26 giugno 2024 – Notiziario Mondo

Scritto da in data Giugno 26, 2024

  • Gaza: ogni giorno 10 bambini perdono una o due gambe.
  • Kenya: a fuoco il parlamento, 8 manifestanti uccisi.
  • Udienza in territorio americano per Assange. Ora è libero di tornare in Australia.
  • India: fornitore Apple non assume donne sposate.
  • La Russia blocca accesso ai siti di 81 media europei.
  • Haiti: è arrivata la polizia kenyota.

 Questo e molto altro nel notiziario di Radio Bullets a cura di Barbara Schiavulli

Israele e Palestina

■ CESSATE IL FUOCO/OSTAGGI: Israele ha trasmesso un messaggio agli Stati Uniti affermando che la recente intervista televisiva del Primo Ministro Netanyahu, in cui ha accettato un accordo “parziale” di ostaggi/cessate il fuoco con Hamas, non rappresenta un cambiamento nella posizione ufficiale di Israele.

Funzionari americani hanno detto ad Haaretz che le parole di Netanyahu hanno fatto il gioco di Hamas e hanno migliorato la posizione dell’organizzazione sulla scena internazionale.

In un incontro privato con le famiglie degli ostaggi, la moglie del primo ministro Netanyahu, Sara, ha accusato i capi dell’IDF di cercare di organizzare un colpo di stato militare contro suo marito. 

Durante l’incontro, Netanyahu ha ripetuto più volte di non fidarsi della leadership dell’esercito, spingendo diversi partecipanti a interromperlo per dire che il destino dei loro figli prigionieri dipendeva dall’IDF.

■ USA-ISRAELE: In un incontro a Washington, DC con il Segretario di Stato americano Antony Blinken, il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant ha affermato che “gli occhi dei nostri nemici e dei nostri amici stanno guardando il rapporto tra Israele e gli Stati Uniti – dobbiamo rapidamente risolvere i nostri problemi “, ha detto l’ufficio di Gallant .

Secondo il Dipartimento di Stato, Blinken ha insistito con Gallant sulla necessità che Israele sviluppi rapidamente un solido piano postbellico per Gaza e garantisca che le tensioni con Hezbollah sul confine settentrionale di Israele non peggiorino ulteriormente .

■ ISRAELE-LIBANO: L’IDF ha affermato che l’aeronautica militare ha colpito obiettivi di Hezbollah nel Libano meridionale e che due droni entrati in Israele dal Libano sono stati intercettati.

Una settimana dopo che il leader di Hezbollah Nasrallah ha accusato Cipro di consentire a Israele di utilizzare i suoi aeroporti e le sue basi per scopi militari, il ministro degli Esteri turco Hakan Fidan ha affermato che il suo paese dispone di rapporti di intelligence che ” confermano ” che Cipro è diventata una base per operazioni militari a Gaza, ha riferito il canale turco TRT.

■ GAZA: L’IDF ha dichiarato di aver colpito un edificio nel campo profughi di al-Shati a Gaza City , che secondo loro era stato utilizzato dai militanti di Hamas coinvolti nella presa di ostaggi israeliani e che avevano preso parte al massacro del 7 ottobre.

Almeno 13 persone sono state uccise nell’attacco dell’IDF ad al-Shati, tra cui Zahr Haniyeh , la sorella del capo del politburo di Hamas, Ismail Haniyeh, e almeno nove delle persone uccise erano parenti di Haniyeh.

Zahr non ricopriva alcuna posizione ufficiale all’interno di Hamas.

Le Forze di difesa israeliane (Idf) affermano di aver ucciso ieri in un raid di droni sulla città di Gaza un membro della Jihad islamica, che Medici senza frontiere (Msf) ha invece identificato come membro del suo staff.

Msf afferma invece dal canto suo che il 33enne era un fisioterapista che lavorava con l’organizzazione umanitaria dal 2018.

In un post sul suo account X, Msf ha postato una foto in camice di al-Wadiya specificando che l’uomo è stato ucciso insieme ad altre cinque persone tra cui tre bambini mentre andava in bicicletta alla clinica dove lavorava.

“Siamo indignati e condanniamo fermamente l’uccisione del nostro collega”, si legge nella nota.

Si tratta della sesta uccisione di un membro dello staff di Msf a Gaza dal 7 ottobre 2023, secondo la stessa organizzazione umanitaria.

