4 luglio 2024 – Notiziario Mondo

Scritto da in data Luglio 4, 2024

  • Israele approva il più grande sequestro di terre in Cisgiordania degli ultimi decenni.
  • Kenya: il governo sotto accusa si dice pronto a rivedere gli aumenti di stipendi statali.
  • Indonesia: scoperta in una grotta l’opera d’arte più antica del mondo.
  • Messico: evacuate anche le uova di tartaruga marina mentre si avvicina l’uragano Beryl.
  • India: l’inquinamento causa il 7 per cento dei decessi nelle città.

Questo e molto altro nel notiziario di Radio Bullets a cura di Barbara Schiavulli

Israele, Palestina, Libano

■ ISRAELE-LIBANO: L’IDF ha confermato i resoconti libanesi secondo cui avrebbe assassinato Muhammad Nimah Nasser, che comandava l’unità Hezbollah responsabile della valle della Beqaa e del confine sud-orientale siriano. È stato ucciso in un attacco con drone nella città di Tiro .

La città di Kiryat Shmona, nel nord di Israele, ha dichiarato che tre razzi sono caduti in aree aperte a sud della città, senza causare danni o vittime. L’IDF ha dichiarato che più di 100 razzi sono stati lanciati dal Libano verso la regione dell’Alta Galilea, nel nord di Israele.

L’inviato speciale del presidente statunitense Biden per il Medio Oriente, Amos Hochstein, ha incontrato mercoledì a Parigi funzionari francesi per discutere della de-escalation al confine tra Israele e Libano, ha riferito il New York Times.

Secondo quanto riportato dal suo ufficio, in una telefonata il presidente francese Emmanuel Macron ha messo in guardia il primo ministro Netanyahu dal permettere che il conflitto con Hezbollah si trasformi in una guerra vera e propria.

■ ISRAELE: Un soldato israeliano è stato ucciso e un altro uomo è rimasto gravemente ferito in un accoltellamento in un centro commerciale nella città di Carmiel, nel nord di Israele.

L’aggressore, un residente della città araba israeliana di Nahf, è stato colpito a morte sul posto.

Diversi membri della sua famiglia sono stati arrestati sul posto e in seguito la polizia è entrata nel villaggio e ha arrestato altri membri della famiglia.

■ CESSATE IL FUOCO/OSTAGGI: l’ufficio del primo ministro Netanyahu ha rilasciato una dichiarazione a nome di un “alto funzionario della difesa” affermando che “Hamas continua a insistere su una clausola nell’accordo che impedirà a Israele di tornare a combattere dopo la prima fase dell’accordo, il che è inaccettabile per Israele“.

■ CISGIORDANIA: Israele ha approvato la più grande confisca di terreni nella Cisgiordania occupata degli ultimi trent’anni, ha affermato un gruppo di monitoraggio degli insediamenti.

La decisione è stata denunciata dagli attivisti, secondo i quali avrebbe aumentato ulteriormente le tensioni causate dalla guerra a Gaza e infranto le speranze di uno Stato palestinese e di una soluzione di pace a due Stati.

A giugno, una dichiarazione ufficiale ottenuta dai media affermava che 12,7 chilometri quadrati di terra nella valle del Giordano erano stati formalmente designati come “proprietà statale”, il che consente che la terra venga affittata agli israeliani e impedisce ai palestinesi di possederla privatamente.

“La dimensione dell’area designata per la dichiarazione è la più grande dagli Accordi di Oslo (1993), e l’anno 2024 segnerà un picco nell’estensione delle dichiarazioni di terre demaniali”, ha affermato Peace Now, un gruppo con sede a Tel Aviv, Israele, che monitora la crescita degli insediamenti israeliani.

Mercoledì il gruppo di monitoraggio ha affermato che il terreno collegherà gli insediamenti in un’area lungo il confine con la Giordania, rendendo meno probabili le prospettive di uno stato palestinese contiguo.

All’ONU, il portavoce Stephane Dujarric lo ha definito “un passo nella direzione sbagliata”, aggiungendo che “la direzione in cui vogliamo muoverci è quella di trovare una soluzione negoziata a due stati”.

