17 dicembre 2020 – Notiziario

Scritto da in data Dicembre 17, 2020

Ascolta il podcast

  • Filippine: uccisa dottoressa in prima linea nel combattere la pandemia e anche unico medico per 100 mila persone (copertina).
  • Premio Sakharov all’opposizione bielorussa.
  • Arabia Saudita: ex celebre fantina dissidente racconta le minacce contro di lei.
  • La Russia respinge inchiesta sui presunti avvelenatori di Navalny.
  • Yemen: IRC, sempre più a rischio la catastrofe umanitaria per il 2021.
  • Israele rischia nuove elezioni se non approva il bilancio.
  • La Somalia taglia i rapporti diplomatici con il Kenya.
  • Afghanistan: delegazione talebana in Pakistan
  • Le Fiji si preparano all’arrivo di un potente ciclone.

Questo e molto altro nel notiziario di Radio Bullets, a cura di Barbara Schiavulli. Musiche di Walter Sguazzin

Yemen

Lo Yemen è sempre più a rischio di catastrofe umanitaria nel 2021, ha avvertito l’International Rescue Committee (IRC), che segna il terzo anno consecutivo in cui la nazione devastata dalla guerra si è guadagnata il cupo riconoscimento. Il conflitto incessante, la fame diffusa e il crollo della risposta agli aiuti internazionali minacciano di peggiorare drammaticamente l’attuale crisi nello Yemen il prossimo anno, ha detto mercoledì l’IRC. Tamuna Sabadze, direttrice dell’agenzia umanitaria per lo Yemen, ha dichiarato che il sostegno è fondamentale, ora più “che mai”.
In un’intervista con Al Jazeera dalla capitale, Sanaa, ha chiesto «più impegno di quanto vediamo oggi» da parte di attori interni, regionali e globali per porre fine al conflitto. «Senza questo, le cose non cambieranno in Yemen; i normali civili dello Yemen non avranno davvero né futuro né speranza. Ventiquattro milioni di persone hanno bisogno di qualche tipo di aiuto umanitario − che si tratti di cibo, protezione, servizi sanitari o istruzione. La maggior parte del paese ha davvero bisogno delle Nazioni Unite e dei finanziamenti umanitari per soddisfare i loro bisogni quotidiani di base». La watchlist dell’IRC per il 2021, classificata da 1 a 10, comprende: Yemen, Afghanistan, Siria, Repubblica Democratica del Congo, Etiopia, Burkina Faso, Sudan del Sud, Nigeria, Venezuela e Mozambico.

Arabia Saudita

I lavoratori della più grande compagnia di costruzioni navali dell’Arabia Saudita sono in sciopero per non aver ricevuto i loro stipendi negli ultimi dieci mesi, costringendo alcuni a soffrire la fame e mendicare cibo. Il gruppo Huta Marine impiega almeno 6.000 persone che lavorano in Arabia Saudita da tutto il mondo, secondo il sito web dell’azienda. I filmati pubblicati online hanno mostrato dozzine di lavoratori, per lo più stranieri provenienti dall’Asia meridionale e dall’Africa orientale, che protestano davanti alla sede di Huta nella città costiera di Jeddah. I lavoratori, che indossavano maschere, hanno aspettato che i dirigenti dell’azienda spiegassero perché non erano stati pagati per quasi un anno. I dipendenti si sono anche lamentati del fatto che la società privata aveva spento l’elettricità e l’acqua al campo di lavoro in cui vivono, negli ultimi quattro giorni.

Iran

La figlia del generale iraniano Qassem Soleimani è apparsa nello show di RT Going Underground, intervistata da Afshin Rattansi nella sua prima grande intervista internazionale a quasi un anno dall’assassinio di suo padre.

Il generale Soleimani, comandante delle forze Quds all’interno dell’élite del Corpo delle Guardie rivoluzionarie islamiche iraniane (IRGC), venne ucciso all’aeroporto di Baghdad all’inizio di gennaio su ordine diretto del presidente degli Stati Uniti Donald Trump. Io stessa e Radio Bullets proprio in quel momento ci trovavamo sul posto. Il generale in macchina è stato colpito da droni mentre era in auto, con lui sono stati uccisi anche altri funzionari militari di alto rango, tra cui il capo paramilitare iracheno Abu Mahdi al-Muhandis.

L’assassinio è stato commissionato da Trump poiché era furioso con Soleimani e il suo lavoro, ritiene Zeinab Soleimani, dal momento che suo padre aveva interrotto i piani degli Stati Uniti in Medio Oriente. Nel corso della giornata, Trump si è vantato dell’omicidio, descrivendo il generale ucciso come un “mostro”.

