27 novembre 2023 – Notiziario Mondo

Scritto da in data Novembre 27, 2023

Ascolta il podcast

  • Israele e Palestina: forse la tregua a Gaza verrà estesa di un giorno
  • Sierra Leone: Il presidente afferma che la calma è stata ripristinata
  • Messico: liberati tre giornalisti che erano stati rapiti.
  • India: la pioggia ostacola i soccorritori che cercano di raggiungere gli operai intrappolati nel tunnel.
  • Francia: comincia il processo di sei studenti per l’omicidio di un insegnante nel 2020.

Questo e molto altro nel notiziario di Radio Bullets, a cura di Barbara Schiavulli

Israele e Palestina

Hamas, il gruppo armato che controlla Gazaha rilasciato altri 17 ostaggi , tra cui una bambina di 4 anni, e ha affermato che cercherà di estendere un cessate il fuoco temporaneo con Israele. L’attuale pausa di quattro giorni terminerà oggi. Secondo il servizio carcerario israeliano, altri 39 palestinesi in custodia sono stati liberati domenica, per gli ex detenuti palestinesi, quasi tutti minori e donne, la maggior parte in detenzione amministrativa, quindi mai accusati o processati e per le cittadinanze e familiari, Israele ha imposto di non festeggiare in Cisgiordania.

Il cessate il fuoco ha rappresentato la pausa più lunga nei combattimenti a Gaza dal 7 ottobre, quando uomini armati di Hamas e altri gruppi militanti hanno lanciato un attacco mortale nel sud di Israele.

Israele ha detto che è pronto a concedere un altro giorno di pausa per ogni 10 ostaggi rilasciati da Hamas oltre i 50 previsti dall’accordo. Il Paese ha dichiarato in quell’accordo che avrebbe rilasciato 150 donne e minori palestinesi.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha visitato le truppe nella Striscia di Gaza. “Continueremo fino alla fine, fino alla vittoria”, ha promesso, aggiungendo: “Niente ci fermerà”.

A Gaza anche una lettura prudente delle cifre delle vittime mostra che il ritmo delle morti civili durante la campagna israeliana ha pochi precedenti in questo secolo , secondo gli analisti militari.

Notizie correlate:

Centinaia di manifestanti di Jewish Voice for Peace, che promuono un cessate il fuoco, hanno bloccato il ponte di Manhattan negli Stati Uniti .

Hamas ha affermato che quattro dei suoi comandanti sono stati uccisi nella guerra con Israele. Tra loro Ahmed al-Ghandour, responsabile della parte settentrionale di Gaza e membro del massimo consiglio militare. È il militante di grado più alto noto ad essere stato ucciso nei combattimenti. L’esercito israeliano ha confermato la morte. Al-Ghandour era sopravvissuto ad almeno tre attentati israeliani alla sua vita ed era stato coinvolto in un attacco transfrontaliero nel 2006 in cui militanti palestinesi catturarono un soldato israeliano, secondo il Counter Extremism Project, un gruppo di difesa con sede a Washington. L’esercito israeliano afferma di aver ucciso migliaia di militanti, senza fornire prove.

Praticamente senza carburante né carbone, le famiglie nella Gaza assediata stanno bruciando porte e infissi per cucinare ciò che riescono a racimolare e sono a caccia disperatamente di cibo e acqua . Cindy McCain, direttrice del Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite (WFP), ha detto domenica che Gaza, è “sull’orlo della carestia” nel mezzo della guerra del gruppo militante con Israele. Durante un’apparizione al programma “Face the Nation” della CBS, la moderatrice Margaret Brennan ha menzionato le recenti informazioni pubblicate dall’UNICEF , l’agenzia delle Nazioni Unite per l’infanzia, secondo cui una forma mortale di malnutrizione infantile potrebbe aumentare di quasi il 30% nel territorio.

In tre giorni sono entrati circa 500 camion umanitari a Gaza, ma non bastano a contrastare la devastazione di 7 settimane di bombardamenti

Gaza: niente acqua e privacy, ricorso a pillole per ritardare il ciclo

Durante la tregua a Gaza, in Cisgiordania secondo il Ministero della Sanità palestinese, le forze israeliane hanno ucciso otto palestinesi, compreso un bambino, portando a 239 il numero totale di palestinesi uccisi in Cisgiordania dal 7 ottobre. Le forze israeliane hanno ucciso cinque palestinesi nella città di Jenin tra la fine di sabato e l’inizio di domenica, e ne hanno uccisi altri tre in altre parti della Cisgiordania, ha detto ieri il ministero. Altri sei palestinesi sono rimasti feriti nel raid israeliano a Jenin.

