20 marzo 2024 – Notiziario Mondo

Scritto da in data Marzo 20, 2024

Ascolta il podcast

  • Gaza: i palestinesi costretti a mangiare erba, come reagisce il corpo?
  • Canada: Stop alle forniture di armi in Israele.
  • Hong Kong: approvata la legge sulla sicurezza, più potere al governo per frenare il dissenso
  • Myanmar: nessun offerente all’asta della casa di Suu Kyi da 90 milioni di dollari

Questo e molto altro nel notiziario di Radio Bullets a cura di Barbara Schiavulli

Israele e Palestina

■ GAZA: L’agenzia palestinese Wafa afferma che 27 persone sono morte in un bombardamento israeliano che nelle prime ore di oggi avrebbe colpito il campo profughi di Nuseirat, nel centro della Striscia di Gaza.

Citando funzionari sanitari palestinesi, ieri sera la Reuters aveva detto che almeno 15 persone sono state uccise da un attacco aereo contro una casa nello stesso campo profughi.

L’emittente araba Al Jazeera ha affermato invece che altre 23 persone sarebbero morte in un raid contro la rotonda Kuwait della città di Gaza, luogo di distribuzione di aiuti umanitari.

L’IDF ha affermato che le sue forze stanno ancora operando nell’ospedale Al-Shifa e che le truppe hanno trovato armi nell’area dell’ospedale.

I residenti di Gaza City che si trovano ancora nelle loro case vicino all’ospedale hanno detto che l’IDF chiede loro di evacuare verso sud, nell’area di Dir al-Balah, nel centro di Gaza.

Ieri l’esercito israeliano ha annunciato di aver arrestato circa 300 palestinesi durante il raid in corso all’ospedale Al-Shifa di Gaza City.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha affermato di aver detto al primo ministro Netanyahu “di inviare una squadra a Washington per discutere come colpire Hamas senza una grande operazione di terra a Rafah“.

La prima ministra Giorgia Meloni ha affermato che l’Italia si oppone a un’offensiva di terra israeliana a Rafah.

Il Canada ha deciso di non inviare più armi ad Israele.

In un’intervista al Toronto Star, la ministra degli Esteri canadese Melanie Joly ha affermato che il governo del suo Paese attuerà una risoluzione non vincolante approvata dalla Camera dei comuni che chiede la fine di “ulteriori autorizzazioni e trasferimenti di armi verso Israele per garantire il rispetto del regime canadese di esportazione di armi e aumentare gli sforzi per fermarne il commercio illegale, anche verso Hamas”.

“La storia giudicherà duramente l’attuale azione del Canada”, ha commentato il ministro degli esteri Israeliano Israel Katz su X, sottolineando che “Israele continuerà a combattere finché Hamas non sarà distrutto e tutti gli ostaggi saranno riportati a casa”.

L’ambasciatrice statunitense all’ONU Linda Thomas-Greenfield ha definito l’incombente carestia a Gaza “una crisi terribile “, aggiungendo che “ora è il momento di eliminare tutte le barriere alla fornitura completa e sostenuta di aiuti umanitari”.

L’amministratrice di USAID Samantha Power ha definito la situazione una “pietra miliare orribile” e ha implorato Israele “di agire immediatamente per porre fine a questa sofferenza di massa prevenibile”.

Gli Stati Uniti dovrebbero sospendere immediatamente i trasferimenti di armi a Israele, hanno detto martedì Human Rights Watch e Oxfam, citando le violazioni da parte di Israele del diritto internazionale umanitario, comprese le armi statunitensi e il blocco dell’assistenza umanitaria finanziata dagli Stati Uniti.

La Casa Bianca ha affermato che gli Stati Uniti sono ” profondamente preoccupati” per un rapporto sostenuto dalle Nazioni Unite che indica un’imminente carestia a Gaza.

Il vice capo dell’ufficio politico di Hamas, Musa Abu Marzouk, ha incontrato martedì l’inviato delle Nazioni Unite per il Medio Oriente, Tor Wennesland, ha detto una fonte di Hamas.

Secondo rapporti locali a Gaza, Israele ha assassinato un alto funzionario del Ministero degli Interni di Hamas incaricato di garantire l’ingresso degli aiuti umanitari nel nord di Gaza.

Il Ministero della Sanità di Gaza, controllato da Hamas, ha affermato che dall’inizio della guerra almeno 31.819 palestinesi sono stati uccisi e 73.934 feriti.

