2 maggio 2024 – Notiziario Mondo

Scritto da in data Maggio 2, 2024

Ascolta il podcast

  • Israele e Palestina: Netanyahu dice a Blinken che non ci sarà alcun cessate il fuoco permanente.
  • La Colombia rompe le relazioni diplomatiche con Israele.
  • Ucraina: una portavoce generata dall’intelligenza artificiale.
  • L’Arabia Saudita condanna segretamente ad anni di prigione, attivisti e attiviste critiche online

Questo e molto altro nel notiziario MONDO di Radio Bullets a cura di Barbara Schiavulli

Israele e Palestina

■ USA-ISRAELE: Il Segretario di Stato americano Blinken ha avvertito i leader israeliani, tra cui il primo ministro Netanyahu, il ministro della Difesa Gallant e il ministro del gabinetto di guerra Benny Gantz, che un’operazione israeliana a Rafah in questo momento diminuirebbe le possibilità di raggiungere un accordo sulla liberazione degli ostaggi, e avrebbe anche un impatto sugli sforzi degli Stati Uniti per promuovere la normalizzazione.

■ OSTAGGI/CESSATA DEL FUOCO: una delegazione israeliana è arrivata al Cairo per una visita di tre ore per continuare i colloqui su un accordo sugli ostaggi, ha riferito il quotidiano londinese del Qatar Al-Araby Al-Jadeed, citando funzionari egiziani.

Un portavoce di Hamas ha detto che il gruppo è “negativo” alla proposta attuale ma è disposto a continuare i negoziati.

La formulazione della proposta egiziana di cessate il fuoco , così come consegnata ad Hamas, non include l’impegno israeliano a non tornare a Gaza, ha riferito il quotidiano libanese Al Akhbar.

In un post su X, il presidente americano Joe Biden ha scritto che Hamas è “ora l’unico ostacolo a un cessate il fuoco immediato e agli aiuti per i civili a Gaza”.

Sami Abu Zuhri, alto funzionario di Hamas, ha affermato che Blinken sta ingiustamente incolpando Hamas per i ritardi nel raggiungimento di una tregua. “Non è strano che Blinken, conosciuto come ministro degli Esteri di Israele e non dell’America, faccia una simile dichiarazione”, ha detto Abu Zuhri a Reuters.

Il ministro degli Esteri francese farà una sosta imprevista al Cairo nel corso di un tour in Medio Oriente inteso a garantire una tregua tra Israele e Hamas, ha detto una fonte diplomatica francese.

Il ministro israeliano delle Missioni nazionali di estrema destra Orit Strock ha dichiarato durante un’intervista alla radio dell’esercito israeliano che l’accordo in discussione con Hamas è “sconsiderato, orribile e terribile” e che “non esiste alcun diritto di esistenza per un governo che dice ai soldati che sono andati a combattere che si butta tutto nella spazzatura per salvare 22 o 33 persone “, riferendosi agli ostaggi che verrebbero rilasciati.

■ ISRAELE: il controllore di stato israeliano ha chiesto in una lettera al primo ministro Netanyahu di dare istruzioni al suo ufficio di consegnare per i documenti di lavoro di audit riguardanti l’attacco di Hamas del 7 ottobre e la guerra a Gaza.

Engelman ha sottolineato che l’ufficio del primo ministro e il gabinetto di sicurezza non hanno collaborato nella condivisione di questi documenti.

Sabah al-Salem Haniyeh, la sorella del capo del politburo di Hamas Ismail Haniyeh , è ​​stata rilasciata agli arresti domiciliari dopo essere stata arrestata ad aprile per incitamento e simpatizzazione con un gruppo terroristico.

■ GAZA: il capo degli aiuti dell’ONU Martin Griffiths ha avvertito che un’operazione di terra israeliana a Rafah “è all’orizzonte” e che i miglioramenti israeliani per l’accesso degli aiuti a Gaza “non possono essere utilizzati per preparare o giustificare un attacco militare in piena regola” contro la città più meridionale della Striscia.

Per la prima volta dall’inizio della guerra, Israele ha aperto il valico di Erez per consentire l’ingresso di aiuti umanitari a Gaza dal nord della Striscia .

La Giordania ha affermato che i coloni israeliani hanno attaccato due convogli di aiuti sulla strada per Gaza, hanno riferito i media statali giordani.

