28 maggio 2024 – Notiziario in genere

Scritto da in data Maggio 28, 2024

La Louisiana classifica le pillole abortive come pericolose. Thailandia: violenza digitale sostenuta dallo Stato utilizzata per mettere a tacere donne e attivist3 LGBTQIA+.

Ascolta il podcast

Stati Uniti

Due farmaci che inducono l’aborto potrebbero presto essere riclassificati come sostanze controllate e pericolose in Louisiana grazie a un disegno di legge unico nel suo genere che ha ricevuto l’approvazione legislativa finale giovedì scorso e che dovrebbe essere convertito in legge dal governatore.

Lo riporta l’Associated Press.

I sostenitori della riclassificazione del mifepristone e del misoprostòlo, comunemente note come “pillole abortive”, affermano che proteggerebbe le future mamme dagli aborti forzati, sebbene citino solo un esempio di un caso del genere, nello stato del Texas.

Numerosi medici, nel frattempo, hanno affermato che ciò renderà loro più difficile prescrivere i medicinali, che vengono usati anche per altre importanti esigenze di salute riproduttiva.

L’approvazione del disegno di legge arriva mentre sia chi sostiene il diritto all’aborto che chi vi si oppone attende una decisione finale da parte della Corte Suprema degli Stati Uniti su un tentativo di limitare l’accesso al mifepristone.

I giudici non sembravano pronti a limitare l’accesso al farmaco il giorno in cui hanno ascoltato le argomentazioni.

La spinta della legislatura dominata dal partito Repubblicano per riclassificare il mifepristone e il misoprostolo potrebbe forse aprire la porta ad altri stati repubblicani con divieti di aborto che stanno cercando restrizioni più severe sui farmaci.

Attualmente in Louisiana è in vigore un divieto di aborto quasi totale, che si applica sia agli aborti chirurgici che a quelli medici.

In Louisiana

L’attuale legge della Louisiana richiede già la prescrizione per entrambi i farmaci e rende un crimine il loro utilizzo per indurre un aborto, nella maggior parte dei casi.

Il disegno di legge renderebbe più difficile ottenere le pillole inserendole nell’elenco dei farmaci della Tabella IV secondo la legge statale sulle sostanze pericolose controllate.

La classificazione richiederebbe che i medici abbiano una licenza specifica per prescrivere i farmaci, e i farmaci dovrebbero essere conservati in determinate strutture che in alcuni casi potrebbero trovarsi lontano dalle cliniche rurali.

Possedere consapevolmente i farmaci senza una prescrizione valida comporterebbe una punizione che include multe salate e il carcere.

Il testo del disegno di legge sembra ritagliare protezioni per le donne incinte che ottengono il farmaco senza prescrizione medica per il proprio consumo.

Più di 200 medici nello stato hanno firmato una lettera ai legislatori avvertendo che la misura potrebbe creare una “barriera alla facilità dei medici di prescrivere cure adeguate” e causare inutili paure e confusione sia tra i e le pazienti che tra i medici.

I medici avvertono che qualsiasi ritardo nell’ottenimento dei farmaci potrebbe portare a un peggioramento dei risultati in uno stato che ha uno dei tassi di mortalità materna più alti del paese.

“Questo è troppo. Non abbiamo valutato adeguatamente la questione con la comunità sanitaria e credo che porterà a ulteriori danni in futuro”, dice il senatore democratico Royce Duplessis, che ha votato contro la misura.

“C’è una ragione per cui ci classifichiamo all’ultimo posto in termini di risultati sulla salute materna, ed è questa”.

“Aborto penale coatto mediante frode”

La riclassificazione dei due farmaci è contenuta in un emendamento a un disegno di legge del Senato che creerebbe il reato di “aborto penale coatto mediante frode”.

I legislatori del Senato hanno sostenuto all’unanimità la legislazione originale un mese fa. Successivamente, il senatore Thomas Pressly, sponsor del disegno di legge, ha spinto per l’emendamento per riclassificare i farmaci.

Pressly ha affermato che sia il disegno di legge che l’emendamento sono stati motivati da ciò che è accaduto a sua sorella Catherine Herring del Texas.

Nel 2022, il marito di Herring le ha fatto passare sette pillole di misoprostolo nel tentativo di indurre un aborto a sua insaputa o senza il suo consenso.

Ci sono stati diversi casi simili a quello di Herring riportati dai notiziari negli ultimi 15 anni, sebbene nessuno di quelli citati fosse in Louisiana.

“Lo scopo di introdurre questa legislazione non è certamente quello di impedire che questi farmaci vengano utilizzati per scopi sanitari legittimi”, ha affermato Pressly. “Sto semplicemente cercando di mettere in atto misure di salvaguardia e barriere per impedire ai malintenzionati di ottenere questi farmaci”.

