29 dicembre 2023 – Notiziario Mondo

Scritto da in data Dicembre 29, 2023

Ascolta il podcast

  • Ucraina: Il governo statunitense rilascia l’ultima tranche di aiuti
  • Venezuela: Maduro ordina esercitazioni nei Caraibi orientali dopo l’invio di una nave da guerra britannica in Guyana
  • Russia: morto un alleato di Putin in seguito ad una caduta dalla finestra
  • Stati Uniti: dopo il Colorado anche il Maine esclude Trump dalle primarie

Questo e molto altro nel notiziario di Radio Bullets, a cura di Ambra Visentin

Ucraina

Il governo americano ha annunciato quale sarà l’ultima tranche di aiuti all’Ucraina quest’anno. Il pacchetto comprende munizioni per la difesa aerea e l’artiglieria, armi anticarro e altre attrezzature per un valore di 250 milioni di dollari, ha annunciato mercoledì il Ministero della Difesa. Ciò ha sostenuto la “necessità urgente” dell’Ucraina di difendere la propria indipendenza e sovranità. La “leadership americana” è essenziale per sostenere una coalizione di una cinquantina di paesi a favore di Kiev.
“L’assistenza all’Ucraina è un saggio investimento nella nostra sicurezza nazionale”, si legge nella nota. Serve come deterrente contro “potenziali aggressioni” in altre parti del mondo, rafforza l’industria della difesa negli Stati Uniti e crea posti di lavoro per il popolo americano. Finora democratici e repubblicani non sono riusciti a trovare un accordo su nuovi aiuti all’Ucraina. L’amministrazione Biden aveva avvertito a dicembre che la prossima tranche sarebbe stata l’ultima se il Congresso non avesse concordato un ulteriore sostegno.

Un pacchetto di spesa da 100 miliardi di dollari proposto dal presidente Joe Biden comprende, tra le altre cose, 61 miliardi di dollari per l’Ucraina. Tuttavia, i repubblicani al Congresso chiedono ampie concessioni nella politica migratoria per approvarla. Biden aveva promesso “compromessi decisivi”; Prima della pausa natalizia, tuttavia, non vi è stato alcun ulteriore riavvicinamento nella controversia in fase di stallo. La dichiarazione di mercoledì del Dipartimento della Difesa afferma che è “fondamentale” che il Congresso “agisca il più rapidamente possibile nel nuovo anno” e approvi il pacchetto sicurezza proposto da Biden.

E intanto la guerra continua. Questa mattina gli attacchi russi hanno colpito la città nord-orientale di Kharkiv e Lviv, nell’ovest del Paese, hanno detto i sindaci delle due città.Nessuna vittima è stata per ora segnalata.

Ieri, le forze russe hanno bombardato Vovchansk nella regione di Kharkiv, uccidendo una donna di 66 anni e ferendone un’altra.
Anche tre donne di età compresa tra 58 e 76 anni sono rimaste ferite in un attacco aereo sul villaggio di Glushkivka, sempre nella regione di Kharkiv, ha riferito la polizia.

Russia

Mercoledì, Vladimir Egorov, un alleato politico di 46 anni del presidente russo Vladimir Putin, è stato trovato senza vita dopo essere precipitato da una finestra del terzo piano a Tobolsk, nell’oblast di Tyumen, secondo i media statali russi.

Egorov, membro del partito Russia Unita ed ex deputato della Duma della città di Tobolsk, è morto nel cortile di una residenza, non mostrando “nessun segno di morte criminale sul corpo”, hanno rivelato le fonti. I rapporti suggeriscono che Egorov potrebbe aver avuto “problemi cardiaci” prima della caduta fatale. I patologi attendono i risultati ufficiali dell’autopsia per determinare la causa precisa della morte.

Le autorità stanno indagando attivamente sulle circostanze della caduta di Egorov, precisando che al momento non si può escludere sia stata accidentale.
Il defunto, un avvocato, nel 2016 ha dovuto affrontare uno scandalo di corruzione che ha portato alla sua partenza dall’amministrazione comunale. Nonostante questa battuta d’arresto, rientrò in politica e accumulò ricchezze significative, diventando uno dei deputati locali più ricchi di Tobolsk.

