9 dicembre 2022 – Notiziario

Scritto da in data Dicembre 9, 2022

Ascolta il podcast

  • Corea del Sud: tutti i cittadini ringiovaniranno di un anno.
  • L’Iran giustizia Mohsen Shekari, prima sentenza di morte su un manifestante.
  • Russia e Usa: scambio di prigionieri, liberata la cestista americana Griner con noto trafficante d’armi.
  • Haiti: Onu, le gang controllano il 60 per cento della capitale.
  • Afghanistan: A fronte della condanna internazionale, i talebani difendono le esecuzioni secondo la Sharia.
  • Stati Uniti: Camera approva legislazione che protegge i matrimoni tra persone dello stesso sesso

Questo e molto altro nel notiziario di Radio Bullets, a cura di Barbara Schiavulli
Foto di copertina: Photo by Daniele Franchi on Unsplash

Corea del Sud

Ogni cittadino sudcoreano ringiovanirà ufficialmente di uno o due anni a partire dal prossimo anno, dopo che è stato approvato un nuovo disegno di legge per rivedere il sistema antiquato utilizzato per contare l’età di una persona. Sotto l’attuale apparato, i neonati sono considerati di un anno, mentre la maggior parte dei paesi inizia il conteggio un anno dopo la data di nascita di una persona. Da quel momento in poi, i cittadini sudcoreani compiono un anno in più all’inizio del nuovo anno. Quindi, per i bambini nati il ​​31 dicembre, compiranno due anni il giorno dopo il parto.

La Corea del Nord è passata allo standard globale negli anni ’80 dopo aver utilizzato lo stesso sistema ancora in uso a Seoul. Il presidente Yoon Suk Yeol ha proposto il passaggio al sistema globale standard durante la sua candidatura alla presidenza all’inizio di quest’anno, nella speranza che eliminasse la confusione nell’elaborazione delle questioni amministrative e dei servizi medici e nell’applicazione delle regole sui limiti di età.

“Con l’approvazione dell’emendamento oggi, tutti i cittadini del nostro Paese diventeranno più giovani di uno o due anni a partire dal prossimo giugno”, ha affermato l’ufficio di Yoon. Il nuovo sistema dovrebbe entrare in vigore nel giugno del prossimo anno.

Il governo spera inoltre di evitare problemi per i cittadini che sono costretti a impiegare due età diverse: una per la casa e l’altra per soddisfare gli standard globali. Il pubblico ha offerto sostegno al cambiamento, con l’80% delle persone che vuole porre fine al sistema dell'”età coreana”, secondo un sondaggio.

La regola è vista come una forzatura dell’antica cultura coreana, cinese e giapponese. “Sarebbe difficile trovare l’origine di tale pratica”, ha affermato Lee Gi-jung, portavoce del Ministero della legislazione del governo. “Ma la Corea del Sud è l’unica che l’ha mantenuta”.

Iran

Le forze di sicurezza iraniane sparano da distanza ravvicinata alle donne durante le manifestazioni contro il regime colpendole al volto, agli occhi, al petto e ai genitali, secondo medici e sanitari intervistati dal Guardian in tutto il Paese. I medici, che trattano i feriti in segreto per evitare l’arresto, hanno detto di aver notato che le donne spesso arrivano con ferite diverse rispetto agli uomini, colpiti da pallini di fucile nelle gambe, nelle natiche e nella schiena.

La magistratura della Repubblica islamica ha annunciato che Mohsen Shekari, arrestato durante le proteste, è stato giustiziato: è la prima sentenza di morte eseguita per un manifestante, come riporta Bbc Persia. Shekari è stato accusato di aver bloccato una strada, di disordini, di aver estratto un machete con l’intenzione di uccidere nonché di aver ferito intenzionalmente un ufficiale durante il servizio. La magistratura ha detto che l’udienza si è tenuta il 10 novembre e l’imputato ha confessato.

Ieri si sono tenute almeno nove proteste in sette città di sei province.

