5 febbraio 2024 – Notiziario Mondo

Scritto da in data Febbraio 5, 2024

Ascolta il podcast

  • Israele e Palestina: a Gaza non c’è più acqua. 17 mila i bambini non accompagnati
  • Cina: scrittore sino- australiano condannato a morte per spionaggio.
  • San Salvador: Il presidente Bukele si dichiara vincitore delle elezioni
  • Senegal: sale la tensione dopo il rinvio delle elezioni.
  • Namibia: muore il presidente e attivista antiapartheid Hage Geingob

Questo e molto altro nel notiziario di Radio Bullets, a cura di Barbara Schiavulli

Israele e Palestina

■ GAZA: L’IDF ha detto che le forze hanno approfondito le operazioni nella città meridionale di Gaza di Khan Yunis .

Il Ministero della Sanità di Gaza, controllato da Hamas, ha affermato che almeno 27.365 palestinesi sono stati uccisi e 66.630 feriti dall’inizio della guerra.

L’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi (Unrwa) ha affermato che l’accesso all’acqua pulita e ai servizi igienico-sanitari è molto limitato a causa dei bombardamenti incessanti a Gaza.

“La crisi umanitaria, aggravata dalle limitate consegne di aiuti e dalla distruzione delle infrastrutture, mette migliaia di persone vulnerabili a rischio di malattie – ha affermato l’Unrwa su X – L’acqua è vita e Gaza è senz’acqua”.

Secondo le stime dell’agenzia delle Nazioni Unite per l’infanzia, almeno 17.000 bambini nella Striscia di Gaza sono stati lasciati non accompagnati o separati dalle loro famiglie a quasi quattro mesi dall’assalto israeliano all’enclave.

Quasi tutti i bambini nella Striscia necessitano anche di supporto per la salute mentale, ha detto venerdì l’UNICEF.

“Ogni [bambino] ha una storia straziante di perdita e dolore”, ha detto Jonathan Crickx, capo della comunicazione dell’UNICEF per i territori palestinesi occupati.

“Questa cifra [17.000] corrisponde all’1% della popolazione sfollata complessiva – 1,7 milioni di persone”, ha detto durante un briefing ai media tramite collegamento video da Gerusalemme, affermando che il numero era una stima poiché è quasi impossibile verificare le informazioni nelle condizioni attuali.

Ognuno “è un bambino che fa i conti con una nuova, orribile realtà”, ha aggiunto.

Secondo l’agenzia di stampa palestinese WAFA , diversi civili sono stati uccisi nelle prime ore di domenica dopo che Israele ha bombardato un asilo che ospitava sfollati nel sud della Striscia di Gaza .

Fonti mediche hanno affermato che diversi civili, tra cui due ragazze, sono state uccise mentre decine sono rimasti feriti dopo che i jet israeliani hanno preso di mira l’asilo nel quartiere di Al-Salam, a est di Rafah.

■ OSTAGGI/CESSATA DEL FUOCO: Parlando ai media statunitensi, il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan ha detto che “spetta ad Hamas farsi avanti e rispondere” alla proposta, aggiungendo: “Nessuno vuole che la guerra continui. Ma affinché ciò accada, tutti gli ostaggi devono essere tornate a casa e Hamas non dovrà più rappresentare una minaccia per Israele”.

Sullivan ha affermato che la restituzione degli ostaggi è “una priorità fondamentale ” per gli Stati Uniti, ma che il governo israeliano deve decidere se è d’accordo, aggiungendo: “A seconda di questa risposta, dovranno rispondere anche al popolo israeliano”.

Incontrando a Mosca la madre di Sasha Trufanov, un israeliano di cittadinanza russa preso in ostaggio da Hamas, il viceministro degli Esteri russo Mikhail Bogdanov ha affermato che “la diplomazia russa è determinata a continuare a chiedere il rilascio di ogni cittadino russo” avvenuto a Gaza.

■ Cisgiordania: l’Unione Europea sta valutando la possibilità di imporre sanzioni ai coloni i coloni “estremisti” in Cisgiordania, a seguito dell’ordine esecutivo del presidente americano Biden della scorsa settimana.

Chi sono i coloni israeliani?