Chi sono i coloni israeliani?

Il Ministero dell’Informazione di Hamas ha riferito che i danni diretti derivanti dalla guerra a Gaza sono stimati in circa 33 miliardi di dollari e che circa il 90% dei residenti di Gaza vive al di sotto della soglia di povertà.

Secondo il Ministero della Sanità di Gaza, controllato da Hamas, dall’inizio della guerra almeno 34.568 palestinesi sono stati uccisi e 77.765 feriti.

■ LIBANO: L’IDF ha affermato di aver identificato sei lanci dal Libano caduti in aree aperte e che i jet dell’aeronautica militare hanno attaccato obiettivi militari di Hezbollah nel Libano meridionale dalla notte a mercoledì.

Più tardi mercoledì, due lanci provenienti dal Libano hanno danneggiato due case a Shtula, nel nord di Israele.

■ HOUTHI: l’esercito americano ha dichiarato di aver distrutto una nave drone in un’area dello Yemen controllata dagli Houthi.

■ NEI CAMPUS: La polizia in tenuta antisommossa è arrivata all’UCLA per interporsi tra i manifestanti filo-palestinesi e i contro-manifestanti filo-israeliani, dopo che martedì scorso sono scoppiati violenti scontri nell’ultima escalation delle proteste studentesche nei campus statunitensi.

Ore prima, la dirigenza dell’UCLA aveva dichiarato illegale l’accampamento filo-palestinese e aveva ordinato ai manifestanti di sgombrare l’area, minacciando azioni disciplinari per gli studenti che non si fossero conformati.

La Polizia dell’Arizona ha sparato ieri pomeriggio proiettili di gomma e al peperoncino contro manifestanti alla University of Arizona durante le proteste di gruppi di filo-palestinesi e filo-israeliani: lo ha reso noto il presidente dell’ateneo, Robert Robbins, come riporta la Cnn.

Almeno 19 persone sono state arrestate ieri pomeriggio all’Università del Texas, a Dallas, dopo che le forze dell’ordine hanno sgombrato un accampamento di manifestanti filo-palestinesi: lo riporta il Guardian, che cita un canale di notizie locale.

Arabia Saudita

La decisione di un tribunale saudita di condannare l’influencer del fitness Manahel al-Otaibi a 11 anni di prigione evidenzia quello che gli attivisti descrivono come una feroce repressione anche nei confronti dei discorsi online vagamente critici.

Negli ultimi due anni la magistratura saudita ha “condannato e inflitto lunghe pene detentive a decine di individui per le loro espressioni sui social media”, hanno affermato i gruppi per i diritti umani Amnesty International e ALQST in una dichiarazione congiunta.

Questi casi sono generalmente gestiti dalla Corte penale specializzata, istituita nel 2008 per processare sospetti accusati di terrorismo, e le autorità saudite spesso non si pronunciano in merito.

Ecco alcuni degli esempi recenti di più alto profilo:

Nurah al-Qahtani

Madre di cinque figli, Qahtani è stata arrestata nel luglio 2021 in gran parte in relazione a post critici su Twitter, secondo un documento di condanna fornito da Democracy for the Arab World Now (DAWN), un gruppo per i diritti con sede a Washington.

Inizialmente ha ricevuto una pena detentiva di sei anni e mezzo, ma i pubblici ministeri hanno fatto appello per una pena più dura e hanno ottenuto quello che desideravano, una pena di 45 anni emessa a metà del 2022.

L’account Twitter di Qahtani, come identificato nel documento di condanna, presenta numerosi post che criticano il governo e altri che avvertono di tentativi di arrestare coloro che stanno dietro le proteste pubbliche, che non sono tollerati in Arabia Saudita.

La corte ha ritenuto che Qahtani avesse utilizzato Twitter “per sfidare la religione e la giustizia” del re Salman e del principe ereditario Mohammed bin Salman, il 38enne sovrano de facto del regno, secondo il documento della sentenza.

Si dice anche che lei abbia incitato “le attività di coloro che cercano di disturbare l’ordine pubblico e destabilizzare la sicurezza della società e la stabilità dello Stato” “pubblicando tweet falsi e dannosi”.

Qahtani non aveva un grande profilo pubblico e non è chiaro come il suo account Twitter anonimo, che ha meno di 600 follower, abbia attirato l’attenzione delle autorità saudite.

