27 giugno 2024 – Notiziario Mondo

Scritto da in data Giugno 27, 2024

  • Bolivia: generale arrestato dopo un apparente tentativo di colpo di stato.
  • Gaza: 500 gli operatori sanitari uccisi dal 7 ottobre.
  • Iran: domani elezioni, chi sono i sei, anzi cinque candidati.
  • Kenya: il presidente ritira la legge del bilancio, ma le manifestazioni continuano.
  • Finlandia: primo paese al mondo a vaccinare contro l’aviaria.

 Questo e molto altro nel notiziario di Radio Bullets a cura di Barbara Schiavulli

Israele e Palestina

CESSATE Il FUOCO/OSTAGGI: I leader di Hamas a Doha credono che l’amministrazione Biden aumenterà la pressione su Israele affinché raggiunga il rilascio degli ostaggi e un accordo di cessate il fuoco solo quando l’IDF si ritirerà da Rafahha detto ad Haaretz un funzionario palestinese a conoscenza dei colloqui .

■ USA-ISRAELE: Il segretario americano alla Difesa Lloyd Austin ha detto al suo omologo israeliano Yoav Gallant che la guerra tra Israele e Hezbollah “sarebbe catastrofica per il Libano, e sarebbe devastante per i civili innocenti israeliani e libanesi “.

Secondo il Pentagono, i due hanno anche discusso degli sforzi per “inviare più aiuti umanitari a Gaza e per resistere insieme contro gli attacchi iraniani e sostenuti dall’Iran contro Israele e le attività destabilizzanti in tutto il Medio Oriente”.

Alla Casa Bianca, Gallant ha affermato, all’inizio del suo incontro con il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan, che Israele e gli Stati Uniti hanno gli stessi obiettivi nella guerra a Gaza, aggiungendo che “anche quando non siamo d’accordo sul percorso da seguire, risolviamo la questione a porte chiuse “.

Personaggi pubblici israeliani chiave, tra cui l’ex primo ministro Ehud Barak, l’ex capo del Mossad Tamir Perdo e l’autore David Grossman, hanno scritto un editoriale sul New York Times chiedendo al Congresso degli Stati Uniti di ritirare l’invito del primo ministro Netanyahu a parlare a luglio.

“L’apparizione di Netanyahu a Washington non rappresenterà lo Stato di Israele e i suoi cittadini, e premierà la sua condotta scandalosa e distruttiva nei confronti del nostro paese”, hanno scritto.

■ GAZA: i residenti di Gaza hanno riferito di aspri combattimenti durante la notte tra le forze israeliane e combattenti di Hamas a Rafah e che l’IDF continua ad operare in tutta Gaza.

I medici a Gaza hanno detto che un attacco israeliano ha ucciso tre palestinesi e ne ha feriti altri vicino al campo settentrionale di Jabalia, e che nel campo di Nuseirat, nel centro di Gaza, i proiettili di un carro armato hanno colpito un appartamento, uccidendo almeno cinque persone e ferendone altre.

Le Nazioni Unite hanno accusato Israele di aver effettuato “attacchi sistematici” agli ospedali mentre un ente di beneficenza britannico ha denunciato l’uccisione di 500 operatori sanitari dall’inizio della guerra a Gaza.

“Al 25 giugno, 500 operatori sanitari sono stati uccisi a Gaza da quando è iniziato l’assalto militare israeliano in ottobre.

Ciò equivale a una media di due operatori sanitari uccisi ogni giorno, con uno su 40 operatori sanitari, ovvero il 2,5% del personale sanitario di Gaza, ora morto”, ha affermato mercoledì in una dichiarazione l’organizzazione benefica britannica Medical Aid for Palestines.

“Da ottobre a Gaza sono stati uccisi più operatori sanitari di quanti siano stati uccisi in tutti i conflitti a livello globale nel 2021 e nel 2022 messi insieme”, si legge nella dichiarazione.

“Questi omicidi sono avvenuti in un contesto di attacchi sistematici contro ospedali e altre strutture mediche in violazione delle leggi di guerra”, ha dichiarato martedì l’Ufficio per i diritti umani delle Nazioni Unite.

Israele è ai ferri corti con le Nazioni Unite da mesi, dopo che il segretario generale dell’organizzazione António Guterres ha affermato in ottobre che l’attacco di Hamas “ non è avvenuto nel vuoto ” e ha accusato Israele di portare avanti “56 anni di soffocante occupazione”.

Già a gennaio Israele aveva chiesto la cacciata di Guterres.

Attaccare gli ospedali è considerato un crimine di guerra dalla Corte penale internazionale, ma possono perdere il loro status protetto ai sensi del diritto internazionale se utilizzati per scopi militari.

