3 aprile 2024 – Notiziario Mondo

Scritto da in data Aprile 3, 2024

Ascolta il podcast

  • Ucraina: Zelenskyj abbassa l’età di mobilitazione dell’esercito a 25 anni
  • Gaza: Il presidente Usa Joe Biden indignato per l’uccisione dei 7 operatori umanitari da parte di Israele
  • Taiwan: il più forte terremoto degli ultimi 25 anni ha colpito la costa orientale, almeno quattro le vittime

Questo e molto altro nel notiziario di Radio Bullets, a cura di Ambra Visentin

Taiwan

Un forte terremoto ha colpito la costa orientale di Taiwan, uccidendo almeno quattro persone. Il sisma di magnitudo 7,4 ha causato il crollo di diversi edifici a Hualien, la città più vicina all’epicentro, dove si stanno svolgendo le operazioni di soccorso. La scossa più forte che ha colpito l’isola negli ultimi 25 anni è stata avvertita anche nelle zone montuose dell’interno di Taiwan, scosse da enormi frane.

Il terremoto ha colpito alle 07:58 ora locale (23:58 GMT) a una profondità di 15,5 km e ha provocato almeno nove scosse di assestamento di magnitudo 4 o superiore. Secondo l’US Geological Survey, l’epicentro del terremoto si trova a circa 18 chilometri a sud della città di Hualien, a Taiwan.

Nella capitale Taipei, i filmati mostrano edifici visti tremanti.

“Il terremoto è vicino alla terra ed è superficiale. È stato avvertito in tutta Taiwan e nelle isole al largo… È il più forte degli ultimi 25 anni”, ha detto Wu Chien Fu, direttore del Centro sismologico di Taipei.

La National Fire Agency ha riferito che una persona è morta e altre tre sono rimaste ferite lungo un sentiero intorno al Parco Nazionale Taroko, che prende il nome da una gola storica appena fuori Hualien. Oltre 50 in totale le persone ferite, alcune delle quali intrappolate negli edifici e nei tunnel intorno alla città.

Il colosso taiwanese della produzione di chip TSMC ha dichiarato di aver evacuato alcune delle sue fabbriche a Hsinchu e nel sud di Taiwan per la sicurezza del suo personale, ma ha aggiunto che i suoi sistemi di sicurezza funzionano normalmente. TSMC è un importante produttore di semiconduttori per aziende tecnologiche tra cui Apple e Nvidia.

Nel vicino Giappone, le autorità avevano precedentemente avvertito che si prevedeva che onde di tsunami fino a 3 metri avrebbero raggiunto vaste aree della costa sud-occidentale.

L’agenzia meteorologica giapponese ha successivamente declassato l’allerta, ma ha chiesto ai residenti di rimanere “vigili per scosse di assestamento di intensità simile” per circa una settimana.
Anche l’agenzia sismologica delle Filippine ha emesso un allarme tsunami poco dopo il terremoto, invitando i residenti a evacuare su un terreno più elevato, cosa poi annullata.

Gaza

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha condannato l’uccisione di sette operatori umanitari a Gaza da parte di Israele. Dicendosi “indignato e affranto”, ha accusato Israele di non fare abbastanza per proteggere gli operatori umanitari.

Israele ha promesso un’indagine indipendente dopo che Regno Unito, Stati Uniti, Canada, Australia e Polonia hanno perso cittadini nell’attacco di lunedì.

Le sette vittime, che lavoravano per la World Central Kitchen (WCK), sono state uccise lunedì quando il loro convoglio è stato attaccato dal cielo. Biden ha chiesto che le indagini israeliane siano condotte rapidamente, che “siano assunte delle responsabilità” e che i risultati siano resi pubblici.

Distribuire gli aiuti a Gaza è “così difficile”, ha detto, perché Israele “non ha fatto abbastanza per proteggere gli operatori umanitari che cercano di fornire ai civili l’aiuto di cui hanno disperatamente bisogno”.