■ ISRAELE: Il ministro della Sicurezza Nazionale di estrema destra Itamar Ben-Gvir ha criticato duramente il presidente americano Joe Biden in un’intervista al Wall Street Journal, sostenendo che il modo in cui Donald Trump gestirebbe la guerra sarebbe ” completamente diverso “. Ha aggiunto che “invece di darci il suo pieno appoggio, Biden è impegnato a fornire aiuti umanitari e carburante” alla Striscia di Gaza che, secondo Ben-Gvir, “va ad Hamas”.

Il primo ministro Netanyahu ha risposto ai commenti di Ben-Gvir dicendo: ” Non ho bisogno di aiuto per capire come gestire le nostre relazioni con gli Stati Uniti e la comunità internazionale”.

Israele “è molto riconoscente all’amministrazione Usa per il sostegno avuto sin dall’inizio della guerra”.

Il leader dell’opposizione Yair Lapid ha detto che l’intervista di Ben-Gvir “ha danneggiato la posizione internazionale di Israele” e che Netanyahu ” non può controllare nessuno degli estremisti nel suo governo”. Il ministro del Gabinetto di Guerra Benny Gantz ha affermato che le controversie con gli alleati “devono essere risolte nelle sedi pertinenti e non con dichiarazioni irresponsabili nei media”.

In risposta alle osservazioni di Ben-Gvir, il ministero degli Esteri palestinese ha invitato l’amministrazione Biden a imporgli sanzioni, affermando che “minaccia la stabilità della regione chiedendo pubblicamente l’espulsione dei palestinesi”.

Il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant ha affermato in un’intervista che ” ogni attacco aereo a Gaza ci avvicina al raggiungimento dei nostri obiettivi e alla restituzione degli ostaggi”. Ha detto che “la realtà è simile” al confine tra Israele e Libano: più Israele opera militarmente, “cresce la possibilità di non dover andare in guerra”.

Sette manifestanti che hanno bloccato l’ingresso al porto di Ashdod nel tentativo di fermare le consegne di aiuti umanitari a Gaza sono stati arrestati dalla polizia per essere interrogati.

L’IDF ha ammesso che un canale Telegram rivolto agli israeliani con contenuti espliciti della guerra a Gaza era gestito da membri di un’unità israeliana di guerra psicologica . Il canale, 72 Virgins – Uncensored, è stato creato il 9 ottobre, senza approvazione o autorizzazione ufficiale, ha affermato l’IDF. L’ammissione ribalta una precedente smentita dell’IDF suscitata da un’indagine di Haaretz .

■ LIBANO: quindici razzi sono stati lanciati verso Israele, ha detto l’IDF. Aerei da combattimento dell’IDF hanno attaccato obiettivi di Hezbollah nel Libano meridionale, compresi posti di sorveglianza e siti di lancio dove risiedevano i terroristi, ha affermato l’IDF. Diversi lanci verso Israele sono stati identificati e intercettati domenica scorsa.

L’agenzia di stampa Al-Mayadeen, affiliata a Hezbollah, ha riferito che il movimento Amal è stato responsabile dei recenti lanci di razzi nel nord di Israele.

Il consigliere speciale americano Amos Hochstein è in visita in Israele e incontrerà il primo ministro Netanyahu, il presidente israeliano Isaac Herzog e il ministro del gabinetto di guerra Benny Gantz. Gli incontri fanno parte di uno sforzo per evitare un’escalation con Hezbollah in Libano.

■ HOUTHI: Sabato gli Stati Uniti e il Regno Unito hanno lanciato una terza serie di attacchi contro 36 obiettivi Houthi nello Yemen con il sostegno di Australia, Bahrein, Canada, Danimarca, Paesi Bassi e Nuova Zelanda, ha detto il Segretario alla Difesa americano Lloyd Austin.

Una dichiarazione congiunta rilasciata dai paesi sostenitori afferma che lo scopo degli attacchi è quello di mettere in guardia la leadership Houthi e” allentare le tensioni e ripristinare la stabilità nel Mar Rosso”.

La continua “ aggressione ” statunitense-britannica nello Yemen non raggiungerà i loro obiettivi e non influenzerà il sostegno dello Yemen a Gaza, ha detto un portavoce degli Houthi.

Gli Stati Uniti intendono lanciare ulteriori attacchi contro i gruppi sostenuti dall’Iran in Medio Oriente, ha detto ieri il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, dopo aver colpito negli ultimi due giorni le fazioni allineate a Teheran in Iraq, Siria e Yemen.

