1 luglio 2024 – Notiziario Mondo

Scritto da in data Luglio 1, 2024

  • Dal 7 ottobre gli USA hanno inviato 14 mila bombe da 900 kg. Carro armato israeliano “investe una madre ferita” a Gaza.
  • Egitto: tre anni per aver indossato una maglia con scritta “antitortura”.
  • Elezioni: Francia: sempre più a destra. Iran: calo di sostegno alle elezioni. Mauritania: Ghazouani si assicura la rielezione.
  • Pakistan: madre e figlia murate vive dai parenti.
  • Nigeria: milioni senza o con poca elettricità

Questo e molto altro nel notiziario di Radio Bullets a cura di Barbara Schiavulli

Israele e Palestina

Secondo quanto riportato dalla Reuters sabato, gli Stati Uniti hanno fornito a Israele un’enorme quantità di munizioni pesanti dal 7 ottobre, tra cui 14.000 bombe MK-84 da 2.000 libbre, altamente distruttive, che sono state ripetutamente sganciate sui civili a Gaza .

Due funzionari statunitensi hanno detto a Reuters che gli Stati Uniti hanno anche inviato 6.500 bombe da 500 libbre, 3.000 missili Hellfire, 1.000 bombe anti-bunker, 2.600 bombe di piccolo diametro e altre munizioni.

L’elevato numero di munizioni dimostra che la sospensione da parte dell’amministrazione Biden di una spedizione di bombe potenti non ha avuto un impatto reale sul supporto militare statunitense a Israele.

Axios ha riferito il 27 giugno che gli Stati Uniti hanno approvato il trasferimento di 1.700 bombe da 500 libbre che facevano parte della spedizione sospesa.

Un funzionario dell’amministrazione ha detto ai giornalisti la scorsa settimana che gli Stati Uniti hanno fornito a Israele armi per un valore di 6,5 miliardi di dollari dal 7 ottobre per sostenere il massacro e la fame dei palestinesi a Gaza.

L’amministrazione ha promesso che Israele riceverà tutti i 17 miliardi di dollari in aiuti militari aggiuntivi inclusi nel disegno di legge da 95 miliardi di dollari firmato dal presidente Biden ad aprile.

Nonostante il massiccio sostegno, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha recentemente accusato gli Stati Uniti di trattenere gli aiuti militari, un’affermazione che la Casa Bianca ha definito “imprecisa”.

Il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant ha visitato Washington la scorsa settimana e i funzionari statunitensi hanno lavorato per assicurargli che stavano facendo tutto il possibile per fornire a Israele tutte le armi che desidera.

Durante la sua visita, Gallant ha affermato che i legami di Israele con gli Stati Uniti sono il “secondo elemento più importante per la sicurezza di Israele” dopo l’esercito israeliano.

“Abbiamo bisogno del sostegno diplomatico e politico americano, della proiezione del potere, della fornitura di munizioni e altro ancora”, ha detto, secondo il Washington Post .

Gallant, che di recente si è scontrato pubblicamente con Netanyahu, è stato soddisfatto dei progressi compiuti a Washington in relazione ai “colli di bottiglia” che incidono sulla velocità delle spedizioni di armi statunitensi.

“Gli ostacoli sono stati rimossi e i colli di bottiglia sono stati affrontati per far progredire una serie di questioni, e più specificamente il tema dell’accumulo di forze e della fornitura di munizioni”, ha affermato.

■ ISRAELE-LIBANO: L’IDF ha dichiarato che l’aeronautica militare ha attaccato obiettivi di Hezbollah nel Libano meridionale durante la notte di domenica.

Diciotto soldati israeliani sono rimasti feriti ieri mattina in un attacco di droni carichi di esplosivi lanciati da Hezbollah sul nord delle alture del Golan, rendono noto le forze armate di Israele.

La Lega Araba non classifica più Hezbollah come un gruppo terroristico , ha dichiarato il vicesegretario generale della Lega Araba Hossam Zaki in una dichiarazione trasmessa su Al-Qahera News egiziana.

Il ministro delle Finanze di estrema destra Bezalel Smotrich ha dichiarato durante una conferenza a Gerusalemme che “non c’è via di fuga da una guerra rapida e acuta” con Hezbollah, aggiungendo che “non si può ignorare il fronte interno degli arabi israeliani”.