Afghanistan

A fronte della condanna internazionale, l’Emirato islamico difende le esecuzioni secondo la Sharia. l’Emirato islamico ha affermato che l’esecuzione dei colpevoli è un comando divino e che nessuno dovrebbe preoccuparsene. Un portavoce dell’Emirato islamico, Bilal Karimi, ha affermato che l’esecuzione, avvenuta mercoledì nella provincia occidentale di Farah, è avvenuta dopo numerose indagini e accertamenti.

“Il leader supremo ha parlato e ha detto che abbiamo lottato così tanto e abbiamo combattuto per 20 anni contro i pagani per garantire un sistema islamico e che ora che Dio ce l’ha dato, (Dio) significa per noi garantire i suoi comandi divini”, ha detto Mohammad Ismail Rahmani, membro anziano dell’Emirato islamico.

L’esecuzione pubblica di un uomo accusato di omicidio e condannato a morte dalla Corte Suprema ha suscitato reazioni diffuse da parte delle organizzazioni per i diritti umani e di altri paesi. Tutto questo avviene mentre la corte suprema dell’Afghanistan in una dichiarazione rilasciata ieri ha affermato che 27 persone – 18 maschi e 9 femmine – sono stati punite con ordinanza del tribunale a Parwan. La fustigazione era pubblica.

“Alcuni di loro erano coinvolti in atti di depravazione, o sono scappate di casa o intrattenevano relazioni (illegali), e alcuni di loro erano coinvolti in rapine”, ha detto Obaidullah Ameenzada, governatore di Parwan.

Pakistan

La città orientale pachistana di Lahore è la più inquinata del mondo, secondo la classifica della qualità dell’aria e dell’inquinamento atmosferico pubblicata da IqAir questa mattina. Secondo il sito web, la qualità dell’aria della città tra le 9 e le 10 ha raggiunto 387 punti Aqi, che rientra nella categoria di pericolosità. La capitale indiana Nuova Delhi è al secondo posto con un Aqi di 207 punti, seguita da Dacca, in Bangladesh, con 205 punti e da Karachi, in Pakistan, con 200 punti. A causa del peggioramento dei livelli di smog nella città orientale di Lahore, il governo ha annunciato la chiusura delle scuole per tre giorni alla settimana.

Israele e Palestina

Poco prima delle 18:00 di ieri, il Ministero della Salute palestinese ha riferito che un quinto palestinese è stato ucciso nella città di Aboud, a nord di Ramallah. Almeno altri tre sono rimasti feriti con proiettili veri. Il palestinese ucciso è stato identificato come il sedicenne Diaa Muhammad Rimawi, del villaggio di Beit Rima.

Negli ultimi due giorni le forze israeliane hanno ucciso cinque palestinesi, compresi tre combattenti della resistenza. Ieri, le forze israeliane hanno invaso diverse città nel governatorato di Jenin, a nord di Gerusalemme, uccidendo Atta Shalabi, 46 anni, Sidqi Zakarneh, 29, e Tareq Al-Damaj, 29. Mercoledì il giorno prima Mujahed Najjar Hamed, 32, è stato colpito e ucciso dopo una caccia all’uomo durata giorni, nel villaggio di Silwad.
Najjar è stato ucciso vicino al villaggio di Deir Dibwan a Ramallah. Najjar aveva effettuato diverse operazioni di tiro contro l’insediamento israeliano illegale di Ofra, nonché contro posti di blocco militari fuori Ramallah.

I soldati israeliani hanno sostituito  una bandiera palestinese  con una israeliana in una scuola nella Cisgiordania occupata. L’incidente è avvenuto in una scuola secondaria per ragazze nel villaggio palestinese di Al-Lubban Al-Sharqiya nel Governatorato di Nablus, ha riferito l’agenzia di stampa palestinese Wafa. Il preside Ayesha Nubani ha detto che le truppe israeliane sono entrate nella scuola la mattina, dove hanno rimosso una bandiera palestinese e ne hanno issata una israeliana. Le bandiere palestinesi sono state rimosse dalle forze israeliane in passato, anche se mai prima d’ora una bandiera israeliana le aveva sostituite, ha affermato.