Biden ha anche accusato Israele di non fare abbastanza per proteggere i civili palestinesi. “Gli Stati Uniti hanno ripetutamente esortato Israele a separare le operazioni militari contro Hamas da operazioni umanitarie, al fine di evitare vittime civili”, ha affermato il leader americano.

Gli aiuti umanitari a Gaza sono in dubbio dopo che la WCK, un fornitore chiave di aiuti alla Striscia, ha sospeso le operazioni.

Tre degli operatori umanitari uccisi erano cittadini britannici . Sono stati uccisi anche un cittadino polacco, un australiano, un palestinese e un cittadino statunitense con doppia cittadinanza canadese. Le Forze di Difesa Israeliane (IDF) hanno promesso un’indagine indipendente sull’incidente.

Martedì il primo ministro britannico Rishi Sunak ha parlato con il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu. Durante la chiamata, ha descritto la situazione a Gaza come “sempre più intollerabile” e “ha chiesto un’indagine indipendente approfondita e trasparente” sull’uccisione degli operatori umanitari. Sunak ha aggiunto che, secondo una dichiarazione di Downing Street, Israele deve porre fine alle restrizioni sugli aiuti umanitari e proteggere i civili.

Il presidente israeliano Isaac Herzog si è scusato per le morti.

Il capo militare israeliano Herzi Halevi ha detto che l'”errata identificazione” ha portato agli attacchi che hanno ucciso sette operatori umanitari internazionali a Gaza. “Si è trattato di un errore conseguente ad un’errata identificazione di notte durante una guerra in condizioni molto complesse – ha riferito il tenente generale annunciando i risultati di un’indagine preliminare sull’incidente di lunedì – Non sarebbe dovuto accadere”.

Iran

Gli Stati Uniti hanno avvertito l’Iran di non reagire per un attacco all’ambasciata iraniana in Siria, riferendo ieri al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite di non avere ricevuto alcun preavviso dell’attacco che Teheran ha attribuito a Israele, alleato di Washington.

L’attacco di lunedì, che secondo l’Iran ha ucciso due dei suoi generali e cinque consiglieri militari, ha segnato uno degli attacchi più significativi mai realizzati contro gli interessi iraniani in Siria, dove Israele ha intensificato una lunga campagna contro l’Iran.

L’Iran ha dichiarato davanti ai 15 membri del Consiglio di Sicurezza che si riserva il diritto “di dare una risposta decisiva” all’attacco, accusando Israele di violare la Carta istitutiva delle Nazioni Unite, il diritto internazionale e l’inviolabilità delle sedi diplomatiche e consolari.

“Gli Stati Uniti sono responsabili di tutti i crimini commessi dal regime israeliano”, ha detto Zahra Ershadi, vice ambasciatore iraniano all’ONU, accusando gli Stati Uniti di cercare di destabilizzare la Siria e la regione e di sostenere Israele nella sua guerra a Gaza.

Ershadi ha chiesto al Consiglio di Sicurezza di condannare l’attacco alla sede diplomatica iraniana a Damasco.

Turchia

Almeno 29 persone sono morte e una è rimasta ferita in un incendio scoppiato in una discoteca in Turchia.

Il club Masquerade, nel seminterrato di un grattacielo di Istanbul, era chiuso e in fase di ristrutturazione durante il giorno.

L’incendio è scoppiato poco dopo mezzogiorno, ha detto il governatore di Istanbul Davut Gül, aggiungendo che la causa non è chiara. Gül ha affermato che si ritiene che le vittime dell’incendio siano state coinvolte nei lavori di ristrutturazione.

Otto persone, tra cui il direttore del nightclub e una persona responsabile dei lavori di ristrutturazione, hanno ricevuto un mandato di arresto in relazione all’incendio mentre le indagini continuano. Tre di loro sono stati arrestati, mentre per gli altri sono pendenti mandati.

I vigili del fuoco e gli altri soccorritori hanno circondato l’ingresso carbonizzato e fumante del club, che occupa due piani sotto un edificio residenziale di 16 piani nel quartiere Gayrettepe della città.
Il numero delle vittime è aumentato rapidamente nel corso del pomeriggio, con l’ufficio del governatore che ha diffuso una serie di aggiornamenti.