Israele ha giustificato gli attacchi alle strutture sanitarie sulla base di affermazioni , talvolta contestate, secondo cui Hamas le sta utilizzando per vari motivi militari.

Secondo il Ministero della Sanità di Gaza, controllato da Hamas, dall’inizio della guerra almeno 37.718 palestinesi sono stati uccisi e 86.377 feriti.

CISGIORDANIA: Idf ha demolito ieri 17 case palestinesi.

■ ISRAELE-LIBANO: diversi missili anticarro sono stati lanciati nell’area israeliana di Metula dal Libano, ha detto l’IDF, danneggiando una casa.

Un drone israeliano ha attaccato una linea elettrica vicino al fiume Litani , vicino al villaggio di Taybeh, nel sud del Libano, hanno riferito fonti libanesi.

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha affermato che la Turchia è solidale con il Libano alla luce delle crescenti tensioni con Israele e ha invitato i paesi della regione a sostenere anche Beirut.

Germania e Olanda hanno chiesto ai propri cittadini di lasciare il Libano.

■ ISRAELE: Il servizio carcerario israeliano ha nascosto informazioni sulla quantità di cibo dato ai prigionieri di sicurezza palestinesi dall’inizio della guerra, hanno detto ad Haaretz fonti della sicurezza israeliane.

La Knesset ha approvato in una votazione preliminare un disegno di legge per trasformare in legge permanente l’ordinanza temporanea che ha bloccato le attività di Al Jazeera in Israele .

In un feroce articolo pubblicato su Haaretz , l’ex primo ministro israeliano Ehud Olmert ha criticato l’attuale primo ministro Benjamin Netanyahu per aver esteso la guerra a Gaza, intensificato le tensioni con Hezbollah e dato potere ai teppisti israeliani che terrorizzano i palestinesi in Cisgiordania.

Olmert ha spiegato che Netanyahu dovrebbe essere rimosso dall’incarico e affrontare un processo per i suoi numerosi fallimenti dal 7 ottobre.

 “Per ciascuna di queste accuse, Netanyahu deve essere processato presso il tribunale del popolo di Israele. Questo non deve essere ritardato”, ha scritto.

“Ogni giorno in più in cui quest’uomo maledetto continua ad assumersi la responsabilità nominale della gestione dello Stato è un giorno che rappresenta un pericolo concreto per il suo futuro e la sua esistenza”.

Iran

Sei candidati – cinque conservatori e un riformista – concorreranno alle elezioni presidenziali iraniane di domani per succedere al defunto Ebrahim Raisi, morto in un incidente in elicottero il mese scorso.

Ecco uno sguardo alla lista dei candidati:

Mohammad Bagher Ghalibaf

Ghalibaf, 62 anni, è un eminente conservatore che ricopre la carica di presidente del parlamento dal 2020.

Nato il 23 settembre 1961 vicino alla città nord-orientale di Mashhad, ha ricoperto diversi incarichi governativi tra cui quello di sindaco di Teheran.

Ghalibaf si è candidato alla presidenza tre volte: 2005, 2013 e 2017, l’ultima delle quali si è ritirato per sostenere la candidatura di Raisi.

Prima di entrare in politica, ha fatto parte del Corpo delle Guardie della Rivoluzione Islamica, difensore ideologico della repubblica islamica.

Nel 1997 la guida suprema, l’ayatollah Ali Khamenei, lo nominò capo dell’Aeronautica militare delle Guardie e nel 2000 divenne capo della polizia.

Amir-Hossein Ghazizadeh-Hashemi

Ghazizadeh-Hashemi, 53 anni, è un medico ultraconservatore e un convinto sostenitore del governo Raisi.

Nato il 14 aprile 1971, ricopre il ruolo di vicepresidente e dirige la Fondazione dei Martiri.

In precedenza, ha rappresentato Mashhad in parlamento per quattro mandati consecutivi.

Nelle elezioni presidenziali del 2021 si è assicurato il 3,5% dei voti.

Notizia dell’Ultimo minuto, questo candidato si è ritirato: “Per mantenere l’unità delle forze rivoluzionarie mi ritiro dalle elezioni”, ha scritto Ghazizadeh sul suo account X.

Saeed Jalili

Jalili, 58 anni, è un ex negoziatore nucleare ultraconservatore noto per la sua intransigente posizione anti-occidentale.

Nato il 6 settembre 1965 a Mashhad, è stato scelto da Khamenei come uno dei suoi rappresentanti nel Consiglio supremo di sicurezza nazionale dell’Iran.

Veterano della guerra Iran-Iraq, Jalili ha perso un piede durante il suo servizio.

Ha guidato i negoziati sul programma nucleare iraniano tra il 2007 e il 2013 e si è fermamente opposto all’accordo sul nucleare del 2015 con gli Stati Uniti e i governi occidentali, che mirava a frenare l’attività nucleare di Teheran in cambio della riduzione delle sanzioni.

