30 giugno 2021 – Notiziario

Scritto da in data Giugno 30, 2021

Ascolta il podcast

  • Arabia Saudita: pena scontata, libere le attiviste per i diritti delle donne Badawi e al-Sadah (copertina).
  • Canada: caldo senza precedenti, decine di morti.
  • Afghanistan: tra pochi giorni sarà completato il ritiro delle truppe USA, terminato quello della Germania.
  • Cina libera dalla malaria dopo 70 anni di sforzi.
  • Israele: parlamentare invoca l’omicidio degli israeliani con matrimoni misti.
  • Myanmar: 700 detenuti verranno liberati oggi.

Questo e molto altro nel notiziario di Radio Bullets, a cura di Barbara Schiavulli.  Musiche di Walter Sguazzin

Arabia Saudita

Dopo aver scontato la pena, Samar Badawi e Nassima al-Sadah sono tornate in libertà. Le due attiviste saudite, arrestate nel 2018 insieme ad altre donne in una vasta campagna di arresti, sono state rilasciate lunedì. La loro libertà è arrivata pochi mesi dopo il rilascio a febbraio di Loujain al-Hathloul, la figura più nota nella battaglia per i diritti delle donne saudite, si legge su Daily Muslim.
La loro liberazione non è stata una mossa politica, ma semplicemente le loro condanne erano terminate. Sadah, scrittrice e attivista, detenuta in isolamento nel carcere di al-Mabahith dal 2019, era stata arrestata per aver svolto un ruolo di primo piano nella difesa dei diritti della minoranza sciita, emarginata e perseguitata dal regime sunnita. Badawi, detenuta nella prigione di Dhahban, era stata condannata per il suo lavoro a favore dei diritti delle donne a guidare, votare e candidarsi alle elezioni e per la sua battaglia contro il sistema di tutela maschile.
Le organizzazioni per i diritti umani hanno accolto con favore la notizia, ribadendo le loro critiche: «In primo luogo non avrebbero mai dovuto essere incarcerate e meritano giustizia/risarcimento per la loro detenzione arbitraria», ha commentato Adam Coogle, vicedirettore di Human Rights Watch per il Medio Oriente e Nord Africa.
Amnesty International è d’accordo e ha invitato le autorità della monarchia petrolifera a «rimuovere i divieti di viaggio su Nassima e Samar». La richiesta arriva dopo che al-Hathloul, che ha trascorso più di 1.000 giorni in carcere, è stata messa in libertà vigilata ed è soggetta a un divieto di viaggio di cinque anni.
Il marito di Samar Badawi, Waleed Abulkheir, anche lui attivista, resta in carcere con una condanna a 15 anni, mentre il fratello Raif, noto blogger e scrittore, ha ricevuto una condanna a 10 anni per dissidenza politica.

Israele e Palestina

I giudici del tribunale distrettuale di Gerusalemme hanno deciso un rinvio di alcuni giorni nelle udienze del processo nei confronti dell’ex premier israeliano Benjamin Netanyahu, accusato di corruzione, frode e abuso di potere. Invece che il 5 luglio il processo riprenderà così solo il 12 luglio: ciò per garantire alle parti un tempo ulteriore per visionare nuove informazioni emerse nello scrutinio del telefono cellulare del primo teste, l’ex direttore del sito di informazione Wallah Ilan Yeshuà. I giudici hanno reso noto che il processo sarà nuovamente sospeso, per le consuete vacanze estive, a partire dal 21 luglio e che riprenderà a settembre.

