31 luglio 2023 – Notiziario Mondo

Scritto da in data Luglio 31, 2023

Ascolta il podcast

  • Niger: I leader africani danno alla giunta una settimana per cedere il potere, attaccata l’ambasciata francese.
  • Pakistan: attentato suicida durante una manifestazione politica, decine di morti.
  • Gaza: l’ondata di caldo e la mancanza di elettricità hanno trasformato la maggior parte delle case in fornaci.
  • Afghanistan: ad Herat rogo di strumenti musicali.

Questo e molto altro nel notiziario di Radio Bullets, a cura di Barbara Schiavulli

Afghanistan

I talebani hanno fatto un falò, dando fuoco a strumenti e attrezzature musicali confiscati nella provincia di Herat, ribadendo che la musica “è immorale”. Il falò ha mandato in fumo attrezzature musicali per un valore di centinaia di dollari, in gran parte raccolte nelle sale per matrimoni della città, tra chitarre, strumenti a corda, un armonium e una tabla, un tipo di tamburo, oltre ad amplificatori e altoparlanti.

L’Afghanistan sprofonda nel baratro

Emirati Arabi Uniti

Gli Emirati Arabi Uniti hanno annunciato domenica l’intenzione di istituire organi giudiziari per perseguire il riciclaggio di denaro e la criminalità finanziaria a seguito di un maggiore monitoraggio da parte di un cane da guardia globale dedicato alla lotta ai flussi di denaro illeciti.

L’agenzia di stampa ufficiale WAM ha riferito che gli Emirati Arabi Uniti hanno approvato una “proposta per istituire entità giudiziarie federali specializzate in crimini economici e riciclaggio di denaro”. Ha affermato che la decisione “rappresenta un primo passo verso l’indagine e la repressione di” losche transazioni finanziarie. La proposta prevede la “creazione di procure specializzate in” finanza illecita.

Arriva più di un anno dopo che la Financial Action Task Force (FATF) con sede a Parigi ha aggiunto gli Emirati Arabi Uniti a una “lista grigia” di nazioni soggette a maggiore controllo a causa delle preoccupazioni per la finanza illecita.

La quotazione GAFI nel marzo 2022 è stata un duro colpo per la reputazione degli Emirati Arabi Uniti come importante centro finanziario e commerciale.

Israele e Palestina

È buio come al solito di notte nella Striscia di Gaza, mentre le interruzioni di corrente di routine fanno precipitare le case palestinesi nell’oscurità. Ma ciò che è stato diverso nelle ultime settimane è un’ondata di caldo estivo soffocante senza precedenti. Senza elettricità, le persone vengono spinte al limite. L’alimentazione è spenta durante il giorno per oltre 10 ore. Il programma energetico cambia in una danza complicata mentre l’unica centrale elettrica della Striscia di Gaza lotta per razionare l’elettricità per la popolazione di oltre due milioni di persone. È normale che le persone a Gaza trascorrano metà dei loro giorni senza elettricità adesso. Nel corso degli anni, il programma dell’elettricità ha gradualmente ridotto il numero di ore in cui le persone ricevono energia durante il giorno, ma lo standard è generalmente di otto ore accese e otto ore spente. Lo scorso inverno , la crisi energetica di Gaza ha costretto le famiglie a utilizzare fonti di combustibile alternative (e pericolose) per riscaldare le proprie case nei freddi mesi invernali. In alcuni casi, le famiglie sono morte a causa di incidenti dovuti all’uso improprio di queste fonti di carburante. L’estate è diversa. Con l’aumentare della domanda di energia durante questi mesi, la compagnia elettrica deve razionare ulteriormente l’elettricità. Una campagna sui social media è diventata virale a luglio a Gaza, quando le persone hanno raggiunto un punto di rottura a causa dell’entità della crisi energetica. I messaggi sui social media si sono diffusi in seguito all’annuncio della compagnia elettrica di una nuova politica che richiede ai clienti di sostituire il loro vecchio contatore elettrico manuale con uno nuovo intelligente fornito dall’azienda. Il nuovo contatore costringerebbe le persone a pagare in anticipo per utilizzare l’elettricità. Per molte persone a Gaza nel bel mezzo di una crisi economica, tale requisito non è a portata di mano. Molte persone stanno già lottando per pagare le bollette in tempo e raramente avrebbero abbastanza soldi per pagare in anticipo.

Senegal

Il leader dell’opposizione in Senegal Ousmane Sonko, in custodia cautelare dopo essere stato arrestato questa settimana, ha iniziato ieri uno sciopero della fame. Lo ha annunciato lo stesso Sonko sui social media. Ieri il pubblico ministero senegalese ha annunciato sette nuove accuse nei suoi confronti, tra cui quella di fomentare l’insurrezione.  Il primo giugno la sua condanna in contumacia a due anni di carcere aveva infatti portato a violenti scontri che avevano provocato almeno 16 morti. La condanna a due anni lo rende non idoneo a partecipare alle elezioni presidenziali del prossimo anno.

