20 novembre 2023 – Notiziario Mondo

Scritto da in data Novembre 20, 2023

Ascolta il podcast

  • Gaza: evacuati neonati dall’ospedale di Al Shifa, morti altri tre giornalisti. Angelo Calianno in collegamento da Nablus
  • Argentina: vince le elezioni presidenziali l’ultraliberista Milei.
  • Liberia: Weah accetta la sconfitta presidenziale
  • India: da otto giorni bloccati in un tunnel, si pensa ad un nuovo piano di salvataggio.
  • La Russia designa il Moscow Times agente straniero.

Questo e molto altro nel notiziario di Radio Bullets, a cura di Barbara Schiavulli

Israele e Palestina

Nel quinto giorno di attività all’interno dell’ospedale Al-Shifa di Gaza City, l’esercito israeliano ha diffuso un video di quella che si dice fosse una sezione di 55 metri (180 piedi) di un tunnel fortificato che correva 10 metri sotto il complesso, cercando di rafforzare le sue accuse secondo cui Hamas lo avrebbe utilizzato come base per le sue operazioni militari. L’esercito israeliano ha anche diffuso un filmato che mostra due ostaggi portati all’interno dell’ospedale il 7 ottobre, poche ore dopo il raid di Hamas in Israele. Funzionari israeliani hanno detto di non sapere dove siano adesso i due ostaggi. Il New York Times ha verificato l’ubicazione del filmato come l’ospedale, ma non l’identità delle persone mostrate o l’orario.

Sul fronte ostaggi: Israele e Hamas sono vicini a raggiungere un accordo per sospendere i combattimenti per diversi giorni in modo che gli ostaggi possano essere rilasciati, ma Jon Finer, vice consigliere per la sicurezza nazionale del presidente Biden, ha avvertito che “nulla è concordato finché non sarà concordato tutto”. La prova di un vasto centro di comando di Hamas sotto l’ospedale deve ancora essere rivelata. Hamas ha negato le accuse di utilizzo di infrastrutture civili, inclusi edifici residenziali, moschee e ospedali, per nascondere le sue fortificazioni militari e i centri di comando. Il gruppo afferma che Israele sta commettendo crimini di guerra prendendo di mira i centri civili.

Almeno 30 bambini prematuri sono stati evacuati ieri dall’ospedale principale di Gaza e saranno trasferiti in strutture in Egitto, ha detto il ministero della sanità di Gaza, mentre decine di altri pazienti gravemente feriti sono rimasti bloccati da giorni dopo che le forze israeliane sono entrate nel complesso. Il destino dei neonati dell’ospedale Shifa ha catturato l’attenzione mondiale dopo la diffusione di immagini che mostravano i medici che cercavano di tenerli al caldo. Un blackout elettrico ha spento le incubatrici e altre attrezzature, e cibo, acqua e forniture mediche sono finite mentre le forze israeliane combattevano i militanti palestinesi fuori dall’ospedale.

Un team dell’Organizzazione Mondiale della Sanità che ha visitato l’ospedale sabato ha detto che 291 pazienti sono ancora lì, tra cui 32 bambini in condizioni estremamente critiche, pazienti traumatizzati con ferite gravemente infette e altri con lesioni spinali che non sono in grado di muoversi. Medhat Abbas, portavoce del ministero, ha confermato l’evacuazione dei bambini in una telefonata all’Associated Press, senza fornire ulteriori dettagli. Non ci sono stati commenti immediati da parte dell’OMS e non è chiaro se tutti i bambini siano stati evacuati. Sottolineando i pericoli degli spostamenti all’interno dell’enclave costiera, Medici Senza Frontiere ha affermato che sabato un convoglio di veicoli chiaramente segnalati che trasportavano personale e le loro famiglie, è stato colpito da fuoco nella città di Gaza. Un parente di un membro dello staff è stato ucciso e un’altra persona è rimasta ferita, ha detto il gruppo umanitario. Circa 2.500 sfollati, pazienti mobili e personale medico hanno lasciato l’ospedale di Shifa sabato mattina, ha affermato l’OMS. Rimangono 25 membri del personale medico, insieme ai pazienti. “I pazienti e il personale sanitario con cui hanno parlato erano terrorizzati per la loro sicurezza e salute e hanno chiesto l’evacuazione”, ha detto l’organizzazione, descrivendo Shifa come una zona mortale.