Israele ottenne il controllo della Cisgiordania, di Gerusalemme Est e della Striscia di Gaza durante la guerra in Medio Oriente del 1967.

Da allora, Israele ha costruito insediamenti in tutta la Cisgiordania, dove vivono più di 490.000 israeliani. Questi insediamenti sono considerati illegali secondo il diritto internazionale.

Circa 3 milioni di palestinesi vivono in Cisgiordania, alcuni in luoghi amministrati dall’Autorità Nazionale Palestinese. Ma gran parte della Cisgiordania è off-limits per l’autorità, nonostante le centinaia di migliaia di palestinesi che vi vivono.

Il governo israeliano ha annunciato di aver occupato oltre 23,7 chilometri quadrati di terra in Cisgiordania dall’inizio di quest’anno.

La terra appena occupata si trova in un luogo in cui la violenza dei coloni stava sfollando comunità di palestinesi anche prima della guerra tra Israele e Hamas.

La violenza è aumentata da quando l’attacco di Hamas del 7 ottobre ha dato inizio alla guerra a Gaza.

I palestinesi sostengono che la violenza mira ad espandere il controllo israeliano su vaste aree e a ridurre la probabilità di realizzare uno Stato palestinese.

La rapida crescita di Israele in Cisgiordania dimostra quanto la comunità dei coloni sia influente nel governo del Primo Ministro Benjamin Netanyahu, noto per essere il più religioso e nazionalista nella storia di Israele.

Il ministro delle Finanze Bezalel Smotrich, che è anche un colono, ha accelerato l’espansione territoriale. Ha assunto nuovi poteri per sviluppare insediamenti e mira a rafforzare il controllo di Israele sulla terra per impedire la formazione di uno stato palestinese.

■ GAZA: Le forze israeliane hanno colpito a Rafah durante feroci combattimenti con i militanti palestinesi, hanno detto i residenti alla Reuters.

Secondo il Ministero della Salute di Gaza, controllato da Hamas, dall’inizio della guerra sono stati uccisi almeno 37.953 palestinesi e 87.266 sono rimasti feriti.

AUSTRALIA: I manifestanti pro-Palestina sono saliti sul tetto del Parlamento australiano a Canberra e hanno srotolato diversi striscioni, uno dei quali recita: “Dal fiume al mare, la Palestina sarà libera”.

La manifestazione di giovedì al parlamento nazionale è avvenuta in seguito alle recenti divisioni all’interno del governo laburista del primo ministro Anthony Albanese, che ha sospeso un senatore musulmano che aveva attraversato l’aula per votare a favore del riconoscimento da parte dell’Australia di uno Stato palestinese.

Quattro persone del gruppo Renegade Activists, vestite con abiti scuri, sono rimaste sul tetto dell’edificio per circa un’ora, srotolando diversi grandi striscioni bianchi e neri, tra cui uno con la scritta “Nessuna pace sulle terre rubate”.

Uno dei manifestanti ha tenuto un discorso usando un megafono accusando il governo israeliano di “crimini di guerra” a Gaza con il sostegno degli Stati Uniti, e il governo australiano di essere complice dei presunti abusi.

Giordania

L’Unione europea ha firmato due accordi di finanziamento con la Giordania per un totale di 25 milioni di euro per sostenere le riforme nell’istruzione tecnica e nella conservazione del patrimonio culturale.

La Giordania è il paese più filo-occidentale della regione del Levante e nel corso degli anni ha ospitato milioni di rifugiati palestinesi, iracheni e siriani, ricevendo milioni di finanziamenti dall’Occidente.

Gert-Jan Koopman, direttore generale dell’UE per la politica di vicinato e i negoziati di allargamento, ha firmato gli accordi con il ministro giordano per la pianificazione e la cooperazione internazionale, Zeina Touqan, durante una visita ad Amman.

Il primo accordo, del valore di 15 milioni di euro, mira a incrementare l’occupazione giovanile migliorando l’istruzione e la formazione tecnica e professionale (TVET).