Gaza: La zona cuscinetto occuperà il 16%

Da mesi ormai le organizzazioni umanitarie lanciano l’allarme sulla catastrofe umanitaria in corso a Gaza. 

La mancanza di aiuti, unita all’assedio israeliano di Gaza e agli incessanti bombardamenti, che vanno avanti da oltre cinque mesi, hanno costretto molti palestinesi a ricorrere al consumo di erba ed erbacce.

Lunedì le Nazioni Unite hanno affermato che è prevista una carestia nel nord di Gaza tra marzo e maggio.

“Si prevede che la carestia si verificherà da qui al maggio 2024 nei governatorati settentrionali”, ha affermato l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura, citando una nuova analisi dell’Integrated Food Security Phase Classification (IPC) su Gaza.

Questa settimana, l’immagine di una famiglia palestinese a Gaza seduta per rompere il digiuno con erba macinata in ciotole per il pasto è circolata rapidamente online.

Una famiglia a Gaza ha detto al corrispondente sul posto di Middle East Eye di essere stata costretta a raccogliere l’erba e a cucinarla in mancanza di cibo o aiuti umanitari.

“Mentiamo ai nostri figli e diciamo loro che è mulukheya”, hanno detto, riferendosi a una zuppa di iuta e malva tipicamente consumata in Medio Oriente.

Il giornalista di Al Jazeera Anas al-Sharif ha confermato le notizie di famiglie che mangiano erba, affermando che viene mescolata con limone e che “ci sono addirittura alcune famiglie che non ce l’hanno”.

Sebbene l’erba sia tecnicamente commestibile per l’uomo e non tossica, non è la soluzione migliore per l’uomo, soprattutto se consumata per lunghi periodi.

L’erba è composta da acqua e lignina, una proteina difficile da scomporre da parte del sistema digestivo umano.

Per animali come le mucche, mangiare erba non è un problema poiché il loro stomaco può aiutare la digestione e accedere all’amido e alla cellulosa presenti nell’erba.

Tuttavia, per gli esseri umani, l’elevato contenuto di cellulosa significa che ha poco valore nutrizionale, soprattutto se paragonato ad altri alimenti ricchi di sostanze nutritive, vitamine e minerali.

Mangiare erba può anche essere dannoso per i denti. L’erba contiene un’alta percentuale di silice, che può essere abrasiva e logorare i denti nel tempo, e mentre gli animali hanno denti che si sono adattati a mangiarla, gli esseri umani no.

L’erba può anche essere pericolosa per il consumo a causa dello sporco e dei pesticidi utilizzati su di essa, che col tempo possono causare cancro e difetti congeniti.

Poiché il corpo umano fatica a decomporre l’erba nell’intestino, se ne viene consumata una grande quantità, può causare vomito o diarrea – o per lo meno svanire non digerito, il che significa che fornirà poco nutrimento al corpo.

■ OSTAGGI/CESSATE-FUOCO: il capo del Mossad David Barnea è tornato in Israele dal Qatar, dove una delegazione israeliana resta per continuare i negoziati per un accordo di rilascio degli ostaggi/cessate il fuoco.

Il ministero degli Esteri del Qatar ha affermato che le parti non sono vicine a un accordo di cessate il fuoco, ma che Doha rimane fiduciosa , e ha anche avvertito che un’operazione israeliana a Rafah ostacolerà i negoziati e si tradurrà in grandi distruzioni e “atrocità” mai viste nei conflitti precedenti.

Un funzionario palestinese che ha familiarità con i negoziati ha affermato che Israele non ha ancora fornito la sua risposta all’ultima offerta di Hamas.

■ STATI UNITI: Il senatore americano Chris Murphy , membro democratico della sottocommissione del Senato focalizzata sul Medio Oriente, ha invitato Israele a sospendere immediatamente le operazioni militari in vista dell’incombente carestia a Gaza.

Il segretario di Stato americano Antony Blinken visiterà l’Arabia Saudita e l’Egitto questa settimana per ” discutere la giusta architettura per una pace regionale duratura”.

■ ISRAELE: Il Primo Ministro Netanyahu ha detto durante una sessione della commissione parlamentare che “si deve restare restare uniti contro la posizione degli Stati Uniti secondo cui non dovremmo andare a Rafah “.

In precedenza, aveva affermato di aver chiarito a Biden che Israele è determinato a operare a Rafah per “completare la distruzione di Hamas”.