La chiusura del valico di Rafah tra Egitto e Gaza ha impedito l’evacuazione medica di almeno 2.000 pazienti , ha affermato un funzionario dell’OMS, chiedendo la riapertura del valico e delle altre rotte.

Il capo del Consiglio di sicurezza nazionale israeliano, Tzachi Hanegbi, ha affermato che “è impossibile far scomparire l’idea di Hamas “, aggiungendo che è necessaria un’idea alternativa “che non si limiti a danneggiare le loro capacità militari.

 L’idea alternativa è una leadership locale che è disposta a vivere fianco a fianco con Israele”.

Circa 100 israeliani hanno intentato una causa presso il tribunale federale di Manhattan contro sette attuali ed ex alti funzionari dell’UNRWA , compreso il direttore dell’agenzia, ha riferito il New York Times.

Secondo quanto riferito, la causa afferma che i lavoratori dell’UNRWA sapevano che Hamas aveva sottratto oltre 1 miliardo di dollari dagli aiuti assegnati all’agenzia per pagare, tra le altre cose, attrezzature per costruire tunnel e armi.

Dieci bambini in media al giorno a Gaza perdono una o entrambe le gambe a causa della guerra che imperversa nel territorio assediato, ha dichiarato il capo dell’Unrwa, l’agenzia Onu che sostiene i rifugiati palestinesi.

 “Fondamentalmente abbiamo ogni giorno 10 bambini che perdono in media una o due gambe”, ha detto Philippe Lazzarini ai giornalisti a Ginevra, citando i dati dell’agenzia Onu per l’infanzia Unicef.

Questi numeri non includono i bambini che hanno perso mani o braccia.

Il capo dell’agenzia delle Nazioni Unite che sostiene i rifugiati palestinesi ha dichiarato di aver ottenuto finanziamenti fino alla fine di agosto.

Secondo il Ministero della Sanità di Gaza, controllato da Hamas, dall’inizio della guerra almeno 37.658 palestinesi sono stati uccisi e 86.098 feriti.

■ ISRAELE: L’Alta Corte israeliana ha stabilito all’unanimità che gli ebrei israeliani ultra-ortodossi devono essere arruolati nell’IDF e che le yeshivah non possono ricevere finanziamenti governativi se i loro studenti non si arruolano.

 La sentenza, che probabilmente avrà un impatto significativo sulla coalizione di Netanyahu , afferma che “nel mezzo di una guerra estenuante, il peso della disuguaglianza è più duro che mai e richiede una soluzione”.

Cisgiordania: l’IDF ha affermato che le forze israeliane hanno arrestato 24 palestinesi durante un’operazione avvenuta dalla notte a martedì in diverse località della Cisgiordania.

Il presidente palestinese Mahmoud Abbas andrà Russia , hanno riferito le agenzie di stampa russe, citando il consigliere per la politica estera del Cremlino Yuri Ushakov.

Egitto

Martedì il primo ministro egiziano Mostafa Madbouly si è scusato per le diffuse interruzioni di corrente che hanno colpito il paese alle prese con un’intensa ondata di caldo .

Il Primo Ministro ha inoltre annunciato una serie di misure volte ad alleviare la crisi, tra cui la chiusura anticipata dei negozi ogni sera alle 22.

Ha affermato che saranno stanziati 1,18 miliardi di dollari per affrontare la crisi elettrica durante i mesi estivi.

I fondi verranno utilizzati per importare più gas naturale e mazut, che scarseggiano a causa dell’aumento del consumo di energia, ha affermato Madbouly.

Kenya

Sono otto i dimostranti morti nella capitale del Kenya, Nairobi, dopo l’assalto al parlamento al culmine della manifestazione di protesta contro la legge finanziaria che è stata approvata ieri.

Secondo quanto si vede dalle immagini televisive diffuse anche sul sito del quotidiano Daily Nation, una parte dell’edificio che ospita il parlamento era in fiamme, mentre il sito Kenyans conferma che i dimostranti morti sono almeno otto.

Le immagini mostrano anche diversi parlamentari fuggire dall’edificio.

Il presidente keniano William Ruto ha promesso ieri  di adottare una linea dura contro “la violenza e l’anarchia” dopo che le proteste contro l’aumento delle tasse proposto dal suo governo si sono rivelate mortali e i manifestanti hanno saccheggiato il parlamento.

