5 luglio 2023 – Notiziario Mondo

Scritto da in data Luglio 5, 2023

Ascolta il podcast

  • Afghanistan: dal mese prossimo, saloni di bellezza fuorilegge. Un altro colpo alle donne afghane.
  • Israele e Palestina: I soldati israeliani si ritirano Jenin e bombardano Gaza.
  • Lunedì è stato il giorno il giorno più caldo nel mondo.
  • Cecenia: Reporter e avvocato russi picchiati prima di un processo di alto profilo.
  • Colombia: il più grande gruppo ribelle fermerà gli attacchi in vista di un cessate il fuoco formale.

Questo e molto altro nel notiziario di Radio Bullets, a cura di Barbara Schiavulli
Foto di copertina: Barbara Schiavulli/Kabul

Mondo

Lunedì è stato il giorno più caldo mai registrato al mondo, superando per la prima volta una media di 17 gradi Celsius (62,6 gradi Fahrenheit), secondo le prime misurazioni effettuate martedì dai meteorologi statunitensi. La temperatura media giornaliera dell’aria sulla superficie del pianeta il 3 luglio è stata registrata a 17,01 C (62,61 F) da un’organizzazione collegata alla National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) degli Stati Uniti.

Questa misurazione supera il precedente record giornaliero di 16,92 C (62,45 F) stabilito il 24 luglio dello scorso anno, secondo i dati dei National Centers for Environmental Prediction del NOAA risalenti al 1979. È probabile che le temperature aumentino ulteriormente al di sopra delle medie storiche nel corso del prossimo anno con l’inizio di un fenomeno meteorologico El Nino nell’Oceano Pacifico, che l’Organizzazione meteorologica mondiale ha confermato lunedì essere in corso.

Afghanistan

I talebani hanno deciso di vietare i saloni di bellezza femminili in Afghanistan, ha detto un portavoce del governo. È l’ultimo freno ai diritti e alle libertà delle donne e delle ragazze afgane, a seguito degli editti che vietano loro l’istruzione, gli spazi pubblici e la maggior parte delle forme di lavoro.

Un portavoce del Virtue and Vice Ministry gestito dai talebani, Mohammad Sidik Akif Mahajar, non ha fornito dettagli sul divieto. Ha solo confermato il contenuto di una lettera circolata sui social. La lettera emessa dal ministero, datata 24 giugno, afferma di trasmettere un ordine verbale del leader supremo, Hibatullah Akhundzada. Il divieto colpisce la capitale, Kabul e tutte le province, e dà ai saloni di tutto il paese un mese di preavviso per chiudere le loro attività. Dopo tale periodo, devono chiudere e presentare una relazione sulla loro chiusura. La lettera non motiva il divieto.

Il suo rilascio arriva pochi giorni dopo che Akhundzada ha affermato che il suo governo ha adottato le misure necessarie per migliorare la vita delle donne in Afghanistan. Ha attirato critiche da parte dei difensori dei diritti umani e delle donne sui social media. Martedì anche le Nazioni Unite hanno affermato di essere impegnate con le autorità afghane per ottenere l’annullamento del divieto sui saloni di bellezza. La missione delle Nazioni Unite in Afghanistan, o UNAMA, si è rivolta a Twitter, esortando i talebani a sospendere l’editto. “Giorno dopo giorno loro (i talebani) stanno imponendo limitazioni alle donne”, dice una ragazza afghana, “Perché prendono di mira solo le donne? Non siamo umani? Non abbiamo il diritto di lavorare o vivere?”.

Nel controverso ministero del Vizio e della Virtù

Israele e Palestina

Israele sta effettuando attacchi aerei sulla Striscia di Gaza in risposta ai razzi lanciati dall’enclave costiera palestinese. Secondo una fonte della sicurezza palestinese è stato colpito un sito militare di Hamas nel nord di Gaza ma senza causare nessun ferito.

 Un soldato israeliano è stato ucciso da “fuoco vero” durante un’operazione in corso nel campo profughi di Jenin, nella Cisgiordania, ha detto l’esercito israeliano in una dichiarazione diffusa poco dopo la mezzanotte. Mentre è salito a 11 il numero dei palestinesi rimasti uccisi nella operazione lanciata ieri dall’esercito israeliano a Jenin (Cisgiordania).

