20 settembre 2023 – Notiziario Mondo

Scritto da in data Settembre 20, 2023

Ascolta il podcast

  • Messico: operatore ferroviario ferma i treni perché i migranti saltano a bordo facendosi male.
  • Afghanistan: la salute mentale delle donne peggiora in tutto il paese.
  • L’Azerbaijan invia truppe nel Nagorno Karabakh.
  • Sudan: oltre 1200 bambini morti nei campi sfollati.
  • Canada: omicidio sikh, espulso diplomatico indiano.
  • Filippine: setta apocalittica accusata di abusi sessuali sui minori.

Questo e molto altro nel notiziario di Radio Bullets, a cura di Barbara Schiavulli

Afghanistan

La salute mentale delle donne afghane, che hanno sofferto a causa delle dure misure imposte dai talebani da quando hanno preso il potere due anni fa, è peggiorata in tutto il paese, secondo un rapporto congiunto di tre agenzie delle Nazioni Unite pubblicato ieri. Secondo il rapporto di UN Women, l’Organizzazione internazionale per le migrazioni e la Missione di assistenza delle Nazioni Unite, quasi il 70% ha riferito che i sentimenti di ansia, isolamento e depressione sono notevolmente peggiorati tra aprile e giugno, in aumento rispetto al 57% del trimestre precedente. nell’Afghanistan.
Le donne afghane sono state intervistate online, di persona e in consultazioni di gruppo, nonché tramite telesondaggi individuali. In totale hanno preso parte 592 donne afghane in 22 delle 34 province dell’Afghanistan.
Le donne hanno confessato di soffrire di problemi psicologici tra cui depressione, insonnia, perdita di speranza e motivazione, ansia, paura, aggressività, isolamento e comportamento sempre più isolazionista e pensieri suicidi.

Arabia Saudita

Cinque giorni di colloqui, che rappresentano i negoziati pubblici di più alto livello con gli Houthi nel regno, arrivano mentre l’Arabia Saudita prova un rinnovato tentativo di porre fine alla guerra di coalizione durata anni che ha lanciato contro lo Yemen. Il ministero degli Esteri saudita, in una dichiarazione di oggi che segna la fine del viaggio degli Houthi, “ha accolto con favore i risultati positivi delle serie discussioni riguardanti il ​​raggiungimento di una tabella di marcia per sostenere il percorso di pace nello Yemen”. Durante la visita la delegazione Houthi ha incontrato anche il ministro della Difesa dell’Arabia Saudita, il principe Khalid bin Salman, fratello del potente principe ereditario Mohammed bin Salman.

Siria

Il presidente siriano Bashar Assad si recherà in Cina alla fine di questa settimana per la sua prima visita a Pechino dall’inizio del conflitto durato 12 anni nel suo paese, durante il quale la Cina è stata uno dei suoi principali sostenitori, ha detto il suo ufficio. La Cina ha ampliato la sua portata in Medio Oriente dopo aver mediato un accordo a marzo tra Arabia Saudita e Iran, e continua a sostenere Assad nel conflitto siriano, che ha ucciso mezzo milione di persone e lasciato in rovina gran parte della nazione. In futuro la Cina potrebbe svolgere un ruolo importante nella ricostruzione della Siria, che si prevede costerà decine di miliardi di dollari. L’anno scorso la Siria ha aderito all’iniziativa cinese Belt and Road, con la quale Pechino espande la sua influenza nelle regioni in via di sviluppo attraverso progetti infrastrutturali.

Israele e Palestina

Due palestinesi uccisi e 12 feriti: questo, secondo la agenzia di stampa palestinese Wafa, il bilancio di uno scontro a fuoco avvenuto ieri a Jenin in Cisgiordania settentrionale fra una unità scelta dell’esercito israeliano che cercava di catturare un ricercato ed alcuni miliziani palestinesi che si erano barricati in una abitazione.

Sudan

Più di 1.200 bambini sono morti per sospetto morbillo e malnutrizione nei campi profughi del Sudan, mentre molte altre migliaia, compresi i neonati, rischiano di morire prima della fine dell’anno, riferiscono le agenzie delle Nazioni Unite (ONU). Dopo più di cinque mesi di conflitto tra l’esercito sudanese e il gruppo paramilitare Rapid Support Forces, il settore sanitario del paese è in ginocchio a causa degli attacchi diretti delle parti in guerra e della carenza di personale e medicinali.