■ CESSATE IL FUOCO/OSTAGGI: l’amministrazione Biden ha lavorato a una nuova proposta di cessate il fuoco nella speranza di convincere Hamas a riconsiderare la sua opposizione all’offerta recentemente sostenuta da Israele, anche se fonti vicine ai negoziati dicono che non c’è stata alcuna svolta .

Una fonte israeliana stima che un accordo sugli ostaggi/cessate il fuoco sia ancora fuori portata e che Stati Uniti, Qatar ed Egitto siano attualmente concentrati nell’incoraggiare Israele e Hamas a tornare ai negoziati.

■ GAZA: L’IDF In una discussione con l’avvocato generale militare, a cui hanno partecipato membri della divisione di diritto internazionale dell’esercito, è stato stabilito che qualsiasi assassinio deve essere approvato da un comandante di divisione o da un grado superiore e deve essere conforme alle regole di guerra e alle sentenze dell’Alta Corte di Giustizia riguardo agli omicidi mirati.

L’esercito israeliano continua ad operare nel centro-nord e nel sud di Gaza. Lo ha detto il portavoce militare secondo cui “sono stati colpiti decine di siti di Hamas a Shujaia. In realtà sono state uccise 6 persone e distrutte diverse case.

Secondo Euro-Med Monitor, Safiya Hassan Musa Al-Jamal, 65 anni, è stata investita da un carro armato dopo essere rimasta ferita dalle  forze israeliane che avevano fatto irruzione nella sua casa.

Il figlio di Safiya, Muhannad Al-Jamal, ha assistito all’incidente.

Secondo Muhannad, l’incidente è iniziato alle 10 del mattino quando le forze israeliane hanno iniziato ad entrare a Shejaiya, con sua madre, tre sorelle e la nipote costrette a salire al primo piano per evitare bombardamenti e colpi di arma da fuoco.

Dopo il tramonto, i soldati israeliani hanno fatto irruzione nella casa, con Muhannad che ha detto che “hanno iniziato a sparare contro i muri in modo casuale e hanno lanciato cinque bombe tra gli spari” che hanno ferito lui e sua madre.

Euro-Med Monitor ha anche acquisito la testimonianza di sua sorella Areeji, la quale ha affermato che una soldatessa ha fornito aiuto a Safiya. I soldati israeliani hanno detto sia ad Areeji che a Muhannad che la loro madre sarebbe andata in ospedale.

Tuttavia, Safiya e Muhannad sono stati portati in cima ai carri armati israeliani attraverso il quartiere fino alla rotonda di Mustaha, dove Safiya è stata messa sulla strada. Dopo aver detto a Muhannad che sarebbe stata portata in ospedale, un carro armato ha iniziato a investirla.

“Quando ho visto la scena, ho pensato di essere impazzito e ho cominciato a piangere e urlare”, ha detto Muhannad, aggiungendo che è fuggito rapidamente dopo uno scoppio di spari.

Euro-Med ha osservato nel suo rapporto di aver documentato altri incidenti in cui i carri armati israeliani avevano investito civili palestinesi, tra cui il 29 febbraio, quando Jamal Hamdi Hassan Ashour, 62 anni, è stato investito nel quartiere Zeitoun di Gaza City.

Ha anche affermato di aver documentato un incidente avvenuto il 23 gennaio quando un carro armato israeliano ha investito membri della famiglia Ghannam a Khan Younis.

L’ ONU sta trasferendo migliaia di tonnellate di aiuti umanitari dal molo costruito dagli Stati Uniti al largo della costa di Gaza dopo la chiusura del porto temporaneo a causa del maltempo, ha affermato un funzionario degli aiuti.

Secondo il Ministero della Salute di Gaza, controllato da Hamas, dall’inizio della guerra sono stati uccisi almeno 37.877 palestinesi e 86.969 sono rimasti feriti.

■ ISRAELE: Agenti di polizia israeliani sono stati filmati mentre afferravano, prendevano a pugni e tentavano di strangolare la deputata Naama Lazimi del partito laburista israeliano durante la manifestazione antigovernativa di sabato sera nel centro di Tel Aviv.

■ CISGIORDANIA: L’IDF ha effettuato un attacco con drone nel campo profughi di Nur al-Shams vicino alla città di Tulkarem in Cisgiordania.

La Jihad islamica ha annunciato che Saeed al-Jaber, un agente chiave della sua ala militare, è stato assassinato nell’attacco.

Il Ministero della Salute palestinese a Ramallah ha dichiarato che nell’attacco è rimasta uccisa una persona e cinque sono rimaste ferite.

