli conquistano le spiagge deserte.
  • Filippine, corte marziale per chi viola la quarantena.
  • Israele, manifestazione contro Netanyahu a Tel Aviv, tutti a due metri di distanza

Questo e molto altro nel webnotiziario di Radio Bullets, a cura di Barbara Schiavulli. Musiche di Walter Sguazzin

Foto di copertina: Victor Nnakwe on Unsplash

Oltre 2 milioni di contagiati, 140 mila i decessi nel mondo. Secondo l’Organizzazione mondiale per la Sanità, un contagiato su 13 lavora nella Sanità. “Siamo ancora nella tempesta”, ha detto l’Oms.

Covid-19 e il prezzo che pagheranno i minori

Finora i minori sono in gran parte sfuggiti ai sintomi più gravi di COVID-19, ma l’impatto sociale ed economico “è potenzialmente catastrofico per milioni di bambini”, secondo un rapporto delle Nazioni Unite diffuso ieri. Vi si afferma che il COVID-19 si sta trasformando in “una più ampia crisi dei diritti dei minori”. “Tutti i minori, di tutte le età e in tutti i paesi, sono colpiti”. “Tuttavia, alcuni bambini sono destinati a sostenere i costi maggiori”.

Coloro che saranno gravemente colpiti saranno i minori che vivono nei bassifondi, nei campi profughi e di sfollamento, nelle zone di conflitto, nelle istituzioni e nei centri di detenzione e i giovani con disabilità, afferma il rapporto. Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha avvertito in un video che lancia il rapporto che la pandemia di coronavirus sta mettendo in pericolo molti dei bambini del mondo e ha esortato le famiglie di tutto il mondo e i leader a tutti i livelli a “proteggere i nostri bambini”. 42 milioni di minori su 66 milioni diventeranno estremamente poveri, aggiungendosi ai 386 milioni che lo erano già nel 2019.
Ha indicato che quasi tutti gli studenti non vanno a scuola, i livelli di stress familiare aumentano mentre le comunità affrontano blocchi e si prevede che il reddito familiare ridotto costringerà le famiglie povere a ridurre le spese sanitarie e alimentari essenziali, “in particolare per i minori”.
Guterres ha affermato che la recessione globale che sta prendendo piede a causa della pandemia e che le misure adottate per mitigarla potrebbero portare a “centinaia di migliaia di morti di minori in più nel 2020”. Secondo il rapporto, “Ciò annullerebbe effettivamente gli ultimi 2-3 anni di progressi nella riduzione della mortalità infantile entro un solo anno”.

Iraq

Due donne rifugiate sono state uccise durante i bombardamenti turchi con droni contro postazioni dei ribelli curdi nel nord Iraq. Gli attacchi che hanno violato la sovranità irachena, hanno colpito un campo profughi.

Turchia

Tra i 90 mila detenuti rilasciati per contrastare la diffusione del virus, non ci sono oppositori del presidente Erdogan, ma c’è, invece, un noto boss della criminalità organizzata vicino agli ex lupi grigi. Alaattin Cakici, 64 in prigione da 16 anni, era stato condannato per l’omicidio dell’ex moglie, uccisa davanti al figlio. L’uomo ha forti legami con il leader del partito nazionalista MHP, che in Parlamento sostiene il Akp del presidente e da diverso tempo cercava l’amnistia essendo ritenuto un collaboratore dei servizi segreti.

