Adozione e identità

Scritto da in data Maggio 21, 2021

Ascolta il podcast

Non si parla mai abbastanza di adozione. Per questo ho deciso di invitare nel nostro Salotto Fatima Casalenuovo, designer italiana di origini indiane, che gestisce uno spazio creativo dedicato all’artigianato identitario.

Il suo viaggio comincia a un anno, nascosta dentro un sacco di iuta tra frutta e verdura, trasportata per ore fino a Bombay (India), da cui vola verso la sua famiglia adottiva in Italia.
Insieme a lei abbiamo toccato il tema dell’adozione transrazziale, scoprendo quanto sia importante o meno rispecchiarsi fisicamente e culturalmente nel genitore adottivo. Oltre a esplorare il suo difficile percorso identitario, segnato dalla ricerca disperata di un equilibrio personale. Un percorso che passa attraverso episodi di disagio, viaggi nella sua terra d’origine, e la ricerca di un lavoro creativo che rimanesse ancorato alle sue radici.
Così è nato Rekrei, un artigianato identitario che risiede all’interno di uno spazio creativo a Locorotondo, ParTòt. Spazio creato insieme al compagno Vincenzo, che ci ha anche dato uno spunto per parlare di amori interculturali.
Seguiteci per scoprire preziosi consigli di lettura ma anche per assaporare le musiche di straordinari artisti indiani, italiani e rwandesi che vi faranno sognare!

In collaborazione con Gianluigi De Benedettis dell’Associazione Humanae Vitae.

Marilena Delli Umuhoza

Donna. Nera. Italiana. Sono cresciuta nella Bergamo della Lega Nord in cui le persone come me non esistevano per i mass media italiani. Il nero era associato al criminale, al disperato, alla prostituta. È perché sono cresciuta senza uno straccio di rappresentazione che ho deciso di firmare libri come “Razzismo all’italiana – cronache di una spia mezzosangue” e “Negretta – Baci Razzisti”. E anche di filmare, fotografare e produrre musicisti dai paesi meno rappresentati del mondo a partire da quello di mia madre, il Rwanda.
Il mio nuovo show “Il Salotto dei Nuovi Italiani” mostra l’altra faccia dell’Italia: l’Italia che non conosci.
Tagged as

Continua a leggere

[There are no radio stations in the database]