28 marzo 2024 – Notiziario Mondo

Scritto da in data Marzo 28, 2024

Ascolta il podcast

  • Israele e Palestina: medici in visita a Gaza sconvolti per il prezzo pagato dai bambini nel massacro
  • Corea del Sud: raro sciopero degli autisti dei bus provoca il caos tra i pendolari.
  • Myanmar: incendi e decapitazioni, la giunta intensifica le tattiche terroristiche contro il popolo.
  • Il Pakistan riprende il rimpatrio dei rifugiati afghani.
  • Il Messico ritarda il divieto di un controverso erbicida.

Questo e molto altro nel notiziario di Radio Bullets a cura di Barbara Schiavulli

Israele e Palestina

■ GAZA: The L’IDF ha iniziato a utilizzare la tecnologia di riconoscimento facciale a Gaza, ha riferito il New York Times, citando tre alti ufficiali dell’intelligence israeliana.

Secondo l’articolo, centinaia di palestinesi sono stati arrestati a causa dell’uso di un sistema basato sull’intelligenza artificiale parzialmente gestito dall’unità di intelligence militare 8200.

Il ministro della Difesa Yoav Gallant, che si trova a Washington per una serie di incontri con i massimi funzionari statunitensi, ha affermato che né Israele né Hamas governeranno Gaza una volta finita la guerra e dovrà essere costruita un’alternativa locale.

Hamas ha pubblicato una registrazione dove il capo della sua ala militare, Mohammad Deif, invitava il “mondo arabo e musulmano a iniziare a marciare verso la Palestina“.

Il Ministero della Sanità di Gaza, controllato da Hamas, ha affermato che dall’inizio della guerra sono stati uccisi almeno 32.490 palestinesi e 74.889 feriti.

Un team internazionale di medici in visita in un ospedale nel centro di Gaza era preparato al peggio. Ma l’impatto raccapricciante che la guerra di Israele contro Hamas sta avendo sui bambini palestinesi li ha lasciati sbalorditi.

L’Al Aqsa Martyrs, che normalmente ha 160 posti letto, ora lotta con 800 pazienti tutti in gravi condizioni

“Siamo esausti e siamo qui da due sole settimane, non possono immaginare cosa abbiano passato i medici di qui. Mi chiedete se ci sono risorse per curare le persone? No”, dice Tanya Haj Hassan, pediatra di terapia intensiva in visita.

Un bambino è morto per una lesione cerebrale causata da un attacco israeliano che gli ha fratturato il cranio. Sua cugina, una bambina, sta ancora lottando per la vita con una parte del viso spazzata via dallo stesso colpo.

Un bambino di 10 anni, senza legami di parentela, gridava di dolore chiamando i suoi genitori, non sapendo che erano stati uccisi nel bombardamento.

Accanto a lui c’era la sorella, ma non l’ha riconosciuta perché le ustioni le coprivano quasi tutto il corpo.

Queste vittime strazianti sono state descritte all’Associated Press da Tanya Haj-Hassan, una dottoressa di terapia intensiva pediatrica della Giordania, dopo un turno notturno di 10 ore all’ospedale dei martiri di Al-Aqsa nella città di Deir al-Balah.

Haj-Hassan, che ha una vasta esperienza a Gaza e parla regolarmente degli effetti devastanti della guerra, face parte di una squadra che ha recentemente terminato un periodo di due settimane a Gaza.

Il destino di una donna palestinese di 94 anni a Gaza rimane sconosciuto dopo che l’ esercito israeliano ha fatto irruzione nella sua casa e ha ordinato alla sua famiglia di evacuare, lasciandola indietro.

Naifa Rizq al-Sawada, che soffre di Alzheimer e non è in grado di camminare o parlare, si trovava nella sua casa nelle vicinanze del complesso medico al-Shifa, nella parte occidentale della città di Gaza, il 21 marzo, quando l’esercito israeliano ha invaso l’area dopo l’attacco di mezzanotte e ha sgomberato con la forza i suoi residenti sotto la minaccia delle armi.

