Energia con la camicia

Scritto da in data Maggio 8, 2019

 

Hanno preso dei nanotubi di carbonio e della fibroina di seta, e li hanno stampati in 3D creando un tessuto intelligente e scoprendo una metodologia scalabile. Dalla Tsinghua University di Pechino arriva uno studio per realizzare indumenti che, grazie al movimento corporeo, generano elettricità e che soprattutto si possono “semplicemente” stampare.
Raffaella Quadri per Radio Bullets. Musiche di Walter Sguazzin.
Photo credits: Yingying Zhang (Tsinghua University).

Arriva dalla Cina un’insolita nuova applicazione per la stampa 3D che permette di realizzare, proprio grazie alla tecnologia additiva, niente meno che tessuti elettronici, i cosiddetti E-textile.
Con questo termine ci si riferisce alla cosiddetta elettronica flessibile e indossabile che negli ultimi anni si è notevolmente sviluppata.
A Pechino un gruppo di scienziati della Tsinghua University si è dedicato alla realizzazione di una nuova tipologia di questi particolari tessuti in grado di generare energia elettrica attraverso il movimento del corpo.
Per crearla sono ricorsi a una stampante 3D e a fibre con una speciale composizione che può essere stampata direttamente sul tessuto. È stato utilizzato un composto formato da due differenti inchiostri: il primo costituito da una soluzione di nanotubi di carbonio (CNT) che fungono da nucleo conduttivo e il secondo formato da fibroina di seta (SF) – la proteina di cui è costituita la fibra della seta – che funziona invece da guaina dielettrica, ovvero ha la capacità di trasferire cariche elettriche, e consente di isolare le fibre conduttive.

Come hanno spiegato gli scienziati nel loro studio pubblicato sulla rivista “Matter”, la composizione, una volta trasferita sul tessuto, consente a quest’ultimo di raccogliere energia biomeccanica dal movimento umano; in pratica chi lo indossa produce energia muovendosi. Il tessuto intelligente così realizzato è in grado di raggiungere una quantità di potenza pari a 18 mW/m2. Gli scienziati, inoltre, hanno testato anche la possibilità di stampare direttamente supercondensatori per creare un tessuto in grado anche di immagazzinare l’energia prodotta.

Il dato interessante dello studio cinese, però, è che questo tessuto intelligente è realizzato con metodi relativamente semplici e meno costosi degli attuali, proprio grazie alla stampa in 3D; con una metodologia che, oltretutto, è riproducibile in base alle necessità.
Dunque gli inchiostri formati, come si è detto, da nanotubi di carbonio e fibroina di seta sono estrusi insieme – proprio come un inchiostro qualsiasi – da un unico ugello coassiale di una comune stampante 3D e depositati direttamente sul tessuto.
Un metodo quindi veloce e relativamente semplice; la stampa diretta sul tessuto, spiegano gli scienziati, proprio grazie alla loro innovazione potrà contribuire alla produzione su vasta scala di E-textile dotati anche di altri vari componenti elettronici integrati.

Tra gli obiettivi della ricerca cinese c’è, oltre alla fabbricazione di sistemi di gestione dell’energia, anche l’intenzione di aprire la strada a una nuova metodologia per la produzione di dispositivi elettronici indossabili, come sensori flessibili, antenne elettriche e altri tipi di circuiti, semplicemente progettando di volta in volta una combinazione funzionale al bisogno di inchiostro e stampante 3D.

Questa settimana, sempre su Radio Bullets, non perdetevi:
il notiziario dei nostri piccoli giornalisti nella rubrica Minori Report
la “Letteratura migrante” di Mondo Roma a cura di Gianguido Palumbo
e le nuove avventure in giro per il mondo di Eleonora Viganò dopo l’ultima tappa del viaggio in Tanzania con la rubrica Vieni via con me.
Senza dimenticare, come sempre, l’appuntamento quotidiano con i nostri notiziari.

E se credete in un giornalismo indipendente, serio e che racconta dai luoghi in cui le notizie accadono, potete sostenerci andando su Sostienici.

Tagged as

Continua a leggere

[There are no radio stations in the database]