18 maggio 2021 – Notiziario

Scritto da in data Maggio 18, 2021

Ascolta il podcast

  • Camerun: due donne transgender condannate a cinque anni per “tentata omosessualità”.
  • Giornalista della BBC spera di ispirare altre donne facendo le dirette con la figlia accanto.
  • Francia: donne trans autorizzate a giocare nel rugby femminile dalla prossima stagione.
  • Secondo una ricerca, i giovani LGBTQ hanno il doppio delle probabilità di considerare il suicidio rispetto ai coetanei etero.

Questo è il notiziario di Genere di Radio Bullets, a cura di Barbara Schiavulli
Foto di copertina Delia Giandeini – Unsplash
Soundtrack: Identity lost in a mirror/ Transgender song

Camerun

Shakiro

Martedì scorso un tribunale del Camerun ha condannato due donne transgender a cinque anni di carcere per “tentata omosessualità” e altri reati, dopo essere state arrestate per come erano vestite in un ristorante: lo hanno riferito i loro avvocati. Una celebrità dei social media locali, nota come Shakiro e che fa di nome Loic Njeukam, e Patricia, ovvero Roland Mouthe, sono state arrestate l’8 febbraio scorso. Attivisti per i diritti umani affermano che la loro detenzione fa parte della crescente criminalizzazione delle minoranze sessuali e dei transgender in Camerun.

Patricia

Le due hanno ricevuto la pena massima di cinque anni di prigione e una multa di 200.000 franchi CFA ($ 372,44), hanno detto i loro avvocati a Reuters. Oltre a “tentata omosessualità”, sono state condannate per indecenza pubblica e mancata identificazione.

«Questa è una decisione politica», ha dichiarato uno degli avvocati, Alice Nkom, che ha promesso di presentare ricorso contro il verdetto. «Yaoundé (il governo centrale) ha detto che queste persone non devono portare l’omosessualità in Camerun».

Il Camerun è uno degli oltre 30 paesi africani in cui le relazioni omosessuali sono illegali. I tribunali hanno già condannato persone a pene detentive pluriennali per la loro presunta omosessualità.

Human Rights Watch ha affermato che gli arresti di Shakiro e Patricia sembrano far parte di «un aumento generale delle azioni di polizia» contro le minoranze sessuali. Cinquantatrè persone sono state arrestate in raid contro organizzazioni per l’HIV e l’AIDS da maggio 2020, con segnalazioni da parte di persone arrestate di essere state picchiate e sottoposte a “esami anali” forzati per confermare le accuse di omosessualità, ha riferito il gruppo per i diritti umani.

Regno Unito

La corrispondente Esteri della BBC mira a ispirare altre madri lavoratrici, dando le notizie con suo figlio in un passeggino accanto a lei. Anna Holligan, che vive a L’Aia, nei Paesi Bassi, la si può vedere condurre un servizio video durante l’Eurovision Song Contest mentre sua figlia Zena parla e ride in sottofondo. «Oh, che gioia le ultime notizie in un giorno non scolastico», ha twittato insieme a un video di “out-take” in cui Zena cerca di attirare la sua attenzione mentre sta registrando.

https://twitter.com/annaholligan/status/1394014711885271050

Non è la prima volta che condivide clip di Zena, quattro anni, che l’accompagna al lavoro. Holligan dice che ha avuto spesso sua figlia accanto a lei a pochi giorni dopo la sua nascita. «Ricordo di aver registrato alcuni collegamenti radio con lei sulle mie ginocchia, mentre fui portata fuori dall’ospedale a seguito di un taglio cesareo di emergenza», ha detto all’agenzia di stampa PA. «Di solito riesce a rimanere tranquilla per un paio di minuti. Inizialmente ho pensato che fosse abbastanza naturale condividere degli scorci della sua presenza quando ho iniziato a sperimentare le sfide della genitorialità lavorativa», ha aggiunto. «Anche se molte persone sono state di grande sostegno, alcune non lo sono state e mi hanno avvertito che avrei potuto mettere a repentaglio la mia carriera, ma il Covid ha cambiato tutto». «All’improvviso siamo stati tutti costretti ad abbracciare la presenza dei nostri figli… non era più un tabù − per alcuni − avere i propri figli intorno». «Non sento più l’ansia associata al tentativo sempre di nasconderla o scusarmi per la sua presenza, questa è stata un’enorme liberazione e ha rimosso così tanta pressione. Questo non vuol dire che la figlia sarà presente in ogni servizio ma ho deciso di condividere su Twitter alcuni frammenti perché così tante giovani donne, che ammiro così tanto, mi hanno inviato messaggi in privato per dirmi che sono ispirate e trovo rassicurante vedere che c’è un modo per avere figli senza sacrificare la loro carriera».