Il governo israeliano ha approvato cinque insediamenti critici in Cisgiordania  e ha imposto ulteriori misure punitive nei confronti dell’Autorità Nazionale Palestinese (ANP).

Le decisioni prese giovedì sera dal gabinetto di sicurezza includono il sequestro di parte dei limitati poteri civili dell’Autorità Palestinese nella cosiddetta “Area B” in Cisgiordania.

Il ministro delle Finanze israeliano di estrema destra Bezalel Smotrich, che ha spinto per queste iniziative, ha affermato che sono intervenute in risposta all’azione legale dell’Autorità Palestinese contro Israele presso i tribunali internazionali e al recente riconoscimento dello stato della Palestina da parte di cinque paesi europei.

Secondo quanto riportato dal gruppo per i diritti umani Addameer,  dall’inizio della guerra a Gaza, in ottobre, le forze israeliane hanno arrestato centinaia di bambini palestinesi nella Cisgiordania occupata.

Secondo l’organizzazione per il sostegno e i diritti dei prigionieri, almeno 540 bambini sono stati trattenuti in condizioni difficili, subendo un trattamento simile a quello dei prigionieri palestinesi adulti, dove sono stati segnalati ripetuti casi di tortura e maltrattamenti.

Ahmed, detenuto a 16 anni

Iran

Gli elettori iraniani hanno sfruttato le elezioni presidenziali di venerdì per esprimere il loro malcontento nei confronti del sistema di governo clericale, recandosi alle urne in numeri piuttosto bassi per aiutare due candidati ad arrivare arrancando al ballottaggio .

La scelta finale sarà tra un ex ministro della sanità riformista, il dottor Masoud Pezeshkian, e un ex negoziatore nucleare ultraconservatore, Saeed Jalili.

Nessuno dei due ha ottenuto più del 50% dei voti, il che significa che ci vorrà un ballottaggio venerdì per stabilire chi affronterà sfide come l’economia in difficoltà dell’Iran e il rischio di un conflitto più ampio in Medio Oriente.

La campagna è stata notevole per il modo in cui i candidati hanno apertamente attaccato lo status quo, ma l’affluenza alle urne rifletteva il pessimismo sul fatto che un nuovo presidente potesse determinare un cambiamento: devono governare con l’approvazione finale del leader supremo dell’Iran, l’Ayatollah Ali Khamenei.

Qatar

funzionari talebani hanno partecipato a una conferenza degli inviati internazionali nel Paese, guidata dalle Nazioni Unite, ma solo dopo che le donne afghane ne sono state escluse .

Turchia

Almeno 15 persone sono state arrestate dalla polizia a Istanbul dopo avere sfilato in occasione del Gay Pride, non autorizzato dalla prefettura.

Lo riportano vari media turchi, mostrando immagini di attivisti che marciano nonostante i divieti.

Egitto

Un egiziano è stato condannato a tre anni di prigione per aver indossato una maglietta che chiedeva la fine della tortura nel Paese .

Mahmoud Hussein era stato originariamente arrestato il 25 gennaio 2014, mentre protestava per celebrare il terzo anniversario della rivoluzione egiziana del 2011 .

Indossava una maglietta con la scritta “Una nazione senza tortura” insieme ad una sciarpa con la scritta “Rivoluzione del 25 gennaio”.

È stato trattenuto per due anni senza processo ed è stato rilasciato su cauzione nel 2016 , quando la sua detenzione ha attirato l’attenzione mondiale ed è iniziata una campagna per il suo rilascio.

All’epoca veniva definito dai media il “prigioniero della maglietta”.

Secondo Amnesty International, Hussein è stato torturato mentre era in detenzione, e le forze di sicurezza lo hanno picchiato e applicato scosse elettriche alle mani, alla schiena e ai genitali.

Nel 2018, un tribunale egiziano lo ha condannato in contumacia per “appartenenza a un gruppo terroristico” ed è stato condannato all’ergastolo.

Nell’agosto 2023 è stato nuovamente arrestato e trattenuto fino al 26 maggio di quest’anno, prima di essere condannato.

Hussein è già stato detenuto per un totale di due anni e 10 mesi di prigione e la sua condanna a tre anni per “terrorismo” significherà che dovrà scontare altri due mesi prima del suo rilascio.