Egorov, sopravvissuto ad una moglie e due figli, è l’ultimo di una serie di alleati di Putin la cui morte ha sollevato sospetti. In particolare, anche il magnate della Lukoil Ravil Maganov, l’ufficiale della difesa russa Marina Yankina e il magnate delle salsicce Pavel Antov, tutti legati a Putin, sono morti in circostanze misteriose, causate dalla caduta di finestre e/o da problemi cardiaci.

Venezuela

Il presidente venezuelano Nicolás Maduro ha ordinato alle sue forze armate di condurre esercitazioni difensive nei Caraibi orientali dopo che il Regno Unito ha inviato una nave da guerra verso le acque territoriali della Guyana.

In un discorso televisivo a livello nazionale, Maduro ha affermato che 6.000 soldati venezuelani, comprese le forze aeree e navali, condurranno operazioni congiunte al largo della costa orientale della nazione, vicino al confine con la Guyana.

Maduro ha descritto l’imminente arrivo della nave britannica HMS Trent sulle coste della Guyana come una “minaccia” per il suo Paese. Ha sostenuto che lo schieramento della nave ha violato un recente accordo tra le nazioni sudamericane.

“Crediamo nella diplomazia, nel dialogo e nella pace, ma nessuno minaccerà il Venezuela”, ha detto Maduro in una stanza accompagnato da una dozzina di comandanti militari. “Questa è una minaccia inaccettabile per qualsiasi paese sovrano dell’America Latina”.

La regione è sotto il controllo della Guyana da decenni, ma a dicembre il Venezuela ha rilanciato le sue rivendicazioni storiche sull’Essequibo attraverso un referendum in cui ha chiesto ai suoi elettori se l’Essequibo dovesse diventare uno Stato venezuelano.

Argentina

Per la prima volta in 40 anni di democrazia in Argentina, un presidente deve affrontare uno sciopero generale appena un mese e mezzo dopo essere salito al potere.
Hector Daer, segretario generale della CGT – la principale centrale sindacale argentina che conta 7 milioni di iscritti – ha annunciato ieri in una conferenza stampa uno sciopero generale per protestare contro i primi decreti e progetti di legge della presidenza ultraliberale del nuovo presidente, Javier Milei.

È prevista anche una mobilitazione davanti al Parlamento che esaminerà poi i progetti di legge di deregolamentazione “che vanno contro tutta la società” e concentrerà “tutti i poteri pubblici” sul presidente, ha dichiarato Daer. Questa mobilitazione, ha continuato il leader sindacale, prende di mira in particolare un “decreto di necessità e di emergenza” pubblicato il 20 dicembre dal governo, che apre la strada ad una massiccia deregolamentazione dell’economia, ma di “carattere illegale e incostituzionale” .

Messico – Stati Uniti

Il presidente messicano Andres Manuel Lopez Obrador ha dichiarato ieri che i funzionari statunitensi in visita hanno concordato di mantenere aperti i valichi di frontiera legali, a seguito di discussioni volte ad affrontare l’impennata della migrazione.

Mercoledì Lopez Obrador ha incontrato per più di due ore il Segretario di Stato Antony Blinken e altri alti funzionari statunitensi, tra cui il Segretario per la Sicurezza Nazionale Alejandro Mayorkas.

“C’è sempre più movimento alla frontiera, sui ponti, e per questo dobbiamo stare attenti affinché i valichi non vengano chiusi. L’accordo è stato raggiunto”, ha detto Lopez Obrador ai giornalisti. “I valichi ferroviari e i ponti di confine sono già stati aperti per normalizzare la situazione”, ha aggiunto, sottolineando i forti legami commerciali tra i due paesi.

Hong Kong

Un importante attivista pro-democrazia è fuggito da Hong Kong per chiedere asilo nel Regno Unito, violando un ordine di supervisione.
Tony Chung, 22 anni, ha detto alla BBC di essere stato sotto costante controllo a Hong Kong, dove la polizia lo aveva sottoposto a “un’enorme stress”. Ha anche affermato di essersi sentito obbligato dalla polizia a diventare un informatore pagato, fornendo informazioni su altri attivisti.

Chung è stato condannato per aver chiesto la secessione di Hong Kong in base a una dura legge sulla sicurezza. Ha scontato la sua pena a giugno. Ma dopo il suo rilascio, dice di essere stato gettato in una situazione che era “una prigione ancora più grande e pericolosa” di quella da cui era uscito.

