25 marzo 2024 – Notiziario Mondo

Scritto da in data Marzo 25, 2024

Ascolta il podcast

  • Israele impedisce all’Unwra di portare aiuti umanitari nel nord di Gaza. Altri tre giornalisti uccisi.
  • Senegal: si andrà al secondo turno?
  • Russia: quattro uomini lividi accusati del massacro alla sala concerti.
  • Una sentenza mette fuori legge le scuole islamiche nello stato più popolato dell’India.
  • Ecuador: ucciso il sindaco più giovane del paese

Questo e molto altro nel notiziario di Radio Bullets a cura di Barbara Schiavulli

Israele e Palestina

■ GAZA: Le forze israeliane hanno iniziato un’operazione militare nella parte occidentale di Khan Yunis nella notte di domenica.

La Mezzaluna Rossa palestinese ha affermato che le forze israeliane hanno assediato due ospedali nella Striscia, Al-Amal e Nasser, aggiungendo che uno dei suoi dipendenti è stato ucciso quando i carri armati israeliani sono tornati nelle aree di Khan Younis nel pieno di pesanti bombardamenti.

“I veicoli dell’occupazione stanno attualmente circondando l’ospedale Al-Amal e stanno conducendo estesi lavori di scavo attorno all’ospedale”, ha aggiunto la mezza Luna.

“Tutte le nostre squadre sono in estremo pericolo in questo momento e sono completamente immobilizzate”.

In una visita alla Striscia, il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, ha affermato che l’unico modo efficace per consegnare merci pesanti per soddisfare i bisogni umanitari di Gaza, è su strada e che è necessario un aumento esponenziale delle consegne.

Il commissario generale dell’UNRWA Philippe Lazzarini ha affermato che le autorità israeliane hanno informato le Nazioni Unite che non approveranno più alcun convoglio alimentare dell’UNRWA verso il nord di Gaza, aggiungendo che ciò è stato fatto “per ostacolare l’assistenza salvavita durante una carestia provocata dall’uomo”.

“Nonostante la tragedia che si sta verificando sotto i nostri occhi, le autorità israeliane hanno informato le Nazioni Unite che non approveranno più alcun convoglio alimentare dell’UNRWA verso il nord”, ha dichiarato su X Lazzarini.

Israele ha accusato 12 dei 30.000 dipendenti dell’UNRWA di coinvolgimento nell’attacco di Hamas del 7 ottobre

Il Ministero della Sanità di Gaza, controllato da Hamas, ha affermato che dall’inizio della guerra almeno 32.226 palestinesi sono stati uccisi e 74.518 feriti.

Altri tre giornalisti palestinesi sono stati uccisi sabato in nuovi attacchi israeliani nella Striscia di Gaza, portando il bilancio delle vittime a 136 dal 7 ottobre 2023, ha affermato in una nota l’ufficio stampa del governo di Gaza.

I giornalisti uccisi sono stati identificati come Muhammad al-Rifi, Abdul Rahman Saima e Mahmoud Imad Issa, si legge nella nota.

In una precedente dichiarazione, l’ufficio ha affermato che “Israele ha deliberatamente ucciso giornalisti a Gaza per mettere a tacere la voce dei palestinesi, per nascondere i fatti e per impedire che le informazioni raggiungano il pubblico regionale e internazionale”.

https://twitter.com/ayshaaa_48/status/1768822195797590484

CISGIORDANIA: Israele ha catturato migliaia di palestinesi dall’attacco di Hamas contro Israele il 7 ottobre, in cui sono state uccise 1.139 persone e circa 250 rapite.

Ahmed, detenuto a 16 anni

Da allora, secondo il monitoraggio Addameer a Ramallah, il numero dei palestinesi arrestati nella Cisgiordania occupata supera le 7.350 persone.

Mentre alcuni palestinesi sono stati rilasciati, 9.100 rimangono prigionieri. Si tratta di un netto aumento rispetto ai 5.200 che si trovavano nelle carceri israeliane prima del 7 ottobre.

Queste cifre non includono le migliaia di adulti e bambini che l’esercito israeliano avrebbe detenuto, torturato e interrogato in prigioni improvvisate in tutta Gaza, al di fuori di qualsiasi controllo legale o civile.

■ OSTAGGI/CESSATE-FUOCO: Israele ha “dimostrato flessibilità su due questioni principali” nei colloqui per il rilascio degli ostaggi e il cessate il fuoco con Hamas , ha affermato un alto funzionario israeliano. Questi includono il numero di prigionieri palestinesi che saranno rilasciati, così come le condizioni di Hamas per gli abitanti di Gaza che potranno tornare nel nord della Striscia. Secondo il funzionario, Israele attende la risposta di Hamas all’ultima proposta.

