23 giugno 2023 – Notiziario mondo

Scritto da in data Giugno 23, 2023

Ascolta il podcast

  • La Russia nella “lista della vergogna delle Nazioni Unite per aver ucciso bambini, Israele assente.
  • Messico: verità e giustizia per l’ennesimo ambientalista ucciso.
  • Raid ed esecuzioni: l’Arabia Saudita dichiara guerra alla droga

Questo e molto altro nel notiziario di Radio Bullets, a cura di Barbara Schiavulli

Nazioni Unite

Le Nazioni Unite hanno inserito i gruppi armati militari e alleati della Russia nella loro “lista della vergogna” per l’ uccisione e la mutilazione di centinaia di bambini nella guerra contro l’Ucraina , ma le forze israeliane sono state escluse dalla lista nonostante l’uccisione di oltre 40 bambini palestinesi lo scorso anno, secondo i rapporti. Le organizzazioni per i diritti umani avevano ripetutamente richiesto che Israele fosse aggiunto alla lista nera delle Nazioni Unite per l’uccisione e la mutilazione di bambini palestinesi in Cisgiordania. L’ambasciatore palestinese presso le Nazioni Unite Riyad Mansour giovedì ha definito la decisione del segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres di escludere Israele dalla lista della vergogna un “grosso errore”. Nel rapporto annuale delle Nazioni Unite sul trattamento dei bambini nelle zone di conflitto , distribuito giovedì ai membri del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, Guterres ha affermato di essere “sconvolto dall’elevato numero di gravi violazioni contro i bambini in Ucraina” nel 2022. Secondo le testate giornalistiche che avevano preso visione di una copia del rapporto, 477 bambini sarebbero stati uccisi in Ucraina lo scorso anno, inclusi 136 decessi attribuiti direttamente alle forze russe e ai gruppi affiliati. Le forze armate ucraine erano responsabili dell’uccisione di 80 bambini, secondo il rapporto. Dei rimanenti bambini vittime, nessuna delle due parti in guerra poteva essere incolpata con certezza. I bambini sono stati per lo più uccisi da attacchi aerei, afferma il rapporto delle Nazioni Unite. Le Nazioni Unite hanno anche verificato che le forze russe e i gruppi affiliati hanno mutilato 518 bambini in Ucraina e hanno effettuato 480 attacchi a scuole e ospedali. Le forze armate russe hanno anche usato 91 bambini come scudi umani, secondo il rapporto. Le forze armate ucraine hanno mutilato 175 bambini e compiuto 212 attacchi contro scuole e ospedali. Le forze dell’Ucraina non sono state inserite nell’elenco. Il capo delle Nazioni Unite ha affermato nel rapporto di essere “profondamente preoccupato” per il numero di bambini palestinesi uccisi dalle forze israeliane nel 2022. Secondo il rapporto, 42 bambini palestinesi sono stati uccisi e 933 feriti nel 2022 dalle forze israeliane. Nel 2021, le forze israeliane hanno ucciso 78 bambini palestinesi.
Israele non è mai stato nella lista delle Nazioni Unite dei paesi svergognati per aver ucciso bambini. Human Rights Watch ha accolto con favore la decisione delle Nazioni Unite di nominare le forze russe, ma ha criticato la decisione del capo delle Nazioni Unite di escludere Israele dalla lista della vergogna, affermando che “ha deluso di nuovo i bambini palestinesi”.

Arabia Saudita

Dopo essere diventata un mercato importante, l’Arabia Saudita sta reagendo, ponendo fine a una moratoria sulla pena di morte per i casi di droga e lanciando una zelante repressione. Il risultato è di almeno 20 esecuzioni per reati di droga dallo scorso anno, secondo un conteggio dell’AFP, e un forte aumento degli arresti. Almeno due agenti di sicurezza sauditi sono stati uccisi in raid antidroga, di cui uno la scorsa settimana, secondo i media statali. In tutta Jeddah, cartelloni pubblicitari lungo la strada invitano i cittadini a denunciare alle autorità qualsiasi attività di droga illecita. Sebbene l’alcol sia illegale nel paese conservatore, si ritiene che sia anche il più grande mercato al mondo per il captagon, che viene utilizzato dai ricchi sauditi come pillola per le feste e dai lavoratori per rimanere svegli durante i lunghi turni di lavoro. Mentre le precedenti campagne antidroga miravano a spedizioni di contrabbando, principalmente dalla Siria e dal Libano, l’ultima iniziativa si sta concentrando su spacciatori e utenti all’interno del paese. Apparentemente per fornire un deterrente, l’anno scorso è stata abolita una moratoria di quasi tre anni sulle esecuzioni per reati di droga. L’Arabia Saudita è uno dei maggiori utenti al mondo della pena capitale, con 147 esecuzioni nel 2022.

