30 giugno 2023 – Notiziario Mondo

Scritto da in data Giugno 30, 2023

Ascolta il podcast

  • Siria: Onu crea organismo per scoprire il destino delle persone scomparse.
  • Ondata di calore in Messico provoca più di 100 morti.
  • Thailandia: resta bloccata nel tapis roulant dell’aeroporto, amputata la gamba.
  • Rapporto HRW accusa l’esercito del Burkina Faso di omicidi e torture.
  • Myanmar: attivista lgbtq condannato 10 anni di carcere.
  • Cipro diffonde milioni di zanzare sterili per salvare l’Europa da alcune malattie.
  • Stati Uniti: muore la sorella di Martin Luther King

Questo e molto altro nel notiziario di Radio Bullets, a cura di Barbara Schiavulli

Siria

L’Assemblea Generale dell’Onu ha creato una “istituzione indipendente” per “chiarire” il destino di migliaia di persone scomparse in Siria negli ultimi 12 anni, come hanno ripetutamente chiesto famiglie e attivisti per i diritti umani. I Paesi membri che hanno votato a favore sono stati 83 (tra cui l’Italia), quelli contro 11 e gli astenuti 62. Secondo le Ong, dallo scoppio della rivolta popolare nel 2011, sono scomparse circa 100.000 persone dall’inizio della brutale repressione delle proteste antigovernative . Più di mezzo milione di persone sono state uccise. L’Istituto indipendente per le persone scomparse nella Repubblica araba siriana “chiarirà il destino e il luogo in cui si trovano tutte le persone scomparse” nel Paese e “fornirà un sostegno adeguato alle vittime, ai sopravvissuti e alle famiglie dei dispersi”. Ma la Siria, insieme a Russia, Cina e Iran, si è opposta al nuovo organismo, affermando di non essere stata consultata sulla risoluzione. “Questa bozza riflette chiaramente una flagrante interferenza nei nostri affari interni e fornisce nuove prove dell’approccio ostile perseguito da alcuni Stati occidentali contro la Siria”, ha detto l’ambasciatore Bassam Sabbagh, indicando in particolare gli Stati Uniti. Ha respinto il “bizzarro meccanismo misterioso senza una definizione precisa del concetto di persone scomparse, un meccanismo che non è limitato nel tempo o geograficamente limitato” e ha avvertito che potrebbe essere utilizzato per prendere di mira gli Stati membri delle Nazioni Unite, in particolare i paesi in via di sviluppo. Human Rights Watch ha affermato che la nuova organizzazione deve disporre degli strumenti giusti per svolgere il proprio lavoro. “I paesi membri delle Nazioni Unite dovrebbero garantire che questa nuova istituzione abbia il personale e le risorse necessarie per determinare cosa è successo a così tante migliaia di persone che sono scomparse durante i 12 anni di conflitto in Siria”, ha dichiarato Louis Charbonneau, direttore delle Nazioni Unite del gruppo. “Il popolo siriano non merita di meno”.

Burkina Faso

Una serie di omicidi extragiudiziali, sparizioni forzate e casi di tortura da parte dell’esercito del Burkina Faso ha terrorizzato le comunità nel nord-est del paese quest’anno, secondo un rapporto di Human Rights Watch pubblicato ieri.

Le violenze sono avvenute tra febbraio e maggio in tutta la provincia di Séno. Il rapporto identifica almeno 27 persone giustiziate sommariamente o scomparse e poi uccise, la maggior parte delle quali appartenenti al gruppo etnico Fulani.

Combattenti jihadisti legati ad al-Qaida e al gruppo dello Stato islamico hanno condotto una violenta insurrezione in Burkina Faso per sette anni. La violenza ha ucciso migliaia di persone e diviso il paese, portando a due colpi di stato l’anno scorso. Il popolo Fulani in Burkina Faso e Mali è stato accusato di collaborare con estremisti islamici e, di conseguenza, è stato spesso preso di mira dalle forze di sicurezza e da altri.

Il rapporto del watchdog con sede a New York arriva sulla scia di un massacro di aprile in cui i residenti affermano che le forze di sicurezza hanno ucciso almeno 150 civili a Karma, un villaggio del nord vicino al confine con il Mali. Un portavoce del governo del Burkina Faso non ha risposto a una richiesta di commento sul rapporto.

