21 agosto 2023 – Notiziario Mondo

Scritto da in data Agosto 21, 2023

Ascolta il podcast

  • HRW: soldati sauditi colpevoli di uccisione di massa di migranti etiopi.
  • Afghanistan: OCHA: in due anni, uccisi 38 operatori umanitari.
  • Ecuador al ballottaggio, elezioni tranquille, in collegamento Giunio Santini
  • Somalia: vietato TikTok e Telegram.
  • Egitto: arrestato un giornalista egiziano e invece rilasciato un noto attivista per i diritti umani, Ahmed Douma.
  • Haiti: dal primo gennaio a causa della violenza delle gang sono più di 2400 i morti.

Questo e molto altro nel notiziario di Radio Bullets, a cura di Barbara Schiavulli

Afghanistan

Il coordinatore umanitario dell’OCHA per l’Afghanistan, ha affermato che negli ultimi due anni sono stati uccisi 38 lavoratori. Daniel Endres ha affermato che la maggior parte di loro erano vaccinatori di poliomielite e sminatori in Afghanistan.

“Salutiamo il loro coraggio e celebriamo la loro dedizione al servizio dell’umanità, ci prendiamo anche un momento per fermarci a riconoscere quegli operatori umanitari che hanno perso la vita e sono stati feriti, rapiti, arrestati o rimangono in cattività o detenzione… 38 operatori sono stati uccisi durante l’ultimo due anni, molti dei quali erano vaccinatori e sminatori antipolio”. Ha detto Daniel Endres.

“Il governo talebano, che è attualmente al potere, ha l’obbligo legale di garantire la sicurezza degli operatori umanitari e di coloro che sono impegnati nella distribuzione degli aiuti al popolo afghano”, ha affermato Asadullah Nadim, analista militare.

Nonostante la mancanza di fondi per gli aiuti umanitari in Afghanistan, lo scorso anno i dipendenti delle Nazioni Unite hanno fornito aiuti umanitari a più di 26 milioni di persone in 401 distretti dell’Afghanistan.

Pakistan

La polizia di Islamabad ha arrestato l’attivista per i diritti umani Imaan Zainab Mazari-Hazir e l’ex parlamentare Ali Wazir per “interferenza negli affari di stato, organizzazione di un sit-in e resistenza”, dopo essersi mobilitati contro le sparizioni forzate in Pakistan, secondo Geo Tv. Tre giorni fa, i due arrestati avevano partecipato a una manifestazione pubblica organizzata da nazionalisti pashtun che criticano il potente apparato militare del Paese, condannando le molestie contro i pashtun e chiedendo il ritorno delle persone scomparse. “Le persone in uniforme (dell’esercito) sono coinvolte dietro gli episodi di terrorismo nel Paese”, ha denunciato Imaan Mazari dal palco.

Arabia Saudita

Centinaia di migranti etiopi e richiedenti asilo che hanno cercato di attraversare il confine sono stati uccisi dalle guardie saudite tra marzo 2022 e giugno 2023.

“Ho visto persone uccise in un modo che non avrei mai immaginato”. Lo scorso febbraio, la quattordicenne Hamdiya stava cercando di attraversare il confine tra Yemen e Arabia Saudita con un gruppo di 60 persone quando ha sentito gli spari. “Ho visto 30 persone uccise sul colpo”.

Dopo aver assistito alla scena, Hamdiya era sotto shock. “Non so cosa sia successo dopo”, ha detto. “Potevo sentire le persone che dormivano intorno a me. Poi ho capito che in realtà erano cadaveri.

La sua testimonianza fa parte dell’ultimo rapporto di Human Rights Watch (HRW) sulle presunte uccisioni di massa di migranti al confine tra Yemen e Arabia Saudita da parte delle guardie di frontiera saudite. L’indagine suggerisce che gli abusi sistematici contro gli etiopi possono costituire crimini contro l’umanità.

Centinaia di migranti etiopi e richiedenti asilo che attraversavano il confine sono stati uccisi tra marzo 2022 e giugno 2023.

Hamdiya ora può raccontare la sua storia dalla capitale yemenita, Sana’a, dove è arrivata con l’aiuto di altri migranti. Sebbene sia sopravvissuta all’attacco, dice di essere psicologicamente segnata.

“Adesso non riesco a dormire. Durante la notte ho tanta paura. Preferisco che le persone stiano sveglie e parlino con me”. Altre dieci persone intervistate da HRW hanno stimato che su 11 tentativi di attraversamento con un totale di 1.278 migranti, hanno visto almeno 655 morti. Uno dei sopravvissuti ha spiegato che del suo gruppo di oltre 170 persone, 90 sono state uccise: “Alcuni sono tornati in quel luogo per raccogliere i cadaveri”.