La sua famiglia teme che possa essere trattenuta nell’edificio prima che venga bombardato o utilizzato come scudo umano dall’esercito israeliano all’interno dell’ospedale Shifa.

Il ministro degli Esteri e della Difesa irlandese Micheal Martin ha annunciato ieri sera che Dublino interverrà nel caso avviato dal Sudafrica contro Israele ai sensi della Convenzione sul genocidio presso la Corte internazionale di giustizia dell’Aja.

L’Irlanda collaborerà strettamente con una serie di partner che hanno confermato la loro intenzione di intervenire”.

■ Cisgiordania: il Ministero della Sanità palestinese a Ramallah ha affermato che tre palestinesi sono stati uccisi dal fuoco dell’IDF nella città di Jenin.

Palestina: Le leonesse di Jenin

ISRAELE: L’IDF ha detto che Nisim Kachlon, 21 anni, è stato ucciso in combattimento nel sud di Gaza.

■ GIORDANIA: la polizia antisommossa giordana ha picchiato e arrestato dozzine di manifestanti che cercavano di marciare verso l’ambasciata israeliana ad Amman, pesantemente sorvegliata, hanno detto testimoni e residenti.

■ SIRIA: L’Osservatorio siriano per i diritti umani, affiliato all’opposizione siriana, ha affermato che il bilancio delle vittime degli attacchi di lunedì notte nella Siria orientale da parte di Israele contro obiettivi della Guardia rivoluzionaria iraniana è salito a 17 .

■ LIBANO: un druso israeliano di 38 anni è stato ucciso dopo che un pesante sbarramento di almeno 30 razzi è stato lanciato sul nord di Israele dal Libano.

Hezbollah ha affermato che lo sbarramento è stato una risposta all’attacco israeliano avvenuto questa notte nel villaggio di Al-Bireh, nel sud del Libano, in cui sono state uccise sette persone.

L’IDF ha affermato che Hezbollah stava cercando di invadere Israele utilizzando la filiale libanese dell’organizzazione Jemaah Islamiyah , i cui membri sono stati uccisi nell’attacco israeliano ad Al-Bireh.

■ STATI UNITI: Gli Stati Uniti e il Regno Unito hanno sanzionato congiuntamente tre entità e due individui che sono facilitatori finanziari chiave coinvolti nella raccolta fondi per Hamas, si legge in una dichiarazione del Dipartimento di Stato.

Secondo un nuovo sondaggio Gallup, il 55% degli americani disapprova l’azione militare israeliana a Gaza.
È la prima volta che il sondaggio rileva che la maggioranza disapprova, un aumento del 10% da novembre 2023.

Un funzionario del Dipartimento di Stato che lavora sui diritti umani in Medio Oriente, Annelle Sheline, si è dimesso per protestare contro le politiche dell’amministrazione Biden sulla guerra di Gaza, il terzo funzionario statunitense a citare pubblicamente tali ragioni per la sua dipartita.

■ OSTAGGI/CESSATE-FUOCO: Il Primo Ministro Netanyahu ha detto di aver cancellato una delegazione israeliana che si sarebbe recata a Washington per discutere gli sforzi per salvaguardare i civili a Rafah in caso di offensiva di terra perché voleva ” inviare un messaggio a Hamas“.

Ha anche detto al senatore repubblicano Rick Scott che “la decisione degli Stati Uniti nel Consiglio di Sicurezza [dell’ONU] è stata una mossa molto, molto sbagliata.

La parte peggiore è che ha incoraggiato Hamas a prendere una linea dura “.

L’ufficio del primo ministro Netanyahu ha detto alla Casa Bianca che vuole riprogrammare un incontro cancellato a Washington su un’operazione militare pianificata a Rafah, ha riferito la NBC, citando un funzionario americano.

Giovedì è previsto un incontro con le famiglie dei soldati tenuti in ostaggio da Hamas con Netanyahu.

Uganda

Il presidente Yoweri Museveni ha lanciato ieri le operazioni nazionali della prima banca islamica commerciale senza interessi del paese, consentendole di operare secondo i principi islamici.