Il Senato ha votato con 29 voti favorevoli e 7 contrari, principalmente in linea con i partiti, per approvare la legislazione. Nel Senato, composto da 39 persone, ci sono solo cinque donne, che hanno tutte votato a favore del disegno di legge.

Mifepristone e misoprostolo

Oltre a indurre gli aborti, il mifepristone e il misoprostolo hanno altri usi comuni, come il trattamento degli aborti, l’induzione del travaglio e l’arresto delle emorragie.

Il mifepristone è stato approvato dalla Food and Drug Administration statunitense nel 2000 dopo che i regolatori federali lo hanno ritenuto sicuro ed efficace per interrompere precocemente le gravidanze.

È usato in combinazione con il misoprostolo, che la FDA ha approvato separatamente per il trattamento delle ulcere allo stomaco.

I farmaci non sono classificati come sostanze controllate dal governo federale perché i regolatori non li considerano portatori di un rischio significativo di abuso.

La legge federale sulle sostanze controllate limita l’uso e la distribuzione di farmaci soggetti a prescrizione come oppioidi, anfetamine, sonniferi e altri farmaci che comportano il rischio di dipendenza e overdose.

Gli oppositori dell’aborto e i repubblicani conservatori sia all’interno che all’esterno dello stato hanno applaudito il disegno di legge della Louisiana.

Al contrario, la mossa è stata fortemente criticata dai democratici, inclusa la vicepresidente Kamala Harris, che in un post sui social media l’ha definita “assolutamente inconcepibile”.

La legislazione della Louisiana è ora sul tavolo del governatore repubblicano conservatore Jeff Landry.

Il governatore, sostenuto dall’ex presidente Donald Trump durante le elezioni governative dello scorso anno, ha espresso il suo sostegno alla misura, sottolineando in un recente post su X: “Sai che stai facendo qualcosa di giusto quando @KamalaHarris ti critica”.

L’ufficio di Landry non ha risposto a una richiesta di commento inviata via email da parte dell’AP.

Un recente sondaggio ha rilevato che migliaia di donne negli stati con divieti o restrizioni all’aborto ricevono pillole abortive per posta da stati che hanno leggi che proteggono chi prescrive questi medicinali. L’indagine non ha specificato quanti di questi casi fossero in Louisiana.

La Louisiana ha un divieto di aborto quasi totale, che si applica sia agli aborti medici che a quelli chirurgici. Le uniche eccezioni al divieto sono se esiste un rischio sostanziale di morte o di menomazione per la madre se continua la gravidanza o nel caso di gravidanze “inutili dal punto di vista medico”, quando il feto presenta un’anomalia fatale.

Attualmente, 14 stati stanno vietando l’aborto in tutte le fasi della gravidanza, con limitate eccezioni.

Thailandia

Le donne le e gli attivisti LGBTQIA+ in Thailandia sono soggetti ad aggressioni online, discorsi offensivi intrecciati con linguaggio misogino, omofobico e transfobico, contenuti sessualizzati e altre forme di violenza di genere facilitata dalla tecnologia (TfGBV), dice Amnesty International in un nuovo rapporto.

Il rapporto “Essere noi stess3 è troppo pericoloso” evidenzia come le donne e gli attivisti LGBTI siano stati illegalmente presi di mira dalla sorveglianza digitale, compresi gli spyware Pegasus e le molestie online, da parte di attori statali e non statali, nel tentativo di metterli a tacere.

“La Thailandia si è da tempo posizionata come paladina dell’uguaglianza di genere e ha assunto diversi impegni a livello internazionale per proteggere i diritti delle donne e delle persone LGBTI. Tuttavia, la realtà è che le donne e chi fa attivismo LGBTI nel Paese continuano a subire gravi violenze di genere agevolate dalla tecnologia digitale”, spiega Chanatip Tatiyakaroonwong, ricercatrice regionale di Amnesty International per la Thailandia.

Dopo il colpo di stato militare del 2014, gli attivisti e le attiviste in prima linea nelle proteste pacifiche in Thailandia hanno sfruttato la tecnologia digitale per parlare apertamente dei diritti umani in uno spazio civico sempre più ristretto.

Tuttavia, il rapporto mostra come questo strumento venga utilizzato per molestare, diffondere disinformazione di genere e canalizzare discorsi di odio e contenuti sessuali degradanti nei confronti delle donne e delle persone LGBTI.

Il rapporto si basa principalmente su interviste approfondite con 40 donne e attivist3 LGBTI, tra cui molti e molte giovani e coloro che vivono nelle province di confine meridionale del paese a maggioranza musulmana malese.