Lo aggiorna la agenzia di stampa ufficiale palestinese Wafa secondo cui oggi nel villaggio di Fahma (Jenin) un giovane, Abdel Rahman Hardan (22 anni), è morto dopo essere stato colpito alla testa dal fuoco di militari. I feriti sono almeno 100.

Medici Senza Frontiere Medici Senza Frontiere (MSF), che a Jenin sta continuando a fornire cure mediche d’emergenza dopo il raid delle forze israeliane, condanna gli impedimenti per portare assistenza sanitaria alle persone ferite. Durante l’attacco, che ha causato vittime e feriti e ha colpito le strutture sanitarie, i bulldozer militari israeliani hanno distrutto diverse strade che portano al campo di Jenin, rendendo quasi impossibile alle ambulanze di raggiungere i pazienti. Inoltre, i paramedici palestinesi sono stati costretti a procedere a piedi in un’area dove erano in corso spari e attacchi di droni. Tutte le strade che conducono al campo sono state bloccate durante l’operazione militare, nonostante la presenza di persone che necessitavano di cure. “Stiamo lavorando da diverse ore e i pazienti continuano ad arrivare. È un’operazione militare di una durata senza precedenti, eppure ci sono ancora feriti che non possono essere raggiunti. Il personale sanitario deve poter accedere ai pazienti senza impedimenti”, ha dichiarato Jovana Arsenijevic, coordinatrice delle operazioni di MSF a Jenin.

Sudafrica

Un gruppo di agenti incaricati di proteggere il vicepresidente del Sudafrica è stato filmato mentre trascinava un uomo fuori da un’auto e lo calpestava. Nel video, ampiamente condiviso sui social, si vede l’uomo sdraiato immobile, suscitando indignazione nel Paese.

Tunisia

La Tunisia è un Paese che accetta sul proprio territorio solo coloro che ne rispettano le leggi. Non tollera di essere utilizzata come zona di transito o territorio di insediamento per persone provenienti da più Paesi africani, né accetta di essere custode di confini diversi dal proprio”. Lo ha detto il presidente tunisino Kais Saied, in occasione di una riunione con il ministro dell’Interno Kamel Feki e diversi funzionari della sicurezza, nella sede del ministero, in relazione agli scontri tra gruppi di migranti irregolari africani e residenti locali a Sfax, conclusisi con l’accoltellamento di un tunisino e definita “operazione criminale” in un comunicato della presidenza.

Francia

Il presidente francese Emmanuel Macron ha incontrato centinaia di funzionari francesi per iniziare a esplorare le “ragioni più profonde” della caduta del paese nelle rivolte dopo che un agente di polizia ha ucciso un adolescente a un posto di blocco. L’incontro martedì all’Eliseo di Parigi con oltre 300 sindaci, i cui comuni hanno subito danni in una settimana di violenze, è avvenuto mentre i disordini si attenuavano in tutto il Paese. Il governo ha combattuto rivolte e saccheggi da quando un agente ha ucciso il 17enne Nahel M. durante un blocco del traffico il 27 giugno in un sobborgo di Parigi, riaccendendo le accuse di razzismo sistemico tra le forze di sicurezza. Lunedì notte, la violenza nelle città francesi si era dimezzata in 24 ore, ha detto il ministero dell’Interno, con 72 persone arrestate a livello nazionale.

Cecenia

Un’importante giornalista investigativa russa e un avvocato per i diritti umani sono stati brutalmente picchiati mentre si recavano in un tribunale nella Repubblica russa della Cecenia per assistere al processo di alto profilo di Zarema Musayeva, la madre degli attivisti dell’opposizione in esilio che hanno sfidato il signore della guerra ceceno Ramzan Kadyrov.

Yelena Milashina, la giornalista, da anni racconta la Cecenia, la regione del Caucaso dove la Russia ha combattuto due guerre, e che ora è strettamente controllata da Kadyrov, stretto alleato del presidente russo Vladimir Putin. Milashina ha indagato sulle violazioni dei diritti umani, tra cui la tortura e l’uccisione di omosessuali, la persecuzione di dissidenti e l’uccisione di altri giornalisti.

Milashina, insieme all’avvocato di Musayeva, Alexander Nemov, si stavano recando in tribunale dall’aeroporto di Grozny, la capitale cecena, quando un altro veicolo ha bloccato la loro auto ieri.