Iraq

Sabato, il primo ministro iracheno Mohammed Shia al-Sudani ha dichiarato tre giorni di lutto per gli iracheni uccisi dagli attacchi aerei statunitensi lanciati venerdì su Akashat e Aree di Qa’im nella provincia occidentale di Anbar.

La dichiarazione afferma che anche l’Iraq ha convocato l’inviato americano per protestare contro gli attacchi.

Il governo iracheno ha affermato che 16 persone sono state uccise negli attacchi, inclusi militanti e civili. Successivamente, le Forze di mobilitazione popolare (PMF), una coalizione di milizie che fa parte delle forze di sicurezza irachene, hanno nominato 16 dei suoi membri uccisi negli attacchi.

Domenica le PMF hanno affermato che l’Iraq deve essere “ripulito” dalle forze statunitensi.

Tunisia

Si sono chiusi i seggi in Tunisia per il secondo turno delle elezioni dei consigli locali.

Il presidente dell’Alta Autorità Indipendente per le elezioni (Isie) ha annunciato che il tasso di affluenza è stato del 12, 40%.

I tunisini eleggono i membri dei consigli locali che saranno chiamati a formare il Consiglio nazionale dei distretti e delle regioni, la seconda Camera del Parlamento, creata dalla Costituzione del 2022, deputata a deliberare su progetti di sviluppo locale.

Al primo turno il tasso di partecipazione è stato dell’11,84%. I risultati preliminari saranno annunciati al più tardi il 7 febbraio. L’istituzione della nuova Camera è prevista entro aprile prossimo.

Senegal

Forte tensione in Senegal all’indomani dell’annuncio del presidente Macky Sall che ha rinviato a data da destinarsi le elezioni presidenziali che erano previste il 25 febbraio, a causa di una disputa tra parlamento e magistratura.

I gendarmi hanno lanciato ieri a Dakar gas lacrimogeni per disperdere un centinaio di persone che stavano protestando contro la decisione presa dal capo dello Stato.

Il raduno è stato organizzato vicino ad una rotonda in una delle strade principali della capitale Dakar, su appello di diversi candidati dell’opposizione.

Gli analisti affermano che la crisi sta mettendo alla prova una delle democrazie più stabili dell’Africa in un momento in cui la regione è alle prese con una recente ondata di colpi di stato .

Il Senegal è stato coinvolto in tensioni politiche a seguito di scontri mortali che hanno coinvolto sostenitori dell’opposizione e della squalifica di due leader dell’opposizione prima del voto cruciale.

Diversi esponenti dell’opposizione hanno respinto la decisione di Sall di rinviare le elezioni presidenziali, con almeno due dei 20 candidati che hanno affermato che avrebbero continuato con la loro campagna.

Namibia

Il presidente e primo ministro fondatore della Namibia Hage Geingob è morto domenica all’età di 82 anni mentre era in cura per il cancro .

Geingob ha svolto un ruolo centrale in quella che è diventata una delle democrazie più stabili dell’Africa dopo essere tornato da un lungo esilio in Botswana e negli Stati Uniti come attivista anti-apartheid. È stato il terzo presidente del paese da quando ha ottenuto l’indipendenza nel 1990, dopo oltre un secolo di dominio tedesco e poi di apartheid in Sud Africa.

Era presidente dal 2015 e quest’anno avrebbe concluso il suo secondo e ultimo mandato. Il suo vice, il vicepresidente Nangolo Mbumba, ha prestato giuramento come presidente ad interim nella capitale, Windhoek, per completare il mandato come consentito dalla costituzione.

Le elezioni sono fissate per novembre. Una dichiarazione del governo afferma che Mbumba guiderà la Namibia fino al 21 marzo del prossimo anno, quando il vincitore entrerà in carica.

Eritrea

Le truppe eritree stanno rapendo agricoltori e rubando centinaia di bestiame nelle regioni di confine della regione del Tigray in Etiopia, 15 mesi dopo che un cessate il fuoco ha posto fine a una guerra civile e ha chiesto il loro ritiro, secondo una nota di aiuto vista dall’Associated Press.

La nota preparata il 31 gennaio dall’Etiopia Health Cluster si basa su una valutazione di due distretti vicino al confine eritreo da parte di agenzie delle Nazioni Unite e organizzazioni non governative. Documenta diversi casi di rapimenti e razzie di bestiame da parte delle forze eritree.

