India: ancora Modi, ma non solo

Scritto da in data Giugno 6, 2024

Di ToniAnn Izzo                                                                                              Go to English

Per la terza volta, Narendra Modi è stato eletto primo ministro dell’India dalla più grande democrazia del mondo. Anche se ci si potrebbe aspettare che questo mandato sia simile ai suoi ultimi due, questo ciclo elettorale in India si è rivelato tutt’altro.

Al potere ma non da solo

Contrariamente alle affermazioni sicure di Modi, il Bharatiya Janata Party (BJP), il partito di destra al governo, non è riuscito a ottenere la maggioranza nelle elezioni nazionali indiane. Questo è rivoluzionario perché Modi non ha mai governato senza che il suo partito detenesse la maggioranza dei seggi nel governo.

Per la prima volta da anni, si assiste a una rinascita di partiti che sono stati silenziosi per lungo tempo, eletti in parlamento in numeri significativamente alti.

Questi nuovi risultati elettorali riaffermano la democrazia dell’India e finalmente danno ai cittadini con opinioni contrarie o diverse da quelle del BJP la possibilità di essere rappresentati nel governo.

Cosa ha fatto Modi

Durante i suoi mandati precedenti, Modi ha attuato diverse riforme economiche significative e progetti infrastrutturali. Tuttavia, il suo mandato è stato anche segnato da controversie, in particolare riguardo alla sua posizione sul nazionalismo religioso e sui diritti delle minoranze.

Come il suo partito ha sottolineato, Modi ha basato la sua campagna sull’Hindutva e sull’impatto economico positivo che ha già avuto sull’India. L’Hindutva è un movimento nazionalista religioso in cui il nazionalismo hindu, un’ideologia politica, afferma che l’identità nazionale e la cultura indiane sono inseparabili dalla religione dell’induismo.

Promozione della violenza religiosa?

Sebbene in India ci sia libertà religiosa e si sia liberi di praticare qualsiasi religione si scelga, questa ideologia fortemente sostenuta da Modi e dal BJP ha promosso la violenza tra le minoranze religiose dell’India.

Modi ha affermato che l’India è l’economia in più rapida crescita nel mondo; tuttavia, attualmente l’India sta affrontando una grande crisi occupazionale per le giovani generazioni che restano senza lavoro e faticano a permettersi una vita dignitosa in India.

Questa mancanza di lavoro è una delle ragioni principali per cui uno degli stati che ha avuto un grande impatto sulla possibilità del BJP di ottenere la maggioranza, l’Uttar Pradesh non ha votato per molti membri del BJP.

Questo è stato uno shock perché sia Modi che il BJP hanno dedicato gran parte della loro campagna lì, ma non hanno fatto uno sforzo per risolvere il problema dell’insicurezza lavorativa tra i giovani.

Al momento, aspetteremo di vedere come sarà la dinamica tra Modi e il resto del governo. Molti si chiedono come Modi si adatterà a questo nuovo modo di governare e se rimarrà fermo sui suoi obiettivi o se farà compromessi nel tentativo di creare pace in parlamento.

Questo non solo colpisce l’India ma potrebbe avere un grande impatto sull’ordine mondiale poiché le cose non saranno più esattamente come Modi e il suo partito vogliono: ci sarà molto probabilmente opposizione durante il suo mandato di cinque anni.

Modi non ha mai dovuto sfidare veramente il proprio parlamento e potrebbe ancora non doverlo fare, ma sembra che vedremo un lato molto diverso di Modi, nel bene e nel male. Solo il tempo lo dirà.

Una nuova era politica

I recenti risultati elettorali segnano un cambiamento significativo nella politica indiana, introducendo una nuova era di potenziale governo di coalizione e maggiore rappresentanza per punti di vista diversificati. Gli anni a venire saranno cruciali per determinare come Modi navigherà in questo paesaggio e affronterà le questioni urgenti che il paese deve affrontare.

ToniAnn Izzo

Sono un’appassionata di scienze politiche di New York City con una passione per la politica globale.

Il mio obiettivo è suscitare interesse nei giovani, che sono i più colpiti dalle decisioni politiche odierne, rendendo le questioni complesse comprensibili e coinvolgenti.

Porto una prospettiva fresca nelle discussioni per rendere la politica divertente e accessibile per la prossima generazione.

Ti potrebbe interessare anche:

E se credi in un giornalismo indipendente, serio e che racconta il mondo recandosi sul posto, puoi darci una mano cliccando su Sostienici

 


Opinioni dei Lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi con * sono obbligatori



[There are no radio stations in the database]