Le manifestazioni guidate principalmente dai giovani sono state in gran parte pacifiche man mano che si sono intensificate durante la scorsa settimana, ma martedì è scoppiato il caos a Nairobi, con la folla che lanciava pietre contro la polizia, oltrepassava le barricate ed entrava nei terreni del parlamento.

L’esercito è stato schierato per sostenere la polizia che ha sparato gas lacrimogeni, idranti, proiettili di gomma e, secondo un gruppo per i diritti umani, munizioni vere contro i manifestanti.

Gli Stati Uniti hanno lanciato un appello alla calma e 13 nazioni occidentali – tra cui Canada, Germania e Gran Bretagna – si sono dichiarate “particolarmente scioccate” dalle scene fuori dal parlamento.

Il capo delle Nazioni Unite Antonio Guterres è “profondamente preoccupato” per la violenza e “rattristato” per le morti e i feriti segnalati, ha detto il suo portavoce Stephane Dujarric.

Anche il capo della Commissione dell’Unione africana, Moussa Faki Mahamat, ha espresso la sua “profonda preoccupazione” e ha invitato il Paese ad astenersi da ulteriori violenze.

Unione Europea

L’Unione Europea ha avviato martedì i negoziati di adesione con l’Ucraina, quasi due anni e mezzo da quando la Russia ha lanciato l’invasione che ha scatenato la guerra tra i due paesi. E pure l’adesione della Moldavia.

Russia

Sono 81 i media di Paesi della Ue di cui la Russia ha bloccato l’accesso ai siti in risposta ad analoghe misure prese dall’Unione contro i russi Ria Novosti, Izvestia e Rossiyskaya Gazeta.

Il Paese più colpito, con nove media, è la Francia. In Italia Rai, La7, La Repubblica e La Stampa.

La Corte penale internazionale ha emesso mandati d’arresto per l’ex ministro della Difesa russo Serghei Shoigu e per il capo di stato maggiore Valery Gerasimov.

Inizia il processo contro il giornalista americano Evan Gershkovich, ora rinchiuso in una prigione di Mosca già da 15 mesi.

Ma il giornalista del Wall Street Journal (WSJ) è sotto processo a mille miglia dalla capitale russa, nella città di Ekaterinburg. È qui che è stato arrestato durante un viaggio di reporter.

I pubblici ministeri affermano che Gershkovich stava raccogliendo informazioni riservate su un produttore di carri armati russo vicino a Ekaterinburg per conto della Central Intelligence Agency (CIA) americana.

Lui stesso, il suo datore di lavoro e il governo americano respingono ferocemente l’accusa di spionaggio. Se condannato, Gershkovich rischia fino a 20 anni di carcere.

“Questo è un processo fasullo. È scandaloso e bizzarro”, ritiene Deborah Ball, vice capo della copertura mondiale per Europa, Medio Oriente e Africa al WSJ.

“[Evan] non godrà di nessuno dei giusti processi che ci aspetteremmo in qualsiasi tribunale occidentale. Sarà a porte chiuse. Sarà segreto.

“Il tasso di assoluzioni della Russia è inferiore all’1%. Non ci aspettiamo alcuna possibilità che venga assolto”.

Il WSJ ha accusato Mosca di “accumulare americani” nelle carceri russe per poi scambiarli con russi imprigionati all’estero.

Stati Uniti

“Colpevole di cospirazione per ottenere e diffondere informazioni sulla difesa nazionale”.

Poche e tuttavia pesanti parole per mettere fine a un calvario giudiziario durato 14 anni.

Julian Assange si è dichiarato colpevole davanti alla giustizia americana nel tribunale di Saipan, sulle Isole Marianne Settentrionali, territorio Usa nell’Oceano Pacifico.

L’ammissione del 52enne fondatore di Wikileaks faceva parte del procedimento del patteggiamento concesso dal presidente americano Joe Biden, che gli ha permesso di partire per la sua Australia da uomo libero.

Poi è stato condannato a cinque anni e due mesi, esattamente il tempo già trascorso nel carcere di massima sicurezza vicino Londra. Un rito necessario ma formale, tanto più che l’australiano ha firmato il patteggiamento il 24 giugno nel Regno Unito, prima di salire sul jet privato pagato con una raccolta fondi da oltre mezzo milione di dollari.