Etiopia

L’Etiopia si sta preparando a lanciare il quarto riempimento del suo bacino idrico mega-diga sul Nilo Azzurro, ha annunciato giovedì il vice primo ministro del paese, nonostante l’opposizione del suo vicino a valle, l’Egitto. L’enorme Grand Ethiopian Renaissance Dam (GERD) da 4,2 miliardi di dollari è stata al centro di una disputa regionale sin da quando l’Etiopia ha avviato il progetto nel 2011. L’Egitto e talvolta il Sudan hanno ripetutamente chiesto ad Addis Abeba di interrompere il riempimento del serbatoio.

Algeria

L’ex primo ministro algerino Noureddine Bedoui e l’ex ministro della Sanità Abdelmalek Boudiaf sono stati condannati a cinque anni di carcere e multati di 1 milione di dinari algerini ($ 7.383), secondo l’agenzia di stampa statale. I due sono stati condannati mercoledì dal tribunale penale economico e finanziario del comune di Sidi M’hamed in un caso di corruzione. I due sono stati coinvolti in una serie di irregolarità riscontrate nella costruzione di un nuovo aeroporto internazionale nello stato di Constantine, ha detto l’agenzia di stampa. Il costo del progetto è salito alle stelle a quasi sette volte la stima originale, e la sua costruzione ha richiesto anche 10 anni in più rispetto ai quattro previsti, costando al tesoro pubblico ingenti somme di denaro, secondo il notiziario Al Mayadeen. Bedoui è stato primo ministro dell’Algeria da marzo a dicembre 2019, nominato come parte di un governo provvisorio dopo che gli algerini avevano protestato per la rimozione del defunto ex presidente Abdelaziz Bouteflika e dopo che il predecessore di Bedoui Ahmed Ouyahia si era dimesso sulla scia delle proteste.

Grecia

L’ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha criticato l’ipocrisia dei media occidentali riguardo ai rifugiati e in particolare in riferimento al recente naufragio di una barca di profughi al largo della Grecia sudoccidentale in cui sono morte almeno 82 persone e si teme che altre centinaia siano annegate. Il fatto che venga prestata maggiore attenzione a un sommergibile che trasportava cinque persone scomparse al largo della costa di Terranova, in Canada, durante un tour del relitto del Titanic rispetto alla barca di profughi che affonda al largo della Grecia con un massimo di 700 persone a bordo è “marcio”, ha detto ieri durante un’apparizione nella capitale greca Atene.

La Grecia oggi entra nell’ultimo giorno della campagna elettorale per le elezioni nazionali di domenica, con il leader conservatore Kyriakos Mitsotakis che mira a consolidare i risultati ottenuti nel voto inconcludente del mese scorso. Mitsotakis, il 55enne laureato ad Harvard in cerca di un secondo mandato quadriennale, terrà la sua ultima manifestazione nella centrale piazza Syntagma di Atene in serata.

Spagna e Marocco

Amnesty International ha accusato Spagna e Marocco di insabbiamento per non aver indagato adeguatamente sugli eventi al confine dell’enclave spagnola di Melilla lo scorso anno, quando decine di migranti e rifugiati sono morti durante un tentativo di attraversamento di massa. Il 24 giugno 2022, circa 2.000 migranti e rifugiati dell’Africa subsahariana hanno tentato di entrare nell’enclave nordafricana spagnola dal Marocco. Almeno 37 sono morti e almeno 76 sono ancora dispersi, ha detto la ONG.