Le truppe israeliane che hanno sostato presso l’ospedale e ne hanno perquisito i terreni per giorni affermano di aver trovato pistole e altre armi, e hanno mostrato ai giornalisti l’ingresso di un tunnel. L’AP non ha potuto verificare in modo indipendente le scoperte di Israele. Altrove nel nord di Gaza, decine di persone sono state uccise sabato nel campo profughi urbano di Jabaliya quando quello che i testimoni hanno descritto come un attacco aereo israeliano ha colpito un affollato rifugio delle Nazioni Unite. “Le scene erano terrificanti. A terra c’erano cadaveri di donne e bambini. Altri gridavano aiuto”, ha detto al telefono Ahmed Radwan, che era tra i feriti. Le foto AP di un ospedale locale mostravano più di 20 corpi avvolti in lenzuola macchiate di sangue.

L’esercito israeliano, che ha ripetutamente invitato i palestinesi a lasciare il nord di Gaza, ha affermato soltanto che le sue truppe erano attive nella zona “con l’obiettivo di colpire i terroristi”. Raramente commenta i singoli bombardamenti. Sono stati segnalati pesanti scontri nel campo di Jabaliya dalla notte alla domenica. “C’era il rumore costante degli spari e dei bombardamenti dei carri armati”, ha detto al telefono Yassin Sharif, che si trova rifugiato in un ospedale gestito dalle Nazioni Unite nel campo. “È stata un’altra notte di orrore”. Sabato nel sud di Gaza, un attacco aereo israeliano ha colpito un edificio residenziale vicino alla città di Khan Younis, uccidendo almeno 26 palestinesi, secondo un medico dell’ospedale dove sono stati portati i corpi. Medici Senza Frontiere ha detto che sabato i membri dello staff e le loro famiglie stavano cercando di evacuare il nord di Gaza in un convoglio chiaramente segnalato, ma sono tornati indietro dopo che gli spari hanno risuonato in un affollato posto di blocco israeliano. Sulla via del ritorno il convoglio è stato attaccato, si legge, senza identificare gli aggressori.

Secondo le autorità sanitarie palestinesi, più di 13mila palestinesi sono stati uccisi, tra cui 5.500 minorenni e 3500 donne. Altri 2.700 risultano dispersi, ritenuti sepolti sotto le macerie. Il conteggio non fa distinzione tra civili e combattenti; Israele, dal canto suo afferma di aver ucciso migliaia di militanti.

Il capo di un’importante istituzione mediatica di Gaza e altri due giornalisti sono stati uccisi durante il fine settimana durante l’offensiva israeliana nel territorio, hanno detto domenica i loro parenti, aggiungendosi alle dozzine di reporter morti nel conflitto durato sei settimane. Il Comitato per la protezione dei giornalisti (CPJ) con sede a New York ha affermato che le morti del fine settimana hanno portato a 48 il numero di giornalisti e operatori dei media che aveva confermato uccisi nella regione dall’attacco di Hamas contro Israele del 7 ottobre e dalla successiva offensiva israeliana.
Il CPJ, la cui lista comprende i giornalisti uccisi su entrambi i lati del conflitto, sebbene la maggior parte sia stata a Gaza, ha affermato che cerca almeno due fonti per verificare ogni morte. L’elenco delle persone uccise comprende 43 palestinesi, quattro israeliani e un libanese. ieri, Belal Jadallah, giornalista e capo del consiglio della Press House-Palestine, un’organizzazione non governativa, è stato ucciso e suo cognato farmacista è rimasto gravemente ferito, hanno detto alla Reuters sua sorella e altri parenti. Oltre a Jadallah, due giornalisti freelance – Hassouna Sleem e Sary Mansour – sono stati uccisi sabato in un attacco israeliano al campo profughi di Bureij, nel centro della Striscia di Gaza, hanno detto i loro parenti e funzionari sanitari palestinesi. I funzionari sanitari hanno detto che 17 persone sono morte nell’incidente.