Secondo il presidente, il sistema bancario islamico ha il potenziale per contribuire in modo significativo allo sviluppo nel settore finanziario dell’Uganda e attirare più musulmani a investire nell’economia del paese.

Russia

Un tribunale russo ha condannato in contumacia a 6 anni di reclusione l’attivista del collettivo d’opposizione ‘Pussy Riot’, Lucy Shtein, con l’accusa di diffusione di notizie “false” sull’esercito, una norma introdotta in Russia per vietare le critiche all’invasione dell’Ucraina.

L’accusa aveva chiesto 8 anni e mezzo di reclusione.

Shtein ha lasciato la Russia 2 anni fa. A riportare la notizia è la testata online ZonaMedia.

Il procedimento penale era stato avviato per un tweet del marzo 2022 in cui Shtein commentava un presunto video che mostrava soldati ucraini mentre sparavano alle gambe – apparentemente – di prigionieri russi.

Stati Uniti

Due corpi recuperati dal camion sommerso nel crollo del ponte di Baltimora. I corpi di due operai edili sono stati trovati mercoledì nelle fredde acque del porto di Baltimora, intrappolati nel loro camioncino rosso dopo che una gigantesca nave da carico si è schiantata contro il ponte su cui stavano riempiendo le buche, provocando un fragoroso crollo.

Si ritiene che sei degli otto uomini della squadra di costruzione siano stati uccisi, mentre quattro corpi non sono stati ancora ritrovati.

Avvertendo che non era sicuro per i subacquei tentare di penetrare nel relitto, la polizia ha detto in una conferenza stampa che stavano passando a un’operazione di salvataggio, rimuovendo la sovrastruttura e poi rimandando indietro i subacquei per recuperare il resto dei corpi.

Messico

Sono più di 100 gli incendi forestali attivi nel territorio messicano. Lo ha rivelato il presidente Andres Manuel Lopez Obrador in una conferenza stampa.

“Bisognerebbe vedere se si tratta di incendi dolosi o se sono dovuti alla situazione di siccità e a chi non sta attento”, ha dichiarato il capo dello Stato, senza scartare l’ipotesi che dietro al disastro naturale che ha colpito il Paese ci possano essere “interessi legati al settore immobiliare”.

Secondo un rapporto della Commissione nazionale forestale, dall’inizio dell’anno nei boschi messicani si sono registrati più di 660 incendi, che hanno danneggiato oltre 22mila ettari.

La disoccupazione in Messico è ai minimi storici, durante il mese di febbraio si è fermata al 2.5% della popolazione.

Lo rivelano i dati pubblicati oggi dall’Istituto nazionale di statistica e geografia (Inegi).

Il governo messicano ha rinviato il divieto sull’uso del glifosato, affermando di non aver trovato un’alternativa al controverso diserbante.

La nazione latinoamericana aveva pianificato di eliminare gradualmente l’uso dell’erbicida – che secondo i critici potrebbe causare il cancro e minacciare la biodiversità – entro il 1° aprile di quest’anno.

Ma “le condizioni per sostituire l’uso del glifosato nell’agricoltura messicana non sono state soddisfatte”, ha affermato martedì in una nota il ministero dell’Economia.

Ha affermato che il glifosato rimarrà in uso mentre il governo continua a cercare un erbicida alternativo “a bassa tossicità” che consentirebbe di mantenere la produttività agricola.

Il glifosato è uno dei diserbanti più utilizzati al mondo, ma l’Organizzazione Mondiale della Sanità nel 2015 lo ha classificato come “probabilmente cancerogeno”.

È l’ingrediente principale degli erbicidi tra cui Roundup, prodotto dal colosso chimico tedesco Bayer, che ha acquisito il marchio quando ha acquistato la società statunitense Monsanto nel 2018.

Venezuela

Ottantadue organizzazioni non governative venezuelane chiedono la liberazione dell’attivista per i diritti umani Rocío San Miguel, arrestata il 9 febbraio con l’accusa di aver cospirato contro il presidente Nicolas Maduro.