E quando il giudice gli ha chiesto cosa avesse fatto per commettere il reato di cui è accusato, Assange ha risposto: “Ho incoraggiato la mia fonte a fornire informazioni classificate al fine di pubblicarle. Credo che il Primo emendamento protegga tale attività…”.

WikiLeaks ha annunciato su X che Assange partirà per l’Australia nelle prossime ore, aggiungendo che il patteggiamento “non avrebbe mai dovuto esserci”.

Il governo di Canberra, che da mesi faceva pressione su Washington per arrivare a questa conclusione, ha affermato che il caso “si è trascinato troppo a lungo”.

Il dibattito di stasera tra Joe Biden e Donald Trump sarà la prima volta che un attuale presidente degli Stati Uniti discuterà con un ex presidente.

È anche la prima volta che uno dei due dibatte in tutta questa stagione elettorale: Trump ha saltato i dibattiti delle primarie repubblicane e Biden, in quanto presidente in carica, non ha discusso con nessuno del lato democratico.

 E la posta in gioco è alta, con entrambi i candidati che si attestano al 46% a livello nazionale.

Il chirurgo generale degli Stati Uniti ha emesso un’allerta storica dichiarando la violenza armata una “crisi di salute pubblica” e chiedendo controlli ad ampio raggio sulle armi da fuoco che sono stati storicamente annullati dalla dura opposizione politica.

L’avviso di Vivek Murthy, nominato dal presidente Joe Biden, è il primo importante rapporto di questo tipo sulla violenza armata da parte di un chirurgo generale, il cui ufficio ha un’autorità limitata ma svolge un ruolo pubblico significativo nelle questioni sanitarie.

Un rapporto simile sul tabacco negli anni ’60 fu un primo passo fondamentale per alterare la percezione del pericolo della sostanza, portando infine a nuove normative e a un forte calo dei consumi.

“La violenza delle armi da fuoco è una crisi urgente di sanità pubblica che ha causato la perdita di vite umane, un dolore inimmaginabile e un profondo dolore a troppi americani”, ha affermato Murthy.

“Non dobbiamo continuare su questa strada e non dobbiamo sottoporre i nostri figli al continuo orrore della violenza armata in America.”

Il rapporto cita dati governativi e di altro tipo che mostrano che gli Stati Uniti rappresentano un’anomalia estrema in termini di morti e feriti da armi da fuoco, soprattutto tra i bambini.

Negli ultimi anni le armi da fuoco sono diventate la principale causa di morte per gli americani di età compresa tra 1 e 19 anni, sopra i veicoli a motore, afferma il rapporto.

Haiti

La polizia keniota è arrivata ieri ad Haiti devastata dalla violenza con una missione tanto attesa per aiutare a strappare la nazione caraibica dalle potenti bande, proprio mentre Nairobi è in subbuglio durante le proteste di massa.

Indossando uniformi mimetiche, elmetti e fucili, circa 200 agenti sono scesi da un aereo della Kenya Airways sulla pista della capitale haitiana Port-au-Prince.

Giovedì se ne attendono altri.

Si prevede un totale di circa 2.500 membri del personale, guidati dal Kenya con il contributo di numerosi paesi, soprattutto dell’Africa e dei Caraibi, in una missione benedetta ma non gestita dalle Nazioni Unite.

Garry Conille, primo ministro ad interim di Haiti nel nuovo governo di transizione, ha affermato che le truppe offrono una “opportunità unica” per porre fine finalmente alle crisi che si sovrappongono nella nazione più povera dell’emisfero occidentale.

Messico

Senza protezione militare né personale incaricato di assisterlo, il presidente del Messico Andrés Manuel López Obrador stima che fra tre mesi, al termine del suo mandato, riceverà una pensione compresa tra i 25 e i 30mila pesos al mese (circa 1.500 euro), frutto di 20 anni di servizio pubblico, da quando ha iniziato presso l’Istituto Nazionale dei Popoli Indigeni nel 1977 fino alla presidenza.

Inoltre, riceverà una pensione assistenziale per gli anziani di 6mila pesos (circa 330 euro) ogni due mesi.

Venezuela

Le forze armate del Venezuela (Fanb) hanno avviato un’operazione di pattugliamento e sorveglianza straordinario di tutte le strutture strategiche del sistema elettrico per “salvaguardare e proteggere” il servizio contro “possibili sabotaggi”.

