7 luglio 2023 – Notiziario Mondo

Scritto da in data Luglio 7, 2023

Ascolta il podcast

  • Ucraina: L’amministrazione Biden starebbe per approvare l’invio di munizioni a grappolo
  • Gran Bretagna: Svelati nuovi poteri sanzionatori per contrastare la leadership iraniana
  • Svezia: Greta Thunberg rischia sei mesi di carcere
  • Israele: Il segretario generale dell’ONU condanna l’operazione militare nel campo profughi

Questo e molto altro nel notiziario di Radio Bullets, a cura di Ambra Visentin

Ucraina

Per mesi l’amministrazione Biden ha discusso sull’invio di munizioni a grappolo all’Ucraina, trovando poche altre opzioni mentre le forze ucraine sono a corto di mezzi per combattere contro la linea del fronte russo.
Funzionari statunitensi avrebbero rivelato che una decisione potrebbe essere annunciata nella giornata di oggi. L’Associated Press ha riferito che l’amministrazione Biden dovrebbe annunciare una decisione nell’ambito di un pacchetto di aiuti del Pentagono valutato fino a 800 milioni di dollari per combattere le forze russe.
Diversi collaboratori del Presidente Joe Biden gli hanno raccomandato di approvare l’invio delle armi, che sono vietate da molti alleati degli Stati Uniti. Il Segretario di Stato Antony J. Blinken era favorevole alla mossa e ha espresso la sua approvazione durante una riunione di alti funzionari della sicurezza nazionale di recente, lo ha riportato il New York Times. Le forze ucraine hanno avuto difficoltà a smantellare quelle russe su linee di battaglia chiave e Kiev sostiene di aver bisogno delle controverse munizioni a grappolo per dare una possibilità alle proprie forze armate, ha riferito Politico, citando funzionari statunitensi che hanno richiesto l’anonimato.
In precedenza, il Dipartimento di Stato americano non aveva appoggiato la mossa, citando preoccupazioni umanitarie e il timore che gli Stati Uniti non fossero in linea con molti dei loro alleati nel sostenere la lotta contro la Russia.

Gran Bretagna

La Gran Bretagna si sta dotando di nuovi poteri sanzionatori per colpire la leadership iraniana, ha annunciato ieri Londra, condannando il regime di Teheran per aver aumentato i suoi sforzi per uccidere e rapire i dissidenti all’estero, compresi quelli residenti nella nazione europea. Dall’inizio del 2022, le autorità britanniche hanno risposto a più di 15 minacce del regime rivolte a cittadini britannici o a coloro che vivono nella nazione insulare.
L’attuale regime di sanzioni contro l’Iran consente alla Gran Bretagna di inserire nella lista nera individui ed entità per le violazioni dei diritti umani, ma i nuovi poteri annunciati ieri le permetteranno di perseguire coloro che sono coinvolti nelle attività di destabilizzazione dell’Iran in Medio Oriente e a livello internazionale.
Inoltre, Londra ha la possibilità di colpire l’uso e la diffusione di armi e tecnologie belliche da parte del regime di Teheran e le sue attività ostili rivolte alla Gran Bretagna e ai suoi partner, compresi i loro cittadini. I funzionari britannici hanno affermato che i servizi segreti iraniani hanno sviluppato relazioni con bande criminali britanniche ed europee per espandere le loro capacità di raggiungere coloro che il regime cerca di far uccidere o catturare, mentre in patria tormentano le famiglie dei loro obiettivi.
In un comunicato, il Ministero degli Esteri iraniano ha definito l’annuncio delle potenze sanzionatrici una mossa “distruttiva” e “ingerente” e ha reso noto che Elizabeth Marsh, incaricata d’affari presso l’ambasciata britannica a Teheran, è stata convocata dal direttore generale del Dipartimento per l’Europa occidentale, che ha “condannato con forza le dichiarazioni dei funzionari britannici e le ultime sanzioni del regime britannico sull’Iran come illegali”.