La nota è stata fornita all’AP da un funzionario di un’agenzia delle Nazioni Unite a condizione che il suo nome non fosse divulgato.

Zimbabwe

I risultati delle elezioni suppletive resi noti in Zimbabwe hanno conferito al partito Zanu-Pf, al governo del Paese, di ottenere una maggioranza di due terzi in Parlamento grazie alla quale potrebbe modificare la Costituzione per consentire al presidente Emmerson Mnangagwa di ricandidarsi.

Lo Zanu-Pf ha vinto in tutte e sei le circoscrizioni elettorali”, ha annunciato all’Afp il presidente della Commissione elettorale dello Zimbabwe, Rodney Kiwa.

È la seconda volta che lo Zimbabwe organizza elezioni legislative parziali da dicembre, dopo quelle generali di agosto in seguito alle quali il partito al potere dall’indipendenza nel 1980 perse 10 seggi prima di ottenere la maggioranza dei voti.

Secondo gli osservatori, queste elezioni suppletive sono una manovra del regime per consentire una modifica della Costituzione che consentirebbe a Mnangagwa di eliminare il limite dei due mandati presidenziali.

Francia

I parigini hanno votato domenica per eliminare i SUV dalle strade della capitale francese rendendoli molto più costosi da parcheggiare, l’ultima tappa di un’iniziativa della sindaca socialista Anne Hidalgo per rendere la città che ospita i Giochi Olimpici di quest’anno più verde e più amichevole per i cittadini, pedoni e ciclisti.

Portogallo

Centinaia di agenti di polizia portoghesi sono scesi in piazza  a Lisbona chiedendo un migliore trattamento salariale: la protesta è avvenuta di fronte al ministero degli Interni, dove il ministro José Luís Carneiro ha convocato d’urgenza il Direttore generale della Pubblica sicurezza e il Comandante generale della Guardia nazionale repubblicana.

Russia e Ucraina

La Russia ha dichiarato domenica che almeno 28 persone sono state uccise nel bombardamento ucraino di una panetteria a Lysychansk, una città nell’oblast di Luhansk, nell’Ucraina orientale, controllata dai russi.

La panetteria è stata colpita sabato pomeriggio e il bilancio delle vittime è aumentato, mentre i soccorritori hanno cercato tra le macerie durante la notte. Secondo Reuters, funzionari locali hanno affermato che l’attacco è stato effettuato dalle forze ucraine utilizzando un sistema missilistico HIMARS fornito dagli Stati Uniti.

La portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha detto che l’attacco è stato effettuato con armi occidentali.

Zakharova ha definito l’attacco un “attacco terroristico” e ha detto che i cittadini dell’UE dovrebbero sapere che le loro tasse vengono utilizzate per inviare sistemi d’arma all’Ucraina, che “li usa per uccidere civili”.

Messico

Il presidente messicano Andrés Manuel López Obrador ha tenuto ieri una conversazione telefonica con il collega statunitense Joe Biden durante la quale sono stati evocati temi legati all’emergenza migratoria e alle sanzioni imposte da Washington a Cuba e Venezuela.

López Obrador, riferisce un comunicato diffuso a Città del Messico, ha chiesto in particolare che gli Stati Uniti approvino stanziamenti di 20 miliardi di dollari l’anno per sostenere i Paesi poveri dell’America Latina e dei Caraibi e che, per ridurre i flussi migratori, si sospendano le sanzioni contro il Venezuela e Cuba.

San Salvador

Il presidente uscente di El Savador, Nayib Bukele, si è dichiarato vincitore delle elezioni presidenziali sostenendo di aver ottenuto oltre l’85% delle preferenze in un post pubblicato su X.

Bukele era il favorito per vincere un altro mandato di cinque anni, poiché gli elettori hanno in gran parte messo da parte le preoccupazioni sull’erosione della democrazia per premiarlo per una feroce repressione delle bande che ha migliorato la sicurezza nel paese centroamericano.

Bukele, 42 anni, ha detto che il suo partito Nuove Idee ha anche conquistato almeno 58 posizioni nell’assemblea legislativa di El Salvador da 60 seggi, citando informazioni non specificate a cui aveva accesso.

I funzionari elettorali non hanno ancora commentato i risultati.

