Il virus e l’insostenibile leggerezza dei numeri

Scritto da in data Aprile 18, 2020

Un dato preso da solo è un numero. Un dato messo in relazione con un altro può diventare  informazione, spunto di ragionamento, conoscenza. Da quando è cominciata l’emergenza Covid-19, la gran parte dei cittadini della gran parte dei paesi del mondo recepisce giornalmente nuovi dati su 4-5 ordini di grandezze in particolare: numero di contagi, ricoveri in terapia intensiva (o dimissioni), decessi, guarigioni. Questi dati di per sé possono dire poco o tanto, ma sono molto più significativi se messi in relazione con altri pertinenti.

Ad esempio: io posso essere più allarmato o confortato se giorno dopo giorno vedo crescere gli indicatori negativi (contagi, ricoveri, decessi) o quelli positivi (dimissioni, guarigioni) relativi al territorio in cui vivo. Ma l’allarme o il conforto possono essere amplificati o sminuiti se ho modo di confrontare questi indicatori con gli stessi misurati in altri territori. E se i criteri di misurazione sono attendibili, e omogenei.

Prendiamo una delle grandezze in questione: i contagiati totali.

A metà aprile 2020, questa era la situazione italiana messa a confronta con il resto dell’Europa (fonte World Health Orgnization – Europe):

I dati resi noti alla stessa data dall’ European Centre for Disease Prevention and Control, e aggregati  da Ourworldindata, evidenziano però che non tutti i paesi fanno tests (tamponi) con la stessa intensità. Anzi: in Norvegia, Germania e Italia la densità di test ogni 1000 abitanti, ovvero il tracciamento dei contagi risulta molto più intenso che nel resto dei paesi europei:

E’ evidente che ai nostri occhi (di chi li legge) i dati assoluti sul contagi assumono un  valore diverso, se siamo a conoscenza o meno di questo aspetto.

Eppure i bollettini quotidiani sono diramati senza esser corredati sistematicamente di queste avvertenze:

Anche le altre grandezze che quotidianamente vengono aggiornate andrebbero probabilmente corredate di specifiche avvertenze, per la loro corretta interpretazione. Non entriamo per il momento nel loro merito, e ci fermiamo qui, lasciando uno spunto di riflessione per chi ci legge: come altri hanno scritto in questi giorni (ad esempio Daniele Frongia sul Fatto Quotidiano, il 16 aprile), non sarebbe il caso di coinvolgere maggiormente esperti nella lettura di dati (tipo i sistemi statistici nazionali) e nella loro comunicazione? E non sarebbe il caso di armonizzare realmente questi dati su scala internazionale, vista la loro rilevanza per l’opinione pubblica?

 

Photo by Mohammad Fahim on Unsplash

Potrebbe anche interessarti:

E se credete in un giornalismo indipendente, serio e che racconta dai posti, potete sostenerci andando su Sostienici

Tagged as

Continua a leggere

[There are no radio stations in the database]