I rom rubano, i rom non hanno voglia di lavorare, i rom amano vivere nelle roulotte… Quante di queste affermazioni sono corrispondenti alla realtà e quante sono un pregiudizio?

“Siamo abituati che la normalità siano i rom che vivono nelle baracche e quelli che vivono nelle case siano l’eccezione. Non è così!” A parlare Santino Spinelli, in arte Alexian, musicista, musicologo e docente di lingua e cultura Rom. “In Italia – continua Spinelli – ci sono circa 180.000 rom di cui la metà sono italiani e circa 25.000 vivono in condizioni precarie come campi e roulotte”. La maggioranza dei rom quindi vive esattamente come l’italiano medio. Lo sapevate? Quanti sono i pregiudizi, quale è la storia delle persone rom, cosa vuol dire vivere nei campi lo esploriamo con storie e testimonianze in questo podcast prodotto in collaborazione con TapeWrite e Google Digital News Initiative.

A Roma secondo l’associazione “21 Luglio” sono circa 8000 i rom che vivono in condizioni precarie, quindi in campi attrezzati o informali. I campi attrezzati sono stati creati dalle varie giunte capitoline spesso sgomberati per ricrearne degli altri facendo sì che i ragazzi che iniziavano le scuole in un quartiere, magari facendosi amici al di fuori dal campo, ogni volta dovessero riniziare da capo. Ora la nuova giunta sta preparando gli sgomberi di altri tre campi: Camping River, Barbuta e Monachina. Di nuovo centinaia di famiglie dovranno iniziare da capo.

E non c’è solo Roma, ma anche il caso di Torino, dove “lo scorso luglio il Comune ha presentato la bozza del nuovo regolamento per i campi Rom, anche in questo caso focalizzato soprattutto sulla bonifica e sulla rimozione dell’immondizia accumulata da anni”. Con i campi, formali e informali – sono circa 149 in tutta Italia e ci vivono circa 28mila persone – “l’Italia viola la Direttiva anti-discriminazione ogni giorno attraverso sgomberi forzati in assenza di un’alternativa alloggiativa adeguata e costringendo i rom a vivere in ambienti minacciosi, ostili e degradanti”, spiega Ðorđe Jovanović, presidente del Centro europeo per i diritti dei rom. “La procedura d’infrazione contro l’Italia è necessaria da tempo. Cos’altro occorre alla Commissione Europea per passare all’azione?”.

“Romanza, cronache rom e sinti” è una serie podcast di Cecilia Ferrara, Angela Gennaro e Paola Mirenda, realizzata per Radio Bullets, in collaborazione con TapeWrite e con il supporto di Google Digital News Initiative