■ STATI UNITI: La vicepresidente americana Kamala Harris ha affermato che l’amministrazione Biden è “molto chiara sul fatto che spetta al popolo israeliano prendere una decisione su quando si terranno le elezioni e chi, ovviamente, eleggere alla guida del proprio governo”.

 Quando le è stato chiesto se ci sarebbero conseguenze da parte degli Stati Uniti se Israele dovesse condurre un’operazione militare a Rafah, Harris ha detto: “Non escludo nulla”.

Il disegno di legge sui finanziamenti governativi firmato da Biden include 3,8 miliardi di dollari in aiuti militari per Israele, ha tagliato invece i finanziamenti all’UNRWA

Il gruppo di lobby ebraica AIPAC ha celebrato il fatto che gli aiuti militari annuali a Israele non aggiungevano “condizioni politiche”

Ieri manifestanti hanno coperto i gradini del Metropolitan Museum of Art di New York con una grande coperta patchwork che mostrava messaggi di solidarietà con la Palestina.

■ LIBANO: L’IDF ha dichiarato di aver colpito obiettivi di Hezbollah nel sud del Libano.

Un drone ha colpito un veicolo a Souairi, nel Libano orientale, vicino al confine con la Siria, riferiscono fonti libanesi.

GIORDANIA: La polizia antisommossa ha sparato gas lacrimogeni per respingere centinaia di manifestanti giordani che hanno marciato domenica davanti all’ambasciata israeliana ad Amman per protestare contro l’operazione militare israeliana dentro e intorno agli ospedali di Gaza e contro l’aumento delle morti civili nella Striscia.

■ HOUTHI: il CENTCOM ha affermato che un attacco Houthi contro una petroliera cinese nel Mar Rosso non ha causato vittime e che le forze statunitensi hanno attaccato sei droni Houthi.

CANADA: Una studentessa canadese della McGill University, che ha intrapreso uno sciopero della fame a tempo indeterminato negli ultimi 34 giorni per la Palestina, è stata ricoverata in ospedale dopo essere svenuta sabato, hanno riferito a Middle East Eye gli organizzatori studenteschi.

Rania Amine, studentessa universitaria della McGill, che ha iniziato uno sciopero della fame il 19 febbraio, sembra essere  ora stabile e sotto osservazione.

Senegal

Il leader dell’opposizione Bassirou Diomaye Faye è emerso come il favorito per vincere le elezioni presidenziali in Senegal, dopo che diversi rivali hanno ammesso la sconfitta.

Domenica, milioni di persone hanno preso parte ad un voto pacifico, dopo tre anni di turbolenze e proteste dell’opposizione contro il presidente in carica, Macky Sall.

Gli elettori potevano scegliere tra 19 candidati.

Tuttavia, il candidato scelto dalla coalizione di governo, Amadou Ba, ha respinto le notizie di sconfitta e ha affermato che si aspetta di contestare un ballottaggio per decidere un vincitore.

Faye, 44 anni, membro del partito Pastef guidato da Ousmane Sonko, era stato in prigione solo pochi giorni prima del voto.

Sonko è stato squalificato dalla gara a causa di una condanna per diffamazione.

I primi conteggi annunciati in televisione hanno mostrato che Faye aveva ottenuto la maggioranza dei voti, innescando diffuse celebrazioni di piazza nella capitale Dakar.

I sostenitori hanno acceso fuochi d’artificio, sventolato bandiere senegalesi e suonato vuvuzelas.

Nigeria

Gli oltre 250 studenti della scuola Kuriga sequestrati da uomini armati in un rapimento di massa nel nord-ovest della Nigeria all’inizio di questo mese sono stati rilasciati, ha detto domenica il governatore locale.

Libia

L’agenzia delle Nazioni Unite per le migrazioni ha espresso allarme per la scoperta di una fossa comune contenente i corpi di almeno 65 migranti nei deserti della Libia occidentale.

All’inizio di questa settimana, l’autorità investigativa penale della Libia ha riferito che la tomba era stata trovata nella regione di Shuayrif, 350 chilometri (220 miglia) a sud della capitale Tripoli.

Sulla sua pagina Facebook, si legge che 65 corpi di migranti non identificati sono stati dissotterrati dalla tomba, sono stati prelevati campioni per il test del DNA e i corpi sono stati seppelliti in un cimitero specifico per successive indagini.