Salma al-Shehab

Della minoranza sciita dell’Arabia Saudita governata dai sunniti, Shehab stava studiando per un dottorato in Gran Bretagna ed è stato arrestato nel gennaio 2021 mentre era in vacanza.

Nell’agosto 2022 è stata condannata a 34 anni dietro le sbarre per aver aiutato i dissidenti che cercavano di “disturbare l’ordine pubblico” nel regno trasmettendo i loro tweet.

Alla madre di due figli, che scriveva soprattutto sui diritti delle donne su un account con poche migliaia di follower, è stato anche vietato di viaggiare all’estero per altri 34 anni.

Secondo Amnesty, sia la pena che il divieto di viaggio sono stati successivamente ridotti a 27 anni ciascuno.

Dopo che la sentenza di Shehab è stata resa pubblica, l’Università di Leeds, dove studiava, ha dichiarato in un comunicato di essere “profondamente preoccupata” e di cercare di trovare modi per sostenerla.

Mohammed al-Ghamdi

Mohammed al-Ghamdi, critico del governo che ha denunciato presunte corruzione e violazioni dei diritti umani sui social media, è stato condannato a morte l’anno scorso.

Le accuse includono cospirazione contro la leadership saudita, indebolimento delle istituzioni statali e sostegno all’ideologia terroristica, hanno affermato fonti informate sui dettagli del verdetto.

Il caso contro di lui si basava almeno in parte su post che criticavano il governo ed esprimevano sostegno ai “prigionieri di coscienza” come i religiosi incarcerati Salman al-Awda e Awad al-Qarni, disse all’epoca il fratello di Mohammed, Saeed al-Ghamdi.

Mohammed al-Ghamdi, un insegnante in pensione sulla cinquantina, è stato arrestato nel giugno 2022.

Human Rights Watch ha dichiarato nell’agosto 2023 di aver visto documenti giudiziari che sostenevano che Ghamdi “prendeva di mira lo status del re e del principe ereditario” e che “la portata delle sue azioni è amplificata dal fatto che sono avvenute attraverso una piattaforma mediatica globale, rendendo necessario un punizione severa.”

In un’intervista con Fox News andata in onda nel settembre 2023, il principe Mohammed ha affermato di disapprovare la sentenza e ha sollevato la possibilità che a Ghamdi possa essere risparmiata la morte.

“Spero che nella prossima fase dei processi, il giudice sia più esperto. E potrebbero vedere la cosa in modo completamente diverso”, ha detto il principe Mohammed.

Manahel al-Otaibi

Otaibi, blogger e istruttrice di fitness di 29 anni, è stata arrestata nel novembre 2022.

I gruppi per i diritti sostengono che le forze dell’ordine l’hanno presa di mira per aver sfidato le leggi saudite sulla tutela maschile e i requisiti per le donne di indossare la consueta veste abaya che avvolge il corpo.

Il tribunale penale specializzato l’ha condannata a 11 anni di carcere il 9 gennaio, ma la sentenza è stata resa pubblica solo più tardi in una presentazione saudita ai relatori speciali delle Nazioni Unite che indagavano sul caso.

Quel documento, datato 24 gennaio e visto dall’AFP martedì, afferma che Otaibi “è stata condannata per reati terroristici che non hanno alcuna relazione con il suo esercizio della libertà di opinione ed espressione o con i suoi post sui social media”.

Turchia

La polizia è intervenuta con gas lacrimogeni contro alcuni manifestanti che hanno tentato di forzare una barriera formata dagli agenti per impedire ai dimostranti di marciare verso la centrale piazza Taksim di Istanbul, vietata per le celebrazioni del Primo Maggio.

Dopo le tensioni, i principali gruppi sindacali hanno deciso di non marciare verso piazza Taksim.

Oltre 160 attivisti che hanno tentato di raggiungere le zone vietate alle manifestazioni sono stati fermati e portati in caserma per accertamenti.

Kenya

Funzionari kenioti hanno dichiarato di aver iniziato l’evacuazione dei turisti abbandonati dalle inondazioni nella famosa Riserva Nazionale Maasai Mara, nella contea sud-occidentale di Narok.

Patrick Ntutu, governatore della contea di Narok, ha detto che due elicotteri sono stati schierati per salvare turisti e lavoratori nel Masai Mara.