Russia

La Corte del distretto di Lefortovo, a Mosca, ha respinto un appello presentato dal giornalista americano del Wall Street Journal Evan Gershkovich contro il prolungamento della sua detenzione. Il giornalista, accusato di spionaggio, dovrà quindi rimanere in carcere almeno fino al 30 agosto, come stabilito in un primo momento.

Russia e Ucraina

  • La viceministra della Difesa ucraina Hanna Maliar ha affermato che le forze ucraine stavano contenendo le forze russe sul fronte orientale e non avevano permesso ai russi di avanzare “di un solo metro” in quattro aree chiave a est. Maliar ha affermato che le forze sul fronte meridionale, dove diversi villaggi sono stati riconquistati la scorsa settimana, si stanno “gradualmente muovendo in avanti”.
  • Il governatore di Kherson nominato dalla Russia ha affermato che le forze ucraine hanno colpito un ponte stradale che collega l’Ucraina continentale con la Crimea, che la Russia ha annesso nel 2014. Non ci sono state vittime.
  • Zelenskyy ha accusato la Russia di nascondere i corpi delle persone uccise nelle aree controllate dalla Russia all’indomani del crollo della diga Nova Kakhovkadi questo mese .
  • Il Regno Unito ha affermato che i donatori stranieri riuniti a Londra hanno promesso 60 miliardi di euro (66 miliardi di dollari) in un nuovo sostegno finanziario per la ricostruzione postbellica dell’Ucraina.
  • Zelenskyy ha firmato una legge che vieta l’importazione commerciale di libri dalla Russia nell’ultima mossa per ridurre i legami culturali tra i due paesi. Il disegno di legge vieta anche l’importazione di libri stampati in Bielorussia o nel territorio ucraino occupato dai russi.
  • Laura Cooper, una vice segretaria aggiunto alla difesa che si concentra su Russia e Ucraina, ha detto a un’audizione al Congresso degli Stati Uniti che l’esercito americano ritiene che le munizioni a grappolo sarebbero utili per l’Ucraina contro le posizioni russe “trincerate” sul campo di battaglia, ma il loro uso non era stato approvato. Le munizioni a grappolo sono vietate da più di 120 paesi perché possono uccidere indiscriminatamente su una vasta area.

Stati Uniti

Aria finita, rottami ritrovati. “Crediamo che l’equipaggio del nostro sommergibile sia morto”. Lo afferma OceanGate in una nota, confermando la morte dei cinque passeggeri del Titan, il sottomarino disperso da domenica. Dopo cinque giorni di ricerca del sottomarino, giovedì la Guardia Costiera degli Stati Uniti ha dichiarato che l’equipaggio è stato ucciso in una “catastrofica implosione”.

 La partnership Usa-India è la più forte, stretta e dinamica di ogni tempo nella storia: lo ha detto Joe Biden in una conferenza stampa congiunta alla Casa Bianca dopo il bilaterale col premier indiano Narendra Modi, definendo l’incontro “molto produttivo”.

In un ulteriore segno che l’esercito americano vuole dimenticare che la guerra in Afghanistan sia mai avvenuta, il Defense Language Institute Foreign Language Center di Monterey, in California, cesserà di insegnare pashto ai membri del servizio e ai civili dopo novembre. Il pashto è una delle lingue nazionali dell’Afghanistan ed è utilizzato per le comunicazioni ufficiali dai talebani , che controllano il paese dal caotico ritiro degli Stati Uniti nell’agosto 2021.
Il quotidiano Monterey County Weekly in California e Connecting Vets hanno precedentemente riferito che l’attuale classe di parlanti pashtu dell’istituto sarà l’ultima. Anche se l’istituto aiuterà i parlanti pashto a mantenere le loro abilità linguistiche, non insegnerà il pashto ai nuovi studenti.

Martinica

 Le condizioni meteorologiche continuano a peggiorare in Martinica, in allerta rossa da due sere fa con l’avvicinarsi della tempesta tropicale Bret, e i residenti sono invitati a rimanere a casa.

