9 febbraio 2024 – Notiziario Mondo

Scritto da in data Febbraio 9, 2024

Ascolta il podcast

  • Brasile: l’ex presidente Bolsonaro indagato per “tentato colpo di Stato”
  • Guerra in Ucraina: scambiati 200 prigionieri di guerra
  • Serbia: l’Unione europea indaga su possibili frodi elettorali
  • Islanda: dichiarato lo stato di emergenza per le eruzioni vulcaniche

Questo e molto altro nel notiziario di Radio Bullets, a cura di Ambra Visentin.

Brasile

All’ex presidente brasiliano Jair Bolsonaro è stato imposto di consegnare il suo passaporto nel corso di un’indagine sull’assalto al Congresso brasiliano da parte dei suoi sostenitori nel 2023.

La polizia lo accusa di aver condotto un piano fallito per restare al potere dopo aver perso le elezioni a favore del suo rivale di sinistra, Luiz Inácio Lula da Silva.

Bolsonaro afferma che l’operazione è politicamente motivata. Tre degli alleati di Bolsonaro sono stati arrestati, oltre al capo del suo partito politico.

Sono sospettati di complottare per mantenere Bolsonaro al potere dopo la sua sconfitta elettorale nell’ottobre 2022.

La polizia li accusa di diffondere dubbi sul sistema elettorale, cosa che è diventata un grido di battaglia per i suoi sostenitori.

Questo, sostiene la polizia, ha posto le basi per un potenziale colpo di stato. Tuttavia, quando non è riuscito a ottenere il sostegno delle forze armate, i suoi sostenitori hanno preso d’assalto il Congresso, l’edificio che ospita la Corte Suprema e il palazzo presidenziale l’8 gennaio 2023.

Bolsonaro era negli Stati Uniti quando è avvenuto l’attacco al Congresso.

Ieri l’ex presidente ha negato ogni accusa: “Ho lasciato il governo più di un anno fa e continuo a subire una persecuzione incessante”, ha detto Bolsonaro quando a seguito delle perquisizioni effettuate dalla polizia in decine di proprietà.

A giugno gli è stato vietato di candidarsi per otto anni per aver espresso dubbi infondati sul sistema di voto elettronico del Brasile.

Nell’ultimo anno, più di 1.400 persone sono state accusate per il loro presunto ruolo nelle rivolte, ma finora solo poche decine sono state condannate.

Guerra in Ucraina

Il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelenskyy ha annunciato sui social media che 100 ucraini sono stati rimpatriati dalla prigionia russa. Zelenskyj non ha scritto nulla sulle condizioni del loro ritorno, anche se ha ringraziato la squadra coinvolta negli scambi.

“Altri 100 ucraini a casa. La guardia nazionale, le guardie di frontiera, le forze armate. La maggior parte di loro sono difensori di Mariupol”, ha scritto.

Nel frattempo anche il Ministero della Difesa russo ha riferito dello scambio di prigionieri, 100 da entrambe le parti.

E restiamo in Ucraina dove il presidente ha licenziato il comandante in capo delle forze armate del paese, Valerii Zaluzhnyi. Ne consegue la speculazione su una spaccatura tra il presidente e il generale che ha guidato lo sforzo bellico dell’Ucraina dall’inizio del conflitto.

Il generale Oleksandr Syrskyi, è stato annunciato come suo sostituto in un decreto presidenziale. Si tratta del più grande cambiamento nella leadership militare dell’Ucraina dall’invasione su vasta scala della Russia nel febbraio 2022.

Il presidente Volodymyr Zelenskyj ha affermato che l’alto comando deve essere “rinnovato” e che il generale Zaluzhnyi potrebbe “rimanere nella squadra”. Il generale gode di molta popolarità fra i soldati ucraini e i civili, ed è stato una sorta di eroe nazionale.

I suoi recenti indici di approvazione sono stati superiori a quelli di Zelenskyj.

Russia

Boris Nadezhdin, il candidato presidenziale russo, apertamente contro la guerra in Ucraina, ha dichiarato ieri che farà appello alla Corte Suprema dopo che la Commissione Elettorale Centrale (CEC) lo ha escluso dalle elezioni di marzo a causa di “errori nelle firme e firme non valide”.

La minaccia di un appello arriva nonostante la quasi certa vittoria imminente del presidente in carica, Vladimir Putin.

La CEC aveva precedentemente affermato di aver riscontrato difetti nelle firme raccolte da Nadezhdin e dai suoi alleati a sostegno della sua candidatura, e che alcune di esse erano firme di persone decedute.