Decine di turisti e gente del posto che lavorano in hotel, lodge e tende all’interno del Masai Mara sono scampati alla morte all’alba di mercoledì quando il fiume Talek, che attraversa il santuario della fauna selvatica, ha rotto gli argini dopo piogge torrenziali, causando una distruzione diffusa.

Secondo le statistiche del governo, il Kenya è alle prese con inondazioni che hanno causato la morte di 179 persone e lo sfollamento di oltre 190.000 persone.

Francia

Sette poliziotti sono rimasti feriti e poi ricoverati in ospedale in codice giallo per l’esplosione di un ordigno artigianale che è stato lanciato contro di loro durante la manifestazione del 1 maggio a Parigi.

Alcune tensioni, con tafferugli e cariche della polizia, sono state registrate subito dopo la partenza della manifestazione, che ha visto il fermo di una trentina di persone.

Regno Unito

Gli elettori in Inghilterra e Galles si recano oggi alle urne per eleggere sindaci e membri dei consigli locali, in quello che sarà inevitabilmente visto come un barometro per le prossime elezioni generali della Gran Bretagna.

Considerati i terribili numeri dei sondaggi del Partito conservatore e il cattivo umore del pubblico, si stanno già formando nubi temporalesche.

La questione non è se i conservatori perderanno seggi a favore del partito laburista – questa è una conclusione scontata per i sondaggisti – ma se le perdite supereranno le aspettative.

Un professore di politica alla London School of Economics ha suggerito che se i conservatori, che difendono 985 seggi in Inghilterra, riuscissero a contenere le loro perdite a meno di 500 seggi, i fedeli del partito probabilmente accetterebbero la battuta d’arresto.

Ma perdite più consistenti, ha detto, potrebbero scatenare uno spasmo di panico e persino mettere a repentaglio il lavoro del primo ministro Rishi Sunak.

Norvegia

Un uomo armato di due coltelli ieri sera ha inseguito diverse persone nel centro di Oslo. Una persona è rimasta ferita al braccio e portata in ospedale, in condizioni non gravi.

L’allarme è scattato alle 17.45, quando la polizia ha ricevuto molteplici telefonate ed è rapidamente intervenuta, arrestando l’uomo.

Il tutto è avvenuto al centro della capitale norvegese, poco lontano dal Palazzo reale.

I motivi che hanno spinto l’uomo all’attacco restano ignoti, ma secondo le prime informazioni non sarebbero legati al terrorismo.

Georgia

Almeno otto manifestanti sono rimasti feriti nella notte durante le proteste vicino al Parlamento di Tbilisi, in Georgia, contro il controverso disegno di legge sull’influenza straniera: lo ha reso noto il ministero della Sanità del Paese, come riporta Radio Free Europe.

Ucraina e Russia

Almeno 14 persone sono rimaste ferite in un attacco russo lanciato ieri sera sulla città di Odessa, nell’Ucraina meridionale.

Il ministero degli Affari Esteri ucraino ha annunciato che una portavoce generata dall’intelligenza artificiale (IA) avrà il compito di commentare gli affari consolari leggendo testi che dovranno comunque essere sempre redatti da esseri umani.

L’avatar risponde al nome di Victoria Shi, un nome che evoca la “vittoria” del suo paese nella guerra contro l’invasione russa e un cognome che semplicemente significa “IA” in ucraino.

Victoria Shi ha fattezze modellate su quelle della cantante e influencer ucraina Rosalie Nombre, ex concorrente della versione ucraina del reality show “The Bachelor”, nata a Donetsk, grande città dell’est occupata dalla Russia.

Le sue future dichiarazioni saranno pubblicate online e messe a disposizione dei giornalisti.

La scelta di una portavoce generata dall’IA mira anche a “risparmiare tempo e risorse al ministero”, ha detto il capo della diplomazia ucraina, Dmytro Kuleba.

Gli Stati Uniti hanno accusato la Russia di aver violato il divieto globale sulle armi chimiche utilizzando la cloropicrina, un agente soffocante, contro le truppe ucraine.

In uno sviluppo correlato, il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha annunciato sanzioni radicali volte a paralizzare le capacità militari e industriali della Russia.

Le sanzioni colpiscono quasi 300 entità in Russia, Cina e altri paesi accusati di sostenere l’invasione del presidente Vladimir Putin.