Israele ha presentato una richiesta alla Corte internazionale di giustizia dell’Aia affinché non emetta ordini di emergenza per aumentare gli aiuti umanitari a Gaza per far fronte all’incombente carestia.

Respingendo la richiesta del Sudafrica di farlo perché “moralmente ripugnante”, in considerazione delle “azioni che ha intrapreso e sta intraprendendo” per proteggere vite innocenti a Gaza.

■ Cisgiordania: due agenti dello Shin Bet sono rimasti feriti in un attacco a fuoco allo svincolo di Gush Etzion. L’aggressore è stato colpito e ucciso.

■ LIBANO: L’IDF ha affermato che circa 15 razzi e colpi di mortaio sono stati lanciati nel nord di Israele dal sud del Libano.

■ SIRIA: L’Osservatorio siriano per i diritti umani ha riferito che nella notte fino a martedì Israele ha attaccato un deposito di armi di Hezbollah nell’area di Damasco.

Tunisia

Scontri al confine, la Tunisia chiude la frontiera di Ras Jdir con la libia.

Domenica il ministero degli Interi aveva dichiarato di aver schierato le forze dell’ordine per prendere il controllo della traversata per “combattere il contrabbando e controllare le violazioni della sicurezza al fine di mantenere la sicurezza e gestire il movimento dei passeggeri tra Libia e Tunisia ”.

Sudafrica

Ieri un’unità d’élite della polizia sudafricana ha perquisito la casa di Johannesburg del presidente dell’Assemblea nazionale per accuse di corruzione.

Francia

La Francia sta preparando circa 2.000 soldati da inviare in Ucraina, ha affermato il capo dei servizi segreti esteri russi.

Svezia

Un ex ministro della difesa iracheno è stato arrestato al suo arrivo in Svezia con l’accusa di aver ricevuto illegalmente benefici nel paese scandinavo, secondo un rapporto martedì.

Najah al-Shammari, che possiede la doppia cittadinanza irachena-svedese, viveva in Iraq e riceveva uno stipendio dallo stato iracheno, ma ha richiesto il sostegno per i figli e per l’alloggio dalla Svezia per diversi anni, ha detto l’emittente svedese TV4.

Aveva chiesto un permesso di soggiorno nel 2009 e gli è stata concessa la cittadinanza svedese nel 2015.

Al-Shammari è stato ministro della Difesa iracheno dal 2019 al 2020.

Ucraina e Russia

 Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha affermato che la Russia ha utilizzato 130 diversi tipi di missili contro l’Ucraina dall’inizio di marzo.

Il governatore dell’oblast russo di Belgorod ha annunciato martedì che le autorità evacueranno circa 9.000 bambini dall’area poiché l’Ucraina ha intensificato gli attacchi alle regioni di confine della Russia.

Il governatore Vyacheslav Gladkov, secondo l’agenzia di stampa russa TASS, ha detto che la scorsa settimana 16 persone sono state uccise e 98 ferite dai bombardamenti ucraini a Belgorod.

Ha detto che più di 130 case e 60 autovetture sono state danneggiate a causa dei bombardamenti ucraini del giorno scorso. Uno zoo di Belgorod colpito dal bombardamento ha detto che un canguro è stato ucciso.

L’Ucraina ha aumentato i suoi attacchi sul territorio russo mentre la Russia guadagnava sempre più terreno sul campo di battaglia.

Le forze russe hanno ottenuto guadagni costanti sul campo di battaglia da quando hanno preso la città di Avdiivka a Donetsk il mese scorso.

Russia e Cina

Tra i primi atti di Vladimir Putin dopo la rielezione alla guida della Russia per altri sei anni, vi sarà la conferma al massimo livello dell’asse strategico con la Cina attraverso una visita a Pechino in programma in maggio.

Almeno secondo fonti citate dalla Reuters, mentre la notizia non viene confermata da nessuno dei due Paesi.

L’accelerata nello sviluppo delle relazioni fra Pechino e Mosca è un fenomeno degli ultimi due anni, favorito dal conflitto in Ucraina e dalle conseguenti sanzioni economiche dei Paesi occidentali alla Russia.

A questo proposito, la Russia cerca di rimediare con la crescita degli scambi e delle esportazioni energetiche verso oriente: con la Cina, appunto, e con l’India.

Stati Uniti

L’Aeronautica militare americana (Usaf) ha dichiarato ieri sera di aver condotto con successo un test di un missile ipersonico nell’Oceano Pacifico.

