Roma 2022, giorno 5 – La guida del pomeriggio

Scritto da in data Agosto 15, 2022

Stadio del nuoto

Roma 2022, Giorno 5 – Pomeriggio

I campionati europei di nuoto di Roma 2022 non si fermano neanche a Ferragosto; dopo aver inaugurato i tuffi con una medaglia d’oro, allo stadio del nuoto sono in programma ben sei finali e cinque semifinali. Vediamo tutte le gare in programma oggi, 15 agosto, e chi sono gli italiani che scenderanno in vasca.

Si comincia con i 100 farfalla femminili, gara che vede favorita numero uno la francese Marie Wattel, argento mondiale in carica. A insidiarla la svedese Hansson, che proverà in tutti i modi a strappare la vittoria alla sua avversaria. In corsia 2 nuoterà l’italiana Ilaria Bianchi che, senza la pressione di dover salire sul podio, darà certamente battaglia in vasca.

La seconda gara in programma vedrà gli uomini sfidarsi nei 200 stile libero maschili. David Popovici tornerà a deliziare i presenti al Foro Italico con la sua nuotata gargantuesca e andrà a caccia del secondo oro nella competizione. Tra gli avversari più temibili lo svizzero Djakovic, l’austriaco Auboeck e l’italiano Marco De Tullio che, nelle semifinali di ieri, ha ottenuto il terzo miglior tempo e ha sfiorato il record italiano nella distanza.

L’ultima finale, prima della pausa per le cinque semifinali previste oggi, è quella dei 200 rana femminili che vede qualificata con il miglior crono l’italiana Martina Carraro. I pericoli per l’atleta genovese verranno soprattutto dalla svizzera Lisa Mamie e dalla lituana Teterevkova, quinta ma prima fra le europee agli ultimi campionati del mondo. Attenzione a dare per esclusa dalla lotta per il podio la detentrice del record italiano Francesca Fangio: chissà che, anche se i tempi nuotati in questo europeo sono lontani dal suo potenziale, con un colpo di coda non riesca a inserirsi nella lotta per le medaglie.

Luca Pizzini, bronzo a Roma2022

La prima semifinale della quinta giornata degli europei di nuoto di Roma 2022 è quella dei 200 dorso femminili: oltre alle quotate Terebo e Toussaint, nuoteranno le italiane Margherita Panziera e Silvia Scalia che, secondo i pronostici, non dovrebbero avere grosse difficoltà a qualificarsi per la finale di domani.

Si prosegue con le semifinali dei 50 rana maschili che vedranno in vasca Simone Cerasuolo e Nicolò Martinenghi (quinto e secondo agli ultimi mondiali). Esclusi dalle semifinali Federico Poggio e Fabio Scozzoli, sebbene siano arrivati dietro solo ai compagni di nazionale ma costretti a restare fuori in virtù della regola che prevede che, a prescindere dai tempi nuotati, possano qualificarsi per una semifinale al massimo due atleti della stessa nazione.

Si passa così ai 50 stile libero femminili, con il pubblico che potrà tornare ad ammirare la nuotata perfetta della regina della velocità Sarah Sjoestroem, a caccia del secondo oro dopo quello conquistato nei 50 farfalla. In vasca anche Chiara Tarantino e Silvia Di Pietro che lotteranno per un posto tra le migliori otto.

Tornano a nuotare gli uomini nella semifinale dei 200 farfalla maschili. Difficile che qualcuno riesca a insidiare l’ungherese Milak che agli ultimi mondiali, oltre a vincere la medaglia d’oro, ha fatto registrare il nuovo record del mondo nella distanza. Gareggeranno, con buone chances di accedere alla finale, anche due italiani: Alberto Razzetti e Giacomo Carini.

L’ultima semifinale di giornata è quella dei 200 misti femminili dove vedremo in vasca la veterana, detentrice del record del mondo, Katinka Hosszu; seppur in una fisiologica — vista l’età — fase calante della carriera, la campionessa ha tutti i mezzi per lottare per il gradino più alto del podio. L’avversario più temibile è l’israeliana Gorbenko. Sara Franceschi e Francesca Fresia lotteranno per un posto in finale.

Archiviate tutte le semifinali, si torna a gareggiare per il podio con la finale dei 50 dorso maschili. L’Italia affida le sue speranze per l’oro al velocissimo Thomas Ceccon, quarto nella distanza ai mondiali di Budapest, che proverà in tutti i modi a prevalere sul greco Christou, qualificatosi col miglior tempo. Michele Lamberti, in corsia 2, senza pressione proverà a ritagliarsi un ruolo da protagonista nella gara.

Da una gara sprint a una di fondo: a Roma 2022 è tempo di 1500 stile libero femminili con la beniamina di casa, Simona Quadarella, pronta a bissare il successo negli 800 di qualche giorno fa. Martina Rita Carmignoli, qualificatasi con il quarto tempo, dalla corsia 6 proverà a insidiare le sue avversarie e a inserirsi nella lotta per le medaglie. Gara imperdibile per tutti gli appassionati, che promette di regalare grandi emozioni.

Una staffetta, come di consueto, chiude il pomeriggio di gare: oggi assisteremo alla 4×100 mista stile libero mista. L’Italia si è qualificata con il terzo tempo grazie alle prove di Bori, Frigo, Morini e Cocconcelli; vedremo se la formazione sarà confermata o se, come ieri, ci sarà qualche cambio per la finale. Agli ultimi mondiali, l’Italia arrivò settima con Zazzeri, Miressi, Di Pietro e Tarantino.

Credit Foto: LEN

Ti potrebbe interessare anche:

E se credi in un giornalismo indipendente, serio e che racconta il mondo recandosi sul posto, puoi darci una mano cliccando su sostienici

Tagged as

Continua a leggere

[There are no radio stations in the database]