Elon Musk arriverà oggi in Israele dove incontrerà il premier Benyamin Netanyahu, il presidente Yitzhak Herzog e visiterà i kibbutz vicino alla Striscia di Gaza. Lo scrive il quotidiano Haaretz. I dettagli dell’incontro tra Netanyahu e Musk non sono ancora stati definiti, ma si prevede che i due discuteranno tra l’altro degli attacchi contro Israele sul social X di sua proprietà.

Sierra Leone

Il presidente della Sierra Leone Julius Maada Bio ha detto che la maggior parte dei leader dell’attacco ad una caserma militare nella capitale Freetown sono stati arrestati, aggiungendo che sono in corso operazioni di sicurezza e indagini. “Faremo in modo che i responsabili siano ritenuti responsabili”, ha detto Bio alla televisione nazionale. “Come vostro comandante in capo, voglio assicurare a tutti coloro che risiedono in Sierra Leone, che abbiamo superato questa sfida”, ha detto, e la calma è stata ristabilita.

In precedenza, il governo aveva affermato che le forze di sicurezza avevano respinto i “soldati rinnegati” che avevano tentato di irrompere in un’armeria militare a Freetown durante le prime ore di ieri. È stato imposto un coprifuoco a livello nazionale. Si sono sentiti spari in tutta la città mentre gli assalitori attaccavano una prigione e una stazione di polizia. Non è chiaro se ci siano state vittime nell’attacco alla caserma o durante gli spari a Freetown domenica.

L’ex presidente del paese, Ernest Bai Koroma, ha dichiarato in un comunicato che una guardia militare assegnata alla sua residenza nella capitale è stata colpita a bruciapelo, mentre un’altra è stata “portata via in un luogo sconosciuto”. Koroma non ha detto chi ha sparato alla guardia. Ha condannato l’omicidio e l’attacco alla caserma. “Sono profondamente preoccupato che ancora una volta la nostra amata nazione possa essere soggetta a tale insicurezza”, ha detto.

L’autorità per l’aviazione civile del paese dell’Africa occidentale ha esortato le compagnie aeree a riprogrammare i voli dopo la dichiarazione del coprifuoco, mentre un soldato alla frontiera con la vicina Guinea ha detto a Reuters che avevano ricevuto ordine di chiudere il confine. Un giornalista della Reuters, che in precedenza aveva visto un gruppo armato di uomini requisire un veicolo della polizia vicino alla caserma di Wilberforce, ha detto che le strade erano per lo più vuote domenica mentre i residenti se ne stavano rintanati a casa. “Puliremo questa società. Sappiamo cosa stiamo facendo. Non cerchiamo civili comuni che dovrebbero fare le loro normali attività”, ha detto prima di andarsene uno degli uomini mascherati, che indossava una divisa militare.

Africa e Wagner

La morte di Yevgeny Prigozhin, l’ex leader del gruppo mercenario Wagner, ha scosso le relazioni, un tempo confortevoli, con la Repubblica Centrafricana. La nazione sta ora valutando le offerte della Russia e dei paesi occidentali, tra cui Francia e Stati Uniti, per sostituire Wagner come principale garante della sicurezza. L’esito di questa lotta potrebbe essere un indicatore per il futuro del gruppo nel continente, dove la Repubblica centrafricana è forse la più profondamente coinvolta tra le poche nazioni africane che collaborano con Wagner. Non è chiaro se i paesi occidentali possano offrire lo stesso livello di sicurezza del gruppo mercenario e se i funzionari centrafricani in difficoltà oseranno affrontare gruppi ribelli e altre minacce alla sicurezza senza l’abbraccio familiare di Wagner o la promessa di truppe.

Africa Occidentale

Un’iniziativa per formare parrucchieri nella consulenza sulla salute mentale nell’Africa occidentale e centrale sta fornendo sollievo in una regione con il minor accesso alla terapia al mondo.

