27 dicembre 2023 – Notiziario Mondo

Scritto da in data Dicembre 27, 2023

Ascolta il podcast

  • Israele espande le operazioni a Gaza.
  • Brasile: arrestato capo di un’importante milizia.
  • Gli Stati Uniti hanno consegnato oltre 10 mila tonnellate di armi ad Israele dal 7 ottobre.
  • Panama colpita da una grave siccità.

Questo e molto altro nel notiziario di Radio Bullets, a cura di Barbara Schiavulli

Israele e Palestina

Ieri le forze israeliane hanno esteso la loro offensiva di terra ai campi profughi urbani nel centro di Gaza, dopo aver bombardato le affollate comunità palestinesi e ordinato ai residenti di evacuare. Il principale fornitore di telecomunicazioni di Gaza ha annunciato un’altra “completa interruzione” dei servizi nel territorio assediato. Ma entriamo più nel dettaglio.

L’annuncio da parte dell’esercito di una nuova zona di battaglia minaccia ulteriore distruzione in una guerra che secondo Israele durerà “molti mesi” mentre promette di schiacciare il gruppo militante di Hamas al potere dopo l’attacco del 7 ottobre.

  • Le forze israeliane sono state impegnate in pesanti combattimenti urbani nel nord di Gaza e nella città meridionale di Khan Younis, spingendo i palestinesi in aree sempre più piccole in cerca di rifugio.

I servizi internet e telefonici sono stati nuovamente interrotti nella Striscia di Gaza devastata dalla guerra, ha detto la società di telecomunicazioni palestinese Paltel.

  • La guerra di Israele contro il gruppo militante palestinese Hamas nella Striscia di Gaza durerà “ancora per molti mesi”, ha detto il capo dell’esercito israeliano Herzi Halevi

Il dottor Hamis al-Najar, membro del Consiglio legislativo di Hamas, è stato ucciso martedì nella sua casa di Khan Yunis in un bombardamento dell’IDF, hanno riferito rapporti a Gaza, secondo cui anche la moglie di al-Najar, due dei suoi figli e diversi nipoti sono stati uccisi nell’attacco.

  • Secondo il ministero della Sanità dell’enclave gestita da Hamas, almeno 20.915 persone sono state uccise  e  54.918 ferite  nel conseguente attacco israeliano alla Striscia di Gaza. Funzionari israeliani affermano che  1.139 persone sono state uccise  negli attacchi guidati da Hamas il 7 ottobre nel sud di Israele, tra cui 695 civili israeliani tra cui 36 minorenni.
  • Il ministro della Difesa Yoav Gallant ha detto in un’audizione alla Knesset che Israele è “in una guerra in più arene, fin dall’inizio siamo stati attaccati da sette fronti: Gaza, Libano, Siria, Israele, Iraq, Yemen e Iran”. Ha aggiunto che Israele ha agito su sei di questi fronti e che “chiunque agisca contro di noi è un potenziale obiettivo, non esiste immunità per nessuno”.

Il consigliere per la sicurezza nazionale statunitense Jake Sullivan si è incontrato ieri per discutere il passaggio “ad una fase diversa” della guerra tra Israele e Hamas con il ministro israeliano degli Affari strategici Ron Dermer, stretto collaboratore di Netanyahu ha detto un funzionario della Casa Bianca. La discussione arriva dopo che il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha approvato la scorsa settimana una risoluzione annacquata che chiede che gli aiuti vengano consegnati alla Striscia di Gaza “su larga scala”. I 2,4 milioni di abitanti di Gaza soffrono una grave carenza di acqua, cibo, carburante e medicine, e ricevono solo aiuti limitati.

Quattro donne incinte sono state uccise dai bulldozer israeliani a Tal al-Zaatar, a  Gaza ,  ha riferito Al Jazeera Arabic . Testimoni oculari hanno detto al giornalista di Al Jazeera Anas al-Sharif  che i corpi delle donne incinte sono stati investiti dai bulldozer e lasciati insepolti tra mucchi di altri corpi a Tal al-Zaatar. Secondo quanto riferito, le donne stavano alzando bandiere bianche mentre tentavano di raggiungere l’  ospedale Al-Awda quando sono state colpite dalle forze israeliane. 180 donne partoriscono ogni giorno a Gaza in condizioni sempre più disumane.

