29 aprile 2024 – Notiziario Mondo

Scritto da in data Aprile 29, 2024

Ascolta il podcast

  • Guerra a Gaza: Il presidente palestinese Abu Mazen si appella agli Stati Uniti per fermare l’offensiva israeliana a Rafah, mentre in tutto il mondo si moltiplicano le proteste dei movimenti pro Palestina
  • Russia: Per l’intelligence statunitenste Putin potrebbe non aver ordinato l’omicidio dell’oppositore politico Alexej Navalny
  • Georgia: Migliaia di persone protestano contro il disegno di legge sugli “agenti stranieri”
  • Burkina Faso: Le autorità respingono le accuse per cui i soldati avrebbero massacrato 223 persone negli attacchi di febbraio

Questo e molto altro nel notiziario di Radio Bullets, a cura di Ambra Visentin

Guerra a Gaza

Parlando al World Economic Forum (WEF) nella capitale saudita Riyadh, Abu Mazen – la cui Autorità palestinese non è presente a Gaza, che è sotto il dominio di Hamas dal 2007 – ha esortato gli Stati Uniti a intervenire. Mazen afferma che gli Stati Uniti sono l’unico paese che può impedire a Israele di attaccare Rafah, la città a sud di Gaza dove si sono rifugiati più di un milione di persone.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden “ha ribadito la sua chiara posizione” su Rafah al primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu in una telefonata di domenica.

Gli Stati Uniti hanno ripetutamente affermato di non poter sostenere un’operazione militare israeliana su larga scala a Rafah senza vedere un piano credibile per tenere i civili lontani dai pericoli.

Più della metà della popolazione di Gaza si trova a Rafah e le condizioni nella sovraffollata città meridionale sono già terribili, con gli sfollati che hanno detto alla BBC che mancano cibo, acqua e medicine

Mentre la Casa Bianca non ha approfondito quali fossero nello specifico gli ultimi commenti di Biden a Netanyahu riguardo all’offensiva di pianificazione a Rafah, il portavoce della sicurezza nazionale John Kirby ha detto alla rete ABC che Israele ha accettato di ascoltare le preoccupazioni e i pensieri degli Stati Uniti prima di entrare.

Il governo degli Stati Uniti aveva precedentemente affermato che non avrebbe sostenuto un’operazione militare israeliana nella città meridionale di Gaza a meno che non ci fosse stato un piano umanitario adeguato e credibile

NEGOZIATI – Un alto funzionario di Hamas ha espresso il suo sostegno alla recente proposta israeliana di un cessate il fuoco nella Striscia di Gaza e del rilascio degli ostaggi. “L’atmosfera è positiva, a meno che non ci siano nuovi ostacoli israeliani”, ha detto domenica all’agenzia di stampa AFP. Hamas non ha riscontrato “grossi problemi” nel testo presentato da Israele ed Egitto.

Una delegazione dell’organizzazione islamica radicale palestinese incontrerà oggi i funzionari dell’intelligence egiziana per fornire la sua risposta all’ultima proposta di cessate il fuoco e il rilascio degli ostaggi di Hamas.

I negoziati per un cessate il fuoco e il rilascio degli ostaggi di Hamas vanno avanti da mesi. Come parte dell’unico accordo tra Israele e Hamas mediato da Stati Uniti, Qatar ed Egitto, circa un centinaio di ostaggi sono stati rilasciati in cambio di prigionieri palestinesi durante un cessate il fuoco di una settimana alla fine di novembre.

Se i negoziati in corso con Hamas porteranno a un accordo sugli ostaggi, Israele rinvierà la prevista incursione di terra nella città di Rafah, secondo il ministro degli Esteri israeliano Israel Katz.

PROTESTE – Sale la pressione, anche interna, sul governo israeliano.

Poche ore dopo che Hamas ha pubblicato un altro video di due ostaggi detenuti a Gaza sabato, migliaia di persone sono scese ancora una volta nelle strade di Gerusalemme, Tel Aviv e altre città israeliane per manifestare per il rilascio degli ostaggi. Nella registrazione di circa tre minuti, che Hamas aveva precedentemente diffuso, Omri Miran e Keith Siegel si rivolgono alle loro famiglie e invitano l’opinione pubblica ad aumentare la pressione sul governo.
Molti dei manifestanti hanno chiesto, come in precedenza, le dimissioni del primo ministro Benjamin Netanyahu e nuove elezioni immediate.

All’estero si moltiplicano le manifestazioni pro Palestina.

Nel Quartiere Latino di Parigi, il grido di battaglia “Assassini di Israele” può essere udito da lontano. In Rue Saint-Guillaume, la stradina tra l’ingresso principale della famosa università d’élite Sciences Po e la libreria universitaria di fronte, venerdì pomeriggio gli studenti sedevano sull’asfalto.