Un membro della Knesset, il parlamento israeliano, ha chiesto l’uccisione delle coppie in matrimoni misti durante un discorso in parlamento. Yitzhak Pindrus è un membro dell’United Torah Judaism, partito ultra-ortodosso che crede in uno stato e una società ebraici omogenei.
Ha chiesto l’omicidio di «persone che contribuiscono al meticciato», invocando una storia biblica sull’omicidio di un uomo ebreo e di una donna non ebrea mentre stavano facendo l’amore infilzando una lancia attraverso i loro organi sessuali.
Lo ha detto lunedì mentre si rivolgeva − e guardava − Mansour Abbas, cittadino palestinese di Israele che è vice ministro nella coalizione del primo ministro Naftali Bennett e capo del partito musulmano Raam.
David Sheen, giornalista israeliano che ha scritto delle osservazioni di Pindrus su Twitter e ha condiviso il suo discorso, ha dichiarato: «Come la maggior parte dei legislatori eliminazionisti, Yitzhak Pindrus non ha un account Twitter, ma a quanto pare ha un account privato, perché ha subito notato che il suo incitamento al genocidio di tutti gli israeliani “che contribuiscono al meticciato” è stato riportato su questo».

United Torah Judaism faceva parte dell’opposizione di destra guidata dal leader del Likud Benjamin Netanyahu, premier israeliano negli ultimi 12 anni, fino alla sua rimozione a giugno. Questi non sono i primi commenti controversi che Pindrus ha fatto. A marzo, ha affermato che le donne che si convertono all’ebraismo attraverso il programma di conversione dell’esercito israeliano non sono ebree e che le loro famiglie dovrebbero andare in lutto. Ha usato la parola ebraica “shiksas”, un termine dispregiativo, per riferirsi a donne non ebree.

Le forze israeliane hanno demolito una macelleria e hanno aggredito i residenti palestinesi durante l’assalto al quartiere al-Bustan di Gerusalemme Est ieri mattina. Al-Bustan è uno dei quartieri palestinesi a sud della Città Vecchia di Gerusalemme e della Moschea al-Aqsa, le cui case rischiano l’imminente demolizione israeliana per far posto ai progetti dei coloni. Nidal al-Rajabi, il proprietario della macelleria distrutta, ha detto a Middle East Eye che le forze israeliane hanno picchiato i residenti con i manganelli, arrestando suo figlio e i suoi fratelli, tra gli altri.

Il ministro degli Esteri israeliano Yair Lapid è arrivato ieri negli Emirati Arabi per la prima visita ufficiale di un esponente israeliano nel Golfo da quando sono state avviate relazioni diplomatiche tra i due paesi con la firma degli “Accordi di Abramo”. Inaugurerà l’ambasciata israeliana ad Abu Dhabi e il consolato a Dubai durante la visita di due giorni, definita “storica” dal ministero.

Etiopia

Ieri le forze ribelli nella regione etiope del Tigray hanno respinto un’offerta di “cessate il fuoco” da parte del governo centrale, il giorno dopo aver riconquistato la capitale regionale di Mekelle. Getachew Reda, un anziano leader del Tigray, ha affermato che le forze di difesa del Tigray non si sarebbero ritirate né esiteranno a entrare in Eritrea e persino ad avanzare verso la sua capitale fino a quando l’esercito etiope e i suoi alleati non lasceranno la regione. Martedì i servizi telefonici e Internet sono diminuiti a Mekelle, e il Fronte di liberazione del popolo del Tigray ha accusato il governo etiope del blackout, secondo quanto riportato dalla CNN.

Sudafrica

L’ex presidente del Sudafrica, Jacob Zuma, è stato condannato a 15 mesi di carcere per oltraggio alla Corte in seguito al rifiuto di presentarsi davanti agli inquirenti nel processo per corruzione. Zuma, 79 anni, è accusato di aver consentito il saccheggio delle casse dello Stato durante i quasi nove anni della sua permanenza in carica.

Spagna

Il governo spagnolo ha approvato in Consiglio dei ministri una proposta di legge che riconosce ai cittadini la possibilità di cambiare il proprio genere a livello legale senza necessità di aver effettuato cure ormonali né di presentare referti medici. Secondo l’esecutivo stesso, questa nuova norma garantisce alle persone il denominato “diritto all’autodeterminazione” dell’identità di genere. La proposta − che adesso sarà sottoposta al dibattito e all’eventuale approvazione del Parlamento − è stata promossa in particolare dalla ministra delle Pari Opportunità, Irene Montero, con l’obiettivo di tutelare i diritti delle persone transessuali. L’ok del Cdm arriva dopo una lunga fase di negoziati che hanno coinvolto i collettivi Lgbtq+ e un acceso dibattito pubblico tra movimenti favorevoli e contrari.