Questo difficilmente si addice a Soleimani, che ha salvato numerose vite nella sua lotta contro lo Stato Islamico (IS, ex ISIS) e i gruppi terroristici di Al-Qaeda, ha affermato Zeinab. «Trump è il mostro, non mio padre».

 

L’esecuzione dell’accademico iraniano-svedese in Iran è stata rinviata di “pochi giorni”, ha detto il gruppo per i diritti Amnesty Sweden, a seguito di una protesta in Europa. Ahmadreza Djalali, 49 anni, condannato a morte tre anni fa, accusato di spionaggio per conto dell’agenzia di intelligence israeliana Mossad, resta a “grande rischio” ma mercoledì non è stato giustiziato come si temeva. A sua moglie era stato detto che sarebbe stato trasferito martedì pomeriggio in una prigione dove vengono regolarmente eseguite le esecuzioni, ma il gruppo per i diritti umani ha detto che si trova ancora nella prigione di Evin a Teheran.
Sua moglie, Vida Mehrannia, ha invitato le figure più potenti d’Europa a intervenire a suo favore prima che l’Iran esegua la sentenza. I funzionari europei ritengono che Djalali sia una pedina in un gioco politico più ampio. L’apparente rinvio è avvenuto dopo che il capo della politica estera dell’UE, Josep Borrell, ha parlato con la sua controparte iraniana Javad Zarif.

Israele e Palestina

Funzionari legali della Knesset, il parlamento israeliano, hanno chiarito ieri che il parlamento si dissolverà automaticamente se il bilancio dello Stato non sarà approvato entro il prossimo martedì sera − 24 ore prima della scadenza precedentemente ipotizzata − poiché il governo di unità nazionale sembra destinato a sgretolarsi inviando Israele al suo quarto turno di elezioni nel giro di due anni.

Nel frattempo fonti politiche anonime hanno riferito a Channel 12 che al momento non ci sono stati contatti tra il Likud del primo ministro Benjamin Netanyahu e i partiti blu e bianco del ministro della Difesa Benny Gantz sulla questione del bilancio, con fonti che valutano che le possibilità di impedire un’elezione siano “zero”.

Il governo non era riuscito a emanare il bilancio 2020 entro la scadenza di agosto e invece ha approvato una legislazione dell’ultimo minuto che concedeva altri 120 giorni alle parti in conflitto per raggiungere un accordo. In precedenza, il 23 dicembre − mercoledì prossimo − è stato fissato come data finale per l’approvazione di un budget. L’intesa generale era che il termine scadesse alla mezzanotte di quel giorno, il che significa che il parlamento potrebbe sciogliersi il giorno successivo.

Nigeria

Il gruppo jihadista di Boko Haram ha rivendicato l’attacco di venerdì che ha preso di mira una scuola secondaria nella città di Kankara, nello stato di Katsina, con il rapimento decine di giovani studenti.

Ma fonti hanno riferito all’AFP che l’operazione è stata eseguita su ordine di Boko Haram da un noto gangster locale chiamato Awwalun Daudawa.

Il 43enne ha lavorato in collaborazione con Idi Minorti e Dankarami, altri due capi criminali con forti seguaci locali, hanno detto. Le bande criminali, conosciute localmente come banditi, terrorizzano da anni le comunità nel nord-ovest della Nigeria e gli esperti hanno recentemente avvertito dei tentativi dei jihadisti di stringere un’alleanza con loro.

Somalia

La Somalia ha interrotto i rapporti diplomatici con il vicino Kenya, accusando Nairobi di intromettersi nei suoi affari politici. «La Somalia richiama tutti i suoi diplomatici dal Kenya e ordina ai diplomatici kenioti di lasciare la Somalia entro sette giorni», ha detto all’agenzia di stampa statale Osman Dube, ministro somalo dell’Informazione. La decisione arriva come parte di un’escalation nella controversia tra i due paesi emersa il mese scorso quando la Somalia ha espulso l’ambasciatore di Nairobi e ha richiamato il proprio inviato per presunta interferenza nel processo elettorale in Jubbaland, uno dei cinque stati somali semi-autonomi. Avviene anche dopo una recente visita di due giorni in Kenya da parte di Muse Bihi Abdi, presidente della regione separatista somala del Somaliland, durante la quale Abdi e il presidente keniota Uhuru Kenyatta hanno promesso il loro «impegno ad approfondire le cordiali relazioni bilaterali tra Kenya e Somaliland».