Le autorità israeliane hanno respinto le domande di viaggio di almeno 260 cristiani palestinesinella Striscia di Gaza, negando loro la possibilità di riunirsi con le loro famiglie per celebrare il Natale quest’anno. Tra una moltitudine di misure restrittive che impone a Gaza, Israele ha a lungo limitato il movimento dei cristiani durante le festività natalizie, impedendo loro di incontrare le loro famiglie residenti in Cisgiordania o all’estero. Una fonte dell’Autorità per gli Affari Civili Palestinesi, l’organismo responsabile delle comunicazioni con la parte israeliana e dell’ottenimento dei permessi, ha affermato di aver presentato domande per circa 900 cristiani, ma di aver ricevuto l’approvazione solo per 650. I cristiani palestinesi hanno affermato che Israele ha negato loro i permessi necessari per pregare nella Chiesa della Natività a Betlemme. Secondo le ultime statistiche diffuse dal Latin Monastery Church di Gaza, nella Striscia di Gaza vivono attualmente circa 1.100 cristiani – rispetto agli oltre 1.300 del 2014 – la maggior parte dei quali sono greco-ortodossi, anche se alcuni aderiscono alla Chiesa latina.

Sudan

Le forze di sicurezza sudanesi hanno usato gas lacrimogeni e bloccato strade e ponti ieri mentre cercavano di contenere le proteste diffuse nella capitale, ha detto un giornalista di Reuters, tre giorni dopo la firma di un accordo iniziale per lanciare una nuova transizione politica. Migliaia di manifestanti si sono radunati nel pomeriggio in diverse zone di Khartoum, anche vicino al palazzo presidenziale dove lunedì i partiti militari e civili hanno raggiunto un accordo quadro per la formazione di un governo civile. L’opinione sull’accordo è divisa, con alcuni sudanesi che affermano che potrebbe portare stabilità e altri che rifiutano il coinvolgimento dei militari. L’accordo quadro cerca di voltare pagina su un colpo di stato militare dell’ottobre 2021 che ha fatto deragliare la transizione verso elezioni democratiche iniziata dopo il rovesciamento dell’ex leader Omar al-Bashir in una rivolta del 2019. Il colpo di stato ha portato a più di un anno di manifestazioni di strada contro il governo militare in cui i medici hanno registrato più di 120 morti di manifestanti e la sospensione di miliardi di dollari di assistenza finanziaria internazionale estremamente necessaria.

Grecia

Un gruppo di anarchici greci ha rivendicato l’attentato incendiario  di qualche giorno fa contro due auto del Primo consigliere dell’Ambasciata italiana ad Atene Susanna Schlein. Il gruppo, dal nome “Carlo Giuliani revenge nuclei”, ha detto di avere agito in solidarietà con il detenuto anarchico Alfredo Cospito in carcere in Italia. Il gruppo anarchico greco, che prende il nome dall’attivista italiano ucciso dalla polizia durante il G8 di Genova nel 2001, ha dichiarato a proposito di Cospito: “Compagno, per quanto cerchino di seppellirti, non ti dimenticheremo mai”.

Francia

Il presidente francese, Emmanuel Macron, ha annunciato l’introduzione di un nuovo provvedimento che consentirà ai giovani tra i 18 e i 25 anni di procurarsi preservativi gratuiti nelle farmacie di Francia dal primo gennaio 2023.

Germania

La pista di atterraggio dell’aeroporto di Monaco di Baviera, in Germania, è stata chiusa a causa di una nuova protesta degli attivisti del clima di “Last generation”. I dissidenti si sono incollati a terra nella zona nord dello scalo.

Russia e Ucraina

Si complica la situazione della distribuzione di corrente elettrica in Ucraina a causa delle condizioni meteo: specie in molte regioni dell’ovest il gelo, la pioggia con neve e le forti raffiche di vento stanno causando la formazione di ghiaccio e il danneggiamento dei cavi elettrici. La situazione più difficile rimane nelle regioni orientali colpite con un massiccio fuoco di artiglieria dai russi.