Molti si sono coperti il volto con maschere e sciarpe palestinesi, alcuni sventolando bandiere palestinesi con i colori panarabi del nero, del bianco, del rosso e del verde. Le porte d’ingresso della Grande Ecole, fondata nel 1871, sono state barricate con bidoni della spazzatura e rifiuti ingombranti. L’intero corso di studi è stato interrotto.

AIUTI UMANITARI – “La situazione umanitaria a Gaza rimane terribile – ha dichiarato domenica il CEO del gruppo umanitario World Central Kitchen Erin Gore – Stiamo riavviando la nostra attività con la stessa energia, dignità e attenzione a nutrire il maggior numero possibile di persone”.

Il gruppo sta riprendendo le operazioni a Gaza, meno di un mese dopo che sette dei suoi dipendenti sono stati uccisi in attacchi aerei israeliani.

Irlanda

L’Irlanda sta elaborando una legislazione di emergenza per rimpatriare i richiedenti asilo nel Regno Unito, affermando che non accetterà altri arrivi.

Il primo ministro irlandese, Simon Harris, ha incaricato il ministro della Giustizia Helen McEntee di modificare le leggi per consentire ai richiedenti asilo che entrano nel paese di essere rimandati nel Regno Unito, hanno riferito i media irlandesi, tra le preoccupazioni che il piano per il Ruanda del primo ministro britannico Rishi Sunak stesse reindirizzando i richiedenti asilo dalla Gran Bretagna a seguito di un afflusso oltre il confine con l’Irlanda del Nord.

Parlando a un evento nella contea di Monaghan domenica, Harris ha sottolineato che l’Irlanda non comprometterà la sua integrità a causa delle politiche migratorie di altri paesi, ribadendo l’importanza di mantenere le proprie regole sull’immigrazione.

I media britannici, nel frattempo, hanno riferito che il governo britannico non accetterà migranti di ritorno attraverso l’Irlanda, che fa parte dell’Unione europea, fino a quando non verrà raggiunto un accordo più ampio con Bruxelles.
Sabato, il ministro della Giustizia McEntee ha evidenziato l’impennata della migrazione verso l’Irlanda, attribuendola in parte alla Brexit, la decisione del Regno Unito di lasciare l’UE.

Ha anche sottolineato la necessità di un sistema di immigrazione efficace e ha annunciato la legislazione di emergenza per questa settimana per rimpatriare i richiedenti asilo nel Regno Unito.

Più dell’80% dei migranti che entrano in Irlanda lo fanno attraverso l’Irlanda del Nord, che fa parte del Regno Unito, ha detto la scorsa settimana.

Gli sforzi di McEntee arrivano dopo che l’Alta Corte irlandese ha stabilito il mese scorso che designare il Regno Unito come “paese terzo sicuro” per il rimpatrio dei richiedenti asilo viola il diritto dell’UE.

Russia

L’intelligence statunitense ha stabilito che il presidente russo Vladimir Putin probabilmente non ha ordinato la morte del leader dell’opposizione incarcerato Alexei Navalny a febbraio, secondo un funzionario.

Mentre i funzionari statunitensi ritengono che Putin sia stato in ultima analisi responsabile della morte di Navalny, che ha sopportato condizioni brutali durante la sua reclusione, la comunità dell’intelligence non ha trovato “nessuna pistola fumante” che Putin fosse a conoscenza della tempistica della morte di Navalny – avvenuta poco prima della rielezione del presidente russo – o l’abbia ordinata direttamente, secondo il funzionario.

Navalny, 47 anni, il più noto politico dell’opposizione russa e il più tenace nemico di Putin, è morto il 16 febbraio in una remota colonia penale sopra il Circolo Polare Artico mentre stava scontando una condanna a 19 anni per accuse di estremismo che aveva respinto come politicamente motivate.

Era dietro le sbarre dal gennaio 2021 dopo essere tornato in Russia dalla Germania, dove si stava riprendendo dall’avvelenamento da agente nervino di cui aveva incolpato il Cremlino.

Georgia

Migliaia di georgiani hanno marciato attraverso la capitale, Tbilisi, domenica, in una protesta contro un disegno di legge sugli “agenti stranieri” che l’opposizione del paese e i paesi occidentali hanno definito autoritaria e di ispirazione russa.

Il parlamento della Georgia ha dichiarato che terrà la seconda lettura del disegno di legge martedì, con i partiti di opposizione e i gruppi della società civile che hanno chiesto proteste di massa contro la sua prevista approvazione.

Se approvato, il progetto di legge richiederebbe alle organizzazioni che ricevono più del 20% dei loro finanziamenti dall’estero di registrarsi come “agenti stranieri” o di affrontare multe.

L’UE e i paesi occidentali hanno avvertito che il disegno di legge potrebbe fermare l’integrazione della Georgia con l’UE, che ha concesso alla Georgia lo status di candidato a dicembre.