Coronavirus

Francia: vaccinazioni dall’ultima settimana di dicembre. Stati Uniti: New York, niente pubblico a Times Square per capodanno, prima volta dal 1907. Il segretario di Stato Mike Pompeo entra in quarantena dopo che una persona con cui è entrato in contatto è risultata positiva. Il presidente Biden sarà vaccinato la settimana prossima. Aumento di casi in Israele, verso un nuovo lockdown. Egitto: l’establishment religioso egiziano è entrato nell’acceso dibattito sui vaccini Covid-19, esortando il pubblico a farsi vaccinare e seguire le istruzioni delle autorità statali. Dar al-Iftaa, l’autorità religiosa responsabile dell’emissione delle fatwa (editti religiosi), ha affermato che prendere i vaccini è un dovere religioso per tutte le persone che vivono nel paese. La Nuova Zelanda, darà il vaccino gratuitamente ai residenti e alle nazioni vicine che ne avranno bisogno.

Regno Unito

Una dissidente saudita ed ex fantina, che ora risiede a Londra, ha affermato di aver ricevuto molteplici minacce, inclusa una soffiata sul potenziale avvelenamento, dopo aver parlato contro il Regno. Alya al-Howeiti ha detto al quotidiano norvegese Dagbladet di essere stata convocata all’ambasciata saudita a Londra per le sue opinioni schiette e che è stato fatto un tentativo di “attirarla” nel suo paese.

Howeiti è stata una celebre fantina in Arabia Saudita dal 1996 e nel 2005 è diventata la prima fantina saudita a competere a livello internazionale. Si è trasferita nel Regno Unito nel 2011 e da allora si è espressa contro le politiche di Riyadh, compreso l’intervento militare della coalizione guidata dai sauditi nella guerra in Yemen. Howeiti ha detto di essere stata convocata all’ambasciata a Londra nel 2018 a causa dei tweet che aveva pubblicato. «L’ambasciatore ha cercato di convincermi a cambiare quello che ho scritto su Twitter. Ero terrorizzata. Volevano che sostenessi la guerra yemenita e smettessi di criticare il regime», ha detto a Dagbladet.

La fantina trasformata in attivista ha affermato di essere stata rilasciata solo dopo aver accettato di eliminare i tweet in questione, sebbene non abbia finito per rimuovere i post come promesso.

Europa

La leader dell’opposizione bielorussa, Sviatlana Tsikhanouskaya, e altri leader dell’opposizione democratica del paese hanno ricevuto il Premio Sacharov 2020 del Parlamento europeo per la libertà di pensiero in una cerimonia tenutasi ieri a Bruxelles. Tsikhanouskaya ha ricevuto il premio dal presidente del Parlamento europeo David Sassoli a nome del Consiglio di coordinamento, un organo istituito dall’opposizione politica bielorussa per facilitare un trasferimento di potere nel paese a seguito delle elezioni presidenziali di agosto che, secondo l’opposizione, sono state truccate e che l’Occidente ha rifiutato di accettare.

«Un muro invisibile di paura era stato costruito intorno a noi», ha detto Tsikhanouskaya ai legislatori europei nel suo discorso. «Ma quest’anno, uniti, crediamo che questo muro di paura possa essere abbattuto, mattone dopo mattone. Il sogno di una Bielorussia migliore ci fa andare avanti».

Russia

Ieri la Russia ha respinto i risultati di un’indagine giornalistica congiunta che afferma di aver identificato gli operativi della sicurezza di stato russi dietro l’avvelenamento del critico del Cremlino Alexey Navalny, descrivendolo come una lettura “divertente”. «Siamo già abituati al fatto che gli Stati Uniti e altri paesi occidentali facciano nuove accuse contro la Russia nei media, che si tratti di hacker o di rivelazioni sul doppio o addirittura triplo avvelenamento di Navalny», ha detto il ministro degli Esteri Sergey Lavrov. Lunedì Navalny aveva dichiarato risolto il suo caso di avvelenamento dopo che un’inchiesta ha affermato di aver identificato una squadra di assassini del servizio di sicurezza russo dell’FSB come suoi aspiranti assassini che lo perseguitavano da anni. Ha detto che gli agenti dell’FSB «che hanno una formazione specializzata in armi chimiche, chimica e medicina» hanno seguito segretamente Navalny in Russia negli ultimi quattro anni più di 37 volte. L’indagine è stata condotta da Bellingcat e dal media russo The Insider in collaborazione con la CNN e la rivista tedesca Der Spiegel.