Il rapporto afferma che le guardie di frontiera saudite hanno usato “armi esplosive” per uccidere molti migranti a distanza ravvicinata, comprese donne e bambini. Secondo i risultati di HRW, in una serie di situazioni, le guardie di frontiera saudite hanno chiesto ai migranti quale parte del loro corpo sparare, e poi hanno sparato loro a distanza ravvicinata. Hanno anche sparato armi esplosive contro i migranti che cercavano di fuggire nello Yemen.

Tutto questo mentre l’Arabia Saudita ha “investito pesantemente per distogliere l’attenzione dal suo abissale record di diritti umani in patria e all’estero”, spendendo miliardi di dollari in grandi eventi di intrattenimento, culturali e sportivi.

Egitto

Le forze di sicurezza egiziane hanno arrestato un giornalista locale che aveva coperto una notizia dell’ultima ora che vedeva coinvolti cinque funzionari egiziani a bordo di un aereo privato sequestrato dalle autorità dello Zambia all’inizio di questa settimana. Le forze hanno arrestato Karim Assaad nella notte di venerdì dalla sua casa ad al-Shorouk, una città satellite nella zona orientale del Cairo, secondo quanto riferito da Mada Masr . Le forze hanno anche chiesto ad Assaad di accedere ai resoconti dell’agenzia di stampa Matsada2sh – dove sono stati pubblicati i suoi rapporti – e di cancellare due articoli relativi all’identità degli egiziani sull’aereo sequestrato in Zambia. Secondo gli articoli, l’aereo era stato caricato con milioni di dollari in contanti, oro e armi. I dettagli affermavano che un maggiore dell’esercito egiziano era stato a bordo dell’aereo, insieme a molti altri funzionari egiziani.

Il famoso attivista egiziano  Ahmed Douma è stato liberato dalla prigione sabato dopo aver ottenuto la grazia presidenziale, dopo più di 10 anni di detenzione. Tarek Elawady, un membro del comitato presidenziale per la grazia, ha affermato che Douma era tra i 30 prigionieri che erano stati graziati dal presidente Abdel Fattah el-Sisi. Le foto di Douma fuori dalla  prigione di Badr dopo il suo rilascio sono state ampiamente diffuse sui social media. Douma, figura di spicco della rivoluzione egiziana del 2011 che ha rovesciato l’autocrate Hosni Mubarak, è stato arrestato nel dicembre 2013 durante un giro di vite contro gli attivisti in seguito alla rimozione del presidente democraticamente eletto Mohamed Morsi da parte dei militari, allora guidati da Sisi prima che prendesse il potere. Nel 2019, la massima corte d’appello egiziana ha condannato il poeta e scrittore a 15 anni di carcere, riducendo una precedente condanna a 25 anni emessa nel 2015, in un processo descritto da Amnesty International come “gravemente ingiusto e politicamente motivato”. Douma, che ora ha 37 anni, è stato accusato di scontri con le forze di sicurezza, riunioni illegali e vandalismo di proprietà del governo, compresi il gabinetto e gli edifici del parlamento. È stato anche multato di sei milioni di sterline egiziane ($ 372.000 all’epoca). Amnesty International ha affermato che Douma è stato sottoposto a tortura, negligenza medica e isolamento prolungato per oltre quattro anni, tra dicembre 2013 e gennaio 2020.

Niger

La delegazione della Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale (Ecowas) giunta ieri a Niamey per cercare di trovare una soluzione diplomatica alla crisi in Niger ha incontrato il deposto presidente Mohamed Bazoum, tenuto prigioniero dal golpe del 26 luglio. Lo ha riferito una fonte dell’organizzazione regionale. Bazoum “ha il morale alto”, ha assicurato la fonte. L’incontro è stato confermato da un giornalista dell’agenzia di stampa nigerina, presente pomeriggio al palazzo presidenziale durante la visita della delegazione.

Somalia

Il ministro delle comunicazioni e della tecnologia ha deciso ieri di vietare l’uso delle piattaforme di social media tik tok e telegram, nonché la piattaforma di scommesse online 1XBET. Il divieto arriva sulla scia di una conferenza sulla comunicazione, internet e sulla sicurezza dei social media, organizzata dal ministero che ha portato alla direttiva. Il ministero ha sottolineato l’importanza della decisione, citando l’impatto negativo delle piattaforme sulla vita dei giovani somali.

Svezia

La polizia svedese ha arrestato una donna che ha spruzzato con un estintore un attivista anti-islamico mentre questi organizzava una protesta contro il fuoco del Corano davanti all’ambasciata iraniana a Stoccolma. Il video della scena mostra la donna che si precipitava da Salwan Momika e gli spruzza polvere bianca prima di essere intercettata da agenti di polizia in borghese che l’hanno portata via. Momika, apparso stordito ma illeso venerdì, ha poi ripreso la sua manifestazione, che era stata autorizzata dalla polizia.