Francia

Il primo ministro francese Gabriel Attal ha annunciato in serata di “elevare” il piano Vigipirate al suo massimo livello: di “emergenza attentati”, in seguito all’attacco a Mosca rivendicato dall’Isis.

Irlanda

Simon Harris diventerà il più giovane primo ministro irlandese dopo che la corsa alla leadership del suo partito Fine Gael si è conclusa senza che nessun altro candidato si sia fatto avanti.

Lo scrive il Guardian. Il premier Leo Varadkar ha annunciato a sorpresa le sue dimissioni “per motivi personali e politici” la scorsa settimana.

Harris, 37 anni, ministro dell’Istruzione superiore, era l’unico candidato alla chiusura delle candidature alle 13 di domenica, ma diventerà capo del governo, solo il 9 aprile, quando il Parlamento irlandese, il Dáil, riaprirà dopo la pausa pasquale.

Armenia

Una fonte della polizia ha riferito alla Tass che tre persone armate hanno fatto irruzione in una stazione di polizia a Erevan in Armenia. Due dei tre assalitori sono rimasti feriti.

Russia

Quattro uomini accusati di coinvolgimento in un massacro in una sala da concerto di Mosca che hanno ucciso 137 persone sono stati posti in custodia domenica, mentre la Russia ha osservato una giornata di lutto nazionale in seguito all’attacco rivendicato dallo Stato islamico.

Tutti e quattro i sospettati sono stati accusati di terrorismo, secondo il tribunale distrettuale di Basmannyj di Mosca, e rischiano l’ergastolo. La loro detenzione è fissata fino al 22 maggio, ma potrebbe essere prorogata a seconda della data del processo.

Gli uomini – che mostravano segni di gravi percosse – sono stati condotti domenica, ammanettati e piegati in due, in un tribunale della capitale russa. Uno sembrava essere appena cosciente durante l’udienza.

La corte ha affermato che due degli imputati si sono dichiarati colpevoli.

Il presidente Vladimir Putin ha promesso di punire gli autori del “barbaro attacco terroristico” e sabato ha dichiarato che i quattro uomini armati erano stati arrestati mentre cercavano di fuggire in Ucraina.

Kiev ha negato fermamente qualsiasi collegamento con l’attacco.

Almeno 137 persone, tra cui tre bambini, sono state uccise venerdì sera quando uomini armati hanno preso d’assalto il municipio Crocus, nel sobborgo settentrionale di Krasnogorsk, a Mosca, e poi hanno appiccato il fuoco all’edificio.

Haiti

La Francia sta organizzando voli charter governativi da Haiti per aiutare i suoi cittadini che cercano di lasciare il Paese caraibico, colpito dalla violenza delle bande criminali, ha detto domenica il ministero degli Esteri francese.

Circa 1.500 cittadini francesi sono registrati presso l’ambasciata francese ad Haiti, che ha visto ondate di attacchi da parte di bande rivali, compresi raid alle stazioni di polizia e all’aeroporto internazionale.

Il ministero degli Esteri francese ha dichiarato in un comunicato che i voli di evacuazione sono stati organizzati con il ministero della Difesa per consentire ai cittadini “più vulnerabili” di lasciare il Paese.

Ecuador

Il sindaco più giovane dell’Ecuador, Brigitte Garcia, e un suo membro dello staff sono stati trovati uccisi a colpi di arma da fuoco in un’auto domenica mattina presto, ha riferito la polizia del paese sudamericano, che è in preda a un’ondata di violenza che le autorità attribuiscono al traffico di droga.

La polizia nazionale ha detto che sta indagando sulla morte di Garcia, il sindaco 27enne di San Vicente, e di Jairo Loor, il suo direttore delle comunicazioni, dopo la scoperta dei loro corpi nella provincia di Manabi. Entrambi hanno riportato ferite da arma da fuoco, ha detto la polizia.

Più tardi domenica, la polizia ha detto che gli spari provenivano dall’interno da un’auto, che era stata noleggiata, e che stavano monitorando il sistema GPS del veicolo.

Garcia apparteneva al partito Movimento Rivoluzione Cittadina dell’ex presidente Rafael Correa.

Argentina

In concomitanza con le commemorazioni della Giornata della memoria e della verità in Argentina, che ricordano le vittime del colpo di Stato del 24 marzo 1976 nel Paese sudamericano, il governo del presidente ultraliberista Javier Milei ha trasmesso sul web uno spot di 12 minuti in cui espone la sua posizione riguardo alla repressione e alla lotta armata negli anni precedenti l’ultima dittatura militare.