Francia

Comincia oggi il processo a sei adolescenti a Parigi per il loro ruolo nella decapitazione dell’insegnante Samuel Paty avvenuta nel 2020, il primo di due processi in un caso che ha inorridito la Francia. L’insegnante di storia e geografia, 47 anni, venne accoltellato e poi decapitato vicino alla scuola secondaria nel sobborgo parigino di Conflans-Sainte-Honorine. Il suo aggressore, il diciottenne rifugiato ceceno Abdoullakh Anzorov, venne ucciso sul posto dalla polizia. Il giovane islamista radicalizzato uccise Paty dopo che sui social si era diffusa la notizia che l’insegnante aveva mostrato alla sua classe le vignette del profeta Maometto tratte dalla rivista satirica Charlie Hebdo.

Paty aveva utilizzato la rivista come parte di un corso di etica per discutere le leggi sulla libertà di parola in Francia, dove la blasfemia è legale e le vignette che prendono in giro le figure religiose hanno una lunga storia. La sua uccisione è avvenuta poche settimane dopo che Charlie Hebdo aveva ripubblicato le vignette. Quando la rivista utilizzò per la prima volta le immagini nel 2015, uomini armati islamici fecero irruzione nel suo ufficio, uccidendo 12 persone. I cinque adolescenti sotto processo, che avevano 14 o 15 anni al momento dell’omicidio di Paty, saranno giudicati a porte chiuse dal tribunale dei minorenni per associazione a delinquere finalizzata alla violenza.

Sono accusati di aver cercato Paty e di averlo identificato con l’assassino in cambio di denaro. Un sesto adolescente, che all’epoca aveva 13 anni, è accusato di falsa accusa per aver affermato erroneamente che Paty aveva chiesto agli studenti musulmani di identificarsi e di lasciare l’aula prima di mostrare le vignette. Durante l’interrogatorio, i ragazzi hanno giurato che al massimo pensavano che Paty sarebbe stato “segnalato sui social”, “umiliato” o magari “malmenato” ma non avrebbero mai immaginato “si sarebbe arrivati ​​all’omicidio”. Ora sono studenti delle scuole superiori e rischiano due anni e mezzo di prigione.

Russia e Ucraina

David Arakhamia, membro di alto rango del partito politico Il Servo del popolo di Volodymyr Zelenskyj, ha affermato che Kiev potrebbe porre fine alla guerra con la Russia dopo un mese se accettasse di non aderire alla NATO. Il funzionario ha detto che Mosca non è preoccupata per altre questioni, come la “denazificazione”, ma vuole solo che Kiev accetti la neutralità.

Dopo un grave attacco di droni russi a Kiev, un attacco ucraino contro una centrale elettrica nel territorio controllato dai russi ha interrotto l’elettricità a paesi e città .

Stati Uniti

Tre giovani di origine palestinese che si trovavano a Burlington per la festa del Ringraziamento sono stati colpiti e feriti, uno in modo grave, vicino all’Università del Vermont, ha detto ieri la polizia aggiungendo che l’attacco potrebbe essere un crimine d’odio. La polizia sta cercando il sospetto dopo l’attacco intorno alle 18:25 di sabato vicino al campus dell’UVM, ha detto domenica il capo della polizia di Burlington, Jon Murad.

L’ex agente di polizia di Minneapolis Derek Chauvin, condannato per l’omicidio di George Floyd, è stato portato d’urgenza in ospedale venerdì dopo essere stato accoltellato in una prigione federale. È ora in condizioni stabili.

Messico

Le autorità messicane hanno liberato nella giornata di ieri tre giornalisti dello stato di Guerrero, nel sud del Paese. Secondo una nota dell’organizzazione Articulo19, i giornalisti Silvia Arce e Alberto Sanchez sono stati sequestrati mercoledì 22 novembre nella redazione del giornale online RedSiete. Il terzo giornalista, Marco Antonio Toledo, direttore del settimanale Espectador de Taxco, era stato sequestrato una settimana prima con la moglie e il figlio, da un gruppo di cinque uomini armati. La moglie di Toledo è stata liberata nell’intervento delle forze dell’ordine, mentre il figlio ventottenne della coppia risulta ancora scomparso.
Il Messico si conferma come uno dei Paesi più pericolosi per il giornalismo. Dei 67 giornalisti uccisi nel 2022 in tutto il mondo, 13 vivevano nel Paese latinoamericano.

Afghanistan

Il ministro degli Esteri afghano ad interim, Amir Khan Muttaqi, ha temporaneamente assunto la carica di vice primo ministro, secondo il portavoce dell’Emirato islamico Zabihullah Mujahid. Il vice primo ministro politico in carica, Maulvi Abdul Kabir, non partecipa alle riunioni da quasi tre mesi. Mujahid ha detto a TOLOnews che il vice primo ministro politico è malato e Muttaqi assumerà temporaneamente le sue funzioni. L’ultima apparizione pubblica di Kabir risale al 4 settembre, quando incontrò l’allora ambasciatore turco in Afghanistan.