Lunedì l’ex presidente Donald Trump ha accusato gli ebrei che votano per i democratici “di odiare Israele” e odiare “la loro religione”, innescando una tempesta di critiche da parte della Casa Bianca e dei leader ebrei.

Trump, in un’intervista, è stato interrogato sulle crescenti critiche dei democratici nei confronti del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu per la sua gestione della guerra a Gaza mentre il bilancio delle vittime civili continua a salire.

Alla Casa Bianca, il portavoce Andrew Bates ha definito i commenti “retorica antisemita vile e folle” senza menzionare Trump per nome.

Il Messico ha condannato la decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti che consente l’entrata in vigore di una legge del Texas che consente alle forze dell’ordine statali di arrestare persone sospettate di aver attraversato illegalmente il confine tra Texas e Messico, temendo discriminazioni e violazioni dei diritti umani contro i migranti sul suolo americano.

Attraverso il Ministero degli Esteri, il Messico ha condannato la decisione della Corte Suprema di togliere il controllo sulla legge e ha messo in guardia contro le violazioni dei diritti umani e la profilazione razziale.

La legge criminalizza l’immigrazione nello Stato e impone condanne fino a 20 anni per i migranti detenuti senza documentazione.

 Inoltre, i giudici chiederanno che i migranti ritornino in territorio messicano, minacciando fino a 20 anni di reclusione coloro che non rispetteranno le norme.

Haiti

Dall’8 al 14 marzo, quasi 17.000 persone hanno abbandonato Port au Prince, capitale di Haiti, a causa della violenza persistente e di un aumento degli attacchi armati.

Partendo dal dato concreto dell’avvio, a partire dal 29 febbraio, di nuove operazioni dei gruppi criminali agli ordini di Jimmy Chérizier con l’obiettivo di costringere alle dimissioni il primo ministro Ariel Henry, l’Organizzazione internazionale delle migrazioni (Oim) ha avviato un monitoraggio sul terreno a partire dai terminal degli autobus della capitale haitiana.

Questa attività, ha reso noto l’organizzazione attraverso il suo account X (@IOMHaiti), ha permesso di osservare dall’8 al 14 marzo i movimenti di 16.947 persone in uscita dall’area metropolitana di Port au Prince.

Cuba

Non si fermano a Cuba i problemi con l’elettricità: l’azienda statale Unión Eléctrica (Une) ha previsto blackout nel 31% dell’isola nelle prossime ore.

Il deficit tra domanda e offerta costringe a interruzioni di corrente in varie aree, è stato precisato.

 La crisi energetica nella nazione caraibica è causata principalmente dalla mancanza di combustibile per le centrali elettriche, secondo il ministero dell’Energia e delle Miniere locale.

Questo provoca blackout prolungati e abituali di oltre 12 ore al giorno in diverse province del Paese.

Messico

In una maxi-operazione la polizia di Città del Messico ha arrestato Eduardo Ramirez Tiburcio, detto ‘El Chori’, uno dei principali leader dell’Union de Tepito, l’organizzazione criminale che gestisce lo spaccio e il traffico di droga in buona parte della capitale messicana.

Secondo la stampa locale, il boss guidava una banda specializzata in riscossione del pizzo, estorsioni, rapimenti e spaccio nei bar e nelle discoteche della megalopoli latinoamericana.

Argentina

Dopo l’agenzia di stampa statale Telam, il governo di Javier Milei ha deciso di chiudere altri due organismi pubblici, col licenziamento di 900 persone.

Lo ha annunciato il portavoce della Casa Rosada, Manuel Adorni, spiegando che si tratta di una misura adottata nello spirito di ridurre al minimo i dipendenti pubblici.

La chiusura riguarda l’Istituto dell’Agricoltura familiare, contadina e indigena e il Consiglio nazionale dell’Agricoltura familiare.

Brasile

Mentre il Brasile fa ancora i conti con il colpo di coda dell’ondata di calore che attraversa in particolare le regioni centro meridionali del Paese, l’istituto di meteorologia lancia già il prossimo allarme, stavolta relativo alle piogge intense che si abbatteranno su almeno 22 dei 27 stati a partire da domani.

E ancora Brasile, l’ex presidente brasiliano Jair Bolsonaro è stato incriminato dalla polizia federale del Brasile per associazione a delinquere e inserimento di dati falsi nel sistema informativo del ministero della Salute, nell’ambito dell’indagine sulla falsificazione dei certificati di vaccinazione Covid.