Il video si intitola ‘Giornata della memoria per la verità e la giustizia’, e aggiunge la parola ‘Completo’, per sottolineare la posizione dell’esecutivo su quegli eventi.

L’iniziativa, anticipata due giorni fa, è stata accolta come una vera e propria provocazione dalle principali organizzazioni per i diritti umani, che oggi stanno svolgendo i consueti cortei da diversi punti di Buenos Aires fino a Plaza de Mayo.

L’apertura del filmato è affidata allo scrittore, ex giornalista e politico argentino Juan Bautista ‘Tata’ Yofre, che fu segretario dell’intelligence alla fine degli anni ’90.

Prima della diffusione dello spot sull’account ufficiale della Casa Rosada, la vicepresidente Victoria Villaruel, figlia di un ex generale, ha postato un messaggio con l’hashtag ‘#NoFueron30000’ (Non furono 30 mila), in cui ha nuovamente smentito il numero delle persone scomparse ed ha invocato risarcimenti anche “per le vittime del terrorismo”.

Brasile

Soccorritori su barche e aerei hanno lottato contro il tempo per aiutare le persone isolate nelle montagne del sud-est del Brasile, dopo che tempeste e forti piogge hanno ucciso almeno 20 persone nello Stato di Espírito Santo e otto in quello di Rio de Janeiro.

Il maltempo è causato da un fronte freddo che ha messo fine all’ondata di caldo che aveva colpito la regione la settimana scorsa.

Afghanistan

Il gruppo Stato Islamico ha rivendicato la responsabilità di un attentato mortale che ha preso di mira persone che cercavano di ritirare i loro stipendi presso una banca nel sud dell’Afghanistan.

L’attentato di giovedì presso una filiale della New Kabul Bank nella città di Kandahar ha ucciso tre persone e ne ha ferite altre 12.

Tutte le vittime si erano riunite per riscuotere i loro stipendi mensili, ha detto Inamullah Samangani, capo del dipartimento governativo di informazione e cultura di Kandahar.

 India

Un tribunale dello stato più popoloso dell’India ha di fatto vietato le scuole islamiche abrogando una legge che regola le madrase, settimane prima di un’elezione nazionale che potrebbe polarizzare ulteriormente la più grande democrazia del mondo lungo i confini religiosi.

L’Alta Corte di Allahabad nell’Uttar Pradesh ha dichiarato incostituzionale il Madrasa Act del 2004, secondo un’ordinanza del tribunale vista dalla CNN, mentre ordinava al governo statale di spostare gli studenti iscritti al sistema islamico nelle scuole tradizionali.

Le madrase forniscono un sistema educativo in cui agli studenti vengono insegnati il ​​Corano e la storia islamica insieme a materie generali come matematica e scienze.

Alcuni indù mandano i loro figli anche a un sistema equivalente noto come Gurukuls, istituti di istruzione residenziale in cui gli studenti imparano le antiche scritture vediche insieme a materie generali sotto la guida di un “guru” o insegnante.

La sentenza può essere impugnata presso la Corte Suprema del Paese.

Secondo i dati del censimento più recente del paese del 2011, l’Uttar Pradesh ospita circa 200 milioni di persone, di cui circa il 20% sono musulmani.

È governato dal partito nazionalista indù Bharatiya Janata Party (BJP) del primo ministro Narendra Modi e negli ultimi dieci anni ha fatto notizia per aver approvato alcune delle leggi più controverse del paese che, secondo i critici, discriminano i musulmani e li emarginano nella repubblica laica.

Giappone e Corea del Nord

Kim Yo Jong, la potente sorella del leader nordcoreano Kim Jong Un, ha dichiarato lunedì che il primo ministro giapponese Fumio Kishida ha recentemente espresso la sua intenzione di incontrare presto il leader nordcoreano attraverso “un altro canale”, ha riferito il media statale KCNA.

Tuttavia, ha affermato che il miglioramento delle relazioni bilaterali tra i due paesi dipenderà dalla capacità del Giappone di prendere decisioni politiche pratiche.

Kishida ha detto che vuole tenere colloqui con il leader nordcoreano Kim Jong Un “senza alcuna precondizione” e sta supervisionando personalmente gli sforzi per realizzare il primo vertice di questi leader in 20 anni.

Ti potrebbe interessare anche:

E se credi in un giornalismo indipendente, serio e che racconta il mondo recandosi sul posto, puoi darci una mano cliccando su Sostienici


Opinioni dei Lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi con * sono obbligatori



[There are no radio stations in the database]