Ieri, in una riunione tenutasi nel quartier generale centrale di Mosca, i funzionari elettorali hanno affermato che questi difetti significano che Nadezhdin, 60 anni, non è riuscito a raccogliere le 100.000 firme autenticate necessarie per diventare candidato e quindi non ha potuto prendere parte alle elezioni.

“Ho raccolto più di 200.000 firme in tutta la Russia. Abbiamo condotto la raccolta in modo aperto e onesto. Le code presso la nostra sede e nei punti di raccolta sono state osservate da tutto il mondo.

Partecipare alle elezioni presidenziali del 2024 è la decisione politica più importante della mia vita. Non rinuncio alle mie intenzioni”, ha detto

Nadezhdin che ha invitato i suoi sostenitori a mantenere la fede nonostante quella che sembrava essere una battuta d’arresto irreversibile.

“Vi chiedo di non arrendervi. È successo qualcosa a cui molti non potevano credere: i cittadini hanno intuito la possibilità di un cambiamento in Russia”, ha detto.

Intanto la Finlandia ha deciso di prolungare la chiusura della frontiera con la Russia per due mesi, fino al 14 aprile.

“Il confine orientale della Finlandia rimane chiuso a causa dei tentativi della Russia di utilizzare la migrazione strumentalizzata contro la Finlandia. La Russia sta causando sofferenze umane e utilizzando le persone come strumenti”, si legge nella dichiarazione del Ministero degli Interni su X.

La Finlandia ha chiuso il confine con la Russia il 16 novembre.

Lo ha fatto ai sensi della legge sulla guardia di frontiera per impedire alla Russia di trasportare migranti privi di documenti ai valichi di frontiera finlandesi.

Guerra Hamas – Israele

Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha lasciato ieri il Medio Oriente con le divisioni pubbliche tra Stati Uniti e Israele al livello forse peggiore da quando è iniziata la guerra di Israele contro Hamas a Gaza in ottobre.

Concludendo un viaggio in Medio Oriente in quattro nazioni – il quinto nella regione dallo scoppio del conflitto – Blinken stava tornando a Washington dopo aver ricevuto uno schiaffo virtuale in faccia dal primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, che aveva detto che la guerra sarebbe continuata finché Israele non fosse completamente vittorioso e sembrava respingere apertamente la risposta di Hamas alla proposta di un piano di cessate il fuoco.

Le relazioni tra Israele e il suo principale alleato internazionale, gli Stati Uniti, sono tese da mesi, ma il pubblico rifiuto da parte di Netanyahu di un piano che gli Stati Uniti ritengono valido, almeno come punto di partenza per ulteriori negoziati, ha evidenziato il divario.

Eppure Blinken e altri funzionari statunitensi hanno affermato di rimanere ottimisti sul fatto che si possano fare progressi sui loro obiettivi principali di migliorare le condizioni umanitarie dei civili palestinesi, garantire il rilascio degli ostaggi detenuti da Hamas, preparare una Gaza post-conflitto e prevenire la diffusione della guerra.

Serbia

I legislatori dell’UE hanno chiesto un’indagine indipendente sulle accuse di frode elettorale in Serbia e hanno chiesto che i fondi dell’UE vengano tagliati se le autorità di Belgrado non collaborano o sono coinvolte in irregolarità elettorali.

Il partito progressista serbo al governo, guidato dal presidente populista serbo Aleksandar Vučić, ha vinto le elezioni parlamentari e municipali del 17 dicembre, assicurandosi 129 seggi su un’assemblea da 250 seggi. Al secondo posto si è piazzata la coalizione d’opposizione Serbia contro la violenza con 65 seggi.

Una missione di monitoraggio dei voti istituita dagli osservatori internazionali dei diritti ha affermato in un rapporto preliminare che i sondaggi sono stati “guastati da dura retorica, pregiudizi nei media, pressioni sui dipendenti del settore pubblico e uso improprio delle risorse pubbliche”.

Secondo l’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa e l’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa e il Parlamento europeo, tra gravi irregolarità figurano presunti casi di compravendita di voti e di brogli elettorali.

In una risoluzione, approvata con 461 voti a favore, 53 contrari e 43 astensioni, i legislatori hanno osservato con “seria preoccupazione” che le prove raccolte dagli osservatori hanno dimostrato che le irregolarità “potrebbero aver avuto un impatto critico” sui risultati elettorali, in particolare nella capitale Belgrado, e “hanno minato la situazione” legittimità” delle urne.

La risoluzione richiedeva “un’indagine indipendente da parte di rispettati esperti legali e istituzioni internazionali” su tutti i sondaggi, con “un’attenzione speciale” focalizzata su ciò che è accaduto a Belgrado.