Afghanistan

Gli Stati Uniti potrebbero completare il ritiro delle truppe dall’Afghanistan entro pochi giorni, rendendo questa una settimana critica nella campagna del presidente Joe Biden per porre fine alla guerra più lunga d’America, sebbene i funzionari militari statunitensi avvertano che il paese potrebbe degenerare in una guerra civile. Fino a 1.000 soldati statunitensi potrebbero rimanere nel paese dopo il ritiro formale per aiutare a garantire la sicurezza dell’ambasciata degli Stati Uniti a Kabul e l’aeroporto della città, ha detto un alto funzionario dell’amministrazione alla CNN, e non è ancora chiaro per quanto tempo rimarranno le truppe della NATO.
Mentre i talebani prendono il controllo dei distretti in tutto il paese, le valutazioni dell’intelligence statunitense hanno suggerito che il governo civile del paese potrebbe cadere nelle mani del gruppo militante entro pochi mesi dal ritiro delle forze statunitensi. Il generale Austin Miller, comandante della Missione Nato “Resolute Support” in Afghanistan, ha avvertito ieri che il peggioramento della violenza potrebbe portare alla guerra civile. «La guerra civile è certamente un percorso che può essere visualizzato», ha detto Miller a The New York Times in un’intervista. «Questa dovrebbe essere una preoccupazione per il mondo».

Ieri l’esercito tedesco ha concluso il ritiro dall’Afghanistan dopo quasi due decenni, portando a termine la missione militare più letale per la Germania dalla Seconda Guerra Mondiale. «Le nostre ultime truppe hanno lasciato l’Afghanistan questa notte dopo quasi 20 anni e stanno tornando a casa», ha dichiarato in una nota la ministra della Difesa tedesca Annegret Kramp-Karrenbauer. È stato in Afghanistan che i militari tedeschi hanno combattuto le prime battaglie terrestri dalla fine della Seconda Guerra Mondiale. Negli ultimi anni la Germania ha avuto il secondo più grande contingente di truppe dopo gli Stati Uniti in Afghanistan, con circa 150.000 soldati dispiegati, molti dei quali hanno svolto più di un turno nel paese. Cinquantanove soldati tedeschi sono morti in Afghanistan, 35 dei quali uccisi in combattimento o a seguito di attacchi dei militanti, rendendola la missione militare più letale per la Germania dalla Seconda Guerra Mondiale.

Canada

Il Canada ha stabilito ieri un record di caldo estremo, per il terzo giorno consecutivo: 49,5 gradi sono stati registrati a Lytton, un villaggio a nordest di Vancouver, nel bel mezzo di un’ondata di calore che sarebbe all’origine di decine di morti improvvise segnalate negli ultimi giorni nella regione. La Polizia reale canadese a cavallo (Rcmp) e la polizia della città di Vancouver hanno annunciato separatamente che almeno 134 persone sono morte da venerdì nell’area metropolitana situata sulla costa canadese affacciata sul Pacifico, in una morsa di calore che sta interessando anche l’ovest degli Stati Uniti.

Stati Uniti

Il bilancio delle vittime del crollo, la scorsa settimana, di un condominio a Surfside in Florida, è salito ieri a 12. Le persone disperse restano 149. Le ricerche proseguono nonostante le piogge. Sono state denunciate circa 125 persone.

Una caccia all’uomo è in corso nella Carolina del Nord dopo che una bambina di 9 anni è stata uccisa e due ragazzi sono rimasti feriti lunedì sera in due sparatorie in auto, che si sono svolte a distanza di pochi minuti, ha detto il dipartimento di polizia di Statesville. I bambini non erano i bersagli previsti delle sparatorie, secondo la polizia. Non è stato subito chiaro se gli incidenti fossero collegati.