In un resoconto, 10 uomini nel villaggio di Gangaol, tutti di etnia fulani, sono stati trascinati via nel retro di camion, spinti fuori e sparati. Prendere di mira i civili è inutile, disumano e, in ultima analisi, controproducente, afferma anche il rapporto.

“Le esecuzioni e le sparizioni da parte dell’esercito del Burkina Faso non sono solo crimini di guerra, ma generano risentimento tra le popolazioni prese di mira che alimentano il reclutamento nei gruppi armati”, ha scritto nel rapporto di giovedì Carine Kaneza Nantulya, vicedirettore per l’Africa di Human Rights Watch.

Cipro

Cipro sta rilasciando milioni di zanzare che sono state colpite dalle radiazioni e rese sterili nel tentativo di fermare la diffusione della dengue e di altre malattie potenzialmente mortali in tutta Europa. Le autorità dell’isola stanno prendendo di mira un tipo di zanzara che trasmette dengue, chikungunya, febbre gialla e virus del Nilo occidentale.

Vogliono impedire che si diffonda nel resto d’Europa, dove rappresenterebbe una seria minaccia per la salute umana. La specie, chiamata Aedes aegypti ma nota anche come zanzara della febbre gialla, si è stabilita a Cipro lo scorso anno.

Gli esperti stanno prendendo di mira anche una seconda specie di zanzara, Aedes albopictus, che è portatrice di una gamma simile di malattie. Gli scienziati catturano le zanzare maschi e le sottopongono al tipo di radiazioni che si trovano nelle macchine a raggi X fino a quando non sono più in grado di riprodursi.

Vengono quindi rilasciati nuovamente in natura, dove la loro incapacità di produrre prole alla fine significherà che la specie verrà spazzata via. La strategia di controllo delle nascite, nota come Sterile Insect Technique o SIT, è stata utilizzata in altri paesi, ma è la prima volta che viene impiegata a Cipro.

Un’alternativa sarebbe spruzzare insetticidi, ma sono dannosi sia per l’ambiente che per la salute umana. Il progetto pilota si concentra sulla località turistica di Larnaca, nella parte orientale dell’isola mediterranea. Le zanzare vengono raccolte a Cipro e poi inviate ai laboratori in Italia e alla sede dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (IAEA) a Vienna, dove vengono sterilizzate mediante l’esposizione a radiazioni ionizzanti. Cipro ha rilasciato il primo lotto di 100.000 zanzare il 13 giugno e da allora ne sono stati rilasciati altri due.

Il progetto pilota, che durerà fino alla fine dell’anno, ha l’obiettivo di produrre una popolazione che si riduca gradualmente fino allo sradicamento.​

Le malattie trasmesse da vettori causano più di 700.000 morti in tutto il mondo all’anno, ha affermato l’AIEA, che guida il progetto, insieme all’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura. Il SIT è stato utilizzato per decenni per la gestione di parassiti agricoli come la mosca mediterranea della frutta, la vite del Nuovo Mondo e la mosca tse-tse.

Grecia

“È molto, molto ingiusto puntare il dito contro la guardia costiera greca che ha salvato decine di migliaia di persone a rischio di morire in mare”. Lo ha dichiarato il premier greco Kyriakos Mitsotakis, a proposito del naufragio di Pylos avvenuto il 14 giugno scorso, durante una conferenza stampa a Bruxelles con la presidente del Parlamento europeo Roberta Metsola. Il premier conservatore ha poi ricordato che è in corso in Grecia un’inchiesta giudiziaria sul naufragio. Il bilancio ufficiale delle vittime è di 82, ma i dispersi sono centinaia.

Alexis Tsipras ha rassegnato le proprie dimissioni dalla carica di segretario del partito di Syriza, come ha annunciato in conferenza stampa dall’edificio Zappeion, ad Atene. L’annuncio arriva dopo la netta sconfitta registrata dal principale partito della sinistra alle elezioni parlamentari del 25 giugno, in cui Syriza ha ottenuto il 17% dei voti.

Italia

Ha causato onde d’urto in tutto il mondo quando è stato filmato mentre incideva il suo nome su un muro del Colosseo di Roma di 2000 anni e sorrideva quando si è reso conto di essere stato ripreso dalla telecamera. Ora, è probabile che sia lui sotto shock. Il visitatore che questa settimana avrebbe inciso “Ivan+Hayley 23” su un muro di mattoni di uno degli edifici più preziosi del mondo, è stato identificato come un ragazzo del Regno Unito, secondo il ministro della cultura italiano.