L’esercito russo ha lanciato più di mille missili e razzi negli ultimi 8 attacchi contro le strutture energetiche ucraine, afferma il presidente dell’azienda elettrica ucraina Ukrenergo Volodymyr Kudrytsky, come riporta Interfax Ukraine.

Stati Uniti

Dopo mesi di scrupolosi negoziati con Mosca, è diventato chiaro all’amministrazione Biden che si trovava di fronte a una scelta seria: scambiare il famigerato trafficante d’armi russo Viktor Bout con la star del basket statunitense Brittney Griner oppure non portare a casa nessun americano. Lo scambio di prigionieri di ieri, approvato dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden, si è concluso nelle ultime 48 ore, con l’invio di Griner da una colonia penale russa a Mosca e poi in un aeroporto negli Emirati Arabi Uniti.

Rimasto fuori dall’accordo un altro detenuto statunitense di alto profilo, Paul Whelan, che ha detto alla CNN per telefono di essere “molto deluso” . Griner è arrivata nella capitale degli Emirati Arabi Uniti, Abu Dhabi, con un aereo privato da Mosca mentre Bout è arrivato su un aereo privato da Washington. I brutali 10 mesi di prigionia di Griner si sono conclusi dopo mesi di infruttuosi negoziati tra Stati Uniti e Russia, complicati dall’invasione russa dell’Ucraina e dall’inasprimento delle relazioni USA-Russia al livello peggiore dalla Guerra Fredda. Griner, 32 anni, una star del Phoenix Mercury della Women’s National Basketball Association, è stata arrestata il 17 febbraio in un aeroporto fuori Mosca per aver trasportato cartucce di vaporizzatore contenenti olio di hashish nel suo bagaglio.

Successivamente è stata condannata per traffico di droga e trasferita in una delle colonie penali più temute della Russia, dove gli ex detenuti hanno descritto torture, dure percosse e condizioni di lavoro in schiavitù. Griner è stata scambiata con Bout, un ex trafficante di armi russo di 55 anni che era stato condannato negli Stati Uniti e imprigionato per 10 anni condannato per 25.

Giovedì la Camera degli Stati Uniti ha dato l’approvazione definitiva alla legislazione che protegge i matrimoni tra persone dello stesso sesso, un passo monumentale in una battaglia decennale per il riconoscimento a livello nazionale. Il presidente Joe Biden ha detto firmerà  il provvedimento, che impone a tutti gli stati di riconoscere i matrimoni tra persone dello stesso sesso. È un sollievo per centinaia di migliaia di coppie che si sono sposate dopo la decisione della Corte Suprema del 2015 che ha legalizzato quei matrimoni e si preoccupano di cosa accadrebbe se la sentenza venisse annullata. In una dichiarazione dopo il voto, Biden ha definito la legislazione un “passo fondamentale per garantire che gli americani abbiano il diritto di sposare la persona che amano”.

Più di 1.000 giornalisti e altro personale del New York Times hanno lasciato il lavoro per 24 ore giovedì, frustrati dalle trattative contrattuali che si sono trascinate per mesi nella più grande controversia di lavoro del giornale in oltre 40 anni. Centinaia di giornalisti, redattori, fotografi e altri dipendenti hanno picchettato davanti agli uffici del giornale vicino a Times Square a Manhattan. Con una redazione svuotata, il Times si affidava a personale internazionale e non sindacale per fornire contenuti ai suoi oltre 9 milioni di abbonati in tutto il mondo fino alla fine dello sciopero alle alla mezzanotte e uno di stanotte.

Haiti

Quasi il 60% della capitale di Haiti è dominata da bande le cui violenze e attacchi sessuali hanno costretto migliaia di persone a fuggire dalle loro case, ha detto la capa umanitaria delle Nazioni Unite nella nazione caraibica. Ulrika Richardson ha affermato che quasi 20.000 persone nella capitale devono affrontare “condizioni catastrofiche simili a una carestia” mentre un’epidemia di colera si diffonde in tutta Haiti.

Richardson ha dipinto un quadro cupo di un paese in una spirale discendente, con metà della sua popolazione che ha urgente bisogno di assistenza alimentare poiché il numero di morti per colera è salito a 283. Ha detto che quasi 12.000 persone sono state ricoverate in ospedale con la malattia dal 2 ottobre, e ora ci sono oltre 14.000 casi sospetti di colera in otto delle 10 regioni del paese.