Niger

Domenica i leader africani hanno concesso alla giunta in Niger una settimana per cedere il potere o affrontare il possibile uso della forza, e hanno imposto sanzioni finanziarie ai golpisti, dopo che l’ultimo colpo di stato nella regione del Sahel tormentata dai jihadisti ha sollevato l’allarme nel continente e in Occidente .

Nel terzo colpo di stato in altrettanti anni per far cadere un leader nel Sahel, il presidente eletto del Niger e alleato occidentale, Mohamed Bazoum, è stato trattenuto dai militari da mercoledì. Il generale Abdourahamane Tiani, capo della potente guardia presidenziale, si è dichiarato leader e ha affermato che il colpo è stato una risposta al “degrado della situazione della sicurezza” legato allo spargimento di sangue jihadista, nonché alla corruzione e ai problemi economici.
In un vertice di emergenza in Nigeria, il blocco regionale della Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale (ECOWAS) ha chiesto che Bazoum fosse reintegrato entro una settimana.

In caso contrario, il blocco ha affermato che avrebbe preso “tutte le misure” per ripristinare l’ordine costituzionale. Non era immediatamente chiaro come i 15 membri dell’ECOWAS possano usare la forza. L’anno scorso, il blocco ha accettato di creare una forza di sicurezza regionale per intervenire contro i jihadisti e prevenire colpi di stato militari, ma i dettagli sulla forza e sul suo finanziamento non sono stati delineati.

Nella capitale Niamey, migliaia di persone che sventolavano bandiere russe e nigeriane si sono radunate davanti al parlamento nazionale in segno di sostegno alla giunta. Mosca ha cercato per anni di aumentare la sua influenza in Africa, e nel vicino Mali del Niger – un’altra ex colonia francese impoverita – la giunta militare ha cooperato con le forze della Russia. I manifestanti si sono poi spostati all’ambasciata francese a Niamey, gridando “lunga vita a Putin” e “abbasso la Francia”.

Niger: presidente trattenuto dalle guardie, si teme il colpo di Stato

Tunisia

Sono 80.000 i migranti subsahariani presenti attualmente in Tunisia, di cui 17.000 nella città di Sfax, principale punto di partenza dei migranti verso le coste italiane. Lo ha detto il ministro dell’Interno Kamel Feki alla tv Al Hadath Tunisia aggiungendo che 1.057 migranti africani irregolari hanno lasciato la Tunisia volontariamente per far ritorno nei loro paesi di origine. Durante la prima metà del 2023, circa 2.200 di loro sono stati respinti dalle autorità ai valichi di frontiera, ha detto ancora.

Giornata internazionale contro la tratta di esseri umani

Danimarca

 Il governo danese cercherà di “trovare uno strumento legale” che consenta alle autorità di impedire il rogo di copie del Corano davanti alle ambasciate di altri paesi in Danimarca, ha detto domenica il ministro degli Esteri Lars Lokke Rasmussen all’emittente nazionale DR ( 30 luglio). “Il governo danese esplorerà quindi la possibilità di intervenire in situazioni speciali in cui, ad esempio, altri paesi, culture e religioni vengono insultati, e dove ciò potrebbe avere conseguenze negative significative per la Danimarca, non da ultimo per quanto riguarda la sicurezza”. Danimarca e Svezia si sono ritrovate sotto i riflettori internazionali nelle ultime settimane a seguito delle proteste anti-islam in cui il Corano, il libro sacro musulmano, è stato danneggiato o bruciato, offendendo i musulmani di tutto il mondo. Entrambi i paesi hanno affermato di deplorare il rogo del Corano ma non possono impedirlo in base alle norme che proteggono la libertà di parola.

Russia e Ucraina

questa settimana l’Ucraina inizierà le consultazioni con gli Stati Uniti per fornire garanzie di sicurezza a Kiev in attesa del completamento del processo di adesione alla Nato, ha detto domenica il capo dello staff del presidente Volodymyr Zelenskyy. Andriy Yermak, scrivendo sull’app di messaggistica Telegram, ha anche detto che i funzionari di un certo numero di paesi si stanno preparando a incontrarsi in Arabia Saudita per discutere il piano di pace di Zelenskyy per l’Ucraina, basato sulla partenza di tutte le truppe russe. Yermak non ha detto quando si terrà il prossimo incontro, ma ha affermato che il piano sarà discusso in tre fasi, fino a una riunione dei capi di stato e di governo.