Il programma comprende un programma di borse di studio per studenti svantaggiati ed è in linea con un’iniziativa sostenuta dalla Germania per orientare l’istruzione verso le esigenze del mercato del lavoro.

Il secondo accordo prevede 10 milioni di euro per la riabilitazione di due importanti siti archeologici, Quwaylebah (Abila) e Mekawer/Machaerus, in collaborazione con agenzie di sviluppo italiane e organizzazioni della società civile.

Kenya

Mercoledì la presidenza del Kenya ha dichiarato di aver ordinato una revisione degli aumenti salariali dei dipendenti pubblici, in un’apparente decisione per allentare le tensioni dopo un’ondata di proteste antigovernative a volte mortali.

La rabbia pubblica è alta per quello che i manifestanti considerano un eccesso di sperpero da parte del governo di fronte alle difficoltà economiche e all’elevato costo della vita che affliggono la popolazione comune del Kenya.

Le manifestazioni guidate principalmente dalla generazione Z del Kenya contro gli aumenti fiscali proposti si sono trasformate in una campagna più ampia che chiede le dimissioni del presidente William Ruto e misure contro la corruzione percepita e la spesa smisurata della sua amministrazione.

Decine di persone sono state uccise da quando, più di due settimane fa, le manifestazioni inizialmente pacifiche hanno avuto inizio; la polizia è stata accusata di aver fatto uso eccessivo della forza contro i manifestanti.

La polizia keniota ha arrestato più di 270 persone che, a loro dire, si spacciavano per manifestanti e erano sospettate di aver scatenato una furia criminale durante le manifestazioni antigovernative nel Paese.

Si tratta della crisi più grave che Ruto deve affrontare da quando ha assunto l’incarico nel settembre 2022 nella nazione dell’Africa orientale, spesso considerata un faro di stabilità in una regione turbolenta.

Francia

La portavoce del governo francese, Prisca Thévenot e una sua vice sono state aggredite da una ventina di persone nel corso di un’attività elettorale a Meudon, vicino Parigi.

Secondo quanto riferisce radio Europe 1, durante l’aggressione alle due politiche macroniane, ci sono stati pugni e monopattini scagliati.

Pakistan

Un ex senatore e altre tre persone sono stati assassinati mercoledì nell’esplosione di un’autobomba innescata tramite un dispositivo telecomandato nel turbolento Pakistan nordoccidentale, ha riferito la polizia.

India

Un ampio studio diffuso oggi afferma che oltre il sette percento di tutti i decessi nelle 10 città più grandi dell’India è legato all’inquinamento atmosferico, spingendo i ricercatori a chiedere azioni per salvare decine di migliaia di vite ogni anno.

Le città indiane piene di smog, tra cui la capitale Delhi, soffrono di uno dei peggiori livelli di inquinamento atmosferico al mondo, che soffoca i polmoni dei residenti e rappresenta una minaccia crescente per la salute, ancora in fase di scoperta da parte dei ricercatori.

Per il nuovo studio, un team guidato dall’India ha esaminato i livelli di microparticelle cancerogene, note come inquinanti PM2.5, nelle città di Ahmedabad, Bengaluru, Chennai, Delhi, Hyderabad, Kolkata, Mumbai, Pune, Shimla e Varanasi.

Secondo lo studio, dal 2008 al 2019, più di 33.000 decessi all’anno potrebbero essere attribuiti a un’esposizione a PM2,5 superiore al limite raccomandato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità di 15 microgrammi per metro cubo.

Secondo lo studio pubblicato sulla rivista The Lancet Planetary Health, questa cifra rappresenta il 7,2 percento dei decessi registrati in quelle città durante quel periodo.

La capitale indiana Delhi è stata la più colpita, con 12.000 decessi all’anno legati all’inquinamento atmosferico, pari all’11,5% del totale.

Ma anche le città in cui l’inquinamento atmosferico non è ritenuto così grave, come Mumbai, Calcutta e Chennai, hanno registrato tassi di mortalità elevati, hanno sottolineato i ricercatori.