Francia

Sono saliti a 328 i fermati in tutta la Francia per i disordini collegati alle proteste per l’uccisione di Nahel, diciassettenne franco algerino di Nanterre, da parte di un poliziotto. Mentre nel centro di Parigi continuano i saccheggi, a Nanterre una vera e propria battaglia fra gruppi di giovani e reparti della polizia è in corso. Oltre 300 giovani hanno tirato razzi di fuochi d’artificio e sassi contro le forze dell’ordine, costringendo gli agenti ad arretrare.
Gruppi di ragazzi hanno assaltato negozi sull’arteria principale, la rue Clemenceau, prendendo di mira anche una banca.

Giovedì diverse persone sono scese nelle strade della capitale belga per sostenere le proteste in Francia per l’uccisione da parte della polizia di un fattorino di 17 anni in un sobborgo di Parigi, dando fuoco ai veicoli prima che la polizia intervenisse e ne arrestasse una decina. Lo scontro è scoppiato tra la polizia e i manifestanti sul Maurice Lemonnier Boulevard, nel centro della città.

Motivazioni razziali dietro l’omicidio di suo figlio per la madre di Nahel M., Mounia, ha detto durante un’intervista trasmessa sul canale televisivo France 5 che l’ufficiale di polizia “ha visto il volto di un arabo, un ragazzino” e “ha voluto toglierli la vita”. Ha detto che non voleva incolpare l’intera istituzione delle forze dell’ordine, ma solo l’ufficiale di polizia che ha ucciso suo figlio.

Svezia

 Proteste per il vilipendio del Corano in Svezia sono venute da autorità ed notevoli esponenti anche di Egitto, Kuwait, Siria, Libano, Emirati e Palestina. In particolare il Cairo, la capitale del più popoloso dei Paesi arabi, ha condannato quello che ha definito “un gesto vergognoso e una provocazione per i sentimenti dei musulmani” proprio nell’Eid al-Adha, la grande festa del sacrificio celebrata dai fedeli islamici di tutto il mondo.

Intanto in Iraq manifestanti hanno assaltato l’ambasciata svedese a Baghdad giovedì. Una folla di sostenitori del fervente religioso sciita Moqtada Sadr è rimasta all’interno del complesso per circa 15 minuti, poi se ne è andata mentre le forze di sicurezza si schieravano, ha detto un fotografo dell’AFP.

Russia e Ucraina

L’attivista svedese per il clima Greta Thunberg ha visitato Kiev per attirare l’attenzione sui danni ambientali causati dalla guerra in Ucraina e ha criticato la risposta del mondo al crollo del 6 giugno della vasta diga idroelettrica di Kakhovka.

  • Il capo della forza mercenaria di Wagner, Yevgeny Prigozhin, è stato informato che i suoi combattenti non prenderanno più parte alla guerra della Russia in Ucraina dopo che si è rifiutato di firmare  contratti per portare il suo esercito privato sotto il controllo del ministero della Difesa russo.
  • I leader militari ucraini hanno affermato che le loro forze stanno avanzando “lentamente ma inesorabilmente” in prima linea nell’est e nel sud-est del paese, nonché intorno alla città di Bakhmut segnata dalla battaglia. Il comandante in capo ucraino Valerii Zaluzhnyi ha affermato che le sue forze sono “riuscite a prendere l’iniziativa strategica” nella controffensiva in corso.
  • L’ex vicepresidente degli Stati Uniti Mike Pence ha fatto una visita a sorpresa in Ucraina per incontrare Zelenskyy. Pence ha detto a NBC News che visitare l’Ucraina “rafforza la mia determinazione a fare la mia parte, a continuare a chiedere un forte sostegno americano per i nostri amici e alleati ucraini”.
  • Il consigliere per la politica estera del presidente russo Vladimir Putin e inviato papale sul conflitto ucraino ha discusso di questioni umanitarie, compresi i rifugiati, secondo quanto riferito dall’alto prelato cattolico russo.
  • Il governo ceco ha dichiarato di aver vietato a tutti gli atleti che rappresentano la Russia di prendere parte alle competizioni locali.