Nigeria

Circa la metà degli oltre 200 milioni di abitanti della Nigeria sono collegati alla rete elettrica nazionale che non è in grado di fornire elettricità giornaliera sufficiente alla maggior parte delle persone connesse. Molte comunità povere e rurali sono completamente isolate.

In un paese con abbondante sole, molti stanno cercando l’energia solare per contribuire a colmare le lacune, ma convincere investitori avversi al rischio a finanziare grandi progetti solari che darebbero alla Nigeria abbastanza energia affidabile è una lotta in salita.

Ciò significa che milioni di persone nel paese stanno trovando il modo di vivere con poca o nessuna elettricità.

Gli studi hanno dimostrato che la Nigeria potrebbe generare molta più elettricità di quanta ne serva dall’energia solare grazie alla sua potente luce solare.

Ma 14 progetti solari su scala di rete nelle zone settentrionali e centrali del paese che potrebbero generare 1.125 megawatt di elettricità sono in stallo da quando i contratti sono stati firmati nel 2016.

Coloro che cercano di sviluppare progetti solari nel paese incolpano i tassi di interesse per i prestiti che possono raggiungere il 15%, due o tre volte più alti rispetto alle economie avanzate e alla Cina, secondo l’ Agenzia internazionale per l’energia .

Ciò significa che è più costoso per le aziende solari lavorare in Nigeria o in altri paesi in via di sviluppo che nei paesi ricchi.

L’Africa ha solo un quinto della capacità di energia solare della Germania, e solo il 2% degli investimenti globali in energia pulita vanno al continente.

“Lo stesso progetto avviato in Nigeria e Danimarca; il progetto danese riceverà finanziamenti con un tasso di interesse del 2-3%, ha affermato Najim Animashaun, direttore di Nova Power, uno dei progetti solari in fase di stallo.

Nel frattempo fatica a ottenere prestiti anche con tassi di interesse del 10% o più, “anche se il mio progetto solare può produrre due volte e mezzo più energia” di quello danese.

La Nigeria inoltre non stabilisce le cosiddette tariffe che riflettono i costi, il che significa che il prezzo che i consumatori pagano per l’elettricità non copre i costi di produzione e distribuzione.

Ciò significa che le società di distribuzione non possono pagare completamente i produttori e il settore fa affidamento sugli interventi governativi per restare a galla, scoraggiando i finanziatori dall’investire nel settore solare.

Attualmente, i produttori di energia elettrica affermano di avere crediti nei confronti del governo fino a 3,7 trilioni di Naira (2,7 miliardi di dollari), il che rende loro difficile far fronte agli obblighi nei confronti dei creditori e degli appaltatori.

Almeno 18 persone sono state uccise e decine sono rimaste ferite in una serie di attentati suicidi avvenuti sabato pomeriggio, hanno riferito funzionari locali.

Mauritania

Il presidente della Mauritania Mohamed Ould Ghazouani ha vinto le elezioni presidenziali del 29 giugno nel paese, secondo i risultati provvisori di oltre il 99,15% dei seggi elettorali rilasciati dalla commissione elettorale della nazione dell’Africa occidentale domenica.

Ghazouani è stato rieletto con oltre il 56 percento dei voti, come mostrano i risultati pubblicati sul sito web della commissione elettorale della Mauritania.

Questo lo pone ben davanti al rivale e attivista per i diritti umani Biram Dah Abeid, che secondo Ceni avrebbe vinto il 22% dei voti.

Abeid ha dichiarato domenica che non avrebbe riconosciuto i risultati del “Ceni di Ghazouani”.

Ma ha insistito che la loro risposta sarà “pacifica”, invitando l’esercito e le forze di sicurezza “a non seguire gli ordini del regime”.

Nel tardo pomeriggio di domenica, il quartier generale dell’opposizione era stato circondato dalle forze di sicurezza, ha notato un giornalista dell’AFP.

Burkina Faso

Il portavoce del Segretario generale delle Nazioni Unite, Stéphane Dujarric, ha lanciato un appello agli Stati membri affinché forniscano finanziamenti.

“In Burkina Faso, i nostri colleghi umanitari affermano che il Paese sta affrontando una crisi umanitaria senza precedenti, con 6,3 milioni di persone bisognose di sostegno umanitario e protezione”, ha affermato.