Hanno chiesto che gli standard sulla qualità dell’aria in India vengano inaspriti.

L’attuale raccomandazione del Paese è di 60 microgrammi di PM2,5 per metro cubo, ovvero quattro volte superiore alle linee guida dell’OMS.

“I metodi per controllare l’inquinamento esistono e sono utilizzati altrove. Devono essere applicati urgentemente in India”, ha affermato in una dichiarazione.

L’OMS afferma che quasi tutti sulla Terra respirano una quantità di inquinamento atmosferico superiore a quella raccomandata, che può scatenare ictus, malattie cardiache, cancro ai polmoni e altre patologie respiratorie.

Bangladesh

Oltre 1 milione e 340 mila persone sono state colpite da alluvioni, dovute alle piogge monsoniche torrenziali e continue, nel Bangladesh, e le loro abitazioni sono state sommerse dall’acqua.

Lo rivelano fonti del governo di Dacca, che non è in grado di dare però informazioni su morti e dispersi.

Analogo disastro si sta verificando anche nella parte nord-orientale dell’India e in particolare negli stati indiani a est del Bangladesh, soprattutto nell’Assam.

 Stati Uniti

Le autorità della California settentrionale hanno ordinato a migliaia di persone di evacuare a causa di violenti incendi che hanno già bruciato più di 1.200 ettari in questi giorni.

La situazione già grave nello Stato americano è resa ancora più pericolosa dalla bassa umidità, le raffiche di vento e un’ondata di caldo con temperature elevate che aumentano il rischio di incendi.

Cibo avariato servito ai passeggeri durante il volo ha costretto un aereo della Delta Airlines a effettuare un atterraggio di emergenza.

Mercoledì, il volo 136 della Delta Airlines è partito dall’aeroporto Detroit Metropolitan Wayne County nel Michigan, Stati Uniti, diretto nei Paesi Bassi.

Ma quando è stato trovato del cibo avariato, il volo è stato dirottato all’aeroporto JFK di New York City , ha affermato la compagnia aerea.

Messico

L’uragano Beryl, attualmente classificato di categoria 4 della scala Saffir-Simpson, si trova a circa 1.400 chilometri dalla costa di Quintana Roo e dovrebbe raggiungere il territorio messicano questa notte o venerdì mattina, ha riferito la titolare del Coordinamento nazionale della Protezione civile, Laura Velázquez.

Velázquez ha aggiunto che, una volta attraversata la penisola dello Yucatan, l’uragano potrebbe avere un secondo impatto nel Paese, sulle coste del Golfo del Messico, negli Stati di Veracruz o Tamaulipas, dove arriverebbe domenica sera o nelle prime ore di lunedì.

Intanto ieri l’uragano si è abbattuto sulla Giamaica, dopo aver sradicato alberi, scoperchiato tetti e distrutto di tutto in due giorni attraverso le isole più piccole dei caraibi.

Il bilancio delle vittime del potente uragano di categoria 4 è salito ad almeno nove.

Restiamo in Messico, perché il governo in vista dell’uragano ha iniziato a evacuare dalle spiagge anche le uova di tartaruga marina.

Considerato che il Messico ha fatto ben poco per avvisare o evacuare i residenti della località turistica di Acapulco, sulla costa pacifica, durante l’uragano Otis in ottobre , questa volta le autorità stanno agendo con estrema cautela, dissotterrando le uova di tartaruga marina deposte di recente per paura che possano essere spazzate via dall’ondata di tempesta.

Diverse specie di tartarughe marine sbarcano a Cancun e nei dintorni per deporre le uova nella sabbia, da dove le piccole tartarughe emergeranno qualche settimana dopo e si trascineranno in mare.

Di solito, alle persone viene detto di non disturbare i nidi, perché la sabbia li mantiene alla temperatura ideale per la schiusa.

Venezuela

“Abbiamo concluso l’incontro virtuale con la delegazione del governo statunitense, dove abbiamo espresso il nostro rifiuto delle false dichiarazioni che i portavoce del governo americano hanno ripetutamente pubblicato su questo dialogo”.