Canada

Sabato sera è stato emesso un ordine di evacuazione per la città canadese di Osoyoos e il suo distretto circostante nella provincia della Columbia Britannica a causa di un incendio fuori controllo che ha attraversato il confine dallo stato americano di Washington. L’incendio, chiamato Eagle Bluff, si trova a circa 4 chilometri (2,49 miglia) da Osoyoos ed è attualmente stimato in 885 ettari (2.200 acri) sul lato canadese del confine, secondo il British Columbia Wildfire Service. È stato stimato che fosse di circa 2.000 ettari sul lato degli Stati Uniti dal BC Wildfire Service.

Panama

L’Autorithy del Canale di Panama (Acp) ha avviato ieri una misura restrittiva per il transito giornaliero di navi nella via interoceanica dovuta ad una inattesa persistenza di siccità frutto di scarse piogge.
Fino a nuovo avviso, riferisce il quotidiano El Siglo, soltanto 32 navi al giorno potranno attraversare il canale, con conseguenze sia di minori introiti per l’erario panamense sia di presumibili forti ritardi nel passaggio delle petroliere e dei cargo.

Pakistan

Un attentatore suicida si è fatto esplodere domenica durante una manifestazione politica in un’ex roccaforte di militanti nel nord-ovest del Pakistan al confine con l’Afghanistan, uccidendo almeno 44 persone e ferendone quasi 200 in un attacco che un alto leader ha detto destinato per indebolire gli islamisti pakistani. Il distretto di Bajur, vicino al confine con l’Afghanistan, era una roccaforte dei talebani pakistani, uno stretto alleato del governo talebano afghano, prima che l’esercito pakistano cacciasse i militanti dall’area. I sostenitori della linea dura del religioso pakistano e leader del partito politico Maulana Fazlur Rehman, il cui Jamiat Ulema Islam sostiene generalmente gli islamisti regionali, si sono incontrati a Bajur in una sala vicino a un mercato fuori dalla capitale del distretto.
I funzionari del partito hanno detto che Rehman non era alla manifestazione, ma gli organizzatori hanno aggiunto delle tende perché si sono presentati così tanti sostenitori e volontari del partito stavano aiutando a controllare la folla. I talebani pakistani, o TTP, hanno affermato in una dichiarazione inviata all’Associated Press che l’attentato mirava a mettere gli islamisti l’uno contro l’altro. Zabiullah Mujahid, portavoce dei talebani afghani, ha dichiarato sulla piattaforma di social media X, precedentemente nota come Twitter, che “tali crimini non possono essere giustificati in alcun modo”. La presa del potere dei talebani afghani in Afghanistan a metà agosto 2021 ha incoraggiato il TTP. A novembre hanno concluso unilateralmente un accordo di cessate il fuoco con il governo pakistano e hanno intensificato gli attacchi in tutto il paese.

Thailandia

E’ salito ad almeno 12 il bilancio delle vittime della potente esplosione avvenuta ieri pomeriggio in un magazzino di fuochi d’artificio nel sud della Thailandia: lo ha reso noto il governatore locale. I feriti sono più di 100. L’esplosione nella città di Sungai Kolok, nella provincia di confine di Narathiwat, sarebbe stata causata da lavori di saldatura effettuati per la costruzione dell’edificio.

Indonesia

 Si teme che otto persone intrappolate in una miniera d’oro illegale sull’isola indonesiana di Giava siano morte, ha detto domenica un funzionario di soccorso locale, mentre le ricerche sono entrate nel quinto giorno con scarsi progressi.

Le miniere senza licenza, molte delle quali ignorano le misure di sicurezza di base, sono comuni in tutto l’arcipelago ricco di minerali del sud-est asiatico e gli incidenti sono frequenti. Martedì sera, gli operai stavano scavando all’interno di una buca profonda 200 piedi nel villaggio di Pancurendang, a Giava centrale, quando l’acqua ha improvvisamente allagato la miniera illegale.

Taiwan

Venerdì la Casa Bianca ha annunciato un pacchetto di aiuti militari da 345 milioni di dollari per Taiwan, segnando una significativa escalation nel sostegno degli Stati Uniti all’isola. Gli Stati Uniti hanno venduto armi a Taiwan da quando Washington ha interrotto le relazioni diplomatiche con Taipei nel 1979, ma non ha mai finanziato gli acquisti o fornito armi gratuitamente.

Il pacchetto di armi da 345 milioni di dollari viene fornito attraverso l’autorità presidenziale di prelievo, il modo principale in cui gli Stati Uniti hanno armato l’Ucraina. L’autorità consente al presidente Biden di inviare armi direttamente dalle scorte militari statunitensi.

Ti potrebbe interessare anche:

E se credete in un giornalismo indipendente, serio e che racconta recandosi sul posto, potete darci una mano cliccando su Sostienici


Continua a leggere

[There are no radio stations in the database]