Il provvedimento è stato adottato dopo che lo scorso lunedì il presidente Nicolas Maduro ha accusato l’opposizione di preparare una “guerra elettrica” nel Paese.

La leader dell’opposizione venezuelana, Maria Corina Machado, ha criticato aspramente la decisione del Consiglio nazionale elettorale di aver cambiato le regole sui rappresentanti di lista a poco più di un mese dalle elezioni presidenziali del 28 luglio.

Secondo la nuova norma, i rappresentanti di lista potranno operare solo negli stessi seggi in cui votano.

Machado, che sostiene il candidato della Piattaforma unitaria democratica (Pud), Edmundo González Urrutia, in una trasmissione sui social ha definito la misura un “serio ostacolo” per organizzare la supervisione del processo elettorale.

Tuttavia, nonostante la modifica, l’opposizione ha dichiarato che avrà i propri rappresentanti in tutti i seggi elettorali per identificare eventuali irregolarità.

Brasile

La Corte Suprema del Brasile ha votato per depenalizzare il possesso di marijuana per uso personale, rendendo la nazione una delle ultime in America Latina a farlo, con una mossa che potrebbe ridurre la sua massiccia popolazione carceraria.

I giudici devono ancora determinare la quantità massima di marijuana che potrebbe essere considerata per uso personale e quando la sentenza entrerà in vigore.

Si prevede che finiranno già oggi.

India

Un’inchiesta della Reuters, pubblicata sul suo sito, ha rivelato che Foxconn – uno dei principali produttori di dispositivi Apple – ha sistematicamente escluso le donne sposate dai posti di lavoro nel suo principale stabilimento indiano di assemblaggio di iPhone, sulla base del corollario che hanno maggiori responsabilità familiari rispetto alle donne non sposate.

Paul, ex dirigente delle risorse umane presso Foxconn India, ha affermato che i dirigenti dell’azienda trasmettono verbalmente le regole alle agenzie di reclutamento indiane, incaricate da Foxconn di scovare candidati, presentarli per colloqui e assumerli.

L’opinione dell’azienda è che ci sono “molti problemi dopo il matrimonio”, ha spiegato Paul, compreso il fatto che “hanno figli” e quindi “i fattori di rischio aumentano quando si assumono donne sposate”, ha affermato.

Per le donne indiane, lavorare in un’azienda come quella degli iPhone è un biglietto per uscire dalla povertà estrema.

Foxconn offre vitto e alloggio e uno stipendio mensile di circa 200 dollari, più o meno in linea con il Pil pro capite dell’India.

Tali lavori sono il tipo di opportunità offerte dalle società multinazionali che il governo ha incoraggiato per contribuire a migliorare gli standard di vita.

Myanmar

L’agenzia alimentare delle Nazioni Unite ha condannato fermamente il saccheggio delle scorte di cibo e l’incendio di uno dei suoi magazzini durante il fine settimana in un’area devastata dalla guerra nello stato occidentale di Rakhine, in Myanmar.

Una dichiarazione rilasciata dal Programma alimentare mondiale afferma che l’edificio distrutto nella cittadina di Maungdaw di Rakhine conteneva 1.175 tonnellate (1.295 tonnellate americane) di cibo e forniture, sufficienti a sostenere 64.000 persone per un mese in caso di emergenza.

L’incidente, avvenuto domenica, rende ancora più disperata una crisi umanitaria causata dagli aspri combattimenti tra il governo militare del Myanmar e i guerriglieri dell’Esercito Arakan appartenenti alla minoranza etnica Rakhine, che cerca l’autonomia dal governo centrale.

Cina

La capsula della sonda lunare cinese Chang’e-6, che trasportava i primi campioni al mondo provenienti dal lato nascosto della Luna, è atterrata martedì sulla Terra a Siziwang Banner, nella Mongolia interna.

Lo riferiscono i media di Pechino, ricordando che la navicella era atterrata sul satellite terrestre il 4 giugno.

La missione sottolinea la crescente influenza tecnologica cinese nelle missioni aerospaziali.

Ti potrebbe interessare anche:

E se credi in un giornalismo indipendente, serio e che racconta il mondo recandosi sul posto, puoi darci una mano cliccando su Sostienici


Opinioni dei Lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi con * sono obbligatori



[There are no radio stations in the database]