11 giugno 2024 – Notiziario in genere

Scritto da in data Giugno 11, 2024

Il processo contro la premio Nobel iraniana Mohammadi si apre in sua assenza. Un anno dopo, la “storica” legge spagnola sul congedo mestruale è stata difficilmente utilizzata. Perché? Finlandia, i reati di violenza nelle relazioni intime sono in aumento, e aumentano le vittime minorenni.

Iran

La vincitrice del premio per la pace e attivista per i diritti delle donne si rifiuta di partecipare alle udienze a Teheran.

Un nuovo processo contro la vincitrice iraniana del premio Nobel per la pace Narges Mohammadi, incarcerata, si è aperto sabato in sua assenza, ha detto un avvocato dell’attivista per i diritti delle donne che si è rifiutata di presenziare alle udienze.

Mohammadi, 52 anni, è in carcere dal novembre 2021 per diverse condanne passate relative alla sua lotta contro l’hijab obbligatorio per le donne e la pena capitale in Iran.

“L’udienza della signora Narges Mohammadi si è tenuta oggi senza la sua presenza presso la 29a sezione” del tribunale rivoluzionario della capitale Teheran, ha detto il suo avvocato, Mostafa Nili, sui social.

Nili ha detto che la sua cliente è stata “accusata di propaganda contro lo Stato” per “le sue osservazioni su Dina Ghalibaf e sul boicottaggio delle elezioni legislative” tenutesi a marzo.

Gruppi per i diritti umani hanno detto che Ghalibaf, giornalista e studentessa, è stata arrestata dopo aver accusato le forze di sicurezza sui social media di averla ammanettata e di averla aggredita sessualmente durante un precedente arresto in una stazione della metropolitana. Da allora è stata rilasciata.

Il sito web Mizan Online della magistratura iraniana ha affermato il 22 aprile che Ghalibaf “non era stata violentata” e che era perseguita per aver rilasciato una “falsa dichiarazione”.

La famiglia di Mohammadi da tempo chiede che l’ultimo processo si svolga in pubblico in modo che “testimoni e sopravvissuti e sopravvissute possano testimoniare sulle aggressioni sessuali perpetrate dal regime della repubblica islamica contro le donne”.

La vincitrice del premio Nobel a marzo ha condiviso un messaggio audio dal carcere, in cui denunciava una “guerra su vasta scala contro le donne” nella repubblica islamica.

Negli ultimi mesi la polizia iraniana ha intensificato l’applicazione del codice di abbigliamento islamico per le donne, ricorrendo in particolare alla videosorveglianza.

Secondo le norme adottate subito dopo la rivoluzione islamica del 1979, le donne in Iran sono obbligate a coprirsi i capelli e vestirsi con modestia negli spazi pubblici.

Spagna

Le donne in Spagna hanno il diritto di assentarsi dal lavoro in caso di dolori mestruali, ma i limiti della legislazione e la mancanza di consapevolezza fanno sì che poche se ne avvalgano. Lo racconta il Guardian.

È stato salutato come un progresso storico, in grado di affrontare i tabù di lunga data sul posto di lavoro relativi ai dolori mestruali. Un anno dopo che la Spagna è diventata il primo paese in Europa a introdurre il congedo mestruale retribuito, tuttavia, i dati suggeriscono che relativamente poche dipendenti hanno utilizzato questa politica.

I dati

Negli 11 mesi trascorsi dall’introduzione della legge, il congedo mestruale è stato utilizzato 1.559 volte, secondo i dati del Ministero spagnolo per l’inclusione, la sicurezza sociale e la migrazione.

“Come si può vedere dai dati, non si è verificata una valanga di questo tipo di inabilità temporanea e il suo utilizzo si è stabilizzato mese dopo mese dalla sua attuazione”, ha affermato il ministero.

Dal 1° giugno 2023, quando la policy è entrata in vigore, al 24 aprile, data più recente per cui erano disponibili i dati, il congedo medio preso è stato di 3,03 giorni. Ogni giorno hanno usufruito del congedo in media 4,75 persone.

I dati riflettono quante volte si è avuto accesso al congedo, piuttosto che quante dipendenti ne hanno usufruito in Spagna, un paese di circa 49 milioni di persone.