Brasile

Il ministro delle Miniere e dell’Energia del Brasile, Bento Albuquerque, ha raccomandato alla popolazione un consumo “cosciente” di elettricità nei prossimi mesi, data la crisi energetica che il paese sta attraversando a causa della grave siccità.
«È fondamentale che, oltre al commercio, ai servizi e all’industria anche la società brasiliana, con i suoi cittadini consumatori, partecipi a questo sforzo evitando sprechi nel consumo di energia elettrica», ha affermato il ministro durante un discorso trasmesso sulla rete radiotelevisiva nazionale. Il Brasile sta affrontando la peggiore siccità degli ultimi 91 anni, che ha colpito l’approvvigionamento delle principali centrali idroelettriche del paese, facendo scattare l’allarme su un possibile programma di razionamento come quello avvenuto nel 2001.

India

Un alto funzionario di Twitter è stato incriminato per avere pubblicato una mappa errata del Kashmir, la regione himalayana contesa tra India e Pakistan. La mappa, che appariva domenica nella sezione “Tweep Life” di Twitter e che è già stata rimossa, non includeva le aree del Jammu, del Kashmir e del Ladakh come appartenenti all’India. L’imputazione è la seconda, nel giro di un mese, a colpire un funzionario della piattaforma; secondo le recenti regole imposte ai social, il funzionario potrebbe rischiare gravi sanzioni penali. Con le nuove norme, entrate il vigore lo scorso 26 maggio, Delhi ha imposto a tutti i social di nominare responsabili dei contenuti, e di rendere tracciabili gli autori dei messaggi.

Myanmar

Le autorità militari del Myanmar rilasceranno oggi circa 700 prigionieri dal carcere di Insein di Yangon, ha detto a Reuters il capo della prigione Zaw Zaw. Il capo della prigione ha rifiutato di specificare chi sarebbe stato rilasciato. Secondo un gruppo di attivisti, più di 6.000 persone sono state detenute da quando i militari hanno preso il potere il primo febbraio deponendo il governo eletto guidato da Aung San Suu Kyi. Tra i rilasciati ci sono 24 celebrità, tra cui attori, sportivi e influencer dei social media.

Cina

La Cina è stata certificata oggi dall’Organizzazione mondiale della Sanità come libera dalla malaria, dopo uno sforzo di 70 anni per debellare la malattia trasmessa dalle zanzare. Il paese ha riportato 30 milioni di casi di malattia infettiva all’anno negli anni Quaranta, ma ora sono passati quattro anni consecutivi senza un caso locale. «Ci congratuliamo con il popolo cinese per aver liberato il paese dalla malaria», ha affermato il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus.
I paesi che hanno raggiunto almeno tre anni consecutivi di “zero casi” locali possono richiedere la certificazione dell’OMS del loro stato di esenzione dalla malaria. Devono presentare prove rigorose e dimostrare la capacità di prevenire il riemergere della trasmissione.
La Cina diventa il 40° territorio certificato esente dalla malaria. Gli ultimi paesi a ottenere lo status sono stati El Salvador (2021), Algeria e Argentina (2019), Paraguay e Uzbekistan (2018). Esiste un elenco separato di 61 paesi, incluso il Giappone, dove la malaria non è mai esistita o è scomparsa senza misure specifiche. La Cina è il primo paese della regione del Pacifico occidentale ad aver ottenuto una certificazione dell’OMS esente da malaria in più di tre decenni. Gli unici altri con status certificato sono Australia (1981), Singapore (1982) e Brunei (1987).

Ti potrebbe interessare anche:

E se credete in un giornalismo indipendente, serio e che racconta recandosi sul posto, potete darci una mano cliccando su Sostienici


Continua a leggere

[There are no radio stations in the database]