Gaza: niente acqua e privacy, ricorso a pillole per ritardare il ciclo

Le forze israeliane hanno radunato decine di civili palestinesi, compresi bambini e anziani, in un parco giochi nel nord di Gaza City, costringendoli a spogliarsi fino alle mutande, ha riferito l’agenzia di stampa Anadolu. In un video che circola sui social media, si vedono bambini e anziani palestinesi tenuti in custodia dalle forze di occupazione israeliane in un parco giochi dopo essere stati spogliati fino alle mutande.  Si vedono carri armati israeliani puntati contro civili palestinesi indifesi.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha detto lunedì in una riunione del suo partito Likud che sta lavorando per provocare l’espulsione dei palestinesi da Gaza e sta cercando paesi disposti ad “assorbirli”, ha riferito Israel Hayom . “Il nostro problema sono i paesi che sono pronti ad assorbirli, e ci stiamo lavorando”, ha detto Netanyahu . I suoi commenti sono l’ultimo segnale che l’obiettivo finale di Israele è ripulire Gaza dai suoi 2,3 milioni di residenti palestinesi. La scorsa settimana l’ambasciatrice americana all’Onu Nikki Haley ha affermato che i palestinesi di Gaza dovrebbero emigrare verso i paesi “pro-Hamas”.

Duecentoquarantaquattro aerei cargo americani e 20 navi hanno consegnato a Israele oltre 10.000 tonnellate di equipaggiamento militare dal 7 ottobre per sostenere il massacro di Gaza, ha riferito il canale 12 israeliano. Il sostegno degli Stati Uniti è stato cruciale per la capacità di Israele di continuare il suo implacabile bombardamento su Gaza. Il Washington Post ha riferito il 9 dicembre che, fino a quella data, Israele ha sganciato oltre 22.000 bombe fornite dagli Stati Uniti sulla Striscia di Gaza .

Questa mattina presto un’operazione israeliana in un campo profughi palestinese nel nord della Cisgiordania occupata ha provocato la morte di sei persone e il ferimento di diverse altre, secondo il ministero della Sanità palestinese. Secondo l’agenzia di stampa ufficiale palestinese Wafa, le sei persone sono state uccise dagli attacchi aerei israeliani sul campo profughi di Nur Shams vicino alla città di Tulkarem, dove erano dispiegati anche soldati israeliani.

Il Ministero della Sanità palestinese in Cisgiordania ha riferito che due persone ieri sono state uccise dal fuoco dell’IDF nel campo profughi di al-Fawar a sud di Hebron.

Tra qualche giorno Radio Bullets partirà per la Palestina, se volete sostenere il nostro prossimo reportage, potete andare su www.radiobullets.com/sostienici soprattutto se pensate che questa storia nel mainstream non è stata raccontata con la stessa prospettiva da entrambi i fronti.

Turchia

La commissione Esteri del parlamento turco ha approvato la candidatura della Svezia alla Nato. Lo ha dichiarato un parlamentare dell’opposizione all’AFP.
In questo modo, è stato eliminato un altro ostacolo per l’adesione di Stoccolma all’Alleanza atlantica. La candidatura svedese alla Nato dovrà ora passare al vaglio del parlamento, dove l’alleanza al governo del presidente Recep Tayyip Erdogan detiene la maggioranza dei seggi.

Repubblica Democratica del Congo

Almeno 22 persone sono morte ieri nella provincia centrale del Kasai del Congo, dove piogge torrenziali hanno distrutto le infrastrutture e causato inondazioni, hanno detto le autorità della città di Kananga. Una frana ha travolto case, chiese e strade, uccidendo intere famiglie e lasciando le persone senza casa.

“Il comune di Kananga è stato il più colpito”, ha detto a Reuters il governatore John Kabeya, aggiungendo che la pioggia è iniziata all’una di notte ora locale (12:00 GMT) ed è continuata fino alle 16:00 (15:00 GMT). Il governo provinciale in una nota ha dichiarato che condurrà un’indagine per determinare le ragioni dei danni materiali.

Ciad

I ciadiani hanno votato a favore di una nuova costituzione che, secondo i critici, potrebbe contribuire a consolidare il potere del leader militare Mahamat Idriss Deby.

Il referendum tenutosi all’inizio di questo mese è stato approvato dall’86% degli elettori, ha detto la commissione governativa che lo ha organizzato. L’affluenza alle urne è stata di circa il 64%.

Le autorità militari del Ciad hanno definito il voto un trampolino di lancio fondamentale verso le elezioni del prossimo anno – un ritorno al governo democratico promesso da tempo dopo aver preso il potere nel 2021, quando l’ex presidente Idriss Deby fu ucciso sul campo di battaglia durante un conflitto con i ribelli.

La nuova costituzione manterrà uno stato unitario, che il Ciad ha avuto sin dall’indipendenza, stabilendo al tempo stesso comunità autonome con assemblee locali e consigli di chiefdom tradizionali, tra gli altri cambiamenti.

