30 dicembre 2021 – Notiziario

Scritto da in data Dicembre 30, 2021

Ascolta il podcast

  • Hong Kong: giornalisti arrestati, per il governo non è attacco ai media.
  • Russia e Bielorussia: annuncio piani per ulteriori esercitazioni militari congiunte.
  • Myanmar: ribelli seppelliscono persone uccise in un attacco “barbaro”.
  • Australia: i manifestanti incendiano la vecchia sede del parlamento a Canberra.

Hong Kong

Il raid della polizia di Hong Kong contro un’organizzazione di media a favore della democrazia ha visto l’arresto di sette persone a essa collegate perché finalizzate ad attività sediziose e non con volontà di repressione dei media: lo ha dichiarato la leader del governo della città. Mercoledì circa 200 poliziotti hanno fatto irruzione nell’ufficio di Stand News, ne hanno congelato i beni e arrestato sette persone, tra cui personale dirigente ed ex membri del consiglio di amministrazione, per «cospirazione di pubblicazioni sediziose». Il raid è stato l’ultimo giro di vite sui media e sul dissenso in generale nell’ex colonia britannica, da quando la Cina ha imposto una dura legge sulla sicurezza nazionale nella città lo scorso anno volta a porre fine a mesi di proteste a favore della democrazia. Il segretario di Stato degli Stati Uniti afferma che i giornalisti di Stand News e i dirigenti dei media sono stati «ingiustamente detenuti» ed esorta alla loro liberazione. Gruppi di difesa dei media, alcuni governi occidentali, tra cui Canada e Germania, e l’Ufficio per i diritti umani delle Nazioni Unite hanno condannato il raid e gli arresti come un segno di erosione della libertà di stampa nel centro finanziario globale.

Russia e Bielorussia

Il presidente russo Vladimir Putin ha accolto con favore la proposta del presidente bielorusso Aljaksandr Lukashenko di tenere un altro ciclo di esercitazioni militari congiunte. Putin, che ha incontrato Lukashenko a San Pietroburgo il 29 dicembre, ha affermato che le esercitazioni militari si terranno a febbraio o marzo in Bielorussia. L’annuncio arriva in mezzo a un accumulo di truppe russe nei pressi dell’Ucraina che ha sollevato timori occidentali di un’invasione. Alcuni funzionari in Ucraina hanno espresso preoccupazione per il fatto che la Russia possa attaccare anche il suo fianco settentrionale dal territorio bielorusso. La Russia nega di voler attaccare l’Ucraina, accusando invece Kyiv e la Nato di provocazioni.

Myanmar

Un gruppo di insorti del Myanmar ha dichiarato di aver sepolto i resti di oltre 30 persone uccise i cui corpi sono stati dati alle fiamme, mentre il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha chiesto responsabilità e la fine immediata delle violenze nel paese. Gli attivisti dell’opposizione hanno accusato l’esercito del Myanmar per l’attacco del 24 dicembre vicino al villaggio di Mo So, nello stato di Kayah, quale il gruppo di aiuto di Save the Children ha riferito che due membri del proprio staff sono stati uccisi. Un portavoce della giunta non ha commentato l’attacco, ma i media statali nel Myanmar a conduzione militare avevano precedentemente riferito che i soldati avevano sparato e ucciso un numero imprecisato di “terroristi armati” nel villaggio.

Australia

I manifestanti incendiano la vecchia sede del parlamento a Canberra L’ex edificio del parlamento australiano nella capitale Canberra è stato brevemente dato alle fiamme giovedì dai manifestanti durante una manifestazione per la sovranità aborigena. Nessuno è rimasto ferito. Gli attuali residenti dell’edificio, il Museum of Australian Democracy, hanno chiuso i battenti il ​​20 dicembre dopo che i manifestanti indigeni hanno tenuto un pacifico sit-in. Gli attivisti indigeni hanno tenuto manifestazioni in vista del 50° anniversario dell’istituzione dell’ambasciata della tenda aborigena sui prati davanti all’ex parlamento. La tenda dell’ambasciata era un luogo di protesta che ha lanciato un dibattito nazionale sui diritti alla terra degli indigeni. Sulle cause dell’incendio è stata avviata un’indagine.

Giappone

Nonostante la diffusa opposizione, il Giappone prevede di scaricare l’acqua dall’impianto di Fukushima nell’Oceano Pacifico. In due anni verranno rilasciate un milione di tonnellate di acqua contaminata, come riferisce Global Voices. Secondo un piano del governo pubblicato il 28 dicembre 2021, la Tokyo Electric Power Company (TEPCO) inizierà a rilasciare 1 milione di tonnellate di acqua radioattiva dall’impianto di Fukushima nell’Oceano Pacifico nel 2023. Il piano, che è ancora in fase di sviluppo nel corso dei prossimi mesi, afferma che verrà costruito un tunnel sottomarino per pompare l’acqua in mare. Sono stati inoltre riservati fondi per compensare le industrie locali della pesca e del turismo per i potenziali «danni alla reputazione». Gli abitanti delle comunità costiere del Giappone, unite a voci provenienti da tutto il mondo, hanno denunciato il nuovo piano governativo per scaricare l’acqua contaminata dal sito del disastro nucleare di Fukushima nell’Oceano Pacifico. Le comunità locali e altre nazioni temono che lo scarico avvelenerà l’ambiente e paralizzerà le industrie locali della pesca e del turismo, già in lotta da oltre un decennio per riprendersi dall’incidente nucleare del marzo 2011.

La Conferenza di revisione per il Trattato di non proliferazione nucleare (Npt) è stata nuovamente rinviata a causa dei rischi di pandemia di coronavirus: lo riporta Kyodo News, Agenzia di Stampa giapponese, citando fonti diplomatiche. La Conferenza di revisione del trattato si tiene ogni cinque anni. La decima conferenza, originariamente prevista a New York nel maggio 2020, è stata rinviata a causa della pandemia al 4-28 gennaio 2022. Si prevede che i partecipanti rilasceranno dichiarazioni online alla fine di gennaio e discussioni offline saranno organizzate in seguito. Il programma della conferenza, tuttavia, è ancora in discussione.

Nuova Zelanda

La giornalista televisiva neozelandese Oriini Kaipara è diventata la prima anchor a presentare il notiziario in prima serata con un tatuaggio maori sul viso. Lo riportano i media internazionali ripubblicando un tweet della giornalista prima del suo debutto alle 18 su Newshub, lunedì 27 dicembre. La 37enne giornalista ha sfoggiato con orgoglio il suo moko kauae, un tatuaggio tradizionale portato dalle donne maori sulle labbra e la parte inferiore del mento, che si è fatta fare nel 2017 quando ha scoperto le sue origini indigene. I disegni del moko kauae, raccontano il ruolo all’interno della comunità o la storia della persona e dei suoi antenati. Visto con diffidenza e pregiudizio ancora da molti in Nuova Zelanda, il tatuaggio è stato sdoganato dalla nuova ministra degli Esteri Nanaia Mahuta, la prima donna maori a ricoprire questo ruolo.

 

Ti potrebbe interessare anche:

E se credete in un giornalismo indipendente, serio e che racconta recandosi sul posto, potete darci una mano cliccando su Sostienici


[There are no radio stations in the database]