30 aprile 2024 – Notiziario in genere

Scritto da in data Aprile 30, 2024

L’Onu: ‘emergenza femminicidi in Honduras’. Giappone, calo della natalità: a rischio l’esistenza di molti comuni. Caraibi, la Dominica abbatte le leggi dell’era coloniale che criminalizzavano il sesso gay.

Ascolta il podcast

Honduras

Nei primi quattro mesi dell’anno in Honduras sono state uccise 66 donne. A dirlo alla stampa è la coordinatrice delle Nazione Unite nel Paese centroamericano, Alice Shackelford.

“Siamo in emergenza, con i numeri che stiamo registrando in merito ai femminicidi”, dice la funzionaria alla stampa. L’Honduras, spiega, “ha il più alto numero di femminicidi dell’America Latina”, in relazione al numero di abitanti.

Nel 2023, secondo i dati dell’Osservatorio sulla violenza dell’Università Nazionale Autonoma dell’Honduras, nel Paese centroamericano sono stati registrati circa 380 femminicidi.

Giappone

Oltre il 40% delle municipalità giapponesi potrebbero alla fine scomparire a causa del forte calo demografico causato da un tasso di natalità cronicamente basso.

La cifra allarmante è stata pubblicata in uno studio condotto dal Population Strategy Council (PSC), secondo quanto riportato dal Japan Times. Lo studio ha rilevato che i comuni locali vedrebbero probabilmente ridursi della metà la popolazione femminile di età compresa tra i 20 e i 39 anni tra il 2020 e il 2050.

Ciò può essere preoccupante poiché la fascia di età fornita dallo studio è l’età fertile tra le donne. Su 1.729 comuni locali a livello nazionale, il gruppo ha individuato 744 comuni a rischio di scomparsa.

Nel 2014, l’ormai chiuso Japan Policy Council ha pubblicato un rapporto simile in cui affermava che circa 896 comuni sarebbero infine scomparsi a causa di fattori simili.

Tuttavia, lo studio pubblicato la settimana scorsa ha classificato 99 nuovi comuni come a rischio di scomparsa, mentre 239 comuni inclusi nel rapporto del 2014 questa volta non sono stati indicati.

Il PSC ha affermato che le persone immigrate di origine straniera rappresentano il fattore principale che ha contribuito alla differenza tra queste due stime. Nonostante ciò, i ricercatori e le ricercatrici hanno sottolineato che la tendenza generale al basso tasso di natalità non è migliorata.

Qual è la causa principale?

Il PSC ha sottolineato che i comuni giapponesi si sono concentrati più su misure volte a prevenire i deflussi di popolazione verso le aree urbane come Tokyo, piuttosto che su un vero e proprio aumento dei tassi di natalità.

Caraibi

Os direitos LGBTI+ na América Latina – Revista Opera

La Dominica, si legge nella newsletter Feminist Giant di Mona Eltahawy, è diventata l’ultimo paese caraibico ad abbattere le leggi dell’era coloniale che criminalizzavano il sesso gay, unendosi a Trinidad e Tobago, Barbados, St. Kitts e Nevis e Antigua e Barbuda. Questa sentenza arriva quasi cinque anni dopo che un uomo si era fatto avanti sostenendo che il governo dominicano stava violando i suoi diritti costituzionali.

Sebbene le leggi siano state create durante il periodo coloniale britannico, sono state rafforzate nel 1998, aumentando la possibile pena fino a 10-12 anni di carcere in caso di decisione di colpevolezza.

Il 23 aprile l’Alta Corte della Dominica ha stabilito che le parti della legge che criminalizzano l’attività omosessuale tra adulti sono incostituzionali.

Prima di questa sentenza, qualsiasi attività omosessuale, indipendentemente dal sesso dell’individuo, e la penetrazione anale tra coppie eterosessuali era illegale. Oltre alla pena detentiva fino a 12 anni, le persone condannate dovevano anche sottoporsi a cure psichiatriche obbligatorie.

Il caso

L’uomo che ha portato avanti il caso ha affermato che la legislazione lo costringeva a vivere nella costante paura di essere criminalizzato e punito per aver intrapreso attività sessuali consensuali, sottolineando anche che le leggi avevano provocato comportamenti odiosi e violenti nei suoi confronti e verso altre persone LGBTQ+ in Dominica.

“Questa sentenza pone il Paese su un percorso promettente verso il ripristino della dignità delle persone e la salvaguardia dei diritti delle persone LGBTQ alla privacy, alla salute e alla libertà dalla tortura e dai maltrattamenti, in linea con gli obblighi internazionali in materia di diritti umani”, dice Daryl Phillip, fondatore dell’organizzazione benefica Minority Rights Dominica.

Questa sentenza è stata accolta con favore da numerosi attivisti e organizzazioni LGBTQ+ in tutto il mondo, tra cui Stonewall, che ha affermato che questo è un “momento critico per i diritti LGBTQ+ nei Caraibi”.

Mentre la Dominica si unisce a un gruppo di altre nazioni che hanno depenalizzato le relazioni omosessuali nel tentativo di sostenere le popolazioni LGBTQ+, paesi come Guyana, Grenada, Giamaica e Saint Vincent e Grenadine hanno recentemente deciso di mantenere illegale l’omosessualità.

In copertina MjZ PhotographyFollow Looking out over Tegucigalpa, Honduras \ Flickr

Ti potrebbe interessare anche:

E se credi in un giornalismo indipendente, serio e che racconta il mondo recandosi sul posto, puoi darci una mano cliccando su Sostienici


Opinioni dei Lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi con * sono obbligatori



[There are no radio stations in the database]