Tra gli incriminati – 16 in tutto – ci sono anche il tenente colonnello Mauro Cid, ex aiutante di campo di Bolsonaro e oggi collaboratore di giustizia, e il deputato federale Gutemberg Reis.

Secondo la ricostruzione, a dicembre 2022 nel sistema del ministero della Salute erano stati inseriti i dati – ritenuti falsi – necessari per l’emissione dei certificati di vaccinazione per Bolsonaro e per la figlia, per viaggiare negli Stati Uniti, dove all’epoca era richiesto il documento.

Risultava così che Bolsonaro avesse assunto la prima dose il 13 agosto del 2022 e la seconda il 14 ottobre, in un centro municipale della città di Duque di Caxias, stato di Rio de Janeiro.

L’ex capo dello Stato ha invece sempre dichiarato pubblicamente di non essere vaccinato e di non volerlo essere.

Cile

Si è ucciso piuttosto che finire in carcere l’ex brigadiere dell’esercito cileno Marcos Derpich Miranda (85 anni), condannato a 25 anni di prigione per l’omicidio di sette membri del Movimento della sinistra rivoluzionaria, durante la dittatura militare di Pinochet, dal 1973 al 1990.

Nella sua carriera il militare aveva ricoperto ruoli apicali nella Centrale nazionale di intelligence, il principale organo repressivo del regime di Pinochet.

Secondo le ricostruzioni Derpich è stato trovato morto nella sua auto, con una ferita d’arma da fuoco.

Myanmar

Nessun offerente si è presentato oggi all’asta in Myanmar per la vendita della casa dell’ex leader incarcerata Aung San Suu Kyi, per la quale il prezzo di partenza era stato fissato a circa 90 milioni di dollari.

La proprietà di famiglia sul lago Inye di Yangon, che misura 1.923 acri (0,78 ettari) è stata messa all’asta per volere della Corte Suprema dopo una battaglia legale durata anni tra Suu Kyi, che è stata estromessa in un colpo di stato del 2021, e suo fratello Aung San Oo.

Il premio Nobel Suu Kyi sta scontando 27 anni di detenzione in un luogo segreto per una moltitudine di reati che secondo i suoi sostenitori sono inventati.

Ha vissuto in una decrepita villa in stile coloniale per la maggior parte degli oltre tre decenni trascorsi in Myanmar da quando è tornata dalla Gran Bretagna, compresi 15 anni di arresti domiciliari sotto la precedente giunta.

Hong Kong

I legislatori di Hong Kong hanno approvato all’unanimità una nuova legge sulla sicurezza nazionale che garantisce al governo più potere per reprimere il dissenso, ampiamente visto come l’ultimo passo di una vasta repressione politica innescata dalle proteste pro-democrazia nel 2019.

Il parlamento ha approvato il disegno di legge sulla salvaguardia della sicurezza nazionale durante una sessione speciale.

 La legge amplierà la capacità delle autorità di perseguire i cittadini per reati tra cui “collusione con forze esterne” per commettere atti illegali, oltre ad accusarli di tradimento, insurrezione, spionaggio e divulgazione di segreti di stato, tra gli altri.

Si aggiunge a una legge sulla sicurezza simile imposta da Pechino nel 2020, che ha già ampiamente messo a tacere le voci dell’opposizione nel centro finanziario.

I critici temono che la nuova legge eroderà ulteriormente le libertà civili che Pechino aveva promesso di preservare per 50 anni quando l’ex colonia britannica tornò sotto il dominio cinese nel 1997.

Australia e Cina

 La ministra degli Esteri australiana Penny Wong e il suo omologo cinese, Wang Yi, si sono incontrati oggi a Canberra per discutere questioni chiave tra cui la sicurezza nella regione indo-pacifica, il commercio bilaterale e i diritti umani, dopo anni di conflitto e tensioni bilaterali.

Wang, il primo ministro degli Esteri cinese a visitare l’Australia dal 2017, ha partecipato al settimo dialogo strategico ed estero Australia-Cina come parte delle misure adottate da entrambe le nazioni per normalizzare le relazioni bilaterali.

Ti potrebbe interessare anche:

E se credi in un giornalismo indipendente, serio e che racconta il mondo recandosi sul posto, puoi darci una mano cliccando su Sostienici


Continua a leggere

[There are no radio stations in the database]