Israele e Palestina

La compagnia aerea El Al ha chiesto 350 mila dollari allo Stato perché rischia la chiusura

Gli organizzatori hanno riferito che circa 2.000 manifestanti si sono riuniti giovedì sera in Piazza Habima a Tel Aviv per protestare contro quella che descrivono come l’erosione della democrazia israeliana sotto la guida del Primo Ministro Benjamin Netanyahu, nel pieno della pandemia del coronavirus. I manifestanti, che hanno mantenuto una distanza di due metri l’uno dall’altro in conformità con le regole di distanza sociale, hanno sventolato bandiere nere. “I cittadini israeliani stanno dimostrando oggi che la democrazia israeliana rifiuta di subire un colpo di stato con il pretesto del coronavirus”, ha detto un organizzatore. “Non appoggeremo un governo il cui primo ministro è accusato di corruzione, frode e violazione della fiducia. Non possiamo permettere una situazione in cui quello stesso accusato abbia un ruolo nella nomina di investigatori, pubblici ministeri e giudici nello Stato di Israele “. Tra i manifestanti c’era il leader del partito Meretz, Nitzan Horowitz, che ha twittato una sua foto tra la folla socialmente distanziata con una maschera. Yair Netanyahu, il figlio del primo ministro, ha risposto al tweet di Horowitz  augurando a quelli di sinistra di morire di covid-19. Dopo una serie di scambi a colpi di twitt è intervenuto il padre che gli ha fatto cancellare i messaggi.

Foto: Black Flag Protest a Tel Aviv

I clericali musulmani hanno deciso di sospendere le preghiere alla spianata delle Moschea a Gerusalemme per il mese di Ramadan. Lo ha deciso il consiglio nominato dalla Giordania che sovrintende il sito santo. Il divieto è in vigore dal 23 marzo.

La polizia israeliana ha arrestato due giovani coloni membri dell’aggressivo gruppo di estrema destra Hilltop Youth che erano scappati da una struttura a conduzione militari fatta apposta per loro dove dovevano stare in quarantena per dar fuoco alle macchine palestinesi e aver tirato pietre.

Gli Stati Uniti donano 5 milioni di dollari ai palestinesi per aiutarli a combattere l’epidemia, dopo anni di tagli agli aiuti.

Egitto

L’attivista egiziano in prigione, Alaa Abdel Fattah, ha iniziato lo sciopero della fame per protestare contro la sua detenzione e  il divieto di visiti familiari, nel pieno della pandemia. Lo sciopero della fame ha fatto seguito un decreto del presidente egiziano Abdel Fattah el-Sisi mercoledì per perdonare un certo numero di prigionieri in occasione della Giornata della liberazione del Sinai. Ma la decisione ha escluso coloro le cui accuse si riferiscono alla sicurezza nazionale, al terrorismo o alla violazione della legge sulle proteste – le tre accuse più comuni mosse contro i critici del governo.

Kenia

Un prete cattolico è stato accusato da un tribunale di aver diffuso il coronavirus, ed è la seconda persona ad essere stata accusata. Il Kenya, che ha 234 casi confermati di coronavirus e 11 morti, ha vietato tutti gli incontri pubblici, limitato il numero di persone in lutto ai funerali, imposto un coprifuoco giornaliero e limitato i movimenti dentro e fuori delle quattro regioni più colpite. Il sacerdote cattolico Richard Onyango Oduor è stato accusato di “diffondere negligentemente una malattia infettiva” dopo che le autorità hanno detto che non ha aderito alle norme sulla quarantena del coronavirus a seguito di una visita in Italia. Ha negato le accuse in un tribunale di Nairobi ed è stato liberato con una cauzione di 150.000 scellini kenioti ($ 1,415). Gli è stato ordinato di trascorrere altri 14 giorni in quarantena e ritornare in tribunale il 2 maggio. L’arcivescovo Anthony Muheria, responsabile delle diocesi cattoliche di Nyeri e Kitui, ha detto a Reuters di non poter commentare il caso, e spetta alle autorità determinare se il sacerdote è colpevole.