Il dottor Allen Maina, capo della sanità pubblica presso l’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR), ha dichiarato in un briefing delle Nazioni Unite a Ginevra che da maggio più di 1.200 bambini provenienti dall’Etiopia e dal Sud Sudan sotto i cinque anni sono morti in nove campi nello stato del Nilo Bianco, sede di una delle più grandi popolazioni di rifugiati del Sudan. “Purtroppo temiamo che i numeri continuino ad aumentare a causa delle risorse limitate”, ha aggiunto, aggiungendo che i partner stanno lottando per vaccinare i rifugiati, alimentando, qualora non avvenisse, il rischio di epidemie.

Libia

Funzionari della Libia orientale hanno ordinato ai giornalisti di lasciare Derna, il giorno dopo le proteste che hanno portato all’incendio della casa del sindaco sospeso dopo le alluvioni. Due giorni fa nella città centinaia di persone hanno protestato sfogando la loro rabbia contro le autorità e hanno chiesto che vengano individuate le responsabilità del disastro che ha cancellato interi quartieri.
Abdulmenam al-Gaithi era stato sospeso in attesa delle conclusioni dell’inchiesta sul disastro provocato dalle inondazioni a Derna in cui si stima siano morte 11.300 persone e disperse altre 10.000, secondo la Mezza Luna Rossa libica.

L’emittente araba Al Hurra ha riferito che le autorità hanno chiesto a tutti i giornalisti di andarsene il prima possibile. Un corrispondente di Al Jazeera dalla città ha detto che gli era stato detto di andarsene. Hichem Abu Chkiouat, ministro dell’aviazione civile nell’amministrazione che governa la Libia orientale, ha detto al telefono che la decisione di spostare i giornalisti non è collegata alle proteste della notte precedente.

Marocco

I bambini stanno tornando a scuola sulle montagne dell’Atlante in Marocco, meno di due settimane dopo che un terremoto di magnitudo 6,8 ha ucciso e ferito migliaia di persone e raso al suolo interi villaggi. Con circa 600 scuole della zona distrutte, molti studenti per ora studieranno nelle tende o nella città più vicina di Marrakesh.

Armenia e Azerbaijan

Sono scoppiati scontri tra la polizia e i manifestanti vicino al palazzo del governo armeno nel centro di Erevan.  I manifestanti – scrive l’agenzia statale russa – chiedevano le dimissioni del primo ministro Nicol Pashinian per “non aver fatto nulla” nel contesto delle ostilità nel Nagorno-Karabakh, e stavano tentando di entrare nell’edificio. Secondo quanto riferito dalla Tass, il primo ministro non si trovava all’interno del palazzo.

L’Azerbaigian ha inviato ieri truppe, appoggiate da attacchi di artiglieria, nel Nagorno-Karabakh controllato dagli armeni, nel tentativo di piegare la regione separatista con la forza, sollevando la minaccia di una nuova guerra con la vicina Armenia. Il Karabakh, un’area montuosa nella più ampia regione instabile del Caucaso meridionale, è riconosciuta a livello internazionale come territorio dell’Azerbaigian. Ma una parte è gestita dalle autorità separatiste armene che affermano che l’area è la loro patria ancestrale. Il Karabakh è stato al centro di due guerre – l’ultima nel 2020 – dalla caduta dell’Unione Sovietica nel 1991. Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha invitato l’Azerbaigian a sospendere immediatamente le sue operazioni, affermando che stanno peggiorando la già terribile situazione umanitaria in Karabakh – un riferimento ad un lungo blocco di fatto della regione da parte di Baku. Anche l’Unione Europea, la Francia e la Germania hanno condannato l’azione militare dell’Azerbaigian, invitando il paese a riprendere i colloqui con l’Armenia sul futuro del Karabakh.
Forti e ripetuti bombardamenti sono stati udibili dai filmati dei social media girati martedì a Stepanakert, la capitale del Karabakh, chiamata Khankendi dall’Azerbaigian. Le autorità separatiste del Karabakh hanno affermato che 25 persone sono state uccise, tra cui due civili, e 138 ferite a causa dell’azione militare di Baku. Gli abitanti di alcuni villaggi sono stati evacuate.