India

La pioggia prevista per oggi potrebbe significare ulteriori complicazioni per il salvataggio di 41 operai edili intrappolati in un tunnel nell’Himalaya indiano per più di due settimane, ma i leader dei soccorsi hanno dichiarato di essere pronti ad affrontare la situazione. I lavoratori, provenienti da alcuni degli stati più poveri dell’India, sono rimasti bloccati nel tunnel di 4,5 km (3 miglia) nello stato di Uttarakhand da quando è crollato il 12 novembre. Il maltempo si sta avvicinando con temporali, grandine e temperature più basse previste in montagna, ma gli organizzatori dei soccorsi hanno detto che se ne occuperanno. “Sono addestrati a lavorare in ogni situazione, quindi non è una preoccupazione per noi”, ha detto Mahmood Ahmad, amministratore delegato della società NHIDCL, che sta costruendo il tunnel e aiutando nei soccorsi, riferendosi alle squadre di soccorso. I 41 uomini intrappolati ricevono cibo, acqua, luce, ossigeno e medicinali attraverso uno stretto tubo, ma i tentativi di scavare loro un tunnel per farli uscire si sono scontrati con una serie di ostacoli. I soccorritori che  hanno cercato di scavare un tunnel orizzontalmente attraverso le rocce che intrappolavano gli uomini hanno avuto danni ai loro macchinari e hanno fatto ricorso alla perforazione manuale, dopo aver ripulito le attrezzature rotte. Ieri hanno aperto un altro percorso agli uomini, con l’obiettivo di perforare un pozzo direttamente dalla cima della montagna sopra di loro per farli uscire.

Le autorità indiane hanno rilasciato su cauzione un importante giornalista del Kashmir quasi due anni dopo essere stato arrestato con l’accusa di aver pubblicato “contenuti antinazionali” e di “esaltazione del terrorismo” nella contesa regione dell’Himalaya. Fahad Shah, fondatore ed editore del portale di notizie The Kashmir Walla, venne arrestato nel febbraio 2022 ai sensi delle leggi indiane sulla sedizione e sull’antiterrorismo. È stato rilasciato giovedì dopo che un tribunale la scorsa settimana gli ha concesso la libertà su cauzione, affermando che non c’erano prove sufficienti per processarlo per terrorismo e ha annullato alcune delle accuse. Shah ha detto dalla sua casa a Srinagar, la città principale della regione, di essere felice di tornare con la sua famiglia ma di sentirsi ancora traumatizzato. “La prigione è una realtà diversa”, ha detto. “Altera la tua personalità. C’è un prezzo da pagare per la tua salute mentale”. I 21 mesi di reclusione di Shah, che è anche corrispondente del quotidiano statunitense Christian Science Monitor, hanno evidenziato la crescente repressione contro i giornalisti e la libertà di espressione nella regione contesa. Il governo indiano ha bandito il Kashmir Walla all’inizio di quest’anno per ragioni non dichiarate.

Bangladesh

Il Bangladesh ha lanciato un’ampia e violenta repressione contro i partiti di opposizione per “eliminare la concorrenza” prima delle elezioni generali, compreso l’arresto di quasi 10.000 attivisti, ha detto oggi Human Rights Watch (HRW). Oltre alle migliaia di arrestati – molti dei quali appartenenti al partito chiave del Partito nazionalista del Bangladesh (BNP) – anche un numero sconcertante di persone deve rispondere di accuse. Secondo il BNP, circa la metà dei suoi cinque milioni di membri “sono perseguiti per motivi politici”, ha detto HRW. “Gli arresti non lasciano indietro nessuno, dai livelli più alti a quelli di base”, ha detto un attivista a HRW.