Svezia

L’attivista per il clima Greta Thunberg è stata accusata di aver disobbedito alla polizia in Svezia il mese scorso durante un blocco portuale.
Greta Thunberg, 20 anni, si era unita alla manifestazione organizzata dal gruppo di attivisti ambientali Ta Tillbaka Framtiden (Rivendicare il futuro) per protestare contro l’uso dei combustibili fossili. I giovani manifestanti intendevano impedire alle petroliere di entrare e uscire dal porto di Malmö.
Mercoledì, il quotidiano svedese Sydsvenskan ha riferito che è stata arrestata il 19 giugno, insieme a un numero imprecisato di altri attivisti, per essersi rifiutata di lasciare l’area quando gli agenti le hanno chiesto di farlo. In caso di condanna, potrebbe rischiare fino a sei mesi di carcere o una multa.

Israele

Il Segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha condannato la “forza eccessiva” di Israele in un’operazione contro un campo profughi in Cisgiordania.
Ha criticato Israele per aver impedito alle cure mediche e agli operatori umanitari di raggiungere i bisognosi dopo l’attacco al campo profughi di Jenin, che ha lasciato più di 100 civili feriti, costretto migliaia di persone a fuggire, danneggiato scuole e ospedali e interrotto le reti idriche ed elettriche.
Guterres ha dichiarato: “Condanno fermamente tutti gli atti di violenza contro i civili, compresi gli atti di terrore”. Invitando Israele “a rispettare i suoi obblighi di diritto internazionale”, ha affermato che la condanna “si applica a qualsiasi uso eccessivo della forza, e ovviamente in questa situazione le forze israeliane hanno usato una forza eccessiva”. Ha ricordato a Israele che “in quanto potenza occupante, ha la responsabilità di garantire che la popolazione civile sia protetta da ogni atto di violenza”.
La condanna del Segretario generale ha fatto seguito alla dichiarazione di tre esperti indipendenti delle Nazioni Unite in materia di diritti umani, che mercoledì hanno affermato che gli attacchi aerei e le azioni di terra israeliane “costituiscono gravi violazioni del diritto internazionale e degli standard sull’uso della forza e possono costituire un crimine di guerra”.

Gli esperti sui diritti umani nei territori palestinesi, sui diritti degli sfollati interni e sulla violenza contro le donne e le ragazze, hanno chiesto che Israele sia ritenuta responsabile della sua occupazione illegale e degli atti di violenza che la perpetuano.

Brasile

La deforestazione nella regione amazzonica brasiliana è diminuita del 33,7% durante i primi sei mesi del mandato del presidente Luiz Inacio Lula da Silva, secondo i dati recentemente pubblicati dal ministero dell’Ambiente del Paese.
Il cambiamento significativo è avvenuto dopo che Lula, durante la sua campagna presidenziale, si era impegnato a eliminare la deforestazione in Amazzonia entro il 2030.
I dati del Ministero dell’Ambiente mostrano che tra gennaio e giugno di quest’anno è stata deforestata un’area di 2.650 chilometri quadrati, in calo rispetto ai 4.000 chilometri quadrati dello stesso periodo dell’anno scorso. Il ministro dell’Ambiente Marina Silva ha dichiarato in una conferenza stampa che il calo della deforestazione è il risultato degli sforzi del governo Lula. “Stiamo facendo ogni sforzo per assicurare che (il nostro piano anti-deforestazione) sia già in pieno svolgimento. Questo è il risultato dei nostri sforzi di emergenza”, ha dichiarato Silva.

L’Amazzonia, la più grande foresta pluviale della Terra, è stata soggetta a una grave deforestazione sotto l’amministrazione dell’ex presidente di estrema destra Jair Bolsonaro.

Russia – Stati Uniti

Secondo l’aeronautica militare statunitense, per la seconda volta in due giorni i caccia russi hanno attaccato un drone americano che operava sopra la Siria, segno di un crescente attrito tra i due Paesi nello spazio aereo del Medio Oriente. Ieri, un drone americano MQ-9 Reaper stava conducendo una missione contro obiettivi dell’ISIS nel nord-ovest della Siria quando si sono avvicinati dei caccia russi, ha dichiarato il tenente generale dell’aeronautica Alex Grynkewich in un comunicato sull’incidente. Uno dei jet russi ha iniziato a lanciare razzi di fronte al drone statunitense nel tentativo apparente di colpirlo, costringendolo a compiere manovre evasive. Il col. Michael Andrews, portavoce del Comando centrale dell’aeronautica, ha dichiarato che i due caccia russi – un SU-45 e un SU-35 – si sono affrontati per quasi un’ora in un’interazione “prolungata” e “non professionale”. Il video dell’incontro, diffuso dall’Air Force Central Command, mostra due caccia russi che volano vicino al drone statunitense. Uno dei due caccia rilascia una serie di razzi mentre passa sopra il drone.