Sempre in Kenya il governatore di Nairobi, ha distribuito bottiglie di cognac ai poveri dicendo loro che protegge dal coronavirus, nonostante sia il governo che il produttore del cognac lo abbiano rimproverato per aver detto una cosa falsa. Mike Mbuvi Sonko, noto per i suoi grossi gioielli in oro, i rap improvvisati e gli  arresti l’anno scorso, ha pubblicato immagini di bottiglie Hennessey nascoste all’interno di confezioni alimentari con farina e altri alimenti sui social media questa settimana. “Stiamo dando alcune piccole bottiglie di Hennessey nelle confezioni di cibo che stiamo dando alla nostra gente”, ha detto Sonko in un video, indossando una maschera e uno scudo.

Camerun

Erano passati 35 giorni dall’ultima volta che è stato visto il presidente del Camerun – o, almeno, da quando qualcuno aveva rivelato dove si trovasse – e molti cominciano a farsi domande. L’assenza pubblica di Paul Biya – che, all’età di 87 anni, è il leader più anziano in Africa – durante la pandemia di coronavirus, ha alimentato indignazione, preoccupazione e teorie selvagge prima che l’uomo forte si presentasse giovedì in una foto con l’ambasciatore francese in Camerun. “Nel menu per questo pomeriggio: gestire la pandemia di COVID-19 in Camerun, Francia e nel mondo”, ha twittato Biya.

In Europa è calato lo smog del 50 per cento, migliora la qualità dell’aria in Italia, Spagna e Francia
Spagna: oltre 19 mila morti.

Polonia

L’aborto è fortemente divisivo nella fervida Polonia cattolica, ma il disegno di legge arriva in un momento in cui l’attenzione politica è tutta rivolta alle elezioni presidenziali previste per il mese prossimo. Il legislatori hanno votato ieri per rimandare questo disegno di legge che propone un inasprimento delle già rigide regole sull’aborto nel paese. I conservatori religiosi sono la chiave per l’appoggio del partito nazionalista al potere Law and Justice (PiS) che è desideroso di mantenere il loro sostegno nonostante la notevole opposizione pubblica al rafforzamento delle regole.

Russia: il presidente Putin rimanda la parata per il 75esimo anniversario della vittoria della Seconda Guerra mondiale a causa del coronavirus.

Azerbaijan

Human Rights Watch ha accusato le autorità di usare e abusare delle restrizioni imposte per rallentare la diffusione del virus per arrestare i critici del governo. In meno di un mese, almeno sei attivisti oppositori e un giornalista pro-opposizione sono stati condannati fino a 30 giorni di prigione accusati di aver infranto le regole del blocco o aver disobbedito alla polizia, ha dichiarato HRW. La maggior parte di loro aveva criticato le condizioni nei centri di quarantena gestiti dal governo o l’incapacità delle autorità di fornire un adeguato risarcimento alle persone che lottano finanziariamente a causa della pandemia. Gli arresti “rientrano esattamente in un modello di ritorsione politica di vecchia data in Azerbaigian”, ha dichiarato Giorgi Gogia, direttore associato per l’Europa e l’Asia centrale presso HRW. Ha esortato le autorità a “smettere di usare un’emergenza di sanità pubblica come pretesto per punire un dissenso legittimo”. L’Azerbaigian ha registrato 1.283 casi confermati di coronavirus, con 15 morti.

Stati Uniti

Trump si dice pronto a riaprire in quasi la metà degli Stati Uniti, anche se i decessi sono altissimi quasi 2500 in 24 ore. Salendo così a 33 mila vittime. E 630 mila infezioni.

Il presidente Trump ha minacciato di usare la sua autorità per sospendere formalmente le due camere del Congresso in modo da poter procedere con le nomine della sua amministrazione, alcune delle quali, ha detto il presidente, sono legate all’emergenza pandemia. Il presidente non vuole aspettare troppo a lungo la conferma per le persone che lui nominerà.

Intanto la moglie Invanka viola le linee guida federali e volta in NY Jersey al Trump golf club di Bedminster

Dopo una chiamata anonima, la polizia ha trovato, siamo in New Jersey, in una delle case di cura più grandi dello Stato, 17 corpi. Tutti morti, tranne una di cui non si è sicuri, per il coronavirus, e avevano stoccato i corpi in un piccolo obitorio costruito per ospitarne 4. Il New Jersey, ha oltre 71 mila casi e 3100 morti a causa del coronavirus.