Le sanzioni statunitensi mirano a punire le aziende che aiutano Mosca ad acquisire armi per la sua guerra in Ucraina, e prendono di mira anche entità governative e aziende russe coinvolte nei programmi di armi chimiche e biologiche del paese.

Stati Uniti

La Florida ha introdotto da ieri uno dei divieti di aborto più severi negli Stati Uniti, già dopo sei settimane di gravidanza, in quello che il presidente Joe Biden ha definito “un incubo” innescato dal suo rivale elettorale e predecessore Donald Trump.

“Oggi in Florida entra in vigore un divieto estremo di aborto che vieta l’assistenza sanitaria riproduttiva prima ancora che molte donne sappiano di essere incinte”, ha lamentato Biden in una nota.

La nuova e severa legge della Florida sostituisce il precedente divieto fissato a 15 settimane e lascia le donne e le cliniche negli Stati Uniti del Sud a caccia di alternative.

La Florida era uno dei pochi Stati nella regione meridionale in cui il limite di tempo per abortire era ancora relativamente alto e molte donne si recavano lì per interrompere la gravidanza.

Colombia

La Colombia ha rotto le relazioni diplomatiche con Israele.

Lo ha annunciato il presidente Gustavo Petro, definendo il primo ministro Benyamin Netanyahu “un genocida” per quello che sta succedendo a Gaza.

In precedenza aveva sospeso gli acquisti di armi da Israele e aveva paragonato le azioni di quel paese a Gaza a quelle della Germania nazista.

“Se la Palestina muore, l’umanità muore e noi non la lasceremo morire”.

Il ministro degli Esteri israeliano Israel Katz ha rapidamente criticato i commenti di Petro sulla piattaforma X.

Storicamente, la Colombia è stata uno dei partner più stretti di Israele in America Latina.

Ma le relazioni tra le due nazioni si sono raffreddate da quando Petro è stato eletto primo presidente di sinistra della Colombia nel 2022.

Perù

Un terremoto 5.0 ha colpito il Perù centrale alle 2.16 GMT.

Brasile

Almeno 10 persone sono morte e altre 21 sono ritenute disperse a causa delle inondazioni provocate dalle piogge torrenziali nel sud del Brasile.

Nello Stato di Rio Grande do Sul, il più colpito, circa 3.300 persone in oltre 100 comuni sono state costrette ad abbandonare le loro case e la maggior parte è stata trasferita nei rifugi.

India

Un allarme bomba recapitato ieri mattina sulle email ufficiali di un centinaio di scuole di Delhi ha provocato caos e panico tra insegnanti e genitori.

Il Provveditorato agli studi ha fatto evacuare tutti gli istituti scolastici della capitale per consentire di eseguire i controlli negli edifici.

Il ministro degli Interni ha fatto sapere poi che le minacce non sono credibili e ha invitato a non farsi prendere dal panico.

Nel frattempo si è appreso che minacce analoghe erano arrivate negli ultimi due giorni negli aeroporti e in alcuni ospedali della città. Tutte le email erano anonime e non offrivano spiegazioni.

Cina

Il bilancio delle vittime del crollo di un’autostrada nella provincia del Guangdong, nel sud della Cina, è salito a 36, ​​hanno detto le autorità, aggiungendo che decine di altri sono rimasti feriti.

Il governo ha detto che 23 veicoli sono stati trovati in una fossa dopo che un tratto di autostrada lungo 17,9 metri ha ceduto intorno alle 2 del mattino [ora locale] di mercoledì.

Isole Salomone

I legislatori delle Isole Salomone hanno eletto oggi l’ex ministro degli Esteri Jeremiah Manele primo ministro in uno sviluppo che suggerisce che la nazione insulare del Pacifico meridionale manterrà stretti legami con la Cina .

Manele ha ottenuto 31 voti in uno scrutinio segreto tra 49 deputati che hanno vinto le elezioni generali del 17 aprile, ha detto il governatore generale David Vunagi, mentre Matthew Wale, che guidava l’opposizione nel precedente parlamento, ha ricevuto i restanti 18.

Ti potrebbe interessare anche:

E se credi in un giornalismo indipendente, serio e che racconta il mondo recandosi sul posto, puoi darci una mano cliccando su Sostienici


Opinioni dei Lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi con * sono obbligatori



[There are no radio stations in the database]