La siccità rivela un antico palazzo

Scritto da in data Luglio 1, 2019

Iraq

Un palazzo di 3400 anni è emerso da un bacino idrico del Kurdistan iracheno dopo che i livelli dell’acqua sono diminuiti a causa della siccità.

La scoperta delle rovine nel bacino della diga di Mosul sulle rive del fiume Tigri, ha aperto uno spontaneo scavo archeologico che permetterà di comprendere meglio l’Impero di Mitanni, uno degli imperi meno conosciuti dell’Antico Vicino Oriente, ha spiegato la squadra di ricercatori curdo tedesca.

“La scoperta è una delle scoperte archeologiche più importanti degli ultimi decenni”, ha detto l’archeologo curdo Hasan Ahmed Qasim.

Il palazzo originariamente era situato ad una trentina di metri dal fiume su una terrazza sopraelevata. In seguito fu aggiunto un muro di mattoni di fango per stabilizzare l’edificio. Ivan Puljiz, archeologa dell’università di Tübingen per gli studi sull’antichità del vicino Oriente, descrive il palazzo come un edificio progettato con cura con mattoni di fango fino a due metri di spessore e varie stanze con le pareti intonacate.

Il team ha anche trovato dipinti murali nei toni del rosso e del blu che erano probabilmente una caratteristica comune dei palazzi di quell’epoca, ma raramente sono stati rinvenuti conservati.

University of Tübingen eScience Cente -Kurdistan Archaeology Organization

“I dipinti sono una vera e propria scoperta archelogica”, ha aggiunto l’archeologa alla Cnn.

Dieci tavolette di argilla ricoperte dall’antico sistema di scrittura cuneiforme sono state trovate e le foto ad alta risoluzione dei testi sono state inviate in Germania per la traduzione. “Dai testi speriamo di ottenere informazioni sulla struttura interna di Mitanni, sulla sua organizzazione economica e sulla relazione della capitale di Mitanni con i suoi centri amministrativi limitrofi”, ha detto Puljiz.

Gil archeologi sono venuti a conoscenza del sito nel 2010 quando i livelli del bacino idrico erano bassi, ma questa è la prima volta che riescono a scavare. Poco dopo lo scavo, il sito è stato sommerso di nuovo e non è chiaro per gli archeologi quando riemergerà di nuovo.

Ascolta anche:

E se credete in un giornalismo indipendente, serio e che racconta dai posti, potete sostenerci andando su Sostienici


Continua a leggere

[There are no radio stations in the database]