Afghanistan: aumentano i suicidi femminili

Scritto da in data Marzo 5, 2024

Secondo i dati compilati da Afghan Witness (AW), dall’aprile 2022 in Afghanistan si sono verificati almeno 195 casi di suicidio .

I casi di suicidio in Afghanistan sono aumentati in relazione alla crescente crisi economica, alla disoccupazione, alla violenza domestica, ai matrimoni forzati, ai disturbi mentali, alle restrizioni dei talebani, alla violenza legata ai talebani e alle violazioni dei diritti umani.

AW ha scoperto che i suicidi che si sono stati registrati più spesso riguardano donne afghane, ma che sono comuni anche tra gli uomini, così come tra i minori, registrando una fascia di età compresa tra 10 e 72 anni .

Sebbene l’impiccagione sia il metodo di suicidio più diffuso registrato da AW, altri metodi  includono ferite da arma da fuoco , avvelenamenti , overdose  di narcotici, auto-immolazione e gettarsi nel vuoto.

Tuttavia, in numerosi casi non sono stati forniti l’età, il sesso della vittima e le modalità di autolesionismo.  Mentre la disoccupazione sembra contribuire in modo significativo al suicidio tra i giovani uomini afghani, le cause dei suicidi tra le donne sono molteplici.

Nei rapporti, i suicidi femminili spesso derivano dalla violenza domestica,  dall’aumento dei matrimoni precoci e forzati,  dalla violenza legata ai talebani come lo stupro, dalla detenzione e dalle restrizioni imposte dai talebani, compresi i divieti di istruzione e la chiusura di università  e scuole.

Gli analisti di AW hanno anche osservato una recente tendenza di donne che si suicidano dopo il loro rilascio dalle carceri talebane di Kabul e Balkh.

Non tutti i suicidi vengono registrati

È molto probabile che i dati di AW non catturino una quota considerevole di incidenti suicidi, a causa dello stigma sociale e della limitata segnalazione di eventi individuali, mentre i media sul campo hanno fornito cifre significativamente più elevate.

Ad esempio, Etilaatroz ha segnalato 213 suicidi solo tra il 21 aprile 2022 e il 21 aprile 2023. Gli analisti di AW non sono stati in grado di verificare in modo indipendente questa cifra, tuttavia è molto probabile che rappresenti anche una sottostima della reale portata del problema.

In questo rapporto, Etilaatroz ha descritto Faryab, la provincia a maggioranza uzbeka, come il luogo con il più alto tasso di suicidio in Afghanistan in linea con i dati raccolti da AW.

L’impatto sulla provincia di Faryab è stato ulteriormente sottolineato dall’ex governatore provinciale, che ha dichiarato a Zawia News che si sono verificati 22 casi di suicidio nella provincia tra il 22 maggio 2023 e il 21 giugno 2023.

Suicidi legati a matrimoni precoci e forzati

I suicidi sono notoriamente sottostimati, e quelli tra i minori in Afghanistan sono particolarmente difficili da monitorare.

Tuttavia, visto che i matrimoni forzati sono in aumento in Afghanistan a causa della pressione economica (secondo l’ispettore generale speciale degli Stati Uniti per la ricostruzione dell’Afghanistan), è probabile che anche i suicidi correlati stiano assistendo a un aumento.

Di conseguenza, AW ha monitorato le denunce di 11 suicidi legati a matrimoni forzati di ragazze minorenni dall’aprile 2022.

Il 20 gennaio 2024, Zan TV ha pubblicato su X (ex Twitter): “Fonti locali nella provincia di Baghlan dicono che una giovane ragazza nel Deh Salah distretto della provincia si è suicidato a causa del matrimonio forzato”.

La vittima aveva 17 anni ed era stata fatta sposare con un uomo di 37 anni quattro mesi prima. È stato, inoltre riferito che in precedenza aveva compiuto diversi attentati infruttuosi alla sua vita, in seguito al matrimonio.

Nemmeno due settimane dopo, il 2 febbraio 2024, un giornalista locale di Faryab ha pubblicato su Facebook il suicidio di un’altra ragazza di 17 anni. Secondo Rokhshana Media, che ha riportato l’accaduto, la ragazza si sarebbe suicidata dopo essersi fortemente opposta ad un matrimonio approvato da suo padre.