Ha detto che tutti tranne 1.000 dei 20.000 haitiani che soffrono la fame si trovano nella capitale, Port-au-Prince, principalmente nella baraccopoli di Cite Soleil controllata dalle bande. Richardson ha affermato che l’insicurezza ha portato a “massicci sfollamenti”, soprattutto nella capitale, dove 155.000 persone sono fuggite dalle loro case. Ha detto in una conferenza stampa che le bande stanno usando “livelli spaventosi di violenza sessuale come arma” per tenere le persone sotto controllo, instillare paura e punizione. Ha detto che le battaglie tra bande sul territorio e le loro azioni criminali stanno lacerando la società e aumentando l’insicurezza. La vita di ogni giorno ad Haiti aveva iniziato a perdere il controllo a settembre, poche ore dopo che il primo ministro Ariel Henry aveva dichiarato che i sussidi per il carburante sarebbero stati eliminati, facendo raddoppiare i prezzi. Una banda guidata da Jimmy “Barbecue” Cherizier, un ex agente di polizia, aveva bloccato il terminal di rifornimento di Varreux, scatenando una crisi di carburante. Il 21 ottobre il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha imposto sanzioni a Cherizier, che ha annunciato il 6 novembre che la sua federazione di bande del G9 stava revocando il blocco. Ma nonostante la disponibilità di carburante, ha affermato Richardson, la situazione umanitaria, la sicurezza e la politica sta peggiorando, affermando che “tutti sono colpiti dalla violenza”.

Perù

Continua la crisi politica in Perù dopo che l’ormai ex presidente Pedro Castillo è apparso in tribunale dopo aver tentato di sciogliere il parlamento. In tribunale Castillo sembrava abbattuto mentre forniva semplici risposte con un si o un no, e il suo avvocato sosteneva che era stato arbitrariamente trattenuto ed estromesso sulla base di accuse inventate. Gli Stati Uniti avevano condannato la sua presa di potere come illegale e persino gli alleati di sinistra nella regione si sono rifiutati di venire in suo soccorso. Ieri il presidente messicano Andrés Manuel López Obrador ha definito la rimozione di Castillo un “colpo di stato morbido” alimentato da un radicato razzismo nei confronti dell’ex insegnante di scuola degli altopiani andini.

Sri Lanka

Il parlamento dello Sri Lanka ha approvato un bilancio che include riforme volte a migliorare le finanze del paese mentre tenta di riprendersi dalla sua peggiore crisi economica.  il budget di 5,82 trilioni di rupie (15 miliardi di dollari) include un pacchetto di aiuti da 43 miliardi di rupie (117 milioni di dollari) per le persone colpite dalla crisi.

Giappone

Giappone, Regno Unito e Italia hanno concordato di sviluppare congiuntamente aerei da combattimento di nuova generazione entro il 2035, i tre paesi hanno annunciato oggi, uno sforzo collaborativo che riflette la necessità di rispondere insieme alle crescenti minacce geopolitiche provenienti da Cina e Russia .
Le tre nazioni riuniranno le loro tecnologie per sviluppare una cellula comune e coprodurla. Tokyo è in procinto di allentare le regole per le esportazioni di armi e spera di poter eventualmente sfruttare i collegamenti che il Regno Unito e l’Italia hanno per vendere l’aereo ad altri paesi.
Il Regno Unito e l’Italia uniranno i loro piani esistenti per i caccia di sesta generazione Tempest con i piani del Giappone per sviluppare un successore del caccia F-2. Questa è la prima volta nell’era del secondo dopoguerra che il Giappone sta sviluppando un’importante piattaforma di difesa con paesi diversi dagli Stati Uniti.

Ti potrebbe interessare anche:

 

E se credi in un giornalismo indipendente, serio e che racconta il mondo recandosi sul posto, puoi darci una mano cliccando su sostienici


Continua a leggere

[There are no radio stations in the database]