Jalili si era candidato alla presidenza nel 2013 e sostenne Raisi nel 2017, ritirando la sua candidatura.

Massoud Pezeshkian

Pezeshkian, 69 anni, è il candidato più anziano e l’unico riformista in corsa.

Nato il 29 settembre 1954, è un cardiochirurgo schietto che rappresenta la città nordoccidentale di Tabriz in parlamento dal 2008.

È stato ministro della sanità nel governo dell’ex presidente riformista Mohammad Khatami.

Nella corsa presidenziale del 2021 che ha portato Raisi al potere, è stato squalificato insieme ad altri candidati riformisti e moderati.

Recentemente, ha criticato il governo Raisi per la mancanza di trasparenza durante le proteste a livello nazionale innescate dalla morte di Mahsa Amini nel settembre 2022 mentre era in custodia di polizia.

Mostafa Pourmohammadi

Pourmohammadi, 64 anni, è l’unico religioso presente alle elezioni presidenziali iraniane.

Conservatore e politico veterano, è nato il 23 dicembre 1959 nella città religiosa di Qom.

Ha ricoperto molteplici incarichi nel corso della sua carriera, incluso il ministero dell’intelligence iraniano.

Pourmohammadi ha assunto la carica di ministro degli Interni sotto il governo del presidente intransigente Mahmoud Ahmadinejad e ha servito come ministro della giustizia sotto il presidente moderato Hassan Rouhani.

Alireza Zakani

Zakani, 58 anni, è un ultraconservatore che ricopre la carica di sindaco di Teheran dall’agosto 2021.

Nato nella capitale il 2 aprile 1965, è un veterano della guerra Iran-Iraq.

Zakani era candidato alle elezioni presidenziali del 2021 prima di ritirarsi per sostenere Raisi. È stato squalificato dalla corsa nel 2013 e nel 2017.

È stato deputato per quattro mandati separati, rappresentando Teheran per tre mandati e Qom per uno.

Era un convinto critico dell’accordo nucleare del 2015.

Kenya

Il presidente del Kenya William Ruto ha annunciato il ritiro della legge di bilancio che prevedeva aumenti delle tasse e che aveva scatenato le proteste della popolazione, culminate con l’assalto al Parlamento ieri.

“Dopo aver ascoltato attentamente il popolo del Kenya, che ha detto forte e chiaro che non vuole avere nulla a che fare con questa legge finanziaria, chino la testa e non la firmerò, quindi sarà ritirata”.

Tuttavia, i manifestanti keniani sono pronti a riprendere le proteste oggi, nonostante l’inversione di marcia del presidente Ruto.

Le manifestazioni sono state innescate la scorsa settimana dalla legge finanziaria 2024 e hanno colto di sorpresa il governo di Ruto mentre le manifestazioni inizialmente pacifiche hanno preso slancio in tutto il paese.

Ma le scene drammatiche martedì fuori dal parlamento, che hanno visto il complesso parzialmente in fiamme violato e saccheggiato, hanno lasciato la nazione vacillante mentre un gruppo per i diritti sostenuto dallo stato ha contato 22 morti a livello nazionale in seguito e ha promesso un’indagine.

Finlandia

La Finlandia prevede di offrire la vaccinazione preventiva contro l’influenza aviaria già la prossima settimana ad alcuni lavoratori esposti ad animali, hanno detto martedì le autorità sanitarie, diventando il primo paese al mondo a farlo.

Il paese nordico ha acquistato vaccini per 10.000 persone, ciascuno consistente in due iniezioni, nell’ambito di un appalto congiunto dell’UE fino a 40 milioni di dosi per 15 nazioni dal produttore CSL Seqirus.

La Commissione europea ha affermato che la Finlandia sarà il primo paese a lanciare il vaccino.

Il ceppo H5N1 dell’influenza aviaria ha ucciso o causato l’abbattimento di centinaia di milioni di pollame in tutto il mondo negli ultimi anni e si sta diffondendo sempre più ai mammiferi, comprese le mucche negli Stati Uniti e, in alcuni casi, anche agli esseri umani.

Stati Uniti

L’ex presidente dell’Honduras Juan Orlando Hernandez è stato condannato a 45 anni a New York per traffico di cocaina.

Hernandez è stato accusato dalla procura federale americana di aver trasformato l’Honduras in un “narco-stato” durante la sua presidenza dal 2014 al 2022.

L’ex presidente ha annunciato che farà ricorso contro la condanna.

Bolivia

Ieri un alto generale e membri dell’esercito alleati hanno tentato di assaltare il palazzo presidenziale in Bolivia, prima di ritirarsi rapidamente in un tentativo apparentemente fallito di colpo di stato.

Ore dopo, il generale è stato arrestato in diretta TV.