Si rafforza l’ondata di repressione in Venezuela, in vista delle elezioni del 28 luglio.

Il presidente, Nicolas Maduro, ora afferma che il partito di opposizione fondato da Maria Corina Machado, Vente Venezuela, è un “movimento terroristico”.

Il capo dello Stato, che sostiene di essere oggetto di molteplici cospirazioni, ha sottolineato che in 15 giorni sono stati catturati due gruppi legati a Vente Venezuela.

Colombia

La Colombia ha detto mercoledì di aver ordinato l’espulsione dei diplomatici argentini, dopo che il presidente Javier Milei ha definito il suo omologo colombiano Gustavo Petro un “terrorista” e “assassino”.

Il Ministero degli Esteri della Colombia ha citato le dichiarazioni “denigratorie” di Milei, rilasciate in un’intervista non ancora trasmessa integralmente alla CNN en Español.

Da quando è entrato in carica a dicembre, Milei ha conquistato i titoli dei giornali con la sua retorica infuocata, incluso il paragone dell’aborto all’omicidio in un discorso agli studenti delle scuole superiori a marzo.

Le relazioni tra Argentina e Colombia sono state generalmente stabili, ma si sono deteriorate da quando Milei è entrato in carica.

Argentina

Il governo di Javier Milei ha deciso di inviare due ufficiali di gendarmeria per rafforzare la sicurezza della sua ambasciata a Caracas, dopo aver concesso asilo a sei membri dell’opposizione venezuelana del partito fondato da Maria Corina Machado, Vente Venezuela.

L’iniziativa del governo di Javier Milei, che arriva dopo il blackout registrato nella sede diplomatica, è stata confermata da fonti del ministero della Sicurezza.

Brasile

Il Brasile ha registrato 2,54 milioni di nascite nel 2022, in calo del 3,5% rispetto all’anno precedente.

Lo riferisce l’Istituto nazionale di statistica evidenziando che si tratta della quarta flessione annuale consecutiva e il peggiore risultato dal 1977.

La ricerca mostra anche un aumento della maternità in età più avanzata.

Pakistan

Il Pakistan si sta preparando a lanciare la seconda fase di rimpatrio degli afghani privi di documenti, in un contesto di relazioni tese tra i due paesi.

Il Pakistan ha lanciato il suo primo ciclo di rimpatrio di quelli che ha definito “stranieri privi di documenti” nel novembre dello scorso anno.

Nessuna data è stata ancora annunciata, ma il funzionario ha affermato che la campagna per rimpatriare centinaia di migliaia di titolari di ACC potrebbe iniziare dall’inizio alla metà dell’estate, previa approvazione del governo federale.

Secondo l’UNHCR, l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, ci sono 2,18 milioni di rifugiati afghani documentati in Pakistan.

Ciò include 1,3 milioni di rifugiati in possesso di carte Proof of Registration (PoR) secondo il censimento effettuato nel 2006-2007, nonché altri 880.000 rifugiati a cui è stato concesso l’ACC a seguito di una campagna di registrazione nel 2017.

Il crollo del governo civile a Kabul in seguito al ritorno dei talebani al potere nell’agosto 2021 ha visto un altro afflusso di afghani preoccupati in Pakistan.

India

Centinaia di arresti e fermi nel centro di Delhi dove la polizia ha bloccato sia i sostenitori del Governatore Kejriwal, che volevano raggiungere la residenza del premier per protestare contro l’arresto di Kejriwal, sia i militanti del Bjp, che avevano indetto una marcia verso la sede dell’Aap Party, il partito di Kejriwal, per chiederne le dimissioni.

Tra i picchiati, numerosi fotoreporter che cercavano di documentare la violenza della polizia.

Thailandia

La Camera bassa del Parlamento thailandese ha approvato ieri un disegno di legge sul matrimonio tra persone dello stesso sesso, aprendo la strada affinché il regno diventi la prima nazione del sud-est asiatico a riconoscere l’uguaglianza dei matrimoni Lgbtq.

Il disegno di legge è passato con 399 voti a favore e 10 contrari: dovrà essere approvato ora dal Senato prima di essere sottoposto al re.