Il bilancio delle vittime palestinesi delle forze israeliane in Cisgiordania continua ad aumentare dal 7 ottobre. Tra venerdì e sabato, le forze israeliane hanno ucciso 12 palestinesi, mentre la campagna di arresti israeliana in Cisgiordania ha raggiunto i 2.800 palestinesi detenuti.

Una mattina a Jenin

Un elicottero militare israeliano ha sparato e “colpito” i partecipanti al festival musicale Nova nel sud di Israele durante l’attacco di Hamas del 7 ottobre, ha riferito sabato Haaretz , citando un’indagine della polizia sull’incidente. Nel rapporto si legge: “Secondo una fonte della polizia, l’indagine indica anche che un elicottero da combattimento dell’IDF che è arrivato sulla scena e ha sparato contro i militanti e a quanto pare ha colpito anche alcuni partecipanti al festival”.
L’indagine della polizia ha anche scoperto che è improbabile che i combattenti di Hamas che hanno attaccato Israele fossero a conoscenza dello svolgimento del festival musicale e abbiano deciso di attaccarlo spontaneamente. A rafforzare la tesi è il fatto che il festival era originariamente previsto per giovedì e venerdì ed è stato approvato solo successivamente per continuare fino a sabato 7 ottobre.
Nell’articolo per Haaretz è l’ultima prova che indica che l’esercito israeliano è stato responsabile di alcune delle vittime civili occorse il 7 ottobre e dei combattimenti che seguirono nei giorni successivi all’attacco iniziale di Hamas. Un articolo di The Grayzone ha raccolto prove dai media israeliani, incluso un articolo del quotidiano Yedioth Aharanoth secondo cui i piloti di elicotteri avevano “enormi difficoltà” a distinguere i combattenti di Hamas dagli israeliani sul campo. “L’esercito di Hamas, a quanto pare, ha deliberatamente creato difficoltà ai piloti di elicotteri e agli operatori degli UAV”, si legge nel rapporto Yedioth Aharanoth . “È diventato chiaro che negli ultimi briefing alle forze d’invasione, è stato chiesto di camminare lentamente negli insediamenti e negli avamposti o al loro interno, e in nessuna circostanza di correre, per far credere ai piloti che fossero israeliani”. L’articolo di Yedioth Aharanoth afferma che i piloti hanno deciso comunque di sparare. “Solo intorno alle 9 del mattino alcuni di loro hanno cominciato a sparare sui terroristi da soli, senza l’autorizzazione dei superiori”, si legge nell’articolo.

Un funzionario israeliano ha chiesto la completa distruzione di Gaza. Il vicepresidente della Knesset Nissim Vaturi ha affermato: “Siamo troppo umani. Brucia Gaza adesso!”.

Sul fronte internazionale, ministri arabi e musulmani hanno chiesto oggi un cessate il fuoco immediato a Gaza, mentre una loro delegazione ha visitato Pechino nella prima tappa di un tour per spingere per la fine delle ostilità e per consentire l’arrivo degli aiuti umanitari nel territorio. La delegazione, che incontrerà i funzionari che rappresentano i membri permanenti del Consiglio di Sicurezza dell’ONU, sta anche esercitando pressioni sull’Occidente affinché respinga la giustificazione israeliana delle sue azioni contro i palestinesi come legittima difesa. Oggi i funzionari che hanno incontrato il massimo diplomatico cinese Wang Yi provengono, tra gli altri, dall’Arabia Saudita, dalla Giordania, dall’Egitto, dall’Indonesia, dalla Palestina e dall’Organizzazione per la Cooperazione Islamica. Il vertice  congiunto arabo-islamico tenutosi questo mese a Riad ha anche esortato la Corte penale internazionale a indagare sui “crimini di guerra e contro l’umanità che Israele sta commettendo” nei territori palestinesi.