I seggi si sono chiusi alle 17, circa due ore prima che Bukele rivendicasse la vittoria. Un exit poll del CID Gallup indica il sostegno di Bukele all’87%.

Molto popolare, Bukele ha fatto campagna per il successo della sua strategia di sicurezza in base alla quale le autorità hanno sospeso le libertà civili per arrestare più di 75.000 salvadoregni senza accusa.

Le detenzioni hanno portato a un forte calo del tasso di omicidi a livello nazionale e hanno trasformato un paese di 6,3 milioni di abitanti che un tempo era tra i più pericolosi al mondo.

Ma alcuni analisti sostengono che l’incarcerazione di massa dell’1% della popolazione non è sostenibile a lungo termine

Cile

Il bilancio delle vittime accertate degli incendi che hanno colpito il Cile centrale è salito a 112, con 32 corpi identificati. Centinaia di dispersi

Lo hanno annunciato le autorità spiegando che i vigili del fuoco sono ancora al lavoro su una quarantina di focolai ancora attivi.

Il presidente Gabriel Boric domenica ha avvertito che le vittime aumenteranno “in modo significativo” poiché gli incendi boschivi continuano a divampare nella regione centrale di Valparaiso.

Diversi quartieri alla periferia orientale della città, nota per il suo festival musicale internazionale annuale, sono stati distrutti dalle fiamme, lasciando i residenti a frugare tra i resti delle loro case bruciate.

Pakistan

Diversi militanti hanno lanciato un assalto a una stazione di polizia nel nord del Pakistan nelle prime ore di lunedì, provocando la morte di almeno 10 agenti, come riferito da un alto comandante.

L’Hindustan Times ha riferito che almeno sei agenti di polizia sono rimasti feriti nell’attacco.

Il capo della polizia di Khyber Pakhtunkhwa, Akhtar Hayat Gandapur, ha detto all’AFP che un attacco ha avuto luogo nella stazione di polizia di Chaudhwan, nel distretto di Dera Ismail Khan.

Il governo provvisorio del Pakistan ha concesso l’approvazione per l’estensione della residenza di 1,3 milioni di rifugiati afghani privi di documenti, hanno riferito i media pakistani.

 La proroga consente a questi rifugiati di rimanere in Pakistan fino al marzo 2024, ha riferito Khyber News.

Nel frattempo, anche il consolato dell’Emirato islamico a Karachi, Abdul Jabar Takhari, ha dichiarato a TOLOnews che il governo pakistano ha concesso una scadenza di due mesi per gli 1,4 milioni di rifugiati afghani privi di documenti.

Gli attivisti per i diritti dei rifugiati hanno chiesto all’Emirato islamico di prestare attenzione alle sfide dei rifugiati afghani in Pakistan.

Secondo le statistiche del consolato dell’Emirato islamico in Pakistan, negli ultimi tre mesi quasi 600.000 rifugiati afghani sono stati deportati o sono tornati in Afghanistan.

Cina

Lo scrittore australiano Yang Hengjun, arrestato in Cina con l’accusa di spionaggio nel 2019, è stato condannato a morte con sospensione della pena da un tribunale di Pechino.

I termini della sentenza prevedono che la pena di Yang potrebbe essere commutata in ergastolo per buona condotta.

“Il governo australiano è sconvolto da questo risultato”, ha detto ai giornalisti il ​​ministro degli Esteri australiano Penny Wong confermando la sentenza, secondo quanto riferito da SBS News.

Wong ha detto che Canberra risponderà “nei termini più forti”, anche convocando l’ambasciatore cinese.

Yang, blogger 58enne e attivista pro-democrazia, è stato arrestato nel gennaio 2019 quando era arrivato all’aeroporto di Guangzhou con la moglie ed è stato accusato di aver “messo in pericolo la sicurezza nazionale con danni particolarmente gravi per il Paese e la popolazione”.

Yang, un australiano nato in Cina, ha negato le accuse contro di lui, così come i suoi amici e la sua famiglia. Un precedente governo australiano  aveva definito “inaccettabile” la detenzione dello scrittore.

Ti potrebbe interessare anche:

E se credi in un giornalismo indipendente, serio e che racconta il mondo recandosi sul posto, puoi darci una mano cliccando su Sostienici


Continua a leggere

[There are no radio stations in the database]