“Noi insieme ai nostri partner stiamo sostenendo gli sforzi del governo per soddisfare i bisogni immediati delle persone. Lavorando attraverso il Piano di risposta umanitaria, le organizzazioni umanitarie hanno finora assistito più di 730.000 uomini, donne e bambini in tutto il paese solo quest’anno. Anche se questo è un buon inizio, rappresenta solo il 19% dei 3,8 milioni di persone che intendiamo assistere. Quasi a metà anno, il Piano di risposta umanitaria da 935 milioni di dollari per il 2024 è finanziato solo per il 17%, pari a circa 157 milioni di dollari”.

Gruppi terroristici armati hanno interrotto l’accesso umanitario in molte localiità del Paese. Inoltre, la regione del Sahel è alle prese con problemi legati alla siccità.

Sud Africa

Il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa nomina i politici dell’opposizione a posizioni ministeriali chiave nel nuovo governo, mentre l’ANC mantiene 20 posizioni, tra cui ministeri chiave, dopo intense negoziazioni.

Macedonia

Il partito socialdemocratico macedone SDSM ha eletto domenica un nuovo leader dopo la sconfitta nelle elezioni parlamentari dell’8 maggio, che hanno portato al potere i conservatori del paese del VMRO-DPMNE.

Francia

Il partito Raggruppamento Nazionale ha ottenuto una schiacciante vittoria al primo turno di votazioni per l’Assemblea nazionale francese, secondo le prime proiezioni, portando il suo lungo tabù di politica nazionalista e anti-immigrati sull’orlo del potere.

Si prevede che oggi il Viminale divulgherà i risultati definitivi.

Le proiezioni dei sondaggisti, solitamente affidabili, suggeriscono che il partito di estrema destra avrebbe ottenuto circa il 34 percento dei voti, davanti a una coalizione di partiti di sinistra, che avrebbe ottenuto circa il 29 percento dei voti, e al partito centrista Renaissance del presidente Emmanuel Macron e ai suoi alleati, che si collocano al terzo posto con circa il 22 percento.

L’affluenza è stata alta, circa il 67 percento, rispetto al 47,5 percento del primo turno delle ultime elezioni parlamentari del 2022.

Le elezioni a due turni si concluderanno con un ballottaggio domenica prossima tra i partiti principali in ogni circoscrizione.

Il National Rally sembra ora molto probabile che sia la forza più grande nella camera bassa, se non necessariamente con una maggioranza assoluta.

Cosa succederà: se verrà introdotta una nuova maggioranza di legislatori contrari a Macron, quest’ultimo sarà costretto a nominare un avversario politico come primo ministro. Se non emergerà una chiara maggioranza, il paese potrebbe essere diretto verso mesi di tumulti politici.

Svizzera

Quattro persone sono morte e due risultano disperse domenica (30 giugno) in Svizzera, dopo che violenti temporali e lo scioglimento della neve hanno provocato inondazioni e frane in due cantoni del sud e hanno colpito anche alcune parti d’Italia.

Ucraina e Russia

Mosca ha mantenuto un ritmo punitivo negli attacchi contro le città ucraine , provocando decine di morti tra i civili.

le truppe russe hanno utilizzato motociclette e dune buggy per assaltare le trincee , spesso investendo una grandinata di colpi di arma da fuoco.

Un giovane nepalese, di fronte a cupe prospettive di lavoro, si è arruolato nell’esercito russo.

Stati Uniti

Mentre si riunivano a Camp David questo fine settimana, la famiglia del presidente Biden lo ha esortato a rimanere in corsa nonostante l’ansia democratica per la sua disastrosa performance nel dibattito.

Sebbene i parenti di Biden siano profondamente consapevoli di quanto poco si sia affermato contro Donald Trump, sostengono che può ancora mostrare al Paese che è ancora in grado di portare avanti un altro mandato.

La Casa Bianca ha cercato di descrivere la pessima prestazione di Biden la scorsa settimana come un’anomalia. I critici affermano che l’approccio rischia di far sembrare la campagna tristemente fuori dal mondo.

Caraibi

L’uragano Beryl, tempesta di categoria 4 “estremamente pericolosa”, ha attraversato l’Oceano Atlantico domenica pomeriggio in direzione delle Isole Windward meridionali dei Caraibi, dove si prevede che porterà venti pericolosi per la vita e inondazioni improvvise il 1° luglio, ha affermato il National Hurricane Center degli Stati Uniti.

Si prevede che il centro dell’uragano attraverserà le Isole Windward nella mattinata del 1 luglio come tempesta di categoria 4, il secondo livello più forte su una scala a cinque livelli.