L’Arabia Saudita ha cercato di fare pressione sugli Stati Uniti e su Israele per la fine delle ostilità a Gaza, e il principe ereditario Mohammed bin Salman, sovrano de facto del regno, ha riunito leader arabi e musulmani per rafforzare quel messaggio. Il vertice ha inoltre chiesto la fine dell’assedio di Gaza, l’accesso agli aiuti umanitari e la sospensione della vendita di armi a Israele.

Restiamo all’estero, una nave mercantile proveniente dalla Turchia, diretta in India, è stata dirottata domenica dai ribelli Houthi dello Yemen nel Mar Rosso, ha riferito l’Associated Press. I 25 membri dell’equipaggio della nave sono stati presi in ostaggio. Gli Houthi, sostenuti dall’Iran, hanno affermato di aver preso la nave perché collegata con Israele. Continueranno a prendere di mira le navi collegate o possedute da Israele in acque internazionali fino alla fine della guerra di Israele a Gaza, hanno affermato. Rivolgendosi a X, le forze di difesa israeliane hanno confermato il dirottamento e lo hanno definito “un incidente molto grave di conseguenze globali”.

L’ufficio del primo ministro israeliano ha precisato che la nave è di proprietà di una compagnia britannica e gestita da una compagnia giapponese.

Tuttavia, i registri del database marittimo pubblico mostrano che il proprietario della nave è associato alla Ray Car Carriers, fondata da Abraham “Rami” Ungar, uno degli uomini più ricchi di Israele, secondo l’Associated Press.

Il Parlamento norvegese adotterà una risoluzione in cui chiede al governo di essere pronto a riconoscere uno Stato palestinese “indipendente”.

Nigeria

Più di 4.000 detenuti in Nigeria sono stati rilasciati due giorni fa come parte di un processo di decongestionamento delle carceri del Paese. Lo ha annunciato il ministro degli Interni Olubunmi Tunji-Ojo. “Abbiamo annunciato il rilascio di 4.068 prigionieri (…) detenuti a causa della loro incapacità di pagare le multe”, ha scritto il ministro in un messaggio pubblicato su X dopo aver visitato il centro di detenzione. La decisione rientra nel processo di decongestionamento delle carceri sovraffollate della Nigeria voluto dal presidente nigeriano Bola Ahmed Tinubu. Il Capo dello Stato intende inoltre integrare nuove pratiche all’interno del sistema carcerario, in particolare l’attivazione di misure non detentive. In Nigeria, le Nazioni Unite deplorano un tasso di sovrappopolazione del 147% dovuto al ricorso eccessivo alla custodia cautelare. I detenuti spesso aspettano diversi anni prima di essere processati.

Senegal

Venerdì la più alta corte del Senegal ha vietato al leader dell’opposizione detenuto Ousmane Sonko di candidarsi alla presidenza all’inizio del prossimo anno, ribaltando una decisione che lo avrebbe reintegrato nelle liste elettorali del paese dell’Africa occidentale.

La battuta d’arresto legale per il politico  è arrivata lo stesso giorno in cui un tribunale regionale dell’Africa occidentale, ha archiviato il suo caso chiedendo la sua reintegrazione. Sonko è stato recentemente riportato in una prigione di Dakar dopo essere stato ricoverato in ospedale per diverse settimane durante uno sciopero della fame. Il governo del Senegal ha formalmente sciolto il partito politico di Sonko all’inizio di quest’anno e ha cancellato la sua registrazione come elettore dopo che era stato condannato per corruzione di giovani. I suoi seguaci sostengono che le accuse erano motivate politicamente e miravano a far deragliare la sua candidatura alle elezioni di febbraio.

