Bahrain: esplodono le proteste dopo la morte di un manifestante

Scritto da in data Settembre 4, 2019

Bahrain

Mohamed al Miqdad, è stato portato in ospedale dopo essere stato trovato incosciente in una strada della capitale Manama

Nuove proteste sono esplose nella capitale de Bahrein dopo la morte di un attivista di 21 anni che aveva preso parte alle manifestazioni contro l’esecuzione di due giovani sciiti da parte del Regno.

La polizia ha sparato gas lacrimogeni per disperdere centinaia di manifestanti nel sobborgo di Bilad al-Qadeem dove Mohamed Ebrahim Habib Mansoor – noto anche come Mohamed al-Miqdad – è morto sabato per inalazione di gas, secondo quanto riferito da testimoni.

Un portavoce del governo ha dichiarato alla Reuters che il giovane è morto per cause naturali, e non ha voluto commentare la protesta.

Miqdad era sceso in piazza per protestare contro le esecuzioni di Ali al-Arab, 25 anni e Ahmed al-Malali, 24 anni, uccisi sabato mattina dopo essere stati torturati e costretti a confessare.

Secondo il Bahrain Institute for Rights and Democracy (BIRD), Miqdad è stato trovato privo di conoscenza per strada appena finita la protesta, che la polizia ha pesantemente preso di mira con i gas lacrimogeni.

Portato nel complesso medico di Salmaniya, è morto domenica mattina.

Una dichiarazione del Ministero degli Interni del Bahrein domenica afferma che “la morte è stata naturale e che secondo il rapporto medico non vi è alcun sospetto di crimine”.

Maryam al-Khawaja, membro del Consiglio di amministrazione di BIRD, non soddisfatta, ritiene sia necessario indagare sulle cause della morte di Miqdad. “Abbiamo documentato molti casi nel corso degli anni di manifestanti morti dopo essere stati sottoposti ai gas lacrimogeni, e ancora non conosciamo le conseguenze per la salute dell’uso di questi gas in Bahrain nel 2011 e 2012 “, ha dichiarato lunedì.

“Si deve indagare e chiedere che la comunità internazionale intervenga. Senza responsabilità, non vi è alcun incentivo per il governo del Bahrein a porre fine alle violazioni”.

Secondo l’Associated Press il referto medico conferma un malore come causa di morte.

I due ragazzi, invece, giustiziati sabato sono stati arrestati separatamente nel febbraio 2017 e condannati a morte nel gennaio dell’anno scorso in un processo di massa con altri 58 imputati.

Il processo è stato descritto da Amnesty International  come un “procedimento ingiusto in cui gli imputati sono stati torturati per “ottenere una confessione””.

Dal 2011, il Bahrein ha incarcerato centinaia di manifestanti, da quando esplose la primavera araba con Manama che sostiene che l’Iran sciita ha appoggiato i manifestanti per rovesciare il governo – un’accusa negata da Teheran.

Il regno del Golfo è a maggioranza musulmana sciita, secondo stime non ufficiali contestate dal governo, che è guidato da una famiglia reale sunnita.

Ti potrebbe interessare anche:

E se credete in un giornalismo indipendente, serio e che racconta dai posti, potete sostenerci andando su Sostienici


Continua a leggere

[There are no radio stations in the database]