È sottoposto a un’ordinanza di supervisione della durata di un anno che gli impone di richiedere il permesso di viaggiare all’estero. Le autorità gli hanno permesso di recarsi in Giappone il 20 dicembre per una vacanza di sei giorni. Mentre era lì, ha detto di aver iniziato a piangere al pensiero di non tornare a Hong Kong e di aver deciso di chiedere asilo nel Regno Unito.

Indonesia

Una folla di giovani studenti ha preso d’assalto il centro congressi della città indonesiana di Banda Aceh. Gli agenti di polizia non sono riusciti a trattenerli. Uomini, donne e bambini seduti sul pavimento hanno pianto per la paura. Sono rifugiati della popolazione musulmana Rohingya originari del Myanmar. Alla fine sono stati condotti fuori dal loro rifugio di emergenza, portando con sé borse contenenti i pochi effetti personali. Poi sono stati portati via stipati nei camion, come mostrano le riprese video dell’Indonesia a maggioranza musulmana mostrate dall’agenzia di stampa Reuters.

L’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati ( UNHCR ) si dice “profondamente turbata” dall’“attacco di massa”. È successo mercoledì in un luogo che ospita famiglie di rifugiati vulnerabili, tra cui molte donne e bambini, si legge nella nota. I 137 rifugiati sono scioccati e traumatizzati.

L’attacco è stato il risultato di una campagna coordinata di disinformazione e odio su Internet che ha screditato i tentativi dell’Indonesia di salvare i rifugiati. Si tratta di vittime di persecuzioni e sopravvissuti a pericolosi viaggi per mare. Le autorità di sicurezza dovrebbero agire rapidamente per garantire la sicurezza dei rifugiati e dei loro aiutanti.

Houthi – Stati Uniti

Una nave della Marina degli Stati Uniti nel Mar Rosso ha abbattuto un missile balistico e un drone ierì notte.
La USS Mason ha abbattuto un drone e un missile balistico antinave lanciati dagli Houthi – un gruppo armato sostenuto dall’Iran – nel Mar Rosso meridionale, ha detto il Comando Centrale degli Stati Uniti (CENTCOM).
Nella zona si trovavano diciotto navi, per lo più navi mercantili; tuttavia, il CENTCOM ha affermato che non ci sono stati danni a nessuna di queste e che non sono stati segnalati feriti.

L’attacco di ieri sera è stato il 22esimo da parte dei ribelli Houthi alle navi internazionali da metà ottobre.
A causa dell’escalation della crisi nel Mar Rosso, gli Stati Uniti hanno recentemente annunciato di aver lanciato una task force internazionale per la sicurezza marittima.
Funzionari del Dipartimento di Stato hanno affermato che l’obiettivo iniziale dell’amministrazione Biden era quello di riunire un’ampia gamma di potenze internazionali per tenere a freno gli Houthi, che controllano una quantità significativa di territorio nello Yemen.

Stati Uniti

Ieri il segretario di Stato democratico del Maine ha rimosso l’ex presidente Donald Trump dalle primarie presidenziali dello stato in base alla clausola di insurrezione della Costituzione, diventando il primo funzionario elettorale ad agire unilateralmente mentre la Corte Suprema degli Stati Uniti è pronta a decidere se Trump rimane idoneo a tornare al potere.

La decisione del Segretario di Stato Shenna Bellows fa seguito a una sentenza di inizio mese della Corte Suprema del Colorado che ha espulso Trump dalla votazione ai sensi della Sezione 3 del 14° Emendamento. Tale decisione è stata sospesa fino a quando la Corte Suprema degli Stati Uniti non deciderà se Trump è escluso dalla disposizione dell’era della Guerra Civile, che vieta a coloro che hanno partecipato ad un’insurrezione di ricoprire incarichi.

Trump ha detto che avrebbe presentato ricorso contro la decisione di Bellows ai tribunali statali del Maine, e Bellows ha sospeso la sua sentenza fino a quando quel sistema giudiziario non si pronuncerà sul caso. Alla fine, è probabile che la più alta corte nazionale avrà l’ultima parola sulla presenza di Trump nel ballottaggio nel Maine e negli altri stati.

Ti potrebbe interessare anche:

E se credi in un giornalismo indipendente, serio e che racconta il mondo recandosi sul posto, puoi darci una mano cliccando su Sostienici

Cover image: Vlad on Flickr


Continua a leggere

[There are no radio stations in the database]