Stati Uniti

Un ex soldato colombiano si è dichiarato colpevole di aver cospirato nell’assassinio del presidente haitiano Jovenel Moïse, avvenuto nel 2021, fatto che ha gettato la nazione caraibica nella violenza e nei disordini politici.

Mario Antonio Palacios s, 45 anni, si è dichiarato colpevole di tre accuse, tra cui associazione a delinquere per commettere omicidio o rapimento al di fuori degli Stati Uniti, durante una breve udienza davanti al giudice federale José E. Martínez. Seduto accanto al suo avvocato, Alfredo Izaguirre, Palacios ha risposto “Sì, vostro onore”, in spagnolo quando il giudice gli ha chiesto se si dichiarasse colpevole.

Palacios è il quinto degli 11 imputati a Miami a dichiararsi colpevole dell’assassinio del 2021. Nell’ambito di un accordo con i pubblici ministeri, ha accettato di collaborare alle indagini e di dichiararsi colpevole. Potrebbe finire in prigione a vita quando verrà condannato il 1° marzo, ma secondo l’accordo, i pubblici ministeri hanno ammesso che ha avuto un ruolo minore nel complotto.

Panama

La grave siccità causata da El Nino a Panama ha avuto un importante impatto sull’agricoltura locale e sull’allevamento di animali mentre il paese si avvia verso una stagione secca eccezionalmente più lunga l’anno prossimo con poche precipitazioni.

Il paese centroamericano ha un clima tropicale caldo e umido, con una lunga stagione delle piogge che dura circa sei mesi e una breve stagione secca che va da gennaio a marzo. Il paese dipende dalla stagione delle piogge per portare precipitazioni consistenti sul suo territorio, mentre la stagione secca è caratterizzata da scarse precipitazioni.

Brasile

Il capo della più grande milizia di Río de Janeiro, Luis Antonio da Silva Braga, detto ‘Zinho’, si è consegnato domenica alla polizia federale al termine di una “negoziazione” con le autorità locali. L’uomo, latitante dal 2018, è considerato il leader del gruppo paramilitare che controlla la Zona Ovest della città brasiliana.

La cattura di Zinho era l’obiettivo prioritario del governatore di destra, Cláudio Castro, che negli anni ha adottato la strategia del pugno di ferro contro la criminalità organizzata, arrivando a qualificare il boss della milizia come “nemico numero 1”. Si tratta di gruppi paramilitari, formati da agenti ed ex agenti corrotti della polizia, che si contendono con il narcotraffico i proventi delle estorsioni e del traffico di droga.

India

Ieri sera è avvenuta un’esplosione di bassa intensità vicino all’ambasciata israeliana a Delhi, ha detto il vice ambasciatore di Israele in India, Ohad Nakash Kaynar, riferendo all’ANI. Nessuno è rimasto ferito. La polizia di Delhi ha trovato schegge e cuscinetti a sfera sul posto, ha scritto The Indian Express. La polizia ha anche trovato una lettera di minaccia fuori dal Central Hindi Training Institute situato vicino all’ambasciata, ha riferito The Indian Express. 

La lettera, indirizzata all’ambasciatore israeliano, sarebbe stata scritta da un gruppo precedentemente sconosciuto chiamato Sir Allah Resistance. Di conseguenza il consiglio di sicurezza nazionale di Israele ha esortato i suoi cittadini in India a evitare di recarsi in luoghi affollati come centri commerciali e mercati e luoghi identificati come frequentati da persone provenienti da paesi occidentali, ebrei e israeliani.

Giappone

 Il governo giapponese ha approvato venerdì un forte aumento del 16% della spesa militare per il prossimo anno e ha allentato il divieto postbellico sulle esportazioni di armi letali, sottolineando un allontanamento dal principio di sola autodifesa del paese.

Le decisioni sono arrivate mentre il Giappone accelera lo spiegamento di missili da crociera a lungo raggio che possono colpire obiettivi in ​​Cina o Corea del Nord, mentre le truppe giapponesi lavorano sempre più con gli alleati e assumono ruoli più offensivi.

Australia

Almeno nove persone sono state uccise dopo che forti tempeste hanno colpito gli stati orientali dell’Australia durante le vacanze di Natale, abbattendo alberi e linee elettriche e lasciando decine di migliaia di famiglie senza elettricità.

La polizia e i servizi di soccorso negli stati di Victoria e Queensland hanno confermato la morte di nove persone, la più giovane delle quali, una bambina di nove anni, sarebbe stata travolta da un canale di scolo allagato alla periferia di Brisbane, la capitale del Queensland.

Ti potrebbe interessare anche:

E se credi in un giornalismo indipendente, serio e che racconta il mondo recandosi sul posto, puoi darci una mano cliccando su Sostienici

 


[There are no radio stations in the database]