Messico

Ieri accademici e colleghi hanno chiesto un’indagine sull’uccisione del ricercatore e ambientalista messicano Álvaro Arvizu, ucciso con un’ascia o un’accetta all’inizio di questo mese. I colleghi hanno affermato che l’uccisione sembra essere una rappresaglia per il lavoro di Arvizu a difesa delle foreste e delle risorse idriche nelle montagne che circondano Città del Messico . il giorno prima che Arvizu venisse ucciso, è stato ucciso anche un altro ambientalista che gestiva un centro simile nelle vicinanze. Quell’attivista, Cuauhtémoc Márquez, un apicoltore, era stato anche attivo in campagne contro l’inquinamento e l’estrazione dell’acqua e aveva riferito di aver ricevuto minacce. I due omicidi sono stati gli ultimi di una serie di omicidi e sparizioni che hanno reso il Messico il luogo più mortale al mondo per gli attivisti ambientalisti e di difesa del territorio. Secondo un rapporto del 2022 del gruppo non governativo Global Witness, il Messico ha visto 54 attivisti uccisi nel 2021, il numero più alto al mondo.

Un ufficiale militare messicano ha confermato giovedì che otto soldati, si legge sull’Ap, sono stati arrestati e portati in una prigione militare per il loro possibile coinvolgimento negli eventi che circondano la scomparsa nel 2014 di 43 studenti di un collegio per insegnanti rurali nel sud del Messico. Gli otto sono in attesa dell’eventuale deposito delle accuse da parte dei pubblici ministeri civili. Le forze di sicurezza hanno rapito gli studenti dagli autobus a Iguala il 26 settembre 2014 e li hanno consegnati a una banda di narcotrafficanti locale. Nuove rivelazioni implicano il coinvolgimento dei militari nelle sparizioni, ma il motivo del rapimento degli studenti rimane poco chiaro, sebbene ci siano prove crescenti che possa aver coinvolto la collusione della polizia e dei militari con i trafficanti di droga.

Guatemala

Poche speranze di cambiamento per il Guatemala che voterà alle elezioni presidenziali domenica. Due candidati popolari sono stati squalificati, diversi pubblici ministeri e giornalisti arrestati o in esilio nel pieno di un respingimento del governo degli sforzi contro la corruzione. Ventidue candidati sono in corsa con tre in netto vantaggio: un’ex first lady, un diplomatico delle Nazioni Unite e la figlia di un ex dittatore. I sondaggi indicano un’alta possibilità che le elezioni vadano al ballottaggio il 20 agosto, senza che nessun singolo candidato possa ottenere la quota minima di voti del 50% richiesta per vincere al primo turno. Circa 9,4 milioni dei 17,6 milioni di abitanti del Paese possono partecipare alle elezioni per sostituire il conservatore Giammattei, accusato di crescente autoritarismo. Circa tre quarti della popolazione disapprova la sua leadership in un paese pieno di povertà, violenza e corruzione.

Honduras

Venti delle 46 detenute uccise quando le affiliate di una banda in un carcere femminile hanno sparato le loro rivali con colpi di arma da fuoco e poi hanno dato loro fuoco sono state ustionate così gravemente che i corpi dovranno essere identificati attraverso il test del DNA, hanno detto ieri le autorità. Gli scontri sono scoppiati martedì in una prigione a circa 25 chilometri a nord della capitale Tegucigalpa, quando i membri della banda Barrio 18 hanno fatto irruzione in un’area che ospitava il gruppo rivale Mara Salvatrucha (MS-13).

Cina

Almeno 31 persone sono morte in un’esplosione avvenuta due sere fa in un ristorante della città nordoccidentale cinese di Yinchuan. “Una fuga di gas di petrolio liquefatto (gpl) ha provocato un’esplosione durante il servizio di un ristorante barbecue”, ha spiegato il media cinese Xinua aggiungendo che altre sette persone sono rimaste ferite e stanno ricevendo “cure” intensive. Le autorità provinciali hanno arrestato nove persone, tra cui il direttore del ristorante e diversi membri del personale, e i beni del locale sono stati congelati.

Ascolta/leggi anche:

E se credi in un giornalismo indipendente, serio e che racconta il mondo recandosi sul posto, puoi darci una mano cliccando su Sostienici


Continua a leggere

[There are no radio stations in the database]