Il disegno di legge deve passare tre letture in parlamento per diventare legge, oltre a superare il veto del presidente della Georgia, che si oppone.

Burkina Faso

Il Burkina Faso ha respinto le “accuse infondate” secondo cui i soldati avrebbero massacrato 223 persone negli attacchi di febbraio.

Un rapporto di Human Rights Watch afferma che l’esercito ha ucciso 179 persone nel villaggio di Soro e altre 44 a Nondin, almeno 56 delle quali erano bambini, il 25 febbraio.

L’ONG ha affermato che questo è stato “tra i peggiori abusi dell’esercito” nel paese in quasi un decennio.
Le autorità burkinabè hanno dichiarato di aver aperto un’inchiesta legale per “accertare i fatti” e hanno condannato il rapporto di HRW.

“Il governo del Burkina Faso respinge e condanna con forza tali accuse infondate”, ha dichiarato il ministro delle comunicazioni Rimtalba Jean Emmanuel Ouedraogo in una dichiarazione nella tarda serata di sabato.

Il ministro ha anche espresso la sua sorpresa per il fatto che “mentre è in corso questa inchiesta per stabilire i fatti e identificare gli autori, HRW è stata in grado, con un’immaginazione sconfinata, di identificare ‘i colpevoli’ e pronunciare il suo verdetto”.

In una dichiarazione rilasciata giovedì, HRW ha affermato che le presunte uccisioni di massa “sembrano essere parte di una vasta campagna militare contro i civili accusati di collaborare con gruppi armati islamici e possono equivalere a crimini contro l’umanità”.

Sud Sudan

La ricomparsa in un tribunale del Sud Sudan di un ex profugo che era stato fatto sparire con la forza più di un anno fa sottolinea l’urgente necessità di riformare il Servizio di sicurezza nazionale (NSS), ha dichiarato Human Rights Watch.

Il 24 aprile 2024, l’NSS ha portato Morris Mabior Awikjok Bak, un critico sud sudanese ed ex rifugiato in Kenya, davanti a un tribunale della contea di Juba per affrontare le accuse di diffamazione penale contro il direttore dell’agenzia.

Bak era stato fatto sparire con la forza il 4 febbraio 2023 a Nairobi, in Kenya, rimpatriato in Sud Sudan e detenuto dall’NSS, anche se si è rifiutato di riconoscere la sua detenzione o di rivelare la sua posizione.

Le autorità del Sud Sudan dovrebbero porre urgentemente fine agli arresti e alle detenzioni arbitrarie di oppositori, attivisti e membri dell’organizzazione società civile, alcune delle quali costituiscono sparizioni forzate, segno di una preoccupante regressione nel panorama dei diritti umani del paese.

Human Rights Watch ha documentato altri tre casi di Sparizione forzata negli ultimi mesi. Gli agenti di sicurezza hanno detenuto arbitrariamente due persone, tra cui un ex leader del consiglio comunale di Juba, senza mandato e da allora hanno negato qualsiasi informazione su dove si trovino.

L’agenzia è anche implicata nella scomparsa di un giovane attivista a un posto di blocco, su cui le autorità non sono riuscite a indagare in modo efficace.

Australia

Manifestazioni si sono svolte in tutta l’Australia in risposta a una recente ondata di violenza contro le donne.
I manifestanti chiedono che la violenza di genere sia dichiarata un’emergenza nazionale e che vengano messe in atto leggi più severe per fermarla.

Il primo ministro Anthony Albanese ha detto che la questione è una crisi nazionale.

In Australia, quest’anno, una donna è stata uccisa in media ogni quattro giorni.
Rispondendo alle richieste dei manifestanti di classificare la violenza contro le donne come emergenza nazionale,

Albanese ha detto che la classificazione è normalmente utilizzata durante le inondazioni o gli incendi boschivi per rilasciare un’iniezione temporanea di denaro.

Corea del Sud

Il presidente sudcoreano Yoon Suk-yeol incontrerà il leader dell’opposizione Lee Jae-myung per colloqui il 29 aprile, dopo che una schiacciante sconfitta elettorale per il partito di governo del presidente ha portato a diffuse richieste di cambiare il suo stile di leadership.

Il People Power Party (PPP) di Yoon non è riuscito a fare breccia nella presa dell’opposizione sul parlamento nelle elezioni del 10 aprile, che sono state ampiamente viste come un referendum sui primi due anni al potere del leader conservatore.

L’incontro è il primo che Yoon ha tenuto con Lee da quando è entrato in carica e arriva mentre gli analisti hanno detto che potrebbe essere scivolato nello status di anatra zoppa dopo che la sua posizione politica combattiva sembrava aver alienato molti elettori.

Ti potrebbe interessare anche:

E se credi in un giornalismo indipendente, serio e che racconta il mondo recandosi sul posto, puoi darci una mano cliccando su Sostienici


Opinioni dei Lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi con * sono obbligatori



[There are no radio stations in the database]