Myanmar

I due giovani sono insanguinati, i loro piedi serrati in ceppi di legno.

“Che cos’è la PDF (Forza di difesa popolare)?” urlano i loro aguzzini. “Cani”, rispondono.

Umiliati e disumanizzati, gli uomini vengono legati e trascinati sul terreno accidentato con le loro spesse catene.

Di fronte a dozzine di spettatori, vengono appesi a un albero e sotto di loro viene alimentato un fuoco.

Mentre il fumo si alza e le fiamme li consumano, i due uomini si contorcono e urlano in agonia: i loro ultimi momenti di dolore e orrore inimmaginabili catturati in video.

Phoe Tay aveva 21 anni, Thar Htaung solo 20.

I due giovani avevano lasciato le fattorie di famiglia nel nord-ovest del Myanmar per unirsi a un gruppo di resistenza armata locale dopo il colpo di stato militare del 2021, sperando di portare pace e democrazia nel paese del sud-est asiatico, hanno detto i loro padri alla CNN.

Ma secondo i testimoni, sono stati catturati durante una battaglia contro i militari il 7 novembre dello scorso anno e portati in un villaggio vicino, dove sono stati torturati e uccisi  da una milizia filo-giunta sotto la sorveglianza dei soldati dell’esercito birmano.

La CNN ha costruito una cronologia degli eventi, utilizzando i resoconti di più di una dozzina di testimoni, abitanti dei villaggi, combattenti della resistenza, familiari e analisti, con l’analisi dei video e delle immagini della giornata utilizzando tecniche open source.

Tali resoconti e analisi indicano che i militari al potere sono responsabili degli omicidi, in contraddizione con le loro smentite pubbliche.

Le morti di Phoe Tay e Thar Htaung sono orribili, ma non costituiscono un’anomalia in Myanmar, dove l’esercito sta conducendo una guerra di terrore contro i civili e si trova sempre più in svantaggio contro una resistenza armata nazionale determinata a spodestarlo dal potere.

Tali attacchi non hanno fatto altro che aumentare da quando un’offensiva ribelle lanciata cinque mesi fa ha provocato  gravi perdite e defezioni  per i militari, hanno confermato molteplici fonti.

Adottando tattiche terroristiche tra cui incendi, decapitazioni, mutilazioni, incendi di villaggi e attraverso una massiccia campagna di bombardamenti aerei che ha  costretto quasi tre milioni di persone a fuggire  , l’esercito del Myanmar sta tentando di controllare e dividere la popolazione attraverso una dottrina di paura e brutalità consolidata da tempo. , dicono testimoni e analisti.

Volker Türk, capo dei diritti umani delle Nazioni Unite, ha recentemente definito la situazione “un incubo senza fine”, in cui “soldati addestrati compiono atti brutali contro il proprio popolo” in un “agghiacciante disprezzo per la vita umana”.

Corea del Sud

Migliaia di autisti di autobus a Seoul hanno scioperato per una disputa salariale, colpendo il 97% delle linee di autobus nella capitale sudcoreana, ha detto il loro sindacato, scatenando il caos tra i pendolari nelle ore di punta.

Si tratta del primo sciopero generale degli autisti dal 2012, e arriva dopo che le trattative sulla retribuzione sono fallite giovedì scorso, con gli autisti che chiedevano un aumento salariale orario del 12,7%.

I colloqui riprenderanno nel corso della giornata, ha detto all’AFP un portavoce del sindacato, aggiungendo che “non possiamo dire a questo punto se lo sciopero continuerà fino a domani in attesa dell’esito dei negoziati”.

Lo sciopero ha lasciato molte stazioni degli autobus vuote mentre i pendolari si riversavano in metropolitana per andare al lavoro, alcuni colti di sorpresa dalla notizia.

Ti potrebbe interessare anche:

E se credi in un giornalismo indipendente, serio e che racconta il mondo recandosi sul posto, puoi darci una mano cliccando su Sostienici


Opinioni dei Lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi con * sono obbligatori



[There are no radio stations in the database]