L’incidente arriva un giorno dopo che tre jet da combattimento russi hanno disturbato tre droni statunitensi sopra la Siria. Nello scontro di mercoledì, i jet russi hanno lanciato razzi paracadutati davanti ai droni statunitensi, costringendoli a manovre evasive. Un jet russo ha anche acceso il suo postbruciatore davanti a un drone statunitense, limitando la capacità dell’operatore del drone di manovrare in sicurezza il velivolo.

Stati Uniti

L’amministrazione Biden ha dichiarato che una sentenza del tribunale che limita le modalità di contatto con i siti di social media potrebbe causare “gravi danni”, mentre l’amministrazione tenta di appellarsi alla decisione. L’amministrazione ha presentato ieri una mozione per sospendere l’ingiunzione preliminare, decisa martedì. L’ingiunzione si schiera con i procuratori generali repubblicani che sostengono che il contatto esercita una pressione indebita sulla libertà di parola di queste aziende. Il Dipartimento di Giustizia (DOJ) ha già annunciato che farà appello alla mozione mercoledì. Nella mozione, i legali dell’amministrazione Biden affermano che i contatti tra il ramo esecutivo e le piattaforme di social media “comprendono interventi su questioni di interesse pubblico e la collaborazione con le società di social media su iniziative volte a prevenire gravi danni al popolo americano e ai nostri processi democratici”. Se la mozione dell’amministrazione sarà accolta, l’ingiunzione sarà sospesa in attesa dell’appello del Dipartimento di Giustizia.

La causa originale è stata intentata dai procuratori generali repubblicani della Louisiana e del Missouri, che hanno definito il contatto una “campagna di censura” e hanno accusato l’amministrazione di aver “coordinato e colluso con le piattaforme dei social media per identificare oratori, punti di vista e contenuti sfavorevoli”. Il gruppo ha citato in particolare le azioni dell’amministrazione Biden per contrastare la disinformazione sul vaccino COVID-19 e gli sforzi per promuovere l’integrità elettorale. In base all’attuale ingiunzione, i funzionari dell’esecutivo possono contattare le società di social media solo per attività criminali, minacce alla sicurezza nazionale e post “che intendono fuorviare gli elettori sui requisiti e le procedure di voto”.

Meta – Twitter

Twitter ha minacciato di fare causa a Meta poche ore dopo che la società madre di Instagram ha lanciato Threads, un’applicazione che spera possa superare il sito in difficoltà di Elon Musk. In una lettera all’amministratore delegato di Meta, Mark Zuckerberg, pubblicata giovedì da Semafor, l’avvocato di Musk, Alex Spiro, ha accusato la società di “appropriazione indebita di segreti commerciali e altre proprietà intellettuali di Twitter”. La lettera accusa Meta di aver assunto decine di ex dipendenti di Twitter che “hanno avuto e continuano ad avere accesso ai segreti commerciali di Twitter e ad altre informazioni altamente riservate”. Threads è il più grande sfidante di Twitter, di proprietà di Musk, che ha visto emergere una serie di potenziali concorrenti ma non ha ancora sostituito una delle più grandi piattaforme di social media al mondo, nonostante le sue difficoltà. L’ultima mossa di Zuckerberg contro Musk ha ulteriormente accentuato la rivalità tra i due multimiliardari, che avrebbero persino deciso di incontrarsi per un combattimento corpo a corpo in una gabbia.

Ti potrebbe interessare anche:

E se credi in un giornalismo indipendente, serio e che racconta il mondo recandosi sul posto, puoi darci una mano cliccando su sostienici


Continua a leggere

[There are no radio stations in the database]