La ricerca

Nell’ambito della sua ricerca, Amnesty International ha intervistato nove delle 15 attiviste donne che hanno confermato di essere state prese di mira nel 2020 e nel 2021 da Pegasus, lo spyware altamente invasivo sviluppato dalla società israeliana di tecnologia informatica NSO Group.

Il rapporto mostra che questa sorveglianza digitale mirata ha avuto un impatto sproporzionato sulle donne e sugli attivisti e le attiviste LGBTI, creando una paura unicamente di genere che la violazione dei loro dati privati possa portare a ulteriori ricatti, molestie e discriminazioni.

Niraphorn Onnkhaow, una studentessa attivista di 22 anni, è rimasta scioccata quando ha ricevuto una notifica di minaccia da parte di Apple che la informava che il suo dispositivo poteva essere un bersaglio di “aggressori sponsorizzati dallo stato”.

Il suo iPhone è stato infettato dallo spyware Pegasus 14 volte, il numero più alto tra tutte le persone prese di mira in Thailandia. Onnkhaow ritiene che ciò sia legato alla sua partecipazione al movimento di protesta pro-democrazia guidato dai e dalle giovani iniziato nel 2020.

“Come donna, vedere la mia privacy invasa è spaventoso. Se avessi foto private sul mio telefono, potrebbero essere divulgate per diffamare la mia reputazione e ferirmi al punto che dovrei fermare il mio attivismo”, ha detto Onnkhaow. “Credo che le donne e chi è attivista LGBTI vengano osservati, monitorati e esaminati più da vicino”.

Prove tecniche e circostanziali, combinate con la politica del Gruppo NSO di vendere i propri prodotti esclusivamente ai governi, indicano fortemente il coinvolgimento di uno o più attori statali thailandesi nei casi in cui è stato utilizzato Pegasus.

La Commissione nazionale per i diritti umani della Thailandia condivide la stessa valutazione secondo cui un’agenzia governativa thailandese sarebbe stata coinvolta nell’uso dello spyware.

Amnesty International ha anche intervistato attivist3 della comunità LGBTI, che hanno ricevuto avvisi da Meta perché i loro account Facebook erano stati presi di mira da un “aggressore sofisticato o sostenuto dal governo”.

Storie

Patcharadanai Rawangsub, che si identifica come gay, faceva parte di Talu Fah, un gruppo pro-democrazia: è stato uno dei numerosi attivisti a ricevere l’allarme. Dopo aver appreso che le sue attività online erano sotto sorveglianza, temeva che i suoi dati privati potessero essere utilizzati per perseguirlo penalmente.

“Andare in prigione è il mio peggior incubo. Per gli uomini gay e le donne trans le carceri tailandesi possono essere brutali poiché molto probabilmente verrai molestato e aggredito sessualmente e affronterai discriminazioni”, ha affermato.

Il direttore esecutivo di Amnesty International Thailandia, Piyanut Kotsan, è stato definito agente straniero che cercava di indebolire il governo thailandese in campagne online coordinate sospettate di essere avviate o sostenute dallo stato o da attori allineati allo stato.

Alcuni attivisti hanno subito violenze sotto forma di doxing, ovvero la rivelazione di documenti personali o identificativi o dettagli su qualcuno online senza il loro consenso.

L’attivista femminista giovanile non binaria Nitchakarn Rakwongrit ha detto ad Amnesty International che quando aveva 17 anni, un account X anonimo (ex Twitter) ha pubblicato pubblicamente le sue informazioni private, compreso il numero della carta d’identità, e le accuse penali che ha dovuto affrontare a causa del coinvolgimento in proteste pacifiche. Sembra che il doxing avesse lo scopo di intimidire e scoraggiare l’attivismo.

Molti attivisti/e LGBTI nella comunità musulmana hanno dovuto affrontare violente reazioni online per il loro attivismo. In un esempio degno di nota, tre attiviste musulmane transgender hanno ricevuto minacce di violenza dopo aver rilasciato un’intervista online ai media sulla discriminazione anti-LGBTI all’interno della loro comunità.

“L’obiettivo finale di questi attacchi è assassinare la personalità degli attivisti, minare la loro credibilità, delegittimare il loro ruolo e isolarli dal resto della società. È una tattica pervasiva che invia un chiaro avvertimento: le donne e chi è attivista LGBTI saranno puniti se oseranno sfidare lo status quo”, dice Elina Castillo Jiménez, ricercatrice del Security Lab di Amnesty International sulla sorveglianza digitale mirata.

Ti potrebbe interessare anche:

E se credi in un giornalismo indipendente, serio e che racconta il mondo recandosi sul posto, puoi darci una mano cliccando su Sostienici


Opinioni dei Lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi con * sono obbligatori



[There are no radio stations in the database]