Russia: Chi sono i candidati presidenziali

Scritto da in data Marzo 15, 2024

I quattro candidati che sono stati esaminati e autorizzati dal Cremlino e che sono in ballottaggio per le elezioni presidenziali russe in corso in questo momento.

Vladimir Putin

Al comando di tutte le leve dello Stato, l’attuale presidente Vladimir Putin, 71 anni, dovrebbe facilmente ottenere una vittoria schiacciante e un altro mandato di sei anni.

Già il sovrano più longevo della Russia dai tempi di Joseph Stalin, gli analisti garantiscono un quinto mandato incostituzionale dopo la chiusura delle urne di domenica.

La sua posizione alle elezioni è il risultato di un referendum nel 2020 che modifica la costituzione russa per ripristinare i limiti del mandato presidenziale – avendo precedentemente optato nel 2008 semplicemente per scambiare il posto con il primo ministro Dmitry Medvedev per aggirare il limite di due mandati.

Sebbene quella mossa abbia innescato le più grandi proteste del suo governo, i cambiamenti introdotti dal referendum nel 2020 non hanno incontrato in gran parte alcuna opposizione, e Putin potrebbe teoricamente essere ancora al Cremlino nel 2036, ha osservato l’editorialista indipendente Mary Dejevsky .

Nikolai Kharitonov

Nikolai Kharitonov, 75 anni, membro della camera bassa del parlamento russo, la Duma di Stato, è il candidato ufficiale del Partito Comunista, i cui candidati sono arrivati ​​secondi a Putin in ogni elezione dal 2000.

Kharitonov, un siberiano, si era candidato nel 2004 e aveva ottenuto il 13,8% dei voti contro il 71,91% di Putin.

L’agenzia di stampa statale Tass ha citato Kharitonov per aver affermato di non trovare difetti in Putin, perché “è responsabile del proprio ciclo di lavoro, perché dovrei criticarlo?”

Kharitonov sostiene la guerra in Ucraina, ma in precedenza si è opposto ad alcune delle politiche interne del partito al governo pro-Putin Russia Unita. Gode ​​del sostegno di Gennady Zyuganov, il 79enne leader veterano del Partito Comunista.

Leonid Sluckij

Membro anziano della Duma, Leonid Slutsky, 56 anni, è il leader del partito ultra-nazionalista Liberal Democratico Russo (LDPR) e ha presieduto a lungo la commissione per gli affari internazionali del parlamento, esprimendo sostegno alla guerra in Ucraina e alla necessità di mantenere bassi i prezzi dei generi alimentari.

Abituale portavoce antioccidentale della TV statale russa, Slutsky è diventato il leader permanente del partito dopo la morte del veterano Vladimir Zhirinovsky nel 2022. Ha cercato sfruttare la popolarità del suo defunto predecessore facendo una campagna con lo slogan “Zhirinovsky continua a vivere”.

Nel 2018, un gruppo di giornaliste ha accusato il signor Slutsky di molestie sessuali. Una commissione parlamentare lo ha scagionato, cosa che i suoi accusatori hanno etichettato come una insabbiatura.

Vladislav Davankov

Il politico di New People, Vladislav Davankov è vicepresidente della Duma di Stato e in passato ha ricevuto un premio da Putin.

Ha 40 anni ed è il candidato più giovane registrato e ha detto che non criticherà i suoi avversari politici. I suoi slogan principali della campagna sono “Sì ai cambiamenti!” e “È tempo di nuove persone!”

Davankov ha cercato di posizionarsi come qualcuno contrario a limitazioni eccessive della libertà personale delle persone e – nel contesto della politica russa – come qualcuno più liberale.

Senza menzionare per nome l’Ucraina, ha detto di essere favorevole a “Pace e colloqui. Ma alle nostre condizioni e senza alcuna rinuncia”.

Ti potrebbe interessare anche:

E se credi in un giornalismo indipendente, serio e che racconta il mondo recandosi sul posto, puoi darci una mano cliccando su Sostienici


Continua a leggere

[There are no radio stations in the database]