Canada

Google è pronto a rimuovere i collegamenti alle notizie canadesi dalle sue piattaforme in tutto il Canada a causa di una nuova legge che richiederà ai giganti digitali di pagare i media per i contenuti che condividono o riutilizzano in altro modo. Il colosso della tecnologia ha dichiarato che rimuoverà i collegamenti alle notizie canadesi da Google News – un servizio di aggregazione personalizzato disponibile via web o app che mette in evidenza le notizie locali – e da Google Discover, una funzione sui telefoni cellulari che aiuta le persone a trovare i contenuti. Il ministro del patrimonio canadese Pablo Rodriguez ha accusato Google di tentare di fare il prepotente con i canadesi, ma ha aggiunto che “la grande tecnologia non è più grande del Canada”.

Stati Uniti

Milioni di dollari spesi per aprire nuovi dormitori, appartamenti di edilizia popolare, percorsi di accompagnamento e sostegno, campagne di sensibilizzazione: tutti gli sforzi della sindaca democratica Karen Bass, che da gennaio guida la città di Los Angeles e che ha fatto della lotta agli accampamenti di strada la bandiera della sua amministrazione, non hanno ancora raccolto alcun frutto. Anzi, il problema non fa che aggravarsi. Sono stati pubblicati i risultati del censimento che migliaia di volontari eseguono ogni anno per le strade della città e della contea. Secondo i dati raccolti, 75.518 persone vivono in tende, capanne, auto, furgoni, camper nella contea di Los Angeles, rispetto alle 69.144 del 2022. Solo nel comune di capoluogo, sono in strada 46.250 uomini e donne, rispetto ai 42.000 dell’anno scorso. Dal censimento del 2015, le persone senza casa sono aumentate del 70% nella contea e dell’80% in città.

Non colpevole: è il verdetto di una giuria per Scot Peterson, l’ex vice sceriffo accusato di negligenza per non aver affrontato il killer che uccise 17 persone nella strage della scuola di Parkland nel 2018, si legge sui media americani. Assolto anche dall’accusa di spergiuro per i suoi commenti sugli investigatori dopo la sparatoria. L’ex agente è crollato in lacrime alla lettura della sentenza.

Il National Geographic ha licenziato i suoi ultimi 19 giornalisti dello staff editoriale e non sarà più venduto nelle edicole statunitensi dal prossimo anno. Il futuro lavoro editoriale della rivista sarà svolto da freelance e dai pochi redattori rimasti nello staff. La decisione fa parte delle misure di riduzione dei costi decise da Disney, casa madre della pubblicazione: la rivista, con alle spalle oltre un secolo di attività.

Un uomo è stato avvistato mentre correva verso la casa di Obama. L’uomo, Taylor Taranto, ha un mandato per le accuse derivanti dalla rivolta del 6 gennaio 2021.

Christine King Farris, l’ultima sorella vivente del reverendo Martin Luther King Jr, è morta. Aveva 95 anni. Per decenni dopo l’assassinio di suo fratello nel 1968, Farris ha lavorato insieme alla sua vedova, Coretta Scott King, per preservare e promuovere la sua eredità. Ma a differenza della cognata di alto profilo, l’attivismo e il dolore di Farris erano spesso dietro le quinte. “Potrebbe non essere sempre stata sulla linea della marcia, ma questo era vero per molti degli eroi del movimento per i diritti civili”, ha detto Marcellus Barksdale, professore di storia al Morehouse College, di Farris in un’intervista del 2009. Farris è nata Willie Christine King l’11 settembre 1927 ad Atlanta. Era la prima figlia del reverendo Martin Luther King Sr e Alberta Christine Williams King. Farris ha aiutato Coretta Scott King a costruire il King Center e ha contribuito a insegnare la filosofia della resistenza nonviolenta di Martin Luther King Jr.

Messico

L’ondata di caldo eccezionale che si è abbattuta sulle regioni settentrionali del Messico nelle ultime due settimane ha provocato 112 morti secondo stime ufficiali divulgate ieri. L’impatto maggiore dell’ondata di caldo, con punte oltre i 50 gradi, si è avuto nello stato di Nuevo Leon, al confine con gli Stati Uniti, dove si sono registrate 63 vittime.  Il 77% delle vittime sono uomini e il 73% del totale erano persone con più di 60 anni.