Ucraina e Russia

Danimarca e Paesi Bassi hanno promesso di fornire all’aeronautica militare ucraina circa 61 caccia F-16 di fabbricazione americana.

Il New York Times ha riferito venerdì che i funzionari statunitensi “temono” che l’Ucraina sia diventata “riluttante verso vittime” poiché i comandanti ucraini non hanno spinto così forte contro le difese della Russia come vorrebbero gli Stati Uniti a causa dell’elevato costo delle vite ucraine. Nelle ultime settimane, ci sono stati diversi rapporti che hanno rivelato la mancanza di preoccupazione da parte degli Stati Uniti e della NATO per le vite ucraine. Giovedì, il Washington Post ha riferito che i giochi di guerra statunitensi e britannici in vista della controffensiva dell’Ucraina prevedevano perdite elevate, ma “immaginavano che Kiev accettasse le vittime come il costo per sfondare la principale linea difensiva russa”.

Canada

Circa 30.000 persone hanno ricevuto l’ordine di lasciare le loro case nella British Columbia, nel Canada occidentale. Lo hanno detto funzionari provinciali, mentre i vigili del fuoco combattono il violento incendio che sta colpendo la città di Kelowna.

Haiti

Il bilancio arriva quando la violenza delle bande nella capitale di Haiti, Port-au-Prince, questa settimana ha provocato la morte di 30 residenti e il ferimento di oltre una dozzina. “Tra il 1° gennaio e il 15 agosto di quest’anno, almeno 2.439 persone sono state uccise e altre 902 ferite”, ha detto ai giornalisti a Ginevra la portavoce dell’Ufficio per i diritti delle Nazioni Unite, Ravina Shamdasani. Inoltre, ha detto, “951 persone sono state rapite” nello stesso periodo. E mentre cresce la rabbia per la violenza delle bande, ha avvertito che un aumento dei movimenti per la giustizia popolare e dei gruppi di autodifesa sta stimolando ulteriore violenza. “I diritti umani del popolo haitiano devono essere protetti e le loro sofferenze alleviate”, ha affermato. Haiti è stata impantanata per anni nell’intreccio di crisi economiche, di sicurezza e politiche. L’assassinio del presidente Jovenel Moise nel 2021 ha drammaticamente peggiorato la situazione, con le bande che hanno preso una presa sempre più forte.

Ecuador

In Ecuador, ha votato l’82,26% del corpo elettorale. Luisa González e Daniel Noboa si sfideranno per la presidenza al ballottaggio. Il ballottaggio si terrà il 15 ottobre.

Guatemala

Il candidato di centrosinistra, il sociologo e anticorruzione outsider Bernardo Arévalo vince il ballottaggio per presidenziali in Guatemala, con il 59,5% dei voti, contro la sua rivale, la conservatrice Sandra Torres, che ha raggiunto il 35,8%, quando le schede scrutinate sono il 95%.     Segna una vittoria sbalorditiva per l’ex diplomatico che ha rinvigorito una corsa che è stata afflitta da polemiche dopo che lo stato ha squalificato i candidati dell’opposizione che si erano espressi contro la corruzione, attirando le preoccupazioni dei gruppi per i diritti e degli alleati occidentali .

Thailandia

 Il Pheu Thai Party thailandese annuncerà più tardi lunedì un’alleanza di 14 partiti che cerca di formare il prossimo governo, ha detto il suo vice leader, prima del voto parlamentare di questa settimana su un nuovo primo ministro. I 14 partiti, di cui due alleati con i militari, si sono impegnati a sostenere il candidato di Pheu Thai Srettha Thavasin, Phumtham Wechayachai, ha detto ai giornalisti il ​​vice leader di Pheu Thai.

Corea del Nord

Il leader nordcoreano Kim Jong Un ha osservato il lancio di prova di missili da crociera strategici, secondo quanto riferito lunedì dai media statali, mentre le forze armate statunitensi e sudcoreane hanno dato il via a importanti esercitazioni annuali che il Nord vede come una prova per l’invasione.

Cina e Taiwan

UNA SETTIMA PERSONA È stata arrestata a Taiwan a seguito di un’indagine che si è allargata su un giro di spie cinesi che avrebbe fornito a Pechino informazioni militari sensibili. L’esistenza dell’indagine è stata rivelata nel gennaio di quest’anno, quando le autorità taiwanesi hanno annunciato l’arresto di un ufficiale militare in pensione e sei in servizio attivo, tutti accusati di spionaggio per conto della Cina.

Leggi anche

 


Continua a leggere

[There are no radio stations in the database]