I parlamentari hanno chiesto “la sospensione dei finanziamenti dell’Unione europea sulla base delle gravi violazioni dello stato di diritto legate alle elezioni in Serbia”, nel caso in cui le autorità ignorassero i risultati dell’indagine o si scoprissero direttamente coinvolte nella frode elettorale.

Stati Uniti

La Corte Suprema degli Stati Uniti sembra pronta a respingere i tentativi di espellere l’ex presidente Donald Trump dal ballottaggio del 2024.

Una sentenza definitiva per Trump, il principale candidato repubblicano alla presidenza, metterebbe fine agli sforzi in Colorado , Maine e altrove per impedire che il suo nome appaia nella scheda elettorale.

Sia i giudici conservatori che quelli liberali si sono chiesti durante le discussioni di ieri se Trump possa essere nuovamente squalificato dalla carica di presidente a causa dei suoi sforzi per rimediare alla sua sconfitta nelle elezioni del 2020 contro il democratico Joe Biden, che si sono concluse con l’attacco del 6 gennaio 2021 al Campidoglio degli Stati Uniti.

Otto dei nove giudici hanno affermato di essere aperti ad almeno alcune delle argomentazioni avanzate da Jonathan Mitchell, l’avvocato di Trump presso la Corte Suprema. Trump potrebbe vincere la causa se la corte ritenesse convincente anche solo uno di questi argomenti.

Solo la giudice Sonia Sotomayor sembrava intenzionata a votare per sostenere la sentenza della Corte Suprema del Colorado che ha stabilito che Trump “è impegnato in un’insurrezione” e non è idoneo a diventare presidente.

Il tribunale statale ha stabilito che Trump non dovrebbe partecipare al ballottaggio per le primarie repubblicane del 5 marzo.

E ci spostiamo alla Casa Bianca. La vicenda relativa alla scoperta di documenti governativi segreti nelle stanze private del presidente americano Joe Biden non ha ripercussioni legali per il democratico.

“Concludiamo che non sono giustificate accuse penali in questo caso”, si legge nel rapporto del procuratore speciale Robert Hur, pubblicato giovedì a Washington.

Alla fine del 2022, informazioni riservate risalenti al periodo in cui Biden era vicepresidente sono state scoperte in vari luoghi, tra cui negli uffici privati ​​nella capitale Washington e nella casa di Biden a Wilmington, nel Delaware.

Tuttavia, il rapporto contiene valutazioni esplosive del suo stato mentale, che potrebbero avere un serio impatto politico su di lui durante la campagna elettorale.

I ritrovamenti sono stati politicamente estremamente delicati per il democratico, poiché il suo predecessore repubblicano Donald Trump aveva suscitato scandalo con un caso simile – e deve rispondere in tribunale del suo trattamento dei documenti.

Sia Biden che Trump vogliono candidarsi nuovamente alle elezioni presidenziali americane di novembre.

Islanda

L’Islanda ha dichiarato lo stato di emergenza a causa di terremoti di bassa intensità, esplosioni di lava e fumo denso proveniente da un vulcano vicino al Monte Sylingarfell, il terzo in due mesi sulla penisola di Reykjanes, nel sud-ovest del paese.

Scosse a bassa intensità hanno attraversato la regione nord-orientale di Sylingarfell sin da 30 minuti prima che il vulcano iniziasse a emettere fumo denso e lava alle 5:30 ora locale (05:30 GMT), ha dichiarato in una nota l’Ufficio meteorologico islandese (IMO).

Le autorità islandesi hanno successivamente dichiarato lo stato di emergenza per garantire la sicurezza delle persone nelle città vicine, ha riferito l’emittente pubblica nazionale RUV.

La lava ha iniziato a fuoriuscire e a scorrere verso la vicina e popolare attrazione turistica termale geotermica Blue Lagoon, che era chiusa la mattina.
Anche l’aeroporto di Keflavik, che si trova a 30 chilometri (circa 18,5 miglia) dal luogo dell’eruzione del vulcano, è stato chiuso.

Le scuole e gli impianti sportivi nel comune di Suournesjaer e Vogur sono stati chiusi a causa dell’emergenza, che comprende anche la mancanza di acqua calda.

La conduttura dell’acqua calda Njarovikuraee, che collega Njarevikur alla centrale geotermica di HS Orka a Svartsengi, è stata inondata di lava, causando problemi di approvvigionamento, ha detto l’emittente, aggiungendo che anche la vicina strada che porta alla centrale è stata chiusa.

Immagine di copertina di

Ti potrebbe interessare anche:

E se credi in un giornalismo indipendente, serio e che racconta il mondo recandosi sul posto, puoi darci una mano cliccando su Sostienici


Continua a leggere

[There are no radio stations in the database]