Lo dichiara il presidente dell’Assemblea nazionale venezuelana, Jorge Rodríguez, in un post sul suo profilo X.

 In Qatar Caracas e Washington avevano concordato uno scambio di prigionieri e l’alleggerimento dell’embargo petrolifero.

Lunedì in una trasmissione sulla tv pubblica, Maduro aveva annunciato la ripresa del dialogo.

Le elezioni presidenziali del 28 luglio in Venezuela “rappresentano un’occasione fondamentale per rispettare la volontà della popolazione.

Mi rammarico che la restrizione dello spazio civico stia crescendo nel Paese quando sarebbe necessario il contrario”.

Lo ha detto l’Alto commissario dell’Organizzazione delle Nazioni unite per i diritti umani, Volker Türk, presentando il rapporto sulla situazione in Venezuela.

“Sono preoccupato per le notizie di intimidazioni e maltrattamenti nei confronti dei detenuti. Molte persone continuano a essere accusate di terrorismo il che non soddisfa gli standard di tutela dei diritti umani.

Queste pratiche devono essere invertite”, ha affermato Türk.

L’alto commissario Onu denuncia inoltre, l’aumento di “intimidazioni contro i giornalisti e la censura sui media”.

La delegazione venezuelana presente alla 56a sessione del Consiglio dei Diritti Umani Onu ha criticato il rapporto definendolo un “opuscolo di propaganda”.

Indonesia

Gli scienziati hanno scoperto quella che ritengono essere l’opera d’arte più antica del mondo, raffigurante tre persone riunite attorno a un grande maiale rosso, in una grotta sull’isola indonesiana di Sulawesi.

Una ricerca pubblicata mercoledì indica che il dipinto è stato realizzato circa 51.200 anni fa.

“Questa è la più antica prova di narrazione”, ha detto all’agenzia di stampa AFP Maxime Aubert, archeologo della Griffith University in Australia e coautore di un nuovo studio pubblicato su Nature .

Aubert faceva parte del team che ha identificato il precedente detentore del record: un’immagine raffigurante un maiale verrucoso, che si ritiene abbia almeno 45.500 anni.

L’ultima scoperta, effettuata all’interno della grotta di Leang Karampuang nella regione di Maros-Pangkep, nel Sulawesi meridionale, è in pessime condizioni.

“Probabilmente è solo questione di tempo prima di trovare campioni più antichi”, ha aggiunto Aubert.

In precedenza si pensava che la prima arte narrativa fosse emersa in Europa.

Singapore

Un tribunale di Singapore ha condannato un uomo giapponese al carcere e alla fustigazione per lo stupro “brutale e crudele” di una studentessa universitaria nel 2019.

Il parrucchiere 38enne Ikko Kita sarà il primo cittadino giapponese a essere frustato nella città-stato, ha riferito l’ambasciata giapponese a Singapore alla BBC News.

Verrà fustigato 20 volte e condannato a 17 anni e mezzo di carcere.

La fustigazione è una forma di punizione corporale controversa ma ampiamente utilizzata a Singapore ed è obbligatoria per reati come vandalismo, rapina e traffico di droga.

Giappone

La Corte Suprema giapponese, che svolge anche la funzione di corte costituzionale, ha decretato a posteriori che era “incostituzionale” la legge sulle sterilizzazioni forzate, che restò in vigore dal 1948 al 1996 e che segnò, in nome dell’ “eugenetica”, almeno 25.000 persone.

Del totale, 16.500 persone furono obbligate a essere sterilizzate – per lo più persone con disabilità intellettive ereditarie – per “prevenire la generazione di discendenti di bassa qualità”, mentre almeno altre 8.500 si fecero sterilizzare “volontariamente”. Anche se queste ultime, secondo gli avvocati, furono di fatto indotte.

Ti potrebbe interessare anche:

E se credi in un giornalismo indipendente, serio e che racconta il mondo recandosi sul posto, puoi darci una mano cliccando su Sostienici


Opinioni dei Lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi con * sono obbligatori



[There are no radio stations in the database]