Un gruppo di uomini mascherati li ha picchiati duramente, ha distrutto le loro attrezzature e ha minacciato di sparargli, hanno detto gruppi per i diritti umani e il datore di lavoro di Milashina, Novaya Gazeta. “Le dita di Milashina sono state rotte e a volte perde conoscenza. Ha lividi su tutto il corpo”, ha detto il centro per i diritti umani Memorial. “Quando sono stati picchiati, gli è stato detto: ‘Sei stata avvertita. Esci di qui e non scrivere niente”.

In una foto postata da un altro attivista, Sergei Babinets, Milashina, ha la maggior parte dei suoi capelli rasati in chiazze irregolari, le sue mani e un braccio pesantemente bendati, e viso e cuoio capelluto ricoperti da una sostanza verde solitamente usata come antisettico ma dannosa quando viene a contatto con gli occhi. Musayeva, il cui processo Milashina avrebbe dovuto coprire, è la madre degli attivisti dell’opposizione Abubakar e Ibragim Yangulbaev. Musayeva è anche la moglie dell’ex giudice federale Saidi Yangulbaev. Le autorità cecene hanno accusato i figli di condurre “attività estremiste” su presunti collegamenti al canale Telegram 1ADAT, che è molto critico nei confronti di Kadyrov. Le autorità russe hanno bandito 1ADAT dopo averlo etichettato come un’organizzazione estremista.

All’inizio del 2022, poco prima dell’invasione dell’Ucraina, la polizia cecena ha fatto irruzione nell’appartamento di Musayeva a Nizhny Novgorod, una città a circa 402 km a est di Mosca, e l’ha portata con la forza a Grozny, la capitale cecena, per interrogarla. La sua famiglia lo ha definito un rapimento.

Russia e Ucraina

  • Almeno 43 persone, tra cui 12 bambini, sono rimaste ferite dopo che un sospetto missile russo Iskandar ha colpito la città di Pervomaiskyi nella regione nord-orientale di Kharkiv in Ucraina. I pubblici ministeri hanno detto che tra i feriti c’era un bambino di tre mesi. Le loro condizioni non sono state immediatamente chiare.
  • Il governo ucraino ha accusato la Russia di aver pianificato una “provocazione” alla centrale nucleare di Zaporizhzhia, occupata dalle truppe russe subito dopo la loro invasione su vasta scala a febbraio. La Russia, nel frattempo, ha affermato che Kiev stava progettando di “attaccare” la struttura.
  • Decine di ucraini hanno riempito la cattedrale di San Michele a Kiev per il funerale di Victoria Amelina . L’eminente scrittrice e ricercatrice di crimini di guerra è morta il 1 luglio per le ferite riportate quando un missile russo ha colpito un ristorante affollato nella città in prima linea di Kramatorsk il mese scorso.
  • Jens Stoltenberg rimarrà segretario generale della NATO per un altro anno , dopo la proroga del suo contratto. Stoltenberg, ex primo ministro della Norvegia, rimarrà in carica fino al 1° ottobre 2024. È alla guida della NATO dal 2014.
  • Il ministero degli Esteri russo ha affermato che Mosca non vede alcuna base per rinnovare l’accordo sul grano del Mar Nero, che scade il 18 luglio.

Stati Uniti

 È salito a cinque il bilancio delle vittime della sparatoria a Filadelfia. Lo riferisce la polizia, secondo cui l’autore della sparatoria ha provocato lunedì sera anche il ferimento di due bambini prima dell’arresto.

Dieci persone sono state uccise e 38 ferite in sparatorie di massa a Filadelfia, Baltimora e Fort Worth prima delle vacanze del 4 luglio, hanno detto i funzionari, provocando una nuova chiamata del presidente Joe Biden per approvare la legislazione sul controllo delle armi.

Una polvere sospetta scoperta nell’ala ovest della Casa Bianca si è rivelata essere cocaina in un test preliminare, hanno detto due funzionari delle forze dell’ordine. La Casa Bianca è stata brevemente evacuata domenica sera mentre il presidente Joe Biden era a Camp David dopo che gli agenti dei servizi segreti hanno scoperto la polvere.