Canada

Il Canada ha espulso ieri un diplomatico indiano, ritenendo che Nuova Delhi possa essere responsabile dell’assassinio di un leader sikh, Hardeeo Sing Nijjar, 45 anni avvenuto nel Canada occidentale lo scorso giugno. Lo ha annunciato la ministra degli esteri canadese. “Le accuse secondo cui un rappresentante di un governo straniero possa essere stato coinvolto nell’omicidio di un cittadino canadese qui in Canada, sul suolo canadese, non solo sono preoccupanti, ma sono del tutto inaccettabili”, ha precisato Mélanie Joly. Le relazioni tra i due paesi sono diventate tese negli ultimi mesi dopo l’assassinio del leader sikh e le proteste che ne sono seguite in Canada. Ottawa, in particolare, ha recentemente sospeso i negoziati per un accordo di libero scambio con l’India. New Delhi, da parte sua, accusa il governo canadese di chiudere un occhio sulle attività dei nazionalisti sikh radicali che sostengono la creazione di uno stato sikh indipendente nel nord dell’India. Il primo ministro indiano, Narendra Modi, ha espresso la sua “profonda preoccupazione per le continue attività anti-indiane di elementi estremisti in Canada” durante il suo incontro con Justin Trudeau, in occasione dell’ultimo incontro del G20 in India, all’inizio di settembre. Il Canada è il paese con il maggior numero di sikh al di fuori del loro stato d’origine, il Punjab. Immediata la reazione dell’India che poche ore dopo ha annunciato di aver ordinato a un alto diplomatico canadese di lasciare il Paese.

Stati Uniti

Ieri il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha chiesto la creazione di istituzioni multilaterali efficaci per affrontare le sfide globali. “Il mondo è cambiato. Le nostre istituzioni no. Non possiamo affrontare efficacemente i problemi così come sono se le istituzioni non riflettono il mondo così com’è. Invece di risolvere i problemi, rischiano di diventare parte del problema”, ha affermato. Nel suo rapporto sullo “stato del mondo”, subito prima dell’apertura del Dibattito Generale di quest’anno dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, Guterres ha avvertito che il mondo è  “sconvolto”. “Le tensioni geopolitiche stanno aumentando. Le sfide globali stanno aumentando. E sembriamo incapaci di unirci per rispondere”.

Sempre ieri l’ambasciatore israeliano presso le Nazioni Unite Gilad Erdan è stato scortato rapidamente fuori da un ufficiale della sicurezza delle Nazioni Unite dopo che il funzionario ha sollevato un cartello di protesta con l’immagine di Mahsa Amini durante un discorso del presidente iraniano Ebrahim Raisi . Il presidente iraniano, ieri ha difeso il programma nucleare davanti all’Assemblea generale.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy si è recato a New York per parlare di persona all’Assemblea generale delle Nazioni Unite per la prima volta da quando Mosca ha iniziato l’invasione su vasta scala del suo paese nel febbraio 2022. Vestito con la sua caratteristica camicia verde kaki, ha esortato gli Stati membri a unirsi per opporsi all’aggressione russa e ha sottolineato la necessità di una pace che riconosca l’integrità territoriale dell’Ucraina.

Si prevede che decine di paesi, firmeranno un nuovo trattato delle Nazioni Unite per proteggere gli oceani del mondo, un altro passo avanti negli sforzi per invertire il danno arrecato ai fragili ambienti marini dalla pesca eccessiva e da altre attività umane. Il patto globale per la conservazione della biodiversità in alto mare è stato finalmente concordato a marzo e adottato formalmente dalle Nazioni Unite a giugno. È considerato uno strumento cruciale per raggiungere l’obiettivo concordato lo scorso anno di proteggere il 30% delle terre e dei mari della Terra entro il 2030, noto come “30 entro 30”. Si prevede che almeno 60 paesi firmeranno l’accordo mercoledì durante l’Assemblea generale annuale delle Nazioni Unite. Tuttavia, prima di entrare in vigore, dovrà ancora essere ratificato a livello nazionale.

Messico

Un operatore ferroviario messicano ha annunciato che sospenderà temporaneamente le corse dei treni nella parte settentrionale del paese perché tanti migranti si lanciano a bordo dei vagoni merci e si fanno male. Ferromex ha dichiarato di aver ordinato temporaneamente lo stop a 60 treni che trasportano merci. Ha affermato che parte del commercio internazionale sarà influenzato dall’interruzione. Negli ultimi giorni si sono verificati “una mezza dozzina di deplorevoli casi di feriti o morti” tra i migranti che saltano sui vagoni merci, ha affermato la società in una nota. La società, di proprietà del conglomerato Grupo Mexico, ha affermato che alcuni migranti sono addirittura saltati sui vagoni merci “nonostante il grave pericolo che ciò rappresenta”. I migranti utilizzano da tempo i treni, conosciuti collettivamente come “La Bestia”, per fare l’autostop dall’estremo sud dello stato di Oaxaca fino al confine con gli Stati Uniti. Circa un decennio fa, il governo messicano ha organizzato brevi raid sui treni per scoraggiare questa pratica, ma in seguito ha abbandonato in gran parte lo sforzo. L’annuncio arriva mentre migliaia migranti cercano disperatamente di raggiungere il confine degli Stati Uniti.