Un video trasmesso dalla televisione boliviana mostra le forze di sicurezza in tenuta antisommossa occupare la piazza principale della capitale amministrativa, La Paz, un veicolo militare mimetizzato che sfondava la porta di un palazzo e soldati che cercavano di entrare nell’edificio.

Poi, con la stessa rapidità con cui era apparso, il generale Juan José Zuñiga è scomparso e i suoi sostenitori delle forze armate si sono ritirati e sono stati sostituiti da agenti di polizia che appoggiavano il presidente democraticamente eletto del paese, Luis Arce.

Arce si è avventurato nella piazza dopo aver invitato i boliviani “a organizzarsi e mobilitarsi contro il colpo di stato e a favore della democrazia”.

In tutto il tentativo d’incursione pomeridiana nel palazzo è durato appena tre ore.

Poco prima del suo arresto, il generale Zuñiga ha affermato, senza fornire prove, che  Arce gli aveva chiesto di organizzare il tentativo di colpo di stato.

“Il presidente mi ha detto”, ha detto Zuñiga mentre le telecamere riprendevano, “la situazione è davvero complicata, questa settimana sarà critica, quindi è necessario preparare qualcosa che aumenterà la mia popolarità”.

Qualche istante dopo, la polizia ha portato via il generale a bordo di un camion bianco.

Il tentativo di colpo di stato è arrivato in un momento di tensione per la Bolivia, una nazione senza sbocco sul mare di 12 milioni di abitanti del Sud America.

Arce, un uomo di sinistra e successore scelto con cura di Morales – il primo presidente indigeno del paese e una figura di spicco nella politica boliviana – sta combattendo con Morales per il controllo sul loro partito e chi sarà il suo candidato nella corsa del 2025.

L’economia della Bolivia è in difficoltà e Arce è stato accusato di azioni che i suoi critici definiscono antidemocratiche, inclusa la detenzione della figura dell’opposizione Luis Fernando Camacho e dell’ex presidente Jeanine Áñez.

Brasile

La Corte Suprema del Brasile ha stabilito ieri che l’acquisto e il possesso fino a 40 grammi di marijuana per uso personale non sarà più un crimine, anche se la polizia può ancora sequestrare la droga.

La marijuana continua ad essere illegale in Brasile e il suo uso nei luoghi pubblici sarà ancora proibito.

Nepal

Almeno 14 persone sono state uccise in Nepal a causa di frane e inondazioni improvvise innescate da piogge torrenziali e fulmini nelle ultime 24 ore.

Finora 33 distretti colpiti dalle piogge monsoniche nel paese.

Thailandia

 Uomini armati non identificati hanno sparato e ucciso un eminente difensore dei diritti umani nella provincia di Pattani, nel sud della Thailandia , il 25 giugno 2024, ha dichiarato oggi Human Rights Watch.

Le autorità tailandesi dovrebbero condurre urgentemente un’indagine trasparente e imparziale sull’uccisione di Roning Dolah, 45 anni, e consegnare i responsabili alla giustizia, chiede l’organizzazione

Il 25 giugno intorno alle 20:45, due aggressori su una motocicletta hanno aperto il fuoco contro Roning con fucili d’assalto davanti alla sua famiglia nel distretto Yarang di Pattani, uccidendolo sul colpo, ha detto sua moglie.

La polizia locale ha detto che sul posto sono stati trovati sette bossoli da 7,62 mm e uno da 5,56 mm.

Roning era molto conosciuto nelle province del confine meridionale della Thailandia per aver assistito le vittime musulmane di etnia malese di arresti arbitrari e torture da parte delle forze di sicurezza tailandesi nelle operazioni di controinsurrezione nelle province di Songkhla, Pattani, Yala e Narathiwat.

Corea del Nord

La Corea del Nord ha affermato di aver testato con successo un missile multitestata, un’arma sofisticata ambita dal leader Kim Jong-un per sopraffare le difese missilistiche negli Stati Uniti continentali.

Taiwan

Il ministero della Difesa di Taiwan ha riferito che nell’arco delle 24 ore fino alle 6 locali sono stati rilevati un totale di 35 aerei e 7 navi da guerra cinesi intorno all’isola, confermando l’elevata attività dell’Esercito popolare di liberazione.

Nel complesso, 33 jet hanno superato la linea media dello Stretto di Taiwan e sono entrati nella zona di identificazione di difesa aerea (Adiz) da nord, centro ed est.

La Cina rivendica Taiwan come parte “inalienabile” del suo territorio da riunificare anche con la forza, se necessario.

i potrebbe interessare anche:

E se credi in un giornalismo indipendente, serio e che racconta il mondo recandosi sul posto, puoi darci una mano cliccando su Sostienici


Opinioni dei Lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi con * sono obbligatori



[There are no radio stations in the database]