Suicidi legati alla violenza e agli arresti dei talebani

AW ha osservato anche una recente tendenza nelle denunce di suicidi femminili legati alla violenza dei talebani, a seguito di arresti e detenzioni.

Sulla scia della campagna talebana di arresto di donne e ragazze per non conformità con l’hijab nel gennaio 2024, AW ha registrato varie suicidi, sostenuti da rapporti sul campo raccolti da organizzazioni credibili, relative alle esperienze dei talebani violenza e prigionia.

Il 28 gennaio 2024 diversi account sui social media hanno anche condiviso immagini di donne rilasciate dalle carceri talebane con segni di tortura.

L’attivista Bibi Gul, che usava lo pseudonimo di Zahra Mohammadi, ha vissuto un’esperienza simile prima di suicidarsi il 22 dicembre 2023.

Secondo lo Unity and Solidarity of Afghanistan Women’s Movement, l’organizzazione alla quale era affiliata, Bibi Gul è stata inizialmente arrestata nel settembre 2021 e da allora aveva contemplato il suicidio.

Sempre in relazione alla detenzione delle donne, il 28 gennaio 2024 Exile TV ha pubblicato su X il video di una donna, madre di un bambino di un anno, presumibilmente arrestata dai talebani e aggredita sessualmente.

Ha detto che aveva pensato al suicidio a causa del trauma subito, ma non l’ha fatto pensando al figlio. Ha aggiunto, tuttavia, che se avesse dato seguito ai suoi pensieri di autolesionismo, avrebbe ucciso sia se stessa che suo figlio.

Le aggressioni sessuali e la violenza di genere nei centri di detenzione femminile dei talebani sono state ben riportate dai media afghani.

Il 7 febbraio 2024, i media delle 8 del mattino hanno riferito dell’esperienza delle donne nei centri di detenzione talebani in tre province nordorientali.

Questo rapporto descriveva dettagliatamente la violenza sessuale, compreso lo stupro di gruppo e il colpire i genitali delle donne con tubi e scope.

Lo stesso organo di informazione ha riferito di problemi simili nei centri di detenzione femminile nelle province di Samangan, Faryab e Jowzjan nel maggio 2023, sostenendo che 16 donne su 90 imprigionate sono rimaste incinte a seguito di ripetute violenze sessuali.

Lo stigma sociale porta a sottostimare il suicidio e le sue motivazioni

Anche se i motivi del suicidio variano, le informazioni open source spesso elencano le cause che che riguardano il suicidio vengono denunciati come “sconosciute” .

Sulla base dei dati di AW, la violenza domestica sembra essere la causa più comune di suicidio tra le donne in Afghanistan. Tuttavia, molti articoli, compresi quelli di 8am.media sottolineano anche “controversie familiari”, ” problemi familiari ” e ” problemi di salute mentale “.

Secondo 8am.media, le famiglie in Afghanistan spesso negano il suicidio, per evitare lo stigma culturale, mentre altre richiedono ulteriori indagini e autopsie per determinare la causa della morte delle loro parenti.

È importante sottolineare che ci sono anche segnalazioni secondo le quali, i talebani avrebbero impedito che si svolga autopsia e ulteriori indagini in casi di probabile suicidio.

Nel complesso ci sono lacune investigative e forensi riguardo alle segnalazioni di suicidio open source in Afghanistan.

Lo stigma culturale e sociale che circonda il suicidio porta a una cultura della segretezza, che beneficia ulteriormente della mancanza di cooperazione dei talebani nel fornire dati sull’incidenza dei suicidi.

Deve essere preso in considerazione anche il coinvolgimento della famiglia dopo le detenzioni dei talebani e le relative violenze, allo scopo di ripristinare l’onore della famiglia.

Questa base contestuale, unita a prove insufficienti, rende difficile accertare se i singoli casi siano femminicidi, omicidi o suicidi effettivi. Indipendentemente, le vittime principali di questi casi in corso sono molto spesso e sempre più spesso donne, comprese le minorenni.

 

Foto di copertina: Foto di engin akyurt su Unsplash

Afghanistan: più restrizioni per le nubili

Ti potrebbe interessare anche:

E se credi in un giornalismo indipendente, serio e che racconta il mondo recandosi sul posto, puoi darci una mano cliccando su Sostienici


Continua a leggere

[There are no radio stations in the database]