Il neo-rieletto sindaco di Istanbul, Ekrem Imamoglu, ha detto che il club non ha richiesto il permesso corretto per la ristrutturazione.

Ucraina

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj ha firmato ieri una legge che abbassa l’età di mobilitazione dell’esercito da 27 a 25 anni, ha affermato il parlamento sul suo sito web.
La mobilitazione è un tema che divide l’opinione pubblica, in una nazione stremata da più di due anni di guerra con la Russia, che ha visto enormi perdite militari.

Ma la mossa arriva quando l’Ucraina non ha soldati per combattere l’invasione russa ormai al suo terzo anno.

La legge sulla mobilitazione arriva dopo che il parlamento ha approvato a febbraio un disegno di legge volto ad arruolare più soldati nell’esercito.

La Russia ha impiegato più uomini nell’offensiva in Ucraina, con pochi grandi movimenti sul fronte da entrambe le parti nell’ultimo anno.

Zelenskyj ha detto che a dicembre l’esercito voleva mobilitare fino a mezzo milione di persone per combattere le forze di Mosca in Ucraina.

Il sistema di arruolamento militare è considerato da molti ucraini ingiusto, inefficiente e spesso corrotto. Aumentano anche le voci a favore della smobilitazione dei combattenti esausti che sono al fronte da molto tempo.

Senegal

Il più giovane presidente eletto dell’Africa ha prestato giuramento nella giornata di ieri. Il 44enne Bassirou Diomaye Faye ha vinto le elezioni presidenziali in Senegal al primo turno con oltre il 54% dei voti.

“Dalla prigione al palazzo”, si legge sulle prime pagine di diversi giornali. Solo dieci giorni prima del voto, “Diomaye”, come è conosciuto nel paese dell’Africa occidentale, è stato rilasciato dalla custodia. Si era candidato al posto del popolare ma squalificato leader dell’opposizione Ousmane Sonko e non aveva mai ricoperto una carica politica prima.

Il rapido e pacifico trasferimento del potere è stato celebrato da molti in patria e all’estero come una “vittoria della democrazia”. Nei tre anni precedenti si erano verificate diverse proteste durate giorni con numerosi morti in quello che altrimenti sarebbe stato considerato un Paese stabile.

Faye è considerato un pioniere di una nuova generazione di leader in Africa. La sua promessa di rompere con l’attuale élite politica e di promuovere un cambiamento politico radicale è particolarmente apprezzata dalla popolazione giovane. Gli osservatori si aspettano ora lo scioglimento del Parlamento e nuove elezioni.

Argentina

Il presidente argentino Javier Milei ha riaffermato la rivendicazione della sovranità della sua nazione sulle contese Isole Malvinas (Falkland), sostenendo che il suo governo è il primo a prenderla “sul serio”.

“Ci siamo stancati di sentire negli ultimi decenni i politici battersi il petto per difendere la nostra giusta rivendicazione sulle isole, senza avere un solo risultato da dimostrare dopo tutti questi anni”, ha dichiarato il presidente in un evento in ricordo di coloro che hanno perso la vita nel conflitto del 1982 con il Regno Unito.

Il leader di La Libertad Avanza ha promesso di inaugurare “una nuova era di riconciliazione con le Forze Armate” e di consegnare una “road map chiara” che “restituirà le isole in mano agli argentini”.

Il territorio conteso, noto come Isole Malvinas in Argentina e Isole Falkland nel Regno Unito, si trova a circa 480 chilometri (298 miglia) dalla terraferma argentina, che sostiene di averle ereditate dalla

Spagna quando ottenne l’indipendenza.

Milei ha promesso di elaborare “una chiara tabella di marcia affinché le Malvinas tornino nelle mani dell’Argentina”.

Ti potrebbe interessare anche:

E se credi in un giornalismo indipendente, serio e che racconta il mondo recandosi sul posto, puoi darci una mano cliccando su Sostienici


Opinioni dei Lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi con * sono obbligatori



[There are no radio stations in the database]