Afghanistan

Nel pieno dell’aumento della violenza in Afghanistan, la delegazione talebana che guida i colloqui di pace con il governo afgano è atterrata ieri a Islamabad per incontrare la massima leadership civile pakistana, ha affermato il ministero degli Affari Esteri, dopo che entrambe le parti hanno concordato un programma dopo mesi di negoziati. La delegazione talebana, guidata dal leader politico del gruppo Mullah Ghani Baradar, incontrerà il primo ministro pakistano Imran Khan e il ministro degli Esteri.

Il ministero degli Esteri afghano in una dichiarazione ha affermato che la visita è avvenuta dopo aver consultato il governo afghano e in seguito a una visita di stato in Afghanistan da parte del primo ministro pakistano.

Il ministero ha affermato che «le aspettative del governo e del popolo afghano sono state condivise con il Pakistan, sottolineando l’importanza di una riduzione immediata della violenza, l’istituzione di un cessate il fuoco globale e il raggiungimento di una pace duratura attraverso negoziati costruttivi».

Dopo aver raggiunto un accordo sulle regole procedurali di base questo mese, i negoziatori che rappresentano il governo afghano e i talebani si stanno prendendo una pausa fino al 5 gennaio, quando continueranno a lavorare su un’agenda.

Nazioni Unite

La risoluzione sulla moratoria universale della pena di morte è stata approvata ieri dall’Assemblea Generale dell’Onu con 123 voti a favore (superiori ai 121 sì del 2018), 38 contrari e 24 astenuti. Il documento è promosso ogni due anni da un gruppo di paesi fra i quali l’Italia.

Filippine

Un medico filippino, che ha guidato la risposta della sua comunità alla pandemia di coronavirus, è stata uccisa insieme a suo marito a Negros nelle Filippine, un’isola centrale che è diventata l’epicentro di uccisioni mirate di attivisti, difensori dei diritti fondiari e altri presunti critici del governo.

La dottoressa Mary Rose Sancelan e suo marito Edwin stavano tornando a casa martedì pomeriggio quando sono stati colpiti da diversi spari nella città di Guihulngan. Gli aggressori sono fuggiti in motocicletta. Secondo i resoconti dei media locali, la polizia ha recuperato almeno 15 bossoli dalla scena. Fino alla sua morte, Sancelan è stata a capo della task force inter-agenzia di Guihulngan per la gestione delle malattie infettive emergenti, che gestisce la risposta del governo contro il Covid-19. Era anche l’unico medico in servizio a Guihulngan, città di oltre 100.000 persone.

Ieri, il governo di Guihulngan ha detto che «trema per la perdita di una compagna coraggiosa e impegnata». Secondo il gruppo per i diritti, Karapatan, Sancelan era in cima a una lista di obiettivi stilati da un gruppo di milizie anticomuniste chiamato Kagubak. Almeno altre cinque persone nell’elenco, tra cui un attivista e un avvocato per i diritti umani, sono state uccise nel 2018 e nel 2019.

Cristina Palabay, segretaria generale di Karapatan, ha denunciato gli ultimi omicidi come “deplorevoli”, collegandoli alla più ampia pratica del governo di “etichettare in rosso” o additare attivisti e altri critici come comunisti. Da quando i colloqui di pace tra il governo e i ribelli comunisti si sono interrotti alla fine del 2017, il presidente Rodrigo Duterte ha aumentato le critiche verso il gruppo, che ha condotto quasi mezzo secolo di ribellione armata e ha ucciso decine di migliaia di persone.

Fiji

Questa sera si prevede che una potente “super tempesta” colpirà la nazione delle isole del Pacifico delle Fiji, portando con sé venti devastanti da uragano, inondazioni e onde enormi. Il ciclone Yasa, di categoria 5, viaggia a velocità fino a 240 chilometri all’ora, con raffiche di vento fino a 24 chilometri all’ora, ha detto il servizio meteorologico delle Fiji. Più di 1.000 centri di evacuazione sono in fase di preparazione nelle due isole principali delle Fiji e il governo ha dichiarato lo “stato di disastro naturale” per i prossimi 30 giorni in risposta alla crisi.

Stanno esortando i residenti a fare scorta di cibo e acqua, chiudere le finestre e trasferirsi su un terreno più elevato, se è sicuro farlo. Fino a domani è stato introdotto il coprifuoco alle 16:00, per tenere le persone lontane dalle strade a meno che non stiano evacuando. Il primo ministro delle Figi ha avvertito che il 95% della popolazione potrebbe essere colpito.

Ti potrebbe interessare anche:

E se credete in un giornalismo indipendente, serio e che racconta recandosi sul posto, potete supportarci andando su Sostienici


[There are no radio stations in the database]