La guerra su Gaza distrugge il clima

Scritto da in data Giugno 10, 2024

Secondo uno studio, oltre al bilancio delle vittime, la guerra di Israele a Gaza ha un costo elevato per il clima, in particolare a causa delle emissioni che saranno necessarie per ricostruire decine di migliaia di edifici.

Lo studio ha esaminato i primi quattro mesi di guerra, durante i quali gli autori hanno stimato che nella Striscia di Gaza sono stati distrutti o danneggiati tra 156.000 e 200.000 edifici.

Lo studio pubblicato sulla SSRN

I costi climatici che ne derivano, sono stati maggiori delle emissioni annuali dei 135 paesi a emissioni più basse del mondo messi insieme, mostra il rapporto pubblicato sulla SSRN ed è attualmente in fase di revisione paritaria.

“Mentre l’attenzione del mondo è giustamente focalizzata sulla catastrofe umanitaria, anche le conseguenze climatiche di questo conflitto sono catastrofiche”, ha detto al Guardian Ben Neimark, coautore e docente alla Queen Mary University di Londra .

Sebbene la stragrande maggioranza dei costi climatici stimati provenga dalla futura ricostruzione, gli autori dello studio hanno anche esaminato le emissioni climatiche immediate derivanti dalle attività in tempo di guerra, la maggior parte delle quali provenivano dai voli degli aerei da combattimento israeliani e degli aerei cargo statunitensi che fornivano armi, carburante e altre forniture.

Ci sono stati 244 voli cargo di andata e ritorno dagli Stati Uniti a Israele durante il periodo di studio di quattro mesi.

“A parte l’indicibile distruzione di Gaza e di tutta la Palestina, questo rapporto mette a nudo l’ipocrisia delle nazioni occidentali che moralizzano sui pericoli del collasso climatico e sulla responsabilità di ogni nazione di proteggere il pianeta, finanziando, aiutando e consentendo allo stesso tempo la catastrofica guerra del regime israeliano e le sue implicazioni per coloro che sono colpiti dai cambiamenti climatici in corso e futuri”, ha detto al giornale Zena Agha, analista politica palestinese-irachena presso Al-Shabaka, un gruppo di esperti Palestinesi.

Patrick Bigger, coautore dello studio e direttore della ricerca presso il Climate and Community Project, ha chiesto separatamente il cessate il fuoco e la fine dell’apartheid in Palestina, sostenendo che “la crisi climatica in Palestina non può essere separata dall’occupazione israeliana”.

La popolazione di Gaza, che prima della guerra utilizzava i pannelli solari in misura eccezionale, è essa stessa particolarmente vulnerabile agli impatti del cambiamento climatico, dicono le autorità locali.

La più grande minaccia per i palestinesi prima della guerra era la crisi climatica, ha detto al Guardian Hadeel Ikhmais, capo dell’ufficio per i cambiamenti climatici presso l’Autorità palestinese per la qualità ambientale, riferendosi all’innalzamento del livello del mare, al caldo estremo e all’aumento del numero di inondazioni e siccità.

Gli impatti ambientali della guerra vanno ben oltre il contributo al cambiamento climatico derivante dalle nuove emissioni. “L’acqua, il suolo e l’aria di Gaza sono stati devastati”, aveva riferito Al Jazeera all’inizio della guerra.

Distrutti a marzo più di 2000 terreni agricoli

Nel suo assalto a Gaza, a marzo l’esercito israeliano aveva distrutto più di 2.000 siti agricoli, compreso il 40% di tutti i terreni agricoli utilizzati, secondo una ricerca di Forensic Architecture, un gruppo di ricerca con sede a Londra, che ha definito la distruzione un “atto deliberato di ecocidio”.

Gruppi umanitari hanno suggerito che la distruzione è intenzionale e che la fame viene usata come” arma di guerra”, come ha ripetutamente sostenuto Human Rights Watch .

Lo studio SSRN, probabilmente sottostima l’impatto climatico della guerra, poiché molti fattori non possono essere presi in considerazione con precisione, soprattutto data la segretezza militare sulle emissioni.

A livello globale, secondo un altro recente rapporto, le emissioni militari rappresentano circa il 5,5% delle emissioni totali, ma non devono essere riportate alla Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici.

In ogni caso, nuovi risultati pubblicati lunedì da un’agenzia delle Nazioni Unite indicano che lo studio SSRN potrebbe aver leggermente sovrastimato il numero di edifici distrutti a Gaza.

Circa 137.000 edifici erano stati danneggiati, distrutti o forse distrutti prima il 3 maggio, ha concluso il Centro satellitare delle Nazioni Unite, il che, sebbene leggermente inferiore alla stima dell’SSRN, rappresenta ancora più della metà degli edifici di Gaza.

Domicidio

Indipendentemente dalle cifre esatte, gli esperti legali hanno accusato Israele di “domicidio” – “la distruzione di massa di abitazioni per rendere il territorio inabitabile”, come definito da un editore del Guardian .

La guerra in corso, unita agli eventi meteorologici estremi legati al clima, potrebbe mettere a repentaglio ulteriormente i diritti dei palestinesi, dicono gli esperti.

“Una delle gravi conseguenze della guerra a Gaza è stata la massiccia violazione del diritto a un ambiente pulito, sano e sostenibile che rappresenta un serio rischio per la vita e il godimento di tutti gli altri diritti”, ha affermato Astrid Puentes, portavoce dell’ONU, relatrice speciale sui diritti umani e l’ambiente, ha detto al Guardian.

di Edoardo Carver
Creative Commons (CC BY-NC-ND 3.0)
Foto di copertina di Mohammed Ibrahim su Unsplash

Ti potrebbe interessare anche:

India: Modi again but not alone

E se credi in un giornalismo indipendente, serio e che racconta il mondo recandosi sul posto, puoi darci una mano cliccando su Sostienici


Opinioni dei Lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi con * sono obbligatori



[There are no radio stations in the database]