Messico

Per la prima volta da decenni, i coccodrilli hanno raggiunto le spiagge di La Ventanilla, Oaxaca, scrive il Mexico News Daily . I rettili sono saliti sulle rive sabbiose abitualmente occupate da turisti e bagnanti locali che ora si autoisolano a casa. Secondo quanto riferito, le autorità hanno catturato un coccodrillo il mese scorso in una laguna vicino alla destinazione surf di Puerto Escondido, anche nello stato di Oaxaca, ma i coccodrilli non sono le uniche specie animali che hanno rapidamente rivendicato il territorio. Mexico News Daily ha anche riferito che giaguari e tartarughe marine hanno invaso la zona un tempo turistiche di Cancún dove questi animali non vedevano da anni.

Nicaragua

Il Ministero della Salute ha pubblicato una nuova linea guida per il monitoraggio respiratorio, ordinando di “espandere il campionamento per l’individuazione tempestiva di casi sospetti di Covid-19”, una misura che epidemiologi ed esperti hanno sollecitato il governo di Daniel Ortega e Rosario Murillo per conoscere la vera dimensione del virus in Nicaragua ed evitare così un’ulteriore diffusione. Tuttavia, l’espansione del campionamento consiste nell’aumentare – dai cinque ai dieci test attualmente effettuati – a soli “50 test giornalieri” per il coronavirus a “livello nazionale”, una cifra che è ben al di sotto di quella raccomandata dagli scienziati.

Brasile

Per evitare di essere contagiati da chi viene da fuori, gli indios chiudono le loro terre

Un governatore ha detto di essere stato minacciato dopo aver criticato la gestione del coronavirus da parte del presidente Bolonaro. Joao Doria, di San Paolo, una volta alleato del presidente ha detto che ha dovuto aumentare la sicurezza per la moglie e ha spostato i figli dopo essere stato minacciato. Il suo stato ha 11 mila casi confermati e 800 morti, la cifra più alta del paese. Bolsonaro si è rifiutato di imporre il lockdown e misure restrittive sugli affari dicendo che avrebbe danneggiato l’economia. Ma Doria come molti altri governatori, non è d’accordo.

Intanto il presidente Bolsonaro ha licenziato il ministro della Sanità per la sua risposta alla pandemia. Luiz Henrique Mandetta aveva esortato le persone ad osservare le distanze sociali e rimanere al chiuso, mentre per Bolsonaro questa è solo un po’ di influenza e non serve fare tanto baccano. Mandetta un paio di giorni fa aveva avvisato che avrebbe probabilmente perso il posto, i due erano in contrasto da settimane, laddove il presidente promuoveva trattamenti non verificati, il ministro diceva di seguire le linee guida introdotte in tutto il mondo. In Brasile sono morte per il coronavirus 1764 persone, con 30 mila casi confermati.

Filippine

 Il presidente Rodrigo Duterte ha minacciato di applicare la legge marziale per il blocco di un mese nella principale regione settentrionale del paese quando ha scoperto che le violazioni della quarantena sono salite alle stelle. Duterte ha detto in un discorso televisivo a tarda notte ieri sera che ordinerà ai militari e alla polizia di applicare rigorosamente le distanze sociali e il coprifuoco se la situazione non migliorerà. La polizia ha dichiarato di aver avvicinato circa 120.000 persone che hanno violato della quarantena dallo scorso mese, comprese le persone che erano impegnate in combattimenti di galli e bevute.

Giappone: stato di emergenza in tutto il paese. A rischio 420 mila persone.

Potrebbe anche interessarti:

Israele: il governo che non c’è

E se credete in un giornalismo indipendente, serio e che racconta dai posti, potete sostenerci andando su Sostienici


[There are no radio stations in the database]