Il leader di un movimento civile armato che una volta ha cacciato un cartello della droga dallo stato di Michoacan, nel Messico occidentale, è stato ucciso, hanno confermato giovedì le autorità. Tributi sono rapidamente arrivati ​​per l’uccisione del leader dell'”autodifesa” Hipólito Mora. È stato uno degli ultimi leader sopravvissuti del movimento dei vigilanti armati di Michoacan, in cui agricoltori e allevatori si sono uniti per espellere il cartello dei Cavalieri Templari dallo stato tra il 2013 e il 2014. Mora è stato uno dei pochi combattenti a rimanere nella sua città natale dopo la lotta, occupandosi dei suoi tigli. Ma Mora si è lamentato negli ultimi anni del fatto che molte forze di vigilanza sono state successivamente infiltrate dai cartelli e che la violenza delle bande è stata peggiore che mai. A causa dei pericoli e delle minacce che Mora ha affrontato – un figlio è stato ucciso da una banda di narcotrafficanti nel 2014 – normalmente viaggiava in un SUV con protezione antiproiettile, insieme a un piccolo gruppo di guardie, alcuni dei quali ex vigilantes che erano stati assunti come agenti di polizia.

Brasile

Il presidente del Tribunale superiore elettorale brasiliano, Alexandre de Moraes, ieri ha aggiornato a oggi a mezzogiorno il processo contro l’ex presidente Jair Bolsonaro che potrebbe decretarne l’ineleggibilità per otto anni. A favore della condanna di Bolsonaro si sono pronunciati fino ad ora tre giudici: il relatore Benedito Goncalves – il primo a votare nell’udienza di martedì – e ieri i magistrati Floriano de Azevedo e Andre Ramos Tavares. Solo il giudice del Tribunale superiore elettorale brasiliano, Raul Araujo, ha votato contro la condanna di ineleggibilità. Per formare la maggioranza per la condanna sono sufficienti quattro voti.

Thailandia

La gamba di una donna thailandese di 57 anni ha dovuto essere amputata dopo essere rimasta bloccata in un tapis roulant all’aeroporto internazionale Don Mueang di Bangkok giovedì (ora locale), secondo i funzionari. La donna stava per imbarcarsi su un volo mattutino dall’aeroporto Don Mueang alla provincia meridionale di Nakhon Si Thammarat quando la sua gamba è rimasta intrappolata nella passerella nei locali del Terminal 2 dell’aeroporto. Un team medico dell’ospedale ha cercato di riattaccarle la gamba, ma non ci è riuscito, hanno detto i funzionari all’Associated Press. Parlando dell’incidente, il direttore dell’aeroporto Don Mueang, Karun Thanakuljeerapat, ha dichiarato: “A nome dell’aeroporto internazionale Don Mueang, vorrei esprimere le mie più sentite condoglianze per l’incidente. Vorrei insistere sul fatto che garantiremo che non accadrà alcun incidente del genere Ancora”. Ha detto che le spese mediche della donna saranno a carico dell’aeroporto e che saranno intraprese trattative su altri risarcimenti. Una squadra di ingegneri sta ispezionando la passerella per determinare la causa dell’incidente.

Myanmar

La giunta militare di Mynamar questa settimana ha condannato un attivista LGBTQ a 10 anni di carcere con l’accusa di terrorismo, hanno detto attivisti e studenti a Radio Free Asia. Justin Min Hein, presidente dell’Unione LGBTQ nella regione centrale di Mandalay, era a capo di diverse attività anti-giunta tra cui uno sciopero, proteste lampo e altre campagne organizzate a Mandalay prima del suo arresto. È stato condannato per aver violato l’Anti-Terrorism Act, ha detto l’attivista Saw Han Nway Oo.

Ha detto che Justin Min Hein è in cattive condizioni di salute. Justin Min Hein è stato arrestato dalla giunta il 24 settembre 2022 ed è stato detenuto nel centro di interrogatorio di Yay Kyi Ai per quasi un anno in attesa del processo.

Ascolta/leggi anche:

E se credi in un giornalismo indipendente, serio e che racconta il mondo recandosi sul posto, puoi darci una mano cliccando su Sostienici


Continua a leggere

[There are no radio stations in the database]