Liberia

Il presidente liberiano George Weah ha ammesso la sconfitta dopo che i risultati provvisori del ballottaggio mostravano che lo sfidante Joseph Boakai lo aveva battuto di poco più di un punto percentuale. I funzionari elettorali hanno affermato che con il 99,58% dei voti contati dalle elezioni di martedì, Boakai era in testa, con il 50,89% contro il 49,11% di Weah. I risultati sono stati un’inversione drammatica rispetto alle elezioni di sei anni fa, quando Weah aveva battuto facilmente Boakai al secondo turno.

Francia

Un senatore francese è sotto inchiesta con l’accusa di aver drogato un collega parlamentare con l’intento di aggredirla sessualmente.

Austria

Il governo austriaco trasformerà la casa natale di Adolf Hitler in una stazione di polizia.

Armenia

 Un’esplosione ha scosso venerdì un edificio universitario nella capitale armena, Yerevan, uccidendo una persona e ferendone altre tre, hanno detto le autorità. Il ministero dell’Interno ha affermato che l’esplosione è avvenuta nel seminterrato del dipartimento di chimica dell’Università statale di Yerevan. Una persona è morta e altre tre sono state ricoverate in ospedale con ustioni e altre ferite, hanno detto i funzionari sanitari, aggiungendo che uno è in gravi condizioni. Le autorità stanno indagando sulle cause dell’esplosione.

Russia

Il ministero della Giustizia russo ha designato il quotidiano online in lingua inglese e russa The Mosca Times, un “agente straniero”, ha riferito la pubblicazione. La designazione di “agente straniero” impone ai media e ai giornalisti designati di inserire una dichiarazione di non responsabilità sugli articoli che pubblicano e impone rigorosi requisiti di rendicontazione finanziaria e di auto-divulgazione.

In una dichiarazione riportata dai media russi, il Ministero della Giustizia ha accusato il Moscow Times di diffondere informazioni inesatte sulle decisioni prese dalle autorità, creando così quella che ha definito un’immagine negativa della Russia. Il Moscow Times ha affermato sul suo sito web che la legislazione sugli “agenti stranieri” è stata “utilizzata in modo sproporzionato per prendere di mira giornalisti, attivisti e ONG indipendenti negli ultimi anni”.

Stati Uniti

L’ex First Lady degli Stati Uniti Rosalynn Carter è morta all’età di 96 anni. Rosalynn Carter è stata sposata al presidente Jimmy Carter per 77 anni. Carter era conosciuta soprattutto per il suo lavoro post-Casa Bianca, poiché lei e suo marito difendevano i diritti umani, la democrazia e le questioni sanitarie in tutto il mondo, il tutto mantenendo un’immagine pubblica particolarmente umile. Venerdì aveva raggiunto il marito nelle cure domiciliari dell’hospice dopo che le era stata diagnosticata la demenza a maggio.

Repubblica Dominicana

Almeno 21 persone, tra cui tre bambini, sono morte dopo che forti piogge hanno inondato la Repubblica Dominicana durante il fine settimana, hanno detto ieri le autorità, avvertendo che le piogge erano collegate al peggioramento dei cambiamenti climatici. Tempeste torrenziali delle ultime 48 ore hanno causato inondazioni, danneggiato infrastrutture e fatto crollare case nella nazione caraibica, in quello che il presidente Luis Abinader ha definito il “più grande evento piovoso mai avvenuto” nella storia del paese. “Chi non crede al cambiamento climatico , cominci a crederci”, ha detto Abinader, che ha parlato di danni “estesi e sostanziali”, senza però fornire cifre precise. Si prevede che le piogge, provenienti da una depressione tropicale, continueranno su parti del paese per le prossime 24 ore, ha detto l’ambasciata americana in un’allerta meteo.