Le carceri sono ora occupate più del doppio della loro capacità, ha affermato il gruppo per i diritti umani. Nella nazione dell’Asia meridionale di circa 170 milioni di abitanti si tengono le elezioni generali il 7 gennaio, con il primo ministro Sheikh Hasina che punta al suo quarto mandato consecutivo al potere. “Le autorità del Bangladesh stanno effettuando arresti di massa dell’opposizione politica nel chiaro tentativo di schiacciare l’opposizione ed eliminare la concorrenza in vista delle elezioni generali”, ha affermato HRW. HRW con sede a New York, che l’ha definita una “violenta repressione autocratica”, ha affermato che almeno 16 persone sono state uccise da quando le proteste si sono intensificate in ottobre, tra cui due agenti di polizia. Più di 5.500 persone sono rimaste ferite. Non c’è stata una risposta da parte del governo al rapporto di HRW, ma le autorità affermano che gli arrestati dovranno affrontare la giustizia per una serie di crimini violenti.

Malesia

Il primo ministro malese Anwar Ibrahim ha annunciato che concederà l’ingresso senza visto ai cittadini di India e Cina per soggiorni fino a 30 giorni. L’ingresso senza visto per i cittadini di India e Cina inizierà il 1° dicembre, ha detto Ibrahim, secondo Reuters. Anwar ha fatto l’annuncio ieri sera durante un discorso al congresso del Partito popolare per la giustizia e non ha detto per quanto tempo sarà applicabile l’esenzione dal visto. La Cina e l’India sono rispettivamente il quarto e il quinto mercato di arrivi della Malesia. Secondo i dati del governo, la Malesia ha registrato 9,16 milioni di arrivi di turisti tra gennaio e giugno di quest’anno, di cui 498.540 dalla Cina e 283.885 dall’India. La decisione fa seguito a misure simili implementate dalla vicina Thailandia per rilanciare il suo vitale settore turistico e stimolare la sua economia stagnante, con i cittadini cinesi e indiani tra quelli esentati quest’anno. Attualmente, i cittadini cinesi e indiani devono richiedere il visto per entrare in Malesia, ha aggiunto.

Corea del Nord

La Corea del Nord ha provveduto a inviare soldati ed equipaggiamenti lungo la zona demilitarizzata (Dmz), in un’apparente mossa finalizzata a ripristinare i posti di guardia distrutti a seguito dell’accordo militare intercoreano del 2018. L’esercito sudcoreano, secondo l’agenzia Yonhap, ha rilevato un aumento delle attività attraverso le aree di confine dopo che il Nord ha promesso giovedì scorso di far ripartire tutte le misure militari congelate nel 2018 in risposta alla parziale sospensione dell’accordo da parte di Seul in seguito al lancio da parte del Nord di un satellite spia militare.

Cina

L’ondata di malattie respiratorie in tutta la Cina che ha attirato l’attenzione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, è causata dall’influenza e da altri agenti patogeni noti e non da un nuovo virus, ha detto ieri il ministero della Sanità del paese. I recenti gruppi di infezioni respiratorie sono causati da una sovrapposizione di virus comuni come il virus dell’influenza, i rinovirus, il virus respiratorio sinciziale o RSV, l’adenovirus e batteri come il micoplasma pneumoniae, che è un comune colpevole di infezioni del tratto respiratorio, ha detto un portavoce della Commissione sanitaria nazionale.

Il ministero ha invitato le autorità locali ad aprire più ambulatori per la cura della febbre e a promuovere le vaccinazioni tra i bambini e gli anziani mentre il paese è alle prese con l’ondata di malattie respiratorie nel suo primo inverno completo dalla rimozione delle restrizioni COVID-19.

Australia

Più di 100 attivisti climatici sono stati arrestati dopo aver organizzato un blocco galleggiante del più grande porto di carbone dell’Australia, ha detto oggi la polizia, tra cui cinque minorenni e un reverendo di 97 anni.

Nuova Zelanda

Christopher Luxon ha fatto del miglioramento dell’economia la sua massima priorità dopo aver prestato giuramento come primo ministro della Nuova Zelanda. Il 53enne ex uomo d’affari, guida una coalizione conservatrice dopo che il suo Partito Nazionale ha stretto un accordo con due partiti minori dopo le elezioni generali del mese scorso. Dopo la cerimonia di giuramento di oggi, presieduta dal governatore generale Dame Cindy Kiro, Luxon ha affermato che il lavoro è una “responsabilità straordinaria”. Ha detto che cercherà di finalizzare rapidamente un piano di 100 giorni e ha programmato una visita in Australia prima di Natale. Secondo l’accordo di coalizione, Luxon ha promesso di ridurre le tasse e formare altri 500 agenti di polizia entro due anni, oltre a ridurre la burocrazia governativa con un taglio del 6,5% al ​​servizio pubblico.

Leggi anche:


[There are no radio stations in the database]