Francia

La federazione francese di rugby (FFR) consentirà alle donne transgender di giocare nel rugby femminile a partire dalla prossima stagione, andando contro le linee guida dell’ente governativo World Rugby, ha detto ieri. L’anno scorso, la World Rugby ha affermato che dopo mesi di ricerca, aveva «concluso che la sicurezza e l’equità non possono attualmente essere garantite per le donne che competono contro le donne trans nel rugby a contatto», consentendo tuttavia alle federazioni nazionali di attuare politiche di base. La FFR ha affermato che le donne transgender «devono certificare di aver seguito un trattamento ormonale per almeno 12 mesi e non devono superare la soglia di testosterone di 5 nanomole / litro», il che significa che le donne transgender ancora in transizione possono essere autorizzate a giocare nel rugby femminile.

La FFR diventa così la prima federazione nazionale in Francia a consentire alle donne transgender di prendere parte a sport d’élite, dopo che il consiglio ha votato “all’unanimità” a favore della regola. «Il rugby è uno sport inclusivo e di condivisione, senza distinzione di sesso, genere, origine o religione», ha detto il vice presidente della FFR Serge Simon. «La FFR è contro tutte le forme di discriminazione e lavora quotidianamente per garantire che tutti possano esercitare il loro libero arbitrio nel rugby senza vincoli».

Regno Unito

Ieri è stata la Giornata internazionale contro l’omofobia, la transfobia e la bifobia, una giornata che mira a sensibilizzare sulle violazioni dei diritti LGBTQ+. E l’organizzazione londinese “Just Like Us” ha pubblicato una sua ricerca su come i giovani LGBTQ+ sono stati colpiti dal lockdown che un po’ tutti abbiamo accusato durante la pandemia di coronavirus. Lo studio ha rilevato che i giovani LGBTQ+ hanno il doppio delle probabilità di prendere in considerazione il suicidio e tre volte più probabilità di autolesionismo rispetto ai loro coetanei non LGBTQ+.

Il CEO dell’ente di beneficenza di Moorgate Dominic Arnall ha dichiarato a The Guardian che le persone LGBTQ+ hanno affrontato più tensioni a casa rispetto ai loro coetanei, qualcosa di veramente difficile da affrontare durante i blocchi dello scorso anno. Hanno anche riferito di sentirsi meno al sicuro a scuola, mentre i blocchi hanno significato essere spesso allontanati dai loro coetanei. «Purtroppo non sorprende che questo abbia portato a un peggioramento della salute mentale e del benessere», ha detto Arnall. «I giovani LGBT+ hanno bisogno di sentire dalle loro famiglie e dalle scuole che non c’è niente di sbagliato in ciò che sono, e che possono avere un futuro radioso davanti a loro». Quasi un terzo, il 31%, dei giovani LGBTQ+ ha riferito di autolesionismo.

Uno studio condotto dall’università londinese UCL e dall’Università del Sussex di LGBTQ+ sulle esperienze personali delle persone nel corso della pandemia di coronavirus ha rilevato che il 69% degli intervistati aveva sofferto di sintomi depressivi. Questo numero è salito al 90% per gli intervistati che erano stati vittime di transfobia o omofobia. È un abuso di cui MyLondon ha già riferito in precedenza, per esempio quando ha parlato con il diciannovenne Tyler dell’East London della sua esperienza dopo che è uscito allo scoperto all’età di 14 anni. Parlando a MyLondon durante il Trans Day of Visibility a marzo, Tyler ha detto: «Le persone vedono i trans come un argomento, non pensano a persone reali. Siamo un piccolo gruppo. Facciamo parte della società. Dovremmo essere accettati e compresi, e avere tutte le cure che ricevono tutti gli altri. La visibilità è importante. Più siamo visibili, meno possiamo essere ignorati. Quindi le persone vedono le persone dietro l’idea». Tyler fu talmente vittima di bullismo a scuola, dopo aver manifestato di essere transgender, che ha dovuto andarsene. Ha aggiunto: «La mia istruzione è stata sacrificata. Sono stato svantaggiato dal bullismo, solo per essere me stesso. Ecco perché molte persone sopprimono [l’essere trans], perché ogni volta ci dobbiamo chiedere: “Sarò al sicuro quando esco?”».

Ti potrebbe interessare anche:

 

E se credete in un giornalismo indipendente, serio e che racconta recandosi sul posto, potete sostenerci andando su Sostienici


Continua a leggere

[There are no radio stations in the database]