Argentina

L’ultraliberista di destra Javier Milei é il nuovo presidente eletto dell’Argentina. Con l’86% dei voti scrutinati l’anarcocapitalista ha vinto col 56% il ballottaggio contro il candidato peronista progressista Sergio Massa (44,04%), in un’elezione storica e cruciale per il Paese.  “Oggi inizia la fine della decadenza argentina. Iniziamo la ricostruzione e a voltare la pagina della nostra storia. Riprendiamo il cammino che non avremmo mai dovuto perdere. Finisce il modello dello stato che impoverisce e benedice solo alcuni mentre la maggioranza soffre. E’ una notte storica, torniamo ad abbracciare l’idea della libertà”, ha detto il nuovo capo dello Stato nel suo primo discorso.  Milei assumerà il suo mandato il 10 dicembre, proprio nel quarantesimo anniversario della democrazia dall’ultima dittatura militare. Alcune ore prima in un drammatico discorso, Massa aveva ammesso la sconfitta abbandonando la scena mentre era ancora in corso lo spoglio delle schede.

Brasile

La colonnina di mercurio a Rio de Janeiro segna ogni giorno un nuovo record: sabato Alerta Rio ha registrato alle 11:05 la temperatura di 43,8ºC, con l’indice di calore che ha raggiunto i 59,7 gradi. La cantante americana Taylor Swift ha annullato il suo concerto dopo che la sera precedente una sua giovane fan era morta per un arresto cardiaco provocato dalla disidratazione e dal caldo eccessivo.

India

I soccorritori impegnati nella corsa contro il tempo per salvare i 41 operai indiani intrappolati da domenica scorsa in un tunnel stradale in costruzione nello stato nordorientale dell’Uttarakhand stanno valutando di utilizzare un nuovo metodo per aprire la via di fuga.  Da venerdì notte è stato bloccato lo scavo in orizzontale con il quale si cercava di inserire un tubo di 90 centimetri nei detriti precipitati dal soffitto; lo scavo è stato interrotto e mai più ripreso, dopo che una serie di rumorosi scricchiolii hanno suscitato il timore che la volta del tunnel potesse crollare e complicare la situazione.  I soccorritori sono in costante contatto con gli uomini imprigionati nel tunnel, con i quali comunicano attraverso un sottile tubo di acciaio, che permette anche di far arrivare loro cibo, bevande e medicine.

Maldive

Il nuovo presidente delle Maldive, Mohamed Muizzu , ha affermato che rimuoverà il personale militare straniero dal Paese, ribadendo il suo sostegno alla partenza di una piccola forza indiana dall’arcipelago dell’Oceano Indiano, dove India e Cina si contendono l’influenza. Venerdì, al suo insediamento, Muizzu – considerato più filo-cinese rispetto al suo predecessore Ibrahim Mohamed Solih, che aveva cercato legami più stretti con l’India – ha affermato che avrebbe perseguito scambi commerciali con entrambe le nazioni.

Incidenti stradali

E concludiamo con una notizia che riguarda il mondo: Ricordare, sostenere, agire”. E’ questo lo slogan della campagna lanciata dalle Nazioni Unite, in occasione della Giornata Mondiale del ricordo delle vittime della strada, che vuole ottenere giustizia per chi è stato coinvolto in un incidente stradale e per i suoi familiari.  Ogni anno nel mondo, secondo i dati Onu, sono 1,3 milioni le vittime della strada e gli incidenti stradali risultano essere la prima causa di morte tra i 5 e i 29 anni. Pedoni, ciclisti e motociclisti, sono considerati “utenti vulnerabili della strada” e rappresentano la metà di tutte le persone coinvolte negli incidenti stradali mortali in tutto il mondo. La percentuale di utenti vulnerabili della strada è più elevata nei paesi a basso reddito che in quelli ad alto reddito soprattutto quelli che vivono nei paesi in via di sviluppo.

Ti potrebbe interessare anche:

E se credi in un giornalismo indipendente, serio e che racconta il mondo recandosi sul posto, puoi darci una mano cliccando su Sostienici


Opinioni dei Lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi con * sono obbligatori



[There are no radio stations in the database]