Venezuela

 “Il mondo si prepari alla sconfitta di (Nicolás) Maduro, perché è quello che accadrà, lo batteremo”: lo ha detto la principale esponente dell’opposizione venezuelana, Maria Corina Machado, in un’intervista a Cnn. Secondo Machado – inserita da Caracas nella lista nera degli ineleggibili per un periodo di 15 anni – in Venezuela, in vista delle primarie dell’opposizione, si è costruita una forza “che rende quello attuale un momento senza precedenti”. “La gente pensa che questa sia una lotta del bene contro il male”, ha aggiunto, per la quale “il regime lo sa” ed è per questo che “agisce in questo modo disperato”.
In questo senso, Machado ha sottolineato che le primarie in Venezuela creeranno legittimità “in una sfida diretta al regime, alla tirannia”. La quale, nella sua visione, “sarà il primo passo verso la sconfitta del sistema”. Radio Bullets, qualche anno fa l’ha intervistata, vi riproponiamo sul sito la sua intervista dal titolo “non accetteremo niente di meno”.

Non accetteremo niente di meno

Colombia

L’Esercito di liberazione nazionale (ELN) ha fatto l’annuncio ieri tramite un organismo chiamato Comando centrale. Il cessate il fuoco dovrebbe iniziare il 3 agosto. Il ministro della Difesa Ivan Velasquez ha detto ai giornalisti che il governo emetterà un decreto che ordina la sospensione dell’azione offensiva dell’esercito a partire da giovedì. Fondato nel 1964, l’ELN conta più di 5.800 combattenti nel 2022, secondo le autorità. È l’ultimo gruppo di guerriglia attivo in Colombia .

Il 9 giugno, i negoziatori colombiani hanno firmato un accordo di cessate il fuoco di sei mesi con l’ELN.

Se dovesse reggere, il cessate il fuoco sarebbe il più lungo mai concordato dall’ELN, che ha preso parte ai falliti negoziati con gli ultimi cinque governi colombiani. I colloqui di pace dovrebbero riprendere il 14 agosto in Venezuela. La scorsa settimana le forze governative hanno ucciso sei combattenti dell’ELN nella Colombia orientale.

Il presidente Gustavo Petro, ex guerrigliero, è salito al potere lo scorso agosto promettendo una politica di “pace totale”. Le Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia, molto più grandi, o FARC , hanno deposto le armi in uno storico accordo di pace raggiunto nel 2016.

Uruguay

Si aggrava sempre di più l’emergenza idrica in Uruguay: nel Paese di 3,5 milioni di abitanti, colpito dalla peggiore siccità in 74 anni, le riserve sono scese all’1,8% e il governo del presidente Luis Lacalle Pou stima che, se non pioverà, in meno di due settimane la nazione sudamericana resterà senza acqua potabile. Paso Severino, la principale fonte di acqua dolce per l’area più popolata del Paese, con una capacità di 67 milioni di metri cubi, questa domenica ha raggiunto il minimo storico di 1.255.326 metri cubi, che rappresenta solo l’1,87% delle sue riserve.

Hong Kong

 Gli otto attivisti pro-democrazia rifugiatisi all’estero, da ieri ufficialmente ricercati dalla polizia per la sicurezza nazionale di Hong Kong, “dovrebbero arrendersi” altrimenti spenderebbero “i loro giorni nella paura”. Gli otto ora vivono negli Stati Uniti, Gran Bretagna, Canada e Australia, saranno perseguiti a vita. Il governatore dell’ex colonia britannica John Lee, parlando degli 8 ricercati su cui pendono anche una taglia complessiva di quasi un milione di euro e addebiti per aver violato la legge sulla sicurezza nazionale della città, ha osservato che “l’unico modo per porre fine al loro destino di latitanti, quindi perseguitati per tutta la vita, è di arrendersi”.

Giappone

Il riversamento dell’acqua radioattiva nell’Oceano Pacifico, utilizzata per raffreddare gli impianti della centrale atomica di Fukushima, è in linea con gli standard di sicurezza dell’industria nucleare e avrà un impatto ‘trascurabile’ sull’ambiente. Lo ha detto l’Agenzia internazionale per l’energia atomica (Aiea) al termine del rapporto coordinato dal Direttore generale Rafael Grossi, in visita in Giappone.

Ascolta/leggi anche:

 

E se credi in un giornalismo indipendente, serio e che racconta il mondo recandosi sul posto, puoi darci una mano cliccando su Sostienici


Continua a leggere

[There are no radio stations in the database]