Colombia

Il governo della Colombia e uno degli ultimi gruppi ribelli rimasti nel paese hanno annunciato martedì che inizieranno i colloqui di pace il mese prossimo e entreranno in vigore per un cessate il fuoco di 10 mesi che dovrebbe ridurre la violenza contro i civili. L’accordo tra il governo colombiano e il gruppo ribelle noto come FARC-EMC arriva mentre il presidente Gustavo Petro cerca di rafforzare i suoi piani per pacificare le aree rurali della Colombia negoziando simultaneamente con tutte le restanti fazioni ribelli della nazione, nell’ambito della sua strategia di “pace totale”. Ad agosto l’amministrazione Petro ha mediato un cessate il fuoco di sei mesi con l’Esercito di Liberazione Nazionale, il più grande gruppo ribelle rimasto nella nazione, e ha anche istituito un comitato che deciderà come i gruppi della comunità parteciperanno ai colloqui di pace con quel gruppo. Le FARC-EMC sono un gruppo frammentato delle Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia, o FARC. Il gruppo scissionista ha rifiutato di aderire all’accordo di pace del 2016 tra il principale gruppo FARC e il governo, in cui più di 12.000 combattenti hanno deposto le armi. Si ritiene che il gruppo contenga circa 3.000 combattenti e sia stato recentemente attivo nel sud-ovest della Colombia, così come nelle province di Arauca e Nord Santander, al confine orientale della nazione con il Venezuela.

Filippine

Un oscuro movimento religioso, ritenuto promotore di un’imminente ideologia della fine del mondo, è stato accusato di essere coinvolto nella violenza sessuale e nel matrimonio forzato dei suoi stessi membri, compresi i bambini.
I Socorro Bayanihan Services, originariamente un’organizzazione civica, si sono trasformati in un gruppo quasi religioso che sarebbe anche coinvolto nell’estorsione di denaro ai suoi membri, nonché nel traffico di droga nella città di Socorro, un’isola di Mindanao. L’organizzazione, ora conosciuta come Omega de Salonera, conta almeno 3.500 membri, tra cui 1.580 bambini. Secondo quanto riferito, sono sequestrati in un’enclave montana “fortemente sorvegliata” dai suoi membri, ha detto lunedì sera la senatrice Risa Hontiveros in un discorso al Senato delle Filippine. Nelle ultime settimane, almeno otto bambini sono riusciti a fuggire dalla comunità montana e hanno fornito strazianti testimonianze in prima persona alle autorità della città di Socorro.

Cina

L’ex ministro degli Esteri cinese Qin Gang, deposto dalla sua carica a luglio e sparito, ha avuto una relazione extraconiugale mentre era ambasciatore negli Stati Uniti, ha riferito  il Wall Street Journal. L’articolo afferma che Qin sta collaborando alle indagini, che ora si concentrano sulla questione se la vicenda o la condotta di Qin avessero compromesso la sicurezza nazionale della Cina.

Ad alti funzionari cinesi è stato detto che un’indagine interna del Partito Comunista ha scoperto che Qin era coinvolto nella vicenda durante il suo mandato come ambasciatore cinese negli Stati Uniti, afferma il rapporto. Due fonti hanno riferito al giornale che la relazione ha portato alla nascita di un bambino negli Stati Uniti.

Nuova Zelanda

Una scossa di terremoto di magnitudo 5.8 è stata registrata alle 9:14 ora locale (le 23:14 di ieri in Italia) in Nuova Zelanda, sull’Isola del Sud. La scossa è stata chiaramente avvertita dalla popolazione, ma al momento non si hanno notizie di particolari danni a persone o cose.

Potrebbe interessarti anche:

La brusca frenata dell’economia cinese

E se credi in un giornalismo indipendente, serio e che racconta il mondo recandosi sul posto, puoi darci una mano cliccando su Sostienici


Continua a leggere

[There are no radio stations in the database]