Bolivia

L’ex presidente boliviano Evo Morales ha radicalmente mutato la sua opinione sul sollevamento militare avvenuto mercoledì a La Paz, avvalorando la tesi di una possibile autogolpe guidato dal capo dello stato, Luis Arce.

Attraverso il suo account X Morales, che aveva annunciato la sospensione di una sua mobilitazione antigovernativa dopo l’annuncio di un tentativo di colpo di stato, ha ora sostenuto che “il presidente Luis Arce ha ingannato e mentito al popolo boliviano e al mondo”.

 In una intervista a radio Kawsachun Coca, Morales ha sostenuto di avere ricevuto importanti informazioni che gli hanno fatto cambiare idea.

Argentina

Il portavoce presidenziale argentino, Manuel Adorni, ha annunciato che l’agenzia di stampa statale Télam, fondata nel 1945, “ha cessato di esistere” come tale, per essere trasformata in entità che avranno nomi diversi.

Nel decreto firmato dal presidente Javier Milei si indica che nel prossimo futuro comincerà a funzionare una agenzia di pubblicità, con 90 dipendenti, che si chiamerà Apesa, e che occuperà la tradizionale sede di Bolívar 531 a Buenos Aires.

Inoltre 150 giornalisti dei 700 originari, a quanto risulta, saranno utilizzati per far funzionare una nuova agenzia di stampa nella redazione di Avenida Belgrano 347, con un nome che non è stato ancora comunicato, ma che sicuramente non sarà Telam.

Pakistan

Una donna e una figlia sono state murate vive dai parenti dopo una disputa sulla proprietà, riporta Ary News.

La donna ha raccontato l’esperienza straziante dicendo che il cognato e i suoi figli le avevano messe in una stanza, prima di sigillarla con un muro.

La vicenda è avvenuta a Hyderabad e le vittime sono state salvate dalla polizia allertata dai vicini.

In un altro incidente, avvenuto il 24 maggio, almeno 5 persone hanno perso la vita in una disputa sulla proprietà vicino a Peshawar.

Cambogia

I membri di un gruppo ambientalista cambogiano rischiano fino a 10 anni di carcere per accuse che, secondo il suo fondatore, sono motivate politicamente e fanno parte di una più ampia repressione delle critiche del governo – accuse che le autorità negano.

In totale, 10 attivisti del gruppo Madre Natura sono stati accusati di aver complottato contro il governo, accuse che prevedono una pena massima di 10 anni di carcere.

Tre di loro sono stati anche accusati di aver violato le leggi cambogiane sulla lesa maestà, che prevedono una pena massima di cinque anni, e la corte dovrebbe emettere il verdetto domani.

Myanmar

Quattro dirigenti di catene di supermercati in Myanmar, tra cui un funzionario di una joint venture giapponese, sono stati arrestati per aver venduto riso a prezzi gonfiati, hanno riferito oggi i media statali, mentre la giunta al potere nel paese dilaniato dalla guerra lotta per stabilizzare un’economia in spirale.

Le autorità hanno affermato di aver arrestato 11 persone, tra cui commercianti di riso e funzionari di riserie e rivenditori di riso, accusandoli di aver gonfiato i prezzi del 31%-70% rispetto ai livelli prescritti, secondo il quotidiano Global New Light of Myanmar.

A Tokyo, il capo del gabinetto giapponese Yoshimasa Hayashi ha detto ai giornalisti che un cittadino giapponese è stato interrogato dalla polizia nella capitale commerciale del Myanmar, Yangon.

Il quotidiano Myanmar, gestito dalla giunta, ha affermato che tra gli arrestati figura un dirigente della catena di supermercati Aeon Orange, una joint venture tra la giapponese Aeon Co e Creation Myanmar con sede a Yangon.

Il paese impoverito del sud-est asiatico è in subbuglio dal colpo di stato del febbraio 2021, quando i militari deposero un governo civile eletto, scatenando proteste diffuse che si sono trasformate in una resistenza armata a livello nazionale.

Corea del Nord

La Corea del Nord ha lanciato oggi due missili balistici, hanno confermato le forze armate del Sud: ultimo di una serie di test sulle armi condotti da Pyongyang che hanno inasprito le relazioni con Seul.

Ti potrebbe interessare anche:

E se credi in un giornalismo indipendente, serio e che racconta il mondo recandosi sul posto, puoi darci una mano cliccando su Sostienici


Opinioni dei Lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi con * sono obbligatori



[There are no radio stations in the database]