I commenti

La politica è stata divisiva. Alcuni lo vedono come un passo avanti per le donne, mentre altri dicono che è un provvedimento pieno di fallimenti.

“Non penso che funzioni e penso che fosse prevedibile”, ha affermato Irene Aterido di RedCaps, una rete di professionisti e professioniste della Sanità che in Spagna che si concentra sulla ricerca di genere e ambientale.

La legge

Quando è stata approvata l’anno scorso, la legislazione è stata pubblicizzata come un mezzo per consentire alle dipendenti che soffrivano di dolori mestruali di prendere tutto il congedo necessario, purché avessero l’approvazione di un medico, con il sistema di previdenza sociale statale a farsi carico del conto.

Si è trattato di un’altra aggiunta alle offerte di congedo mestruale che abbracciano tutto il mondo, dal Giappone allo Zambia, anche se la misura in cui sono state utilizzate è stata dibattuta.

In Spagna, l’allora ministra per l’uguaglianza, Irene Montero, definì la legislazione come un mezzo per affrontare una questione a lungo trascurata. “È un giorno storico per il progresso femminista”, ha scritto sui social media l’anno scorso.

Mesi dopo, quando la legge è entrata in vigore, disse: “Non sarà più necessario rendere invisibili le mestruazioni, prendere pillole per lavorare o morire di dolore fingendo che non ci sia nulla che non va”.

La formulazione della legislazione che è stata finalmente approvata, tuttavia, limitava il congedo mestruale a coloro con patologie precedentemente diagnosticate come l’endometriosi, ha osservato Aterido.

“Il congedo mestruale è un termine improprio perché in realtà è un congedo dovuto a un’intensa dismenorrea secondaria che è stata diagnosticata”, ha detto. “Se non ti viene diagnosticata, il tuo medico di famiglia non può firmare il congedo mestruale”.

Il paradosso è che molte di coloro che soffrono di condizioni come l’endometriosi usano contraccettivi per gestirla, ha detto Aterido. “È quasi umorismo nero. Probabilmente la metà o più assumono farmaci ormonali, quindi non hanno il ciclo mestruale”, ha detto. “Quindi questa è un’assurdità”.

Altre voci sono più positive. “Il timore era che ci sarebbe stata questa discriminazione contro le donne e che ci sarebbero state valanghe di richieste di congedo perché le donne avrebbero finto di soffrire, ma dopo un anno non ce ne sono state così tante”, ha detto Mónica Ciria, una consulente che si occupa di problematiche lavorative.

Finlandia

Lo scorso anno il numero di reati legati alla violenza domestica denunciati alle autorità è aumentato del 5%, secondo l’Ufficio statistico finlandese. In totale le vittime sono state più di 12mila. Ed è nettamente aumentato il numero delle vittime minorenni. L’anno scorso ne sono state registrate 3.100, ovvero il 12% in più rispetto all’anno precedente.

La maggior parte delle vittime dei casi portati all’attenzione delle autorità sono donne, il 74%. Tuttavia, il numero delle vittime di sesso maschile è aumentato di quasi il 10% rispetto all’anno precedente.

Quasi la metà dei casi di violenza è stata commessa da un partner sposato o convivente. Nel caso delle vittime minorenni, l’autore della violenza era nella maggior parte dei casi il genitore della vittima.

Lo statistico Kimmo Haapakangas stima che l’aumento del numero di casi sia in parte dovuto al fatto che è aumentata la consapevolezza della violenza da parte del partner.

“La violenza tra partner e partner intimi è stata menzionata dai media più di prima, il che ha aumentato la consapevolezza del problema. Ciò potrebbe anche aver contribuito a incoraggiare le vittime a denunciare i casi”, dice Haapakagas.

Haapakangas ricorda che quasi tutti i casi di coppie e relazioni intime non arrivano all’attenzione delle autorità. Secondo Haapakanka, soprattutto il numero dei casi di violenza negli appuntamenti rimane oscuro.

Ti potrebbe interessare anche:

E se credi in un giornalismo indipendente, serio e che racconta il mondo recandosi sul posto, puoi darci una mano cliccando su Sostienici


